Big Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Paul Wight)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi The Big Show.
Big Show
Big Show nell'aprile 2016
Big Show nell'aprile 2016
Nome Paul Donald Wight II
Ring name Big Show[1]
The Giant[1]
Captain Insano[1]
Paul Wight[1]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Aiken
8 febbraio 1972 (45 anni)
Residenza dichiarata Tampa
Altezza dichiarata 213[2] cm
Peso dichiarato 200[2] kg
Allenatore Thrasher[1]
Larry Sharpe[1]
Debutto 1994[1]
Federazione WWE[1]
Progetto Wrestling

Paul Donald Wight II, meglio conosciuto come Big Show (Aiken, 8 febbraio 1972), è un wrestler e attore statunitense sotto contratto con la WWE come membro del roster di Raw.

Wight è un sette volte campione del mondo, avendo vinto il WCW World Heavyweight Championship due volte, il WWF/E Championship due volte, l'ECW World Championship una volta e il World Heavyweight Championship due volte,[3] facendo di lui il primo e unico wrestler ad aver detenuto tutti questi quattro titoli. In aggiunta a questi titoli, ha vinto anche il WWE Intercontinental Championship una volta, il WWE United States Championship una volta e il WWE Hardcore Championship tre volte.

Wight è anche un undici volte campione del mondo tag team, avendo vinto il World Tag Team Championship cinque volte (due volte con The Undertaker e una volta ciascuno con Kane, Chris Jericho e The Miz), il WWE Tag Team Championship tre volte (una volta ciascuno con Jericho, The Miz e Kane) e il WCW World Tag Team Championship tre volte (una volta ciascuno con Lex Luger, Sting e Scott Hall).[4][5]

Oltre a questi riconoscimenti, Big Show è il ventiquattresimo WWE Triple Crown Champion, il tredicesimo Grand Slam Champion nella storia della WWE e il terzo lottatore (dopo Kurt Angle e Edge) ad aver detenuto ogni titolo maschile attualmente attivo in WWE. Tra la WWE e la WCW, Wight ha detenuto 23 titoli in totale. È stato anche il vincitore dell'annuale World War 3 60-man Battle Royal della WCW nel 1996 e ha lottato nel main event in molti pay-per-view per la WCW e la WWF/E dalla metà degli anni novanta, tra cui l'edizione 2000 del principale evento annuale della WWE, WrestleMania.

Al di fuori del wrestling, Wight è apparso in film e serie televisive come Waterboy, Star Trek: Enterprise, Royal Pains, Psych e Burn Notice - Duro a morire.[6] Nel 2010, ha avuto il suo primo ruolo importante nel film commedia Knucklehead, prodotto dai WWE Studios e che lo ha visto protagonista[7]. Wight ha dichiarato che vorrebbe continuare la sua carriera di attore e di espandersi al di là dei ruoli in base alla sua dimensione.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Wight è stato un giocatore di pallacanestro nella Wichita State University, ma nel 1994 inizia a dedicarsi al wrestling. Mentre assisteva a una partita di football americano conosce Hulk Hogan, che gli consiglia di andarsi ad allenare nella federazione dove militava egli stesso, cioè la World Championship Wrestling (WCW).

World Championship Wrestling[modifica | modifica wikitesto]

WCW World Heavyweight Championship (1995–1996)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995, Wight firmò con la World Championship Wrestling (WCW), venendo annunciato come il figlio di André the Giant (tuttavia l'angle venne presto abbandonato) e di conseguenza usò il nome di The Giant come membro del Dungeon of Doom di Kevin Sullivan. Wight fece il suo debutto a Halloween Havoc sconfiggendo Hulk Hogan per squalifica (grazie all'interferenza di Jimmy Hart). Così facendo, The Giant divenne WCW World Heavyweight Champion a causa della stipulazione che fu rivelata più tardi, in cui il titolo avrebbe potuto cambiare di mano anche per squalifica. Una settimana più tardi, The Giant venne privato del titolo a causa del controverso finale del match.

The Giant fallì la riconquista del titolo a World War 3 quando egli e Hogan si eliminarono a vicenda, permettendo a Randy Savage di diventare campione.[8] A Clash of the Champions XXXII, The Giant e Ric Flair sconfissero Hogan e Savage,[9] ma venne successivamente sconfitto da Hogan a Superbrawl Vi in uno Steel cage match. Dopo aver avuto una breve faida con Loch Ness,[10] The Giant riconquistò il World Heavyweight Championship sconfiggendo Flair. Dopo aver formato il New World Order (nWo), Hogan batté The Giant per il titolo a Hog Wild per merito dell'interferenza di Scott Hall e Kevin Nash.[11][12]

New World Order (1996–1999)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: New World Order (wrestling).

The Giant si unì all'nWo 23 dopo, citando come motivazione i soldi di Ted DiBiase. Dopo aver vinto la battle royal a World War 3, Giant chiese a Hogan un incontro per il World Heavyweight Championship. A tal fine, fu estromesso dall'nWo il 30 dicembre. Iniziò così una rivalità con l'nWo e insieme a Sting e Lex Luger, vinse per due volte il WCW World Tag Team Championship.

Nel 1997, iniziò una rivalità con Kevin Nash, membro dell'nWo, che aveva evitato di affrontarlo non presentandosi nel loro incontro programmato a Starrcade. Nel 1998, a Souled Out, i due si affrontarono, ma Nash infortunò accidentalmente il collo di The Giant dopo aver mal eseguito la Jackknife Powebomb. Il botch venne inserito come parte della storyline in cui Nash fece cadere intenzionalmente Giant per rompergli il collo.[13][14] Dopo che Nash abbandonò l'nWo e formò una sua stable, l'nWo Wolfpack, The Giant tornò nell'nWo originale per opporsi a Nash e i suoi alleati. Dopo essere tornare nell'nWo, The Giant vinse il WCW Tag Team Championship per due volte, la prima volta con Sting (che perse contro quest'ultimo in un incontro in cui il vincitore sarebbe rimasto il campione e avrebbe potuto scegliere un nuovo compagno di coppia), mentre la seconda volta con Scott Hall.

Nella puntata di Nitro dell'11 ottobre 1998, Bill Goldberg sconfisse The Giant in un no-disqualification match. Durante una prova di forza, Goldberg eseguì un delayed vertical suplex prima di eseguire il Jackhammer su The Giant.[15][16][17] Dopo che l'nWo Hollywood e l'nWo Wolfpac si erano uniti nel gennaio 1999, Hogan dichiarò che c'era posto per un solo "gigante", facendo affrontare The Giant e Nash. Nash sconfisse Giant dopo un'interferenza di Scott Hall e Eric Bischoff. Successivamente, The Giant venne attaccato dall'intero nWo. Nello speciale "Building An Army" riguardante la Monday Night War disponibile sul WWE Network, Wight disse che chiese a Eric Bischoff di incrementare il suo salario, Bischoff si rifiutò e lasciò la WCW alla scadenza del suo contratto, l'8 febbraio 1999 nel giorno del suo ventisettesimo compleanno.

World Wrestling Federation/Entertainment[modifica | modifica wikitesto]

WWF Champion (1999–2000)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Corporation (wrestling).
Big Show a SmackDown! nel 1999

Wight firmò un contratto di dieci anni con la World Wrestling Federation, dove debuttò il 9 febbraio 1999, come Heel e membro della stable di Vince McMahon, la Corporation durante St. Valentine's Day Massacre: In Your House, entrando nel ring durante uno steel cage match tra Vince McMahon e Stone Cold Steve Austin per aiutare il primo. Tuttavia, Wight costò il match a McMahon, quando lanciò Austin addosso alla gabbia che si ruppe. Wight successivamente divenne l'enforcer di McMahon.

Wight venne rinominato "Big Nasty" Paul Wight per alcune settimane prima di essere rinominato "The Big Show" Paul Wight. A poco a poco il nome Paul Wight venne tolto venendo ribattezzato semplicemente come Big Show. McMahon garantì a The Rock che avrebbe mantenuto il titolo WWF a WrestleMania, così Wight combatté contro Mankind a WrestleMania XV per il diritto di arbitrare il main event di WrestleMania che vide contrapposi The Rock e Steve Austin, Wight venne sconfitto da Mankind per squalifica non riuscendo ad ottenere il posto di arbitro speciale nel main event.[18] Mankind venne portato all'ospedale in seguito al match con Wight (anche se alla fine tornò nel match valido per il titolo). Un furioso McMahon schiaffeggiò Wight, quest'ultimo lo colpì con un pugno. Wight concluse la faida con Mankind in un Boiler Room Brawl prima di effettuare un turn face unendosi con Mankind, Test e Ken Shamrock in una stable conosciuta come The Union che ebbe una rivalità con la Corporation e il Corporate Ministry. Nella puntata di Raw Is War del 10 maggio, Show affrontò Paul Bearer, il manager di The Undertaker, match che terminò in un no contest poiché venne attaccato da tutti i membri del Corporate Ministry.[19] Nella puntata di Raw Is War del 7 giugno, Big Show affrontò The Undertaker per il WWF Championship. The Undertaker tentò una diving clothesline dalla terza corda, tuttavia Show prese Taker e lo stese con una chokeslam distruggendo il ring, l'arbitro fu costretto ad interrompere il match di fatto Taker mantenne la cintura.[20] Successivamente, Show formò un team con The Undertaker conosciuto come "The Unholy Alliance", conquistando il WWF Tag Team Championship in due occasioni.[21][22]

Dopo che The Undertaker soffrì di uno strappo all'inguine, Show iniziò una una rivalità con Big Boss Man. Dopo essere stato riportato che il padre di Big Show era deceduto per cancro (in realtà il padre di Wight era morto alcuni anni prima), Boss Man corruppe un suo collega per dare la notizia a Show, per poi deridere quest'ultimo. Alcune settimane più tardi, dopo la morte del padre di Show, Boss Man interruppe il saluto dei dieci rintocchi recitando una poesia offensiva. Alle Survivor Series, sconfisse Boss Man, Prince Albert, Mideon e Viscera in un 4-on-1 elimination match. Più tardi quella sera, prese il posto dell'infortunio Stone Cold Steve Austin nel triple threat match per il WWF Championship. Nell'incontro, che incluse anche The Rock, schienò Triple H per diventare campione WWF.[23] A Armageddon, sconfisse Boss Man per mantenere il WWF Championship, nonostante l'interferenza di Prince Albert.[24]

Nella puntata di Raw Is War del 3 gennaio, Triple H sconfisse Big Show per vincere il WWF Championship.[25] Nel tentativo di riconquistare il titolo, Show prese parte al Royal Rumble match dell'omonimo evento entrando con il numero 26, venendo eliminato per ultimo dal vincitore The Rock.[26] Show era convinto di aver vinto il match e mostrò un filmato che mostrò i piedi di The Rock toccare il suolo. A causa di ciò, affrontò The Rock a No Way Out con l'opportunità titolata di WrestleMania in palio. Show sconfisse Rock grazie all'aiuto di Shane McMahon che aveva colpito Rock con una sedia di acciaio.[27] Rock reclamò disperatamente la sua title shot, e accettò di affrontare Show il 13 marzo a Raw Is War - se avesse vinto, il match di WrestleMania sarebbe diventato un Triple Threat match, altrimenti avrebbe dovuto ritirarsi. Shane McMahon, che nel frattempo si era alleato con Big Show, fu nominato arbitro speciale dell'incontro. Rock vinse il match quando Vince McMahon attaccò Shane e prese il posto di quest'ultimo come arbitro.[28]

Nella puntata di Raw Is War del 20 marzo, Triple H difese il titolo contro The Rock e Big Show a condizione che l'incontro non si sarebbe svolto a WrestleMania, schienando Show. Linda McMahon dichiarò che il match per il titolo a WrestleMania si sarebbe svolto ma in un fatal four-way match con l'aggiunta di Mick Foley.[29] A WrestleMania 2000, Show fu il primo eliminato e il match venne vinto da Triple H.[30]

Regni titolati (2001–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Big Show nel 2002

Dopo WrestleMania, divenne face e ricevette una gimmick comica con cui imitava altri wrestler, tipo Rikishi come Showkishi, The Berzeker come Conan il Barbaro e Val Venis come Big Showboski. A Backlash, sconfisse Kurt Angle vestito come Hulk Hogan con il nome Showster.[31] Successivamente, iniziò una rivalità con Shane McMahon che si concluso con la vittoria di McMahon a Judgment Day in uno falls count anywhere match.[32] Due mesi più tardi, Show tornò apparentemente per vendicarsi di Shane. Invece, attaccò The Undertaker diventando heel schierandosi ancora una volta con Shane per formare una stable di breve durata conosciuta come "The Conspiracy" con Shane, Chris Benoit, Kurt Angle, Edge e Christian. Dopo aver gettato dallo stage The Undertaker, venne rimosso dagli show televisivi per il resto dall'anno. Big Show fu inviato alla Ohio Valley Wrestling, società satellite della WWF, per perdere peso e migliorare la sua attività cardiovascolare.[33]

Big Show tornò alla Royal Rumble con il numero 23 venendo eliminato da The Rock.[34] A WrestleMania X-Seven, fall' la conquista dell'Hardcore Championship che fu vinto da Kane in un triple threat match che incluse anche Raven.[35] Nel corso dell'Invasion, Show venne sconfitto da Shane McMahon, leader della WCW, a Backlash in un Last Man Standing match grazie all'interferenza di Test.[36] Alle Survivor Series, combatté per il Team WWF contro l'Alliance, riuscendo a trionfare.[37]

Dopo WrestleMania X8, tornò ad essere heel quando attaccò Stone Cold Steve Austin durante un tag team match contro X-Pac e Scott Hall, per unirsi all'nWo. A Judgment Day, Show e Ric Flair vennero sconfitti da Steve Austin in un Handicap match.[38] La stable si sciolse dopo l'infortunio di Kevin Nash. Dopo lo scioglimento dell'nWo, Show ebbe poco successivo a Raw perdendo contro Jeff Hardy, Booker T e i Dudley Boyz.

Big Show, con lo United States Championship, facia a faccia con Brock Lesnar

Nel settembre 2002, fu trasferito nel roster di SmackDown! e sfidò immediatamente Brock Lesnar per il WWE Championship. In quel periodo, adottò un nuovo abbigliamento, indossando jeans di colore blu scuro e un nuovo taglio di capelli. Alle Survivor Series, vinse il WWE Championship sconfiggendo Brock Lesnar, terminando la sua striscia di imbattibilità.[39] Perse il titolo un mese dopo contro Kurt Angle a Armageddon.[40] Alla Royal Rumble, perse contro Lesnar in un incontro di qualificazione al Royal Rumble match.[41] Iniziò poi una faida con The Undertaker, si affrontarono in due match, entrambi vinti da The Undertaker: il primo a No Way Out[42] e il secondo, un handicap match, a WrestleMania XIX insieme a A-Train.[43] Si riaccese la rivalità tra Show e Lesnar, affrontandolo quattro volte per il titolo WWE (tra cui uno Stretcher match a Judgment Day), non riuscendo mai a conquistare l'alloro. Nella puntata di SmackDown del 12 giugno, Lesnar eseguì un suplex ai danni di Big Show, distruggendo il ring. L'incontro terminò senza un nulla di fatto e il titolo rimase in possesso di Lesnar.[44] Nella puntata di SmackDown! del 26 giugno, Show, Charlie Haas e Shelton Benjamin] sconfissero Mr. America (un Hulk Hogan travestito), Brock Lesnar e Kurt Angle in un six-man tag team match.[45] Questa fu l'ultima apparizione di Hulk Hogan come Mr. America in WWE. Per diversi mesi la WWE pubblicizzò Big Show come l'uomo che aveva costretto Hogan al ritiro. A No Mercy, Big Show sconfisse Eddie Guerrero conquistando lo United States Championship per poi formare un'alleanza con l'allora campione WWE Brock Lesnar.[46] Big Show prese parte alla Royal Rumble, ma fu eliminato dal vincitore Chris Benoit.[47]

Successivamente, Big Show sciolse l'alleanza con Brock Lesnar prima di WrestleMania XX. A WrestleMania XX, perse lo United States Championship in favore di John Cena.[48] Nella puntata di SmackDown! del 15 aprile, Show promise che se non fosse riuscito a sconfiggere Eddie Guerrero avrebbe abbandonato la WWE.[49] Perse contro Guerrero dopo aver subìto il Frog Splash. Dopo la sconfitta, se la prese con Torrie Wilson, credendo che la Wilson stesse ridendo di lui, distruggendole la macchina.[49] L'allora general manager, Kurt Angle cercò di calmare Show, ma venne gettato da quest'ultimo da un'altezza di 7 metri circa, causandogli una gamba rotta e una ferita dietro la testa.[49] Ciò fu studiato per permettere a Show di riposarsi e curare alcuni problemi alle ginocchia.

Verso la metà del 2004, Big Show fu reinserito nel roster dal nuovo general manager, Theodore Long, dopo aver interverito in un lumberjack match tra Eddie Guerrero e Kurt Angle. In vista di No Mercy, Big Show dovette scegliere se affrontare Guerrero o Angle, scegliendo alla fine quest'ultimo e tornò allo stesso tempo nelle file dei face. Al pay-per-view, Show sconfisse Angle.[50] Nelle settimane precedenti a No Mercy, Show affermò di "aver perso la sua dignità" quando Angle lo fece svenire colpendolo con un fucile da caccia per poi rasargli i capelli. A No Way Out, affrontò John "Bradshaw" Layfield (JBL) nel primo Barbed Wire Steel Cage match di sempre, perdendo dopo che JBL evase da sotto al ring.[51] A WrestleMania 21, venne sconfitto da Akebono in un Sumo match.[52] Show iniziò poi una rivalità con Carlito, che terminò a Judgment Day con la vittoria di Carlito, aiutato dalla sua guarda del corpo Matt Morgan.[53]

Il 27 giugno, Big Show tornò nel roster di Raw per merito della draft lottery;[54] Dopo aver sconfitto i suoi avversari in squash match, iniziò una faida con Snitsky, che sconfisse sia a Unforgiven,[55] sia il 26 settembre in uno Street Fight match.[56]

Tag team con Kane (2005–2006)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Big Show e Kane.

Nella puntata di Raw del 17 ottobre, sconfisse Edge vennendo quindi incluso tra i candidati per un'opportunità al WWE Championship in un triple threat match a Taboo Tuesday insieme al campione John Cena e lo sfidante Kurt Angle.[57] Il sondaggio venne vinto da Shawn Michaels, Show formò un team con Kane e sconfisse Lance Cade e Trevor Murdoch per il World Tag Team Championship.[58]

Nelle settimane precedenti alle Survivor Series, Big Show fu coinvolto nella rivalità tra Raw e SmackDown!. Big Show e Kane invasero SmackDown! l'11 novembre, attaccando Batista (infortunandolo nel processo).[59] Nella puntata di Raw del 14 novembre, Big Show e Kane sconfissero gli allora detentori del WWE Tag Team Championship, gli MNM in un incontro interpromozionale non titolato.[60] La settimana successiva, Show e Kane infortunarono Batista colpendolo con una doppia chokeslam sopra il vetro una macchina.[61] Alle Survivor Series, il Team Raw fu sconfitto dal Team SmackDown!.[62] Nel pay-per-view di dicembre, Armageddon, Big Show e Kane sconfissero Batista e Rey Mysterio, allora detentori del WWE Tag Team Championship, in un incontro di coppia interpromozionale.[63]

Nella puntata di Raw del 12 dicembre, Big Show partecipò agli incontri di qualificazione per l'Elimination Chamber match di New Year's Revolution.[64] Show venne sconfitto da Shawn Michaels per squalifica, dopo che Triple H lo aveva colpito con una sedia di acciaio.[64] Ciò portò a una rivalità tra i due che si concluse a New Year's Revolution, con la vittoria di Triple H.[65] Successivamente, prese parte al torneo Road to WrestleMania, che avrebbe decretato il primo sfidante per il WWE Championship a WrestleMania 22, sconfiggendo Shelton Benjamin al primo turno.[66] Nella puntata di Raw del 13 febraio, affrontò Triple H alle semifinali, concludendo l'incontro in un doppio countout.[67] Come da risultato, Show affrontò Triple H e Rob Van Dam (vincitore dell'altra semifinale), in un triple threat match, vinto da Triple H.[68]

Nelle settimane successiva al torneo Road To WrestleMania, Big Show e Kane iniziarono una faida con Chris Masters e Carlito per il World Tag Team Championship a WrestleMania 22.[69][70] Nell'omonimo pay-per-view, Show e Kane sconfissero Carlito e Masters mantenendo il titolo di coppia, rimarcando la prima vittoria di Show a WrestleMania dopo sei sconfitte.[71] La notte seguente a Raw, Show e Kane persero il World Tag Team Championship in favore della Spirit Squad (Kenny e Mikey) grazie alle interferenze degli altri membri della Spirit Squad.[72][73] Il duo affrontò nuovamente la Spirit Squad sette giorni dopo in una rivincita, ma persero per squalifica dopo che Kane aveva attaccato gli altri membri della Spirit Squad.[74] Ciò portò a una rivalità tra i due che si concluse in un incontro a Backlash, che finì senza un vincitore di fatto.[75]

ECW World Champion e abbandono (2006–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Big Show con l'ECW World Heavyweight Championship, titolo che ha detenuto una volta con 152 giorni di regno

A WWE vs. ECW Head to Head del 7 giugno, Big Show tradì il roster di Raw per schierarsi con quello della ECW, durante una battle royal che vedeva opposti i roster di Raw e SmackDown! a quello della nuova ECW, vinta dal brand estremo.[76] Big Show intervenne a ECW One Night Stand, attaccando Tajiri, Super Crazy e i Full Blooded Italians, tornando a essere un heel.[77] Nella puntata della ECW del 4 luglio, sconfisse Rob Van Dam per vincere l'ECW World Heavyweight Championship con l'aiuto dell'allora general manager della ECW, Paul Heyman.[78][79] Con la vittoria di questo titolo, Big Show divenne il primo wrestler a aver detenuto il WWE Championship, il WCW World Heavyweight Championship e l'ECW World Heavyweight Championship.[80] Nelle settimane successive, Big Show sconfisse lottatori di altri roster, come Ric Flair e Kane mantenendo il titolo, ma perse per squalifica contro Batista e The Undertaker.[80][81][82] A The Great American Bash, perse contro The Undertaker in un Punjabi Prison match;[83] Show sostituì The Great Khali, che era stato rimosso dall'allora general manager Theodore Long.[83] Big Show iniziò una breve faida con Sabu, che sconfisse a SummerSlam, mantenendo l'ECW World Heavyweight Championship.[81][84] Inoltre a SummerSlam, Show fu uno dei rinforzi usati da Vince e Shane McMahon nel loro match contro la D-Generation X. In seguito, fu coinvolto nella rivalità tra i McMahon e la DX, che ebbe fine in un Hell in a Cell match a Unforgiven, vinto dalla DX.

A Cyber Sunday, Show affrontò John Cena e King Booker in un Champion of Champions match.[85] I fan scelsero di mettere in palio il World Heavyweight Championship di King Booker.[85] Booker vinse l'incontro in seguito a un'interferenza di Kevin Federline ai danni di John Cena.[85] Alle Survivor Series, il Team Show venne sconfitto dal Team Cena.[86] A December to Dismember, perse il titolo in favore di Bobby Lashley in un Elimination Chamber match che includeva Test, Rob Van Dam, Hardcore Holly e CM Punk.[87] DOpo aver perso la rivincita contro Lashley, Show annunciò di prendersi un periodo di pausa indeterminato per curare alcuni infortuni.[88] Dopo due mesi di inattività, il contratto di Wight scadette l'8 febbraio 2007.

Memphis Wrestling (2007)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lasciato la WWE, Wight ha preso parte ad uno show della Memphis Wrestling, intitolato PMG Clash of Legends, svoltosi il 27 aprile 2007. Per l'occasione ha affrontato Hulk Hogan con il ring-name di Paul "The Great" Wight, ma è stato sconfitto dopo aver subito una bodyslam ed un leg-drop da parte del suo avversario.

Ritorno in WWE[modifica | modifica wikitesto]

Unified WWE Tag Team Champion (2008–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Jeri-Show e ShoMiz.
Big Show a un evento dal vivo nel 2008

A No Way Out, Wight fece il suo ritorno con il vecchio nome di "Big Show", dichiarando di aver perso 108 libbre (49 kg) dall'ultima apparizione in WWE. Nell'occasione Big Show si comportò da heel attaccando Rey Mysterio dopo il suo match per il World Heavyweight Championship contro Edge, ma in difesa di Mysterio intervenne Floyd Mayweather Jr. che colpì Show con una serie di pugni che gli causarono la rottura del setto nasale.[89] Big Show venne assegnato al roster di SmackDown.[90]

Tuttavia, durante la rivalità tra i due, Big Show iniziò a ricevere consensi positivi dal pubblico, e divenne un face, mentre Mayweather divenne heel. A WrestleMania XXIV, Show fu sconfitto da Mayweather dopo essere stato colpito con un tirapugni.[91] In seguito, iniziò una faida con The Great Khali che ebbe fine a Backlash, con la vittoria di Show.[92] A One Night Stand, Show sconfisse CM Punk, John Morrison, Chavo Guerrero e Tommy Dreamer in un Singapore Cane match, ottenendo un'opportunità titolata per l'ECW Championship, detenuto in quel periodo da Kane.[93] A Night of Champions, Show no riuscì a vincere il titolo, che venne vinto da Mark Henry dopo aver schienato il detentore del titolo ECW, Kane.[94]

A Unforgiven, Big Show si alleò con Vickie Guerrero, che in quel periodo era in una rivalità con The Undertaker, attaccandolo e tornò a essere un heel.[95] A No Mercy, sconfisse The Undertaker per K.O. tecnico.[96] Tuttavia, nelle rivincite a Cyber Sunday e Survivor Series, Show venne sconfitto da The Undertaker sia in un Last Man Standing match,[97] sia in un Casket match.[98] Nella puntata di SmackDown del 5 dicembre, Show perse contro The Undertaker in uno Steel Cage match, che mise fine alla faida tra i due.[99] A No Way Out, Show lottò nell'Elimination Chamber match valido per il WWE Championship, ma fu eliminato da Triple H.[100] Nel mese di marzo, John Cena rivelò che Big Show aveva una relazione segreta con Vickie Guerrero. A WrestleMania XXV, fallì la conquista del World Heavyweight Championship, vinto da Cena, in un triple threat match che incluse anche il campione Edge.[101]

Big Show è un otto volte campione di coppia – avendo conquistato sia il WWE Tag Team Championship (spalla destra), sia il World Tag Team Championship (spalla sinistra)

Il 13 aprile 2009, Big Show venne trasferito nel roster di Raw per effetto del draft.[102] A Backlash, Big Show interferì nel Last Man Standing match per il World Heavyweight Championship tra il campione John Cena e Edge, aiutando quest'ultimo a vincere.[103] In seguito a questa azione, iniziò una rivalità con Cena, perdendo prima a Judgment Day per schienamento, e poi a Extreme Rules in un Submission match,[104][105] per poi sconfiggerlo il 22 giugno a Raw, terminando la faida.[106]

A Night of Champions, Show venne introdotto come il nuovo partner di Chris Jericho, in quanto Edge si era infortunato. Gli Jeri-Show sconfissero la Legacy, mantenendo il titolo di coppia unificato.[107] Successivamente, i Jeri-Show difesero con successo il titolo di coppia contro i Cryme Tyme a SummerSlam, MVP e Mark Henry a Breaking Point, e contro Rey Mysterio e Batista a Hell in a Cell.[108][109][110] A Bragging Rights, Big Show fece parte dello sconfitto Team Raw tradendolo, permettendo al Team SmackDown di vincere, ricevendo in cambio un'opportunità al World Heavyweight Championship.[111] Big Show sfruttò l'opportunità titolata alle Survivor Series in un triple threat match contro The Undertaker e Jericho, vinto da The Undertaker.[112] Gli Jeri-Show persero il titolo a TLC: Tables, Ladders & Chairs contro la D-Generation X in un Tables, Ladders and Chairs match.[113] Nonostante fosse membro del roster di SmackDown, Jericho apparve a Raw come campione e durante la rivincita la DX si fece squalificare intenzionalmente , forzando Jericho a abbandonare lo Show, segnando la fine dei Jeri-Show.[114]

Una settimana dopo la Royal Rumble (2010), The Miz e Big Show, sconfiggono la DX e la Straight Edge Society in un Triple Threat Elimination Tag Team match conquistando gli Unified WWE Tag Team Championship. A Raw dopo Elimination Chamber Big Show e The Miz sconfiggono MVP e Mark Henry conservando i titoli di coppia. A Wrestlemania XXVI, insieme a The Miz conservano le cinture di coppia sconfiggendo John Morrison e R-Truth. Nella puntata di Raw del 5 aprile, gli ShoMiz (Big Show e The Miz) battono John Cena e Batista per count out e subito dopo sconfiggono David Otunga e John Cena, rimanendo campioni di coppia unificati. A Extreme Rules gli ShoMiz perdono un tag team Gauntlet match contro la Hart Dynasty dopo aver eliminato John Morrison & R-Truth e MVP & Mark Henry e il giorno dopo a Raw perdono i titoli di coppia proprio contro la Hart Dynasty; a fine match Big Show colpisce con una Big Finisher The Miz, effettuando così un turn face.

Reunion con Kane (2010–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver perso i titoli, Show ha colpito The Miz con il Knockout Punch compiendo un turn face per la prima volta dal febbraio 2008. Più tardi in quella sera, con la Draft Lottery 2010, Big Show è passato al roster di SmackDown.[115]

Nella puntata di SmackDown del 30 aprile, è stato nominato primo sfidante al World Heavyweight Championship, più tardi nella stessa sera ha interrotto il campione Jack Swagger per colpirlo con il K.O. Punch.[116] Nella puntata di SmackDown del 7 maggio, Big Show si è presentato a bordoring durante il main event tra Swagger e Kane. Dopo che Swagger è stato squalificato, Show ha eseguito una Chokeslam ai suoi danni sul tavolo dei commentatori.[117] A Over the Limit, Big Show ha sconfitto Jack Swagger per squalifica.[118] Nella puntata di SmackDown del 28 maggio, il General Manager Theodore Long ha annunciato che nella medesima serata si sarebbero svolti degli incontri di qualificazione al match valido per il World Heavyweight Championship a Fatal 4-Way. Long ha poi annunciato che a causa della sconfitta di Swagger per squalifica a Over the Limit, Big Show si è automaticamente qualificato al match.[119] A Fatal 4-Way, Show ha affrontato Rey Mysterio, CM Punk e Swagger per il World Heavyweight Championship, dove Mysterio ha vinto.[120] Due settimane più tardi a SmackDown, Big Show ha salvato Mysterio mentre quest'ultimo era imprigionato nella Ankle Lock di Swagger. Più tardi quella sera, il match tra Big Show e Swagger è terminato in un doppio count-out.[121] Poco dopo ha iniziato una faida con CM Punk e la sua Straight Edge Society, nella puntata di SmackDown che ha preceduto Money in the Bank, smascherandolo per rivelare la testa rasata di Punk.[122] Dopo aver fallito la vittoria del Money in the Bank contract, ha combattuto con un misterioso membro della Straight Edge Society, che poi si è rivelato essere Joey Mercury, in quanto è stato smascherato da Show. Show ha continuato la sua faida con la S.E.S. sconfiggendo Punk, Gallows e Mercury in un 3-on-1 handicap match a SummerSlam, per poi concludere la rivalità a Night of Champions quando ha sconfitto CM Punk.[123][124] Nella puntata di SmackDown dell'8 ottobre, è stato annunciato che Big Show sarebbe stato il capitano del Team SmackDown per Bragging Rights.[125] All'evento, Show è stato contato fuori con Sheamus durante il match, ma il suo team ha vinto quando Edge e Rey Mysterio sono rimasti come soli sopravvissuti.[126] Alle Survivor Series, ha fatto coppia ancora una volta con Mysterio sconfiggendo il Team di Del Rio.[127] Nella puntata di SmackDown successiva al pay-per-view, Show non è riuscito a qualificarsi al torneo King of the Ring in quanto è stato sconfitto da Alberto Del Rio per count-out grazie all'interferenza di Ricardo Rodriguez, manager di Del Rio.[128]

Nella puntata di SmackDown del 7 gennaio 2011, Big Show ha partecipato al Fatal four-way match per determinare il contendente numero uno al World Heavyweight Championship, che ha perso a causa di un'interferenza da parte dell'ex leader del Nexus Wade Barrett.[129] La settimana successiva a SmackDown, Show ha affrontato Barrett vincendo per squalifica, quando gli altri due ex membri del Nexus Heath Slater e Justin Gabriel lo hanno attaccato. Alcuni istanti più tardi, Ezekiel Jackson è apparso per aiutarlo, ma in seguito lo ha attaccato.[130] La settimana successiva a SmackDown, Barrett, Slater, Gabriel e Jackson hanno formato il Corre. Nelle settimane seguenti, il Corre ha continuato ad attccare Show grazie alla stazza e alla potenza di Ezekiel Jackson. A Elimination Chamber, Show ha partecipato all'Elimination Chamber match riuscendo a eliminare Barrett prima di essere eliminato da Kane.[131]

World Heavyweight Championship (2011–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di SmackDown del 7 ottobre, Show è tornato ed è diventato il contendente numero uno al World Heavyweight Championship dopo che aveva eseguito una chokeslam sul tavolo dei commentatori ai danni di Mark Henry. A Vengeance, il match tra Show è Henry è terminato in un no contest dopo che il ring è collassato a seguito di un suplex di Henry su Show. Big Show ha affrontato ancora una volta Mark Henry per il World Heavyweight Championship alle Survivor Series vincendo per squalifica quando Henry ha colpito Show con un low blow, successivamente Show ha eseguito un legdrop sulla gamba di Henry che era incastrata nella sedia d'acciaio.

Il 18 dicembre a TLC, Big Show ha sconfitto Henry per conquistare il World Heavyweight Championship in un chairs match. Successivamente, Henry ha colpito Show con una DDT sulla sedia, e Daniel Bryan ha incassato il suo Money in the Bank contract ai danni di Show per vincere il titolo. Show ha sfidato Bryan in una rivincita per il titolo nella puntata di SmackDown del 6 gennaio 2012, ma Bryan ha mantenuto il titolo per squalifica quando ha provocato Mark Henry, che a sua volta lo ha attaccato. La settimana seguente a SmackDown, Show ha ricevuto il suo rematch per il titolo in un match senza squalifiche e senza conteggio fuori dal ring. Bryan ha nuovamente mantenuto il suo titolo quando il rematch è terminato in un no-contest dopo che Show ha accidentalmente colpito AJ (la fidanzata di Bryan nella storyline) a bordo ring, infortunandola. Alla Royal Rumble, Show ha affrontato Bryan e Henry in un triple threat steel cage match per il titolo del mondo, ma Bryan è evaso dalla gabbia per conservare il titolo. A Elimination Chamber, Show ha fallito di nuovo l'assalto al World Heavyweight Championship dopo che è stato eliminato da Cody Rhodes.

Nelle settimane seguenti, Show ha iniziato una faida con Rhodes dopo che quest'ultimo aveva mostrato i momenti più imbarazzanti di Big Show nelle precedenti WrestleMania. A WrestleMania XXVIII, Big Show ha sconfitto Cody Rhodes per vincere l'Intercontinental Championship. Con questo, Show è diventato il ventiquattresimo lottatore a vincere il Triple Crown Championship e il tredicesimo Grand Slam Champion in WWE. Show ha poi iniziato a mostrare i momenti più imbarazzanti della carriera di Rhodes. Dopo quattro settimane di regno, Show ha perso il titolo contro Rhodes a Extreme Rules in un tables match. Nella puntata di Raw Supershow del 7 maggio, Show ha ricevuto la sua rivincita titolata contro Rhodes vincendo per countout quando Rhodes ha abbandonato il ring. Dopo una serie di confronti con il General Manager John Laurinaitis, è stato licenziato da quest'ultimo per averne imitato la voce nella puntata di Raw del 14 maggio.

Sei giorni più tardi, Big Show è tornato a Over the Limit, apparentemente per aiutare John Cena nel suo match contro John Laurinaitis; ma ha invece colpito Cena con la WMD permettendo a Laurinaitis di vincere il match, compiendo un turn heel per la prima volta dall'aprile 2010. La notte successiva a Raw, Big Show ha spiegato che le sue azioni erano dovute per riavere il suo lavoro in WWE, di conseguenza Laurinaitis ha firmato a Show un "contratto inviolabile con un grande bonus", e che nessuno aveva provato pena per lui quando era stato licenziato. Nelle successive settimane, ha attaccato Cena, Brodus Clay, Alex Riley, R-Truth, Santino Marella, Zack Ryder e Kofi Kingston poiché i termini del contratto glielo permetteva. Nella puntata di Raw del 21 giugno, ha steso con un pugno Vince McMahon dopo che McMahon aveva annunciato che Laurinaitis sarebbe stato licenziato se Show avesse perso contro Cena a No Way Out in uno steel cage match, il quale Show ha perso e da stipulazione Laurinaitis è stato licenziato. A Money in the Bank, Show ha affrontato Cena, Kane, Chris Jericho e The Miz nel WWE Championship Money in the Bank ladder match, in cui Cena ha vinto. A Raw 1000, il 23 luglio, Big Show ha attaccato Cena durante il suo match contro CM Punk per il WWE Championship facendo terminare l'incontro in squalifica. La settimana successiva a Raw, Show e Cena si sono affrontati in un match che avrebbe decretato il primo sfidante al WWE Championship che è terminato in un no contest a causa dell'interferenza di Punk. Successivamente, sia Show che Cena sono stati messi nel match valido per il WWE Championship a SummerSlam dalla General Manager di Raw, AJ Lee. A SummerSlam, Punk ha sconfitto Cena e Show per conservare il WWE Championship in un triple threat match.

Nella puntata di Raw del 24 settembre, Show ha fatto il suo ritorno attaccando Brodus Clay e Tensai durante il loro match. Quattro giorni dopo a SmackDown, Big Show ha sconfitto Randy Orton per diventare il contendente numero uno al World Heavyweight Championship. A Hell in a Cell, Show ha sconfitto Sheamus per conquistare il World Heavyweight Championship per la seconda volta. Alle Survivor Series, Show ha perso il rematch titolato contro Sheamus per squalifica, e ha mantenuto il World Heavyweight Championship. Dopo il match, Sheamus ha attaccato Big Show colpendolo ripetutamente con una sedia d'acciaio. Ciò ha portato al Chairs match tra i due a TLC, dove Show ha conservato il titolo. Nella puntata di Raw del 24 dicembre, Show è stato sconfitto da Sheamus in un non-title Lumberjack match. Nella puntata di SmackDown del 28 dicembre, Show ha difeso il titolo contro Alberto Del Rio, tuttavia il match è terminato in un no contest dopo che Sheamus ha interferito per attaccare Show. Nella puntata di SmackDown dell'8 gennaio 2013, Del Rio ha sconfitto Show conquistando il World Heavyweight Championship, terminando il regno di quest'ultimo dopo 72 giorni di regno. Alla Royal Rumble, Show non è riuscito a riconquistare il titolo in quanto è stato sconfitto da Del Rio in un Last Man Standing match. A Elimination Chamber, Del Rio ha sconfitto Show per sottomissione mantenendo il titolo.

Nella puntata di SmackDown del 1º marzo, Big Show ha colpiyo con un K.O. Punch il membro dello Shield, Roman Reigns dopo che Reigns aveva attaccato insieme agli altri due membri dello Shield Randy Orton e Sheamus. Nella puntata di Raw dell'11 marzo, Show ha sconfitto un altro membro dello Shield, Seth Rollins per squalifica dopo che il resto dello Shield aveva interferito. A WrestleMania 29, Show, Orton e Sheamus sono stati sconfitti dallo Shield, dopo che Show aveva attaccato i suoi compagni di coppia. La notte seguente a Raw, Orton e Sheamus si sono affrontati in un match che è terminato in un no contest in seguito all'interferenza di Show. Show è stato poi sconfitto da Orton e Sheamus in due handicap match, il primo nella puntata di SmackDown del 12 aprile per count-out, il secondo nella puntata di Raw del 15 aprile per schienamento. Nella puntata di SmackDown del 19 aprile, Show ha fatto squadra con il suo vecchio rivale, Mark Henry per sconfiggere Orton e Sheamus in un tag team match. La faida tra Show e Orton si è conclusa a Extreme Rules in un Extreme Rules match, il quale Show ha perso. Dopo Extreme Rules, Show si è preso una pausa rimanendo fuori dagli schermi televisivi.

The Authority (2013–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Authority (wrestling).

Dopo tre mesi di assenza, Show ha fatto il suo ritorno in WWE l'11 agosto a un house show in Oakland, California. Show ha fatto il suo ritorno sugli schermi televisivi la notte seguente nella puntata di Raw del 12 agosto, salvando Mark Henry e Rob Van Dam da un attacco dello Shield, effettuando un turn face nel processo per la prima volta dal maggio 2012. Nella puntata di SmackDown del 16 agosto, Show, Henry e Van Dam hanno sconfitto lo Shield in un six-man tag team match.

Nella puntata seguente a Raw, come risultato per aver parlato contro il COO Triple H, Show è stato messo in un three-on-one handicap tornado tag team match contro lo Shield, nel quale Show ha perso. Un ulteriore punizione ha costretto Show a stare a bordo ring a guardare i suoi amici essere attaccati dallo Shield e da Randy Orton. Successivamente a questo, l'Authority (Triple H e Stephanie McMahon) ha affermato che Show era al verde, e ha forzato quest'ultimo a colpire i suoi amici Daniel Brya, Dusty Rhodes e The Miz per mantenere il suo lavoro. Nella puntata di Raw del 30 settembre, quando Show ha provato a ribellarsi, è stato arrestato per aver minacciato di colpire Triple H. A Battleground, Big Show ha interferito nel match valido per il WWE Championship tra Bryan e Orton stendendo entrambi con il K.O. Punch mandando un messaggio a Triple H e anche allo Shield. Nel mese di novembre ha iniziato una faida con il campione WWE Orton, che faceva parte dell'Authority, ma ha fallito la conquista del titolo alle Survivor Series.

A TLC, la coppia formata da Show e Rey Mysterio ha sfidato senza successo Cody Rhodes e Goldust per i WWE Tag Team Championship in un four-way match, che ha incluso anche i RybAxel (Ryback e Curtis Axel), e i Real Americans (Antonio Cesaro e Jack Swagger). Nella puntata di Raw del 6 gennaio 2014, Show si è confrontato con Brock Lesnar dopo che Lesnar aveva attaccato Mark Henry. Ciò ha portato a una faida tra i due che si è conclusa alla Royal Rumble, dove Show ha perso contro Lesnar dopo essere stato assalito brutalmente con numerosi colpi di sedia d'acciaio prima che il match potesse incominciare. A WrestleMania XXX, Big Show ha partecipato all'André the Giant Memorial Battle Royal, dove è stato eliminato per ultimo dal vincitore Cesaro. Il 26 luglio, Big Show ha fatto il suo ritorno in un live event, sconfiggendo Cesaro.

Big Show con il trofeo alla memoria di André The Giant vinto nella battle royal a WrestleMania 31

Ha fatto il suo ritorno televisivo nella puntata di SmackDown dell'8 agosto, facendo coppia con Mark Henry per sconfiggere i RybAxel (Ryback e Curtis Axel). Nella puntata di SmackDown del 26 settembre, Show ha iniziato una faida con Rusev quando ha sconfitto quest'ultimo per squalifica. A Hell in a Cell, è stato sconfitto da Rusev per sottomissione. La notte seguente a Raw, Henry ha effettuato un turn heel ai danni di Show attaccandolo durante il loro match per i WWE Tag Team Championship contro Gold e Stardust. Nella puntata di Raw del 3 novembre, ha sconfitto Henry per squalifica quando è stato schiantato sui gradoni d'acciaio da Henry.

Alle Survivor Series ha fatto parte inizialmente del Team Cena; durante il match, tuttavia, ha effettuato un turn heel stendendo con un KO Punch John Cena, che è stato schienato da Seth Rollins, per poi farsi contare fuoriː è stato comunque il Team Cena a vincere grazie all'aiuto del debuttante Sting. La notte dopo a Raw, Big Show ha spiegato le sue azioni, dicendo che ha una famiglia a cui importa e l'Authority lo ha messo in difficoltà in passato. Nelle puntate successive, Erick Rowan lo ha attaccato per vendicarsi del tradimento, ma a TLC lo ha sconfitto nel primo Steel Stairs match della storia. Più tardi quella stessa sera ha tentato di interferire nel match tra Cena e Rollins a favore di quest'ultimo, ma è stato fermato dal rientrante Roman Reigns. Questo ha portato ad una faida tra i due, nel quale Reigns ha sconfitto Show molteplici volte per count-out e per squalifica. Il 25 gennaio alla Royal Rumble, Big Show è entrato nel Royal Rumble match con il numero 29, eliminando cinque superstars prima di essere a sua volta eliminato da Reigns che ha poi vinto il match. A Fastlane, l'Authority (Big Show, Seth Rollins e Kane) ha sconfitto Dolph Ziggler, Erick Rowan e Ryback quando Kane ha schienato Ziggler. A WrestleMania 31, Big Show ha vinto la seconda edizione della André the Giant Memorial Battle Royal, eliminando per ultimo Damien Mizdow. Show ha poi continuato la sua faida con Reigns portando a un match tra i due a Extreme Rules dove Show ha perso in un Last Man Standing match.

Varie faide (2015–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 1º giugno ha fatto il suo ritorno interferendo nel match tra The Miz e Ryback, attaccando Miz e confrontandosi con Ryback iniziando una faida per l'Intercontinental Championship. A Money in the Bank ha sconfitto Ryback per squalifica, non riuscendo a conquistare il titolo a causa dell'interferenza di The Miz. Nella puntata di Raw del 22 giugno, ha interrotto Ryback durante un'intervista ma è stato attaccato dal Big Guy. A SummerSlam, ha preso parte al Triple Threat match valido per l'Intercontinental Championship detenuto da Ryback, che ha anche incluso The Miz, senza riuscire a conquistarlo. Nella puntata di Raw del 7 settembre, si è riunito all'Authority ed ha affrontato Sting, nel match di debutto di quest'ultimo che è stato trasformato in un tag team match, dove Show ha fatto coppia con Seth Rollins e Sting con John Cena. Show e Rollins hanno perso dopo che quest'ultimo ha ceduto alla Scorpion Deathlock di Sting. A Live from Madison Square Garden, è stato sconfitto da Brock Lesnar. Nella puntata di Raw del 9 novembre, ha preso parte al torneo per decretare il nuovo WWE World Heavyweight Champion, dove ha perso contro Roman Reigns nel primo round.

Nella puntata di Raw del 18 gennaio, Big Show ha affrontato e sconfitto Heath Slater e ha steso i Social Outcasts, compiendo un turn face per la prima volta dalle Survivor Series 2014. Alla Royal Rumble, Big Show ha preso parte al Royal Rumble match come il quindicesimo partecipante eliminando Ryback e Titus O'Neil per poi essere eliminato da Braun Strowman. Nella puntata di SmackDown del 28 gennaio, Big Show ha confermato il suo turn face quando ha salvato Roman Reigns, Dean Ambrose e Chris Jericho da un attacco della Wyatt Family. Nella puntata di Raw del 16 febbraio, Big Show ha affrontato Strowman in un match che è terminato in squalifica quando la Wyatt Family ha interferito, fino a quando è stato salvato da Ryback e Kane. Ciò ha portato a un Six-man tag team match a Fastlane, dove Show, Kane e Ryback hanno sconfitto la Wyatt Family. Big Show ha in seguito partecipato all'annuale Andrè the Giant Memorial Battle Royal il 3 aprile a WrestleMania 32 ma è stato eliminato. Nella puntata di Raw del 4 luglio prende parte ad un 16-man Tag Team Elimination match come componente del "Team U.S.A." (insieme ad Apollo Crews, Kane, Jack Swagger, Mark Henry, Zack Ryder e i Dudley Boyz (Bubba Ray Dudley e D-Von Dudley)) contro la "Multinational Alliance" (formata da Sheamus, Alberto Del Rio, Cesaro, Chris Jericho, i Lucha Dragons (Kalisto e Sin Cara), Kevin Owens e Sami Zayn), risultando l'ultimo sopravvissuto assieme a Zack Ryder, il quale ha permesso al suo team di vincere l'incontro.

Con il Draft svoltosi nella puntata di SmackDown del 19 luglio Big Show è stato trasferito nel roster di Raw. Dopo un lunghissimo periodo di assenza di quasi sei mesi, Big Show è tornato nella puntata di Raw del 5 dicembre dove ha affrontato Seth Rollins, perdendo per count-out volontariamente dopo aver attaccato Kevin Owens. Il 29 gennaio Big Show ha partecipato al Royal Rumble match dell'omonimo pay-per-view entrando col numero 9 ma è stato eliminato da Braun Strowman dopo nemmeno due minuti di permanenza. Nella puntata di Raw del 20 febbraio Big Show è stato pesantemente sconfitto da Braun Strowman dopo una buona prestazione. Nella puntata di Raw del 27 febbraio Big Show ha sconfitto facilmente gli Shining Stars (Primo e Epico) in un 2-on-1 Handicap match. Il 5 marzo, a Fastlane, Big Show si è presentato a sorpresa e ha sconfitto Rusev. Nella puntata di Raw del 13 marzo Big Show ha sconfitto facilmente Titus O'Neil. Nella puntata di Raw del 27 marzo Big Show ha confrontato Bo Dallas, Curtis Axel, Jinder Mahal, i Golden Truth (Goldust e R-Truth) e gli Shining Stars in una Over-the-Top-Rope Challenge riuscendo a respingerli tutti. Il 2 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 33, Big Show ha partecipato all'annuale André the Giant Memorial Battle Royal ma è stato eliminato. Nella puntata di Raw del 17 aprile Big Show ha affrontato Strowman ma il match è terminato in no contest dopo che i due, in seguito ad un superplex, hanno distrutto il ring. Nella puntata di Raw del 5 giugno Big Show e Enzo Amore hanno sconfitto Luke Gallows e Karl Anderson. Nella puntata di Raw del 31 luglio Big Show è stato sconfitto da Big Cass per squalifica a causa dell'intervento di Enzo Amore. Nella puntata di Raw del 7 agosto Big Show e Enzo Amore sono stati sconfitti da Luke Gallows e Karl Anderson causa distrazione di Cass. La settimana successiva viene aggredito da Cass, Gallows ed Anderson, i quali lo mettono al tappeto, per poi infortunare il gigante alla mano destra (kayfabe). Il 20 agosto, a SummerSlam, Big Show è stato sconfitto da Big Cass in un match in cui Enzo Amore era sospeso sul ring in una gabbia per squali.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Big Show esegue una doppia chokeslam su Seth Rollins e Dean Ambrose
Big Show colpisce Randy Orton con il KO Punch
Big Show esegue delle triple chop all'angolo su Alberto Del Rio

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "Big Nasty Bastard"
  • "Big Banter"
  • "The Giant"
  • "The World's Largest Athlete"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • "Rockhouse" di Frank Shelley (WCW; settembre 1996-dicembre 1996; usata come membro dell'nWo)
  • "Big" di Jim Johnston (aprile 1999–29 maggio 2006)
  • "Big (Remix)" di Mack 10, K Mac, Boo Kapone, e MC Eiht (maggio 2000)
  • "Massacre" di Jim Johnston
  • "Big and Slow Chemical" dei Finger Eleven (2006; usata durante il tag team con Kane)
  • "Crank It Up" dei Brand New Sin (7 giugno 2006–presente)
  • "Crank the Walls Down 2" dei Maylene and the Sons of Disaster (31 luglio 2009–4 gennaio 2010; usata durante il tag team con Chris Jericho)
  • "Crank It Up and Man On Fire" di Jim Johnston (2011; usata durante il tag team con Kane)
  • "I Came to Crank it Up" di Downstait & Brand New Sin (18 gennaio 2010-26 aprile 2010; usata durante il tag team con The Miz)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

DVD dedicati a Big Show[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Big Show, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 4 giugno 2017.
  2. ^ a b (EN) Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 4 giugno 2017.
  3. ^ Did You Know? Big Show's titles
  4. ^ Editors' debate: Who should be the face of WWE?, WWE. URL consultato il 22 novembre 2013.
  5. ^ 6 Superstars who have won every active title: Photos, WWE. URL consultato il 4 aprile 2015.
  6. ^ (EN) Big Show, in Internet Movie Database, IMDb.com. Modifica su Wikidata
  7. ^ Big Show, in MYmovies.it, Mo-Net Srl.
  8. ^ (EN) WCW World War 3 results, su pwwew.net, PWWEW, 26 novembre 1995. URL consultato il 4 giugno 2017.
  9. ^ (EN) WCW Clash of the Champions XXXII results, su pwwew.net, PWWEW, 23 gennaio 1996. URL consultato il 4 giugno 2017.
  10. ^ (EN) WCW Uncensored 1996 results, su pwwew.net, PWWEW, 24 marzo 1996. URL consultato il 4 giugno 2017.
  11. ^ (EN) WCW Hog Wild results, su pwwew.net, PWWEW, 10 agosto 1996. URL consultato il 4 giugno 2017.
  12. ^ (EN) WCW Hog Wild results, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 24 marzo 1996. URL consultato il 4 giugno 2017.
  13. ^ (EN) WCW Souled Out 1998 results, su pwwew.net, PWWEW, 24 gennaio 1998. URL consultato il 6 giugno 2017.
  14. ^ (EN) WCW Souled Out 1998 results, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 24 gennaio 1998. URL consultato il 6 giugno 2017.
  15. ^ (EN) Bill Goldberg, su accelerator3359.com, Accelerator. URL consultato il 9 giugno 2017.
  16. ^ (EN) Wrestling Information Archive – WCW Monday NITRO Archives – 1998, su 100megsfree4.com, Megsfree. URL consultato il 9 giugno 2017.
  17. ^ (EN) House Show Results from Milwaukee, Wisconsin, Sunday, 10/11/1998, su ddtdigest.com, Ddtdigest, 11 ottobre 1998. URL consultato il 9 giugno 2017.
  18. ^ (EN) Marc Middleton, WWF WrestleMania XV Full Results and notes., lordsofpain.net, 28 marzo 1999. URL consultato il 21 giugno 2017.
  19. ^ (EN) Raw May 10, 1999, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 21 giugno 2017.
  20. ^ (EN) Raw June 7, 1999, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 21 giugno 2017.
  21. ^ (EN) SummerSlam 1999 - "An Out Of Body Experience", su cagematch.net, Cagematch, 22 agosto 1999. URL consultato il 21 giugno 2017.
  22. ^ (EN) SmackDown September 9, 1999, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 21 giugno 2017.
  23. ^ (EN) Survivor Series 1999, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 21 giugno 2017.
  24. ^ (EN) Armageddon 1999 Results, su wwe.com, WWE, 12 dicembre 1999. URL consultato il 21 giugno 2017.
  25. ^ (EN) Raw January 3, 2000, su cagematch.net, Cagematch, 3 gennaio 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  26. ^ (EN) Royal Rumble 2000, su Cagematch.net, Cagematch, 23 gennaio 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  27. ^ (EN) No Way Out 2000, su Cagematch.net, Cagematch, 27 febbraio 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  28. ^ (EN) Raw March 13, 2000, su Cagematch.net, Cagematch, 13 marzo 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  29. ^ (EN) Raw March 20, 2000, su Cagematch.net, Cagematch, 20 marzo 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  30. ^ (EN) WrestleMania 2000, su Cagematch.net, Cagematch, 2 aprile 2000. URL consultato il 25 giugno 2017.
  31. ^ (EN) Backlash 2000, su cagematch.net, Cagematch, 30 aprile 2000. URL consultato il 28 giugno 2017.
  32. ^ (EN) Judgment Day 2000 Results, su wwe.com, WWE, 21 maggio 2000. URL consultato il 28 giugno 2017.
  33. ^ (EN) Alex Ristic, Big Show humbled but still nasty, su slam.canoe.ca, Slam! Sport. URL consultato il 28 giugno 2017.
  34. ^ (EN) Royal Rumble Match 2001, su wwe.com, WWE, 21 gennaio 2001. URL consultato il 28 giugno 2017.
  35. ^ (EN) WrestleMania X-Seven results, su wwe.com, WWE, 1º aprile 2001. URL consultato il 28 giugno 2017.
  36. ^ (EN) Backlash 2001 Results, su wwe.com, WWE, 29 aprile 2001. URL consultato il 28 giugno 2017.
  37. ^ (EN) Survivor Series 2001 Main Event results, su wwe.com, WWE, 18 novembre 2001. URL consultato il 28 giugno 2017.
  38. ^ (EN) Judgment Day 2002, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 19 maggio 2002. URL consultato il 29 giugno 2017.
  39. ^ (EN) Survivor Series, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 17 novembre 2002. URL consultato il 29 giugno 2017.
  40. ^ (EN) Armageddon 2002, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 19 maggio 2002. URL consultato il 29 giugno 2017.
  41. ^ (EN) Royal Rumble 2003, su cagematch.net, Cagematch, 19 gennaio 2003. URL consultato il 29 giugno 2017.
  42. ^ (EN) No Way Out 2003, su cagematch.net, Cagematch, 23 febbraio 2003. URL consultato il 29 giugno 2017.
  43. ^ (EN) Adam Martin, Full WWE WrestleMania XIX Results - 3/30/03 - Seattle, Washington, su wrestleview.com, Wrestleview, 30 marzo 2003. URL consultato il 29 giugno 2017.
  44. ^ (EN) SmackDown June 12, 2003, su cagematch.net, Cagematch, 12 giugno 2003. URL consultato il 4 luglio 2017.
  45. ^ (EN) SmackDown June 26, 2003, su cagematch.net, Cagematch, 26 giugno 2003. URL consultato il 4 luglio 2017.
  46. ^ (EN) No Mercy 2003, su cagematch.net, Cagematch, 19 ottobre 2003. URL consultato il 4 luglio 2017.
  47. ^ (EN) Royal Rumble Results – January 25, 2004, su www.tpww.net, The People's Wrestling Website, 25 gennaio 2004. URL consultato il 4 luglio 2017.
  48. ^ (EN) Adam Maritn, Full WWE WrestleMania XX PPV Results - 3/14/04 from Madison Square Garden, su Wrestleview, Wrestleview, 14 marzo 2004. URL consultato il 5 luglio 2017.
  49. ^ a b c (EN) WWE SmackDown! Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 15 aprile 2004. URL consultato il 5 luglio 2017.
  50. ^ (EN) WWE No Mercy Results, su onlineworldofwrestling, Online World of Wrestling, 3 ottobre 2004. URL consultato il 5 luglio 2017.
  51. ^ (EN) No Way Out 2005 Results, su wwe.com, WWE, 20 febbraio 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  52. ^ (EN) WWE WrestleMania Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 3 aprile 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  53. ^ (EN) John Milner, Big Show, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 22 maggio 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  54. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 27 giugno 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  55. ^ (EN) WWE Unforgiven Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 18 settembre 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  56. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 26 settembre 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  57. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 17 ottobre 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  58. ^ (EN) Taboo Tuesday 2005 Results, su wwe.com, WWE, 1º novembre 2005. URL consultato il 7 luglio 2017.
  59. ^ (EN) WWE SmackDown Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 11 novembre 2005. URL consultato il 12 luglio 2017.
  60. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 14 novembre 2005. URL consultato il 12 luglio 2017.
  61. ^ (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 21 novembre 2005. URL consultato il 12 luglio 2017.
  62. ^ (EN) WWE Survivor Series Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 27 novembre 2005. URL consultato il 14 luglio 2017.
  63. ^ (EN) WWE Armageddon 2005 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 18 dicembre 2005. URL consultato il 14 luglio 2017.
  64. ^ a b (EN) WWE Raw Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 12 dicembre 2005. URL consultato il 14 luglio 2017.
  65. ^ (EN) WWE New Year's Revolution Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 8 gennaio 2006. URL consultato il 14 luglio 2017.
  66. ^ (EN) Road to WrestleMania Tournament (2006) Results, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 6 febbraio 2006. URL consultato il 14 luglio 2017.
  67. ^ (EN) "R" is for Revenge, su wwe.com, WWE, 13 febbraio 2006. URL consultato il 14 luglio 2017.
  68. ^ (EN) "Big Time" Pedigree, su wwe.com, WWE, 20 febbraio 2006. URL consultato il 14 luglio 2017.
  69. ^ (EN) Hell to pay, su wwe.com, WWE, 20 marzo 2006. URL consultato il 15 luglio 2017.
  70. ^ McMahon's bloody plan, WWE. URL consultato il 27 marzo 2006 (archiviato il 31 marzo 2008).
  71. ^ World Tag Team Champions Big Show & Kane def. Carlito & Chris Masters, WWE. URL consultato il 2 aprile 2006 (archiviato il 29 marzo 2008).
  72. ^ The Champ bows down to the "King of Kings", WWE. URL consultato il 3 aprile 2006 (archiviato il 24 febbraio 2008).
  73. ^ History Of The World Tag Team Championship – The Spirit Squad, WWE. URL consultato il 3 aprile 2006 (archiviato il 29 marzo 2008).
  74. ^ Cena answers with an STFU, WWE. URL consultato il 10 aprile 2006 (archiviato il 31 marzo 2008).
  75. ^ Kane vs. Big Show (No Contest), WWE. URL consultato il 30 aprile 2006 (archiviato il 27 marzo 2008).
  76. ^ Big Show gets extreme, WWE. URL consultato il 7 giugno 2006 (archiviato il 31 marzo 2008).
  77. ^ Big Show becomes an extreme human wrecking machine, WWE. URL consultato l'11 giugno 2006 (archiviato il 27 marzo 2008).
  78. ^ South Philly Screwjob, WWE. URL consultato il 4 luglio 2006 (archiviato il 19 marzo 2008).
  79. ^ Big Show's first ECW Championship reign, WWE. URL consultato il 4 luglio 2006 (archiviato il 1º giugno 2012).
  80. ^ a b (EN) Louie Dee, Extreme assault, su wwe.com, WWE, 11 luglio 2006. URL consultato il 15 luglio 2017.
  81. ^ a b (EN) Jen Hunt, Sabu makes a statement, su wwe.com, WWE, 25 luglio 2006. URL consultato il 15 luglio 2017.
  82. ^ Sabu strikes again, WWE. URL consultato il 1º agosto 2006 (archiviato il 23 marzo 2008).
  83. ^ a b Enduring the evil entrapment, WWE. URL consultato il 23 luglio 2006 (archiviato il 4 giugno 2009).
  84. ^ (EN) Jen Hunt, Extreme giant prevails, su Wwe.com, WWE, 20 agosto 2006. URL consultato il 17 luglio 2017.
  85. ^ a b c True champion of champions, WWE. URL consultato il 5 novembre 2006 (archiviato il 29 marzo 2008).
  86. ^ Team Cena topples the Extreme Giant, WWE. URL consultato il 26 novembre 2006 (archiviato il 25 marzo 2008).
  87. ^ (EN) Craig Tello, Mission accomplished, su wwe.com, WWE, 3 dicembre 2006. URL consultato il 17 luglio 2017.
  88. ^ (EN) Craig Tello, Show's Over, su Wwe.com, WWE, 6 dicembre 2006. URL consultato il 17 luglio 2017.
  89. ^ Showtime in Vegas, WWE. URL consultato il 17 febbraio 2008 (archiviato il 27 febbraio 2009).
  90. ^ Big Show's WWE Profile, WWE. URL consultato il 27 aprile 2010 (archiviato il 30 aprile 2010).
  91. ^ WWE WrestleMania XXIV Results, Pro-Wrestling Edge. URL consultato il 6 aprile 2008 (archiviato l'8 aprile 2008).
  92. ^ Big Show wins mammoth matchup, WWE. URL consultato il 1º maggio 2008 (archiviato il 26 luglio 2008).
  93. ^ (EN) Mitch Passero, Bloody big showing, su wwe.com, WWE, 1º giugno 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  94. ^ (EN) Andrew Rote, World's Strongest Extreme Champion, su wwe.com, WWE, 29 giugno 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  95. ^ (EN) Wade Keller, KELLER'S WWE UNFORGIVEN PPV REPORT 9/7: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV event, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 7 settembre 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  96. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE NO MERCY REPORT 10/5: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 5 ottobre 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  97. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE CYBER SUNDAY REPORT 10/26: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 26 ottobre 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  98. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE SURVIVOR SERIES REPORT 11/23: Ongoing "virtual time" coverage of John Cena vs. Chris Jericho (w/PICS on-site), su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 23 novembre 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  99. ^ (EN) Wade Keller, KELLER'S WWE SMACKDOWN REPORT 12/5: Big Show vs. Undertaker in a cage, Triple H & Jeff Hardy forced to team together, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 23 novembre 2008. URL consultato il 28 luglio 2017.
  100. ^ (EN) Mitch Passero, Results: Regaining the throne, su wwe.com, WWE, 15 febbraio 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  101. ^ (EN) Mitch Passero, Cena reclaims his gold, su wwe.com, WWE, 5 aprile 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  102. ^ (EN) Aubrey Sitterson, Rough Draft, su wwe.com, WWE, 13 aprile 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  103. ^ (EN) Results:Fueled by hatred and desperation, su wwe.com, WWE, 26 aprile 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  104. ^ (EN) Aubrey Sitterson, Conservation of momentum leads to victory, su wwe.com, WWE, 17 maggio 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  105. ^ (EN) Ryan Murphy, Submission accomplished, su wwe.com, WWE, 7 giugno 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  106. ^ (EN) Homepage > TV Shows > Raw > Archive > Triathlon of terror, su wwe.com, WWE, 22 giugno 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  107. ^ (EN) Brian Elliott, Night of Champions: Punk loses title, but keeps star performer tag, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 26 luglio 2009. URL consultato il 31 luglio 2017.
  108. ^ (EN) Dale Plummer, TLC Match and the return of a fan favorite liven up SummerSlam, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 23 agosto 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  109. ^ (EN) Brian Elliott, Montreal fans 'screwed' again in Breaking Point sham, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 13 settembre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  110. ^ (EN) Brian Sokol, Title changes highlight Hell in a Cell, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 4 ottobre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  111. ^ (EN) Matt Bishop, Cena, Smackdown earn Bragging Rights, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 25 ottobre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  112. ^ (EN) Dale Plummer, Lots of wrestlers per match but no title changes at Survivor Series, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 22 novembre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  113. ^ (EN) Bob Kapur, New champs at strong WWE TLC show, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 13 dicembre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  114. ^ (EN) Raw Results – 12/14/09, su wrestleview.com, Wrestleview, 14 dicembre 2009. URL consultato il 6 agosto 2017.
  115. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE Raw 26th April 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 26 aprile 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  116. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 30th April 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 30 aprile 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  117. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 7th May 2010, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 7 maggio 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  118. ^ (EN) Mitch Passero, Big Show def. World Heavyweight Champion Jack Swagger by Disqualification, su wwe.com, WWE, 23 maggio 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  119. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 28th May 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 28 maggio 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  120. ^ (EN) Ryan Murphy, Rey Mysterio won the World Heavyweight Championship Fatal 4-Way Match, su wwe.com, WWE. URL consultato il 6 marzo 2010.
  121. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 2nd July 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 2 luglio 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  122. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 16th July 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 16 luglio 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  123. ^ (EN) Mitch Passero, Big Show def. The Straight Edge Society (3-on-1 Handicap Match), su wwe.com, WWE, 15 agosto 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  124. ^ (EN) Mitch Passero, Big Show def. CM Punk, su wwe.com, WWE, 19 settembre 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  125. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 8th October 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 8 ottobre 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  126. ^ (EN) Bragging Rights 2010 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 24 ottobre 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  127. ^ (EN) Mitch Passero, Team Mysterio def. Team Del Rio (Traditional Survivor Series Elimination Tag Team Match), su wwe.com, WWE, 21 novembre 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  128. ^ (EN) Shane St. Germain, WWE SmackDown 26th November 2010, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 26 novembre 2010. URL consultato il 6 marzo 2016.
  129. ^ (EN) Evan Charles Sawatsky, WWE SmackDown 7th January 2011, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 7 gennaio 2011. URL consultato il 6 marzo 2016.
  130. ^ (EN) Evan Charles Sawatsky, WWE SmackDown 14th January 2011, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 14 gennaio 2011. URL consultato il 6 marzo 2016.
  131. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Elimination Chamber PPV Results 2/20: Complete "virtual time" coverage of live PPV – Miz vs. Lawler, two Chamber matches, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 20 febbraio 2011. URL consultato il 26 marzo 2016.
  132. ^ Jimmy Hart OWW
  133. ^ a b c Big Show
  134. ^ a b Big Show, Awards. Cagematch.de. Retrieved on December 24, 2012.
  135. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 1996, The Internet Wrestling Database. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  136. ^ (EN) PWI 500, su willywrestlefest.fr. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  137. ^ (EN) WCW World Championship - The Giant, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  138. ^ (EN) WCW World Championship - The Giant, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  139. ^ (EN) World Heavyweight Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  140. ^ (EN) World Heavyweight Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  141. ^ (EN) ECW Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  142. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  143. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  144. ^ (EN) Intercontinental Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  145. ^ (EN) United States Championship - Big Show, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  146. ^ (EN) WWE Tag Team Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  147. ^ (EN) Hardcore Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  148. ^ (EN) World Tag Team Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  149. ^ The Slammy Awards 2011. Prowrestlinghistory.com. Retrieved on December 24, 2012.
  150. ^ The Slammy Awards 2009. Prowrestlinghistory.com. Retrieved on December 24, 2012.
  151. ^ (EN) DVD dedicati a Big Show su cagematch.net, cagematch.net. URL consultato l'8 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN160635165 · LCCN: (ENno2010206648 · GND: (DE1029563500