Acido kainico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acido kainico
Kainic acid.png
Nome IUPAC
(2S,3S,4S)-3-(carbossimetil)-4-prop-1-en-2-ilpirrolidina-2-acido carbossilico
Nomi alternativi
acido kainico
2-carbossi-3-carbossimetil-4-isopropenil-pirrolidina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C10H15NO4
Massa molecolare (u) 213,23
Aspetto aghi cristallini
Numero CAS [487-79-6]
PubChem 10255
Proprietà chimico-fisiche
Temperatura di fusione 215 °C (488,15 K)
Indicazioni di sicurezza
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

L'acido kainico è un potente agonista del terzo tipo di recettore del glutammato noto come "recettore del kainato" permeabile ai cationi Na+ e K+. La permeabilità a Ca2+ è solitamente molto lieve ma varia a seconda delle subunità che compongono il recettore. Il recettore kainato è tetramerico e a 4 domini transmembrana, di cui il secondo, con struttura "hairpin" (cioè a forcina per capelli), forma il canale giustapponendosi con altri tre.

Si trova allo stato naturale in un'alga (Digenea Simplex o Kaijinso in giapponese) il cui nome significherebbe "dragone che arriva dal mare", probabilmente per la sua spiccata attività eccitotossica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 31.08.2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia