MNM (wrestling)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli MNM sono stati una stable heel di wrestling attiva nella World Wrestling Entertainment (WWE) tra il 2005 e il 2007, formata da Joey Mercury, Johnny Nitro e dalla diva Melina, manager del duo.

La loro gimmick era quella di un trio di celebrità di Hollywood: al momento del loro ingresso, infatti, sul ring veniva steso un tappeto rosso al quale seguivano anche alcuni paparazzi.

La sigla MNM indicava le iniziali dei nomi dei tre componenti della stable (Mercury, Nitro, Melina).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Adam Birch (Joey Mercury) e John Hennigan (Johnny Nitro) cominciarono la loro carriera da wrestler nella Ohio Valley Wrestling (OVW), territorio di sviluppo della World Wrestling Entertainment (WWE), in cui vinsero l'OVW Southern Tag Team Championship. Qui conobbero la diva Melina Pérez (Melina), che iniziò a fare da manager al duo.

John Hennigan debuttò in WWE il 1º marzo 2004, con il ring-name di Johnny Blaze, nelle vesti di aiutante ed assistente dell'allora General Manager (GM) di Raw, Eric Bischoff. La settimana successiva cambiò il suo nome in Johnny Spade ed infine divenne Johnny Nitro. Rimase al fianco del GM di Raw fino alla puntata del 6 giugno 2004, quando fu sconfitto da Eugene in un match che prevedeva il licenziamento del wrestler perdente (kayfabe). Dopo essere stato allontanato dallo show rosso fece ritorno in OVW.

L'esordio degli MNM in WWE risale alla puntata di SmackDown! del 7 aprile 2005, quando interferirono nel primo episodio del talk-show di Carlito (Carlito's Cabana) per attaccare il campione di coppia Rey Mysterio, in quel momento intervistato dall'atleta caraibico. La settimana successiva verniciarono la lowrider dell'altro campione di coppia, Eddie Guerrero, il quale pretese di potersi vendicare in un Tag Team match contro il duo; il General Manager di SmackDown!, Theodore Long, accettò le richieste del messicano, ma decise di mettere in palio i WWE Tag Team Championship nel match. Il 21 aprile, a SmackDown!, gli MNM riuscirono a vincere l'incontro grazie ad un'interferenza di Melina e diventarono così i nuovi campioni di coppia. Il loro regno durò fino al 24 luglio seguente, quando furono sconfitti dai Legion of Doom 2005 (Jon Heidenreich e "Road Warrior" Animal) al pay-per-view The Great American Bash. Il 28 ottobre riuscirono però a riconquistare le cinture, dopo avere sconfitto i Legion of Doom 2005, i Mexicools (Psicosis e Super Crazy) ed il team formato da William Regal e Paul Burchill in un Fatal-4 Way Tag Team match. Il 16 dicembre, a SmackDown!, gli MNM persero di nuovo i titoli di coppia, questa volta in favore di Rey Mysterio e Batista, ma li recuperarono due settimane più tardi in uno Steel Cage Tag Team match grazie all'aiuto del rientrante Mark Henry; quest'ultimo si rivelò essere stato assunto da Melina come guardia del corpo. A partire dalla puntata di SmackDown! del 7 aprile 2006, gli MNM subirono una lunga serie di sconfitte per mano del team formato da Paul London e Brian Kendrick; la loro rivalità sfociò in un match titolato svoltosi a Judgment Day, in cui Mercury e Nitro furono sconfitti e persero così le cinture.

Nell'estate del 2006 Melina e Johnny Nitro furono licenziati da SmackDown! (kayfabe) da parte del General Manager Theodore Long e si trasferirono a Raw, mentre Joey Mercury venne temporaneamente allontanato dagli show della WWE poiché risultato positivo ad un test antidoping svolto nell'ottica del Wellness Program (legit). Al termine della sospensione, Mercury fu riammesso nel roster di SmackDown!, venendo quindi separato dai suoi ex compagni.

La stable si è riunita per qualche mese nel novembre del 2006 per intraprendere un feud con gli Hardy Boyz; il 3 dicembre 2006, al pay-per-view December to Dismember, gli MNM furono sconfitti dai fratelli Hardy in un Ladder Tag Team match. Due settimane dopo, ad Armageddon, Joey Mercury subì un grave infortunio alla faccia (rottura del naso e ferite multiple all'occhio sinistro) in un Fatal-4 Way Ladder Tag Team match con in palio i titoli di coppia, ma riuscì comunque a portare a termine l'incontro, poi vinto dal team formato da Paul London e Brian Kendrick. In seguito all'infortunio, Mercury dovette stare lontano dal ring per circa due mesi.

Gli MNM si sciolsero definitivamente il 26 marzo 2007, quando Joey Mercury venne licenziato dalla WWE per problemi di dipendenza agli antidolorifici (legit).

Johnny Nitro ha in seguito cambiato ring-name e gimmick, diventando John Morrison; il 24 giugno 2007, al pay-per-view Vengeance: Night of Champions, ha sconfitto CM Punk in un match valido per il vacante ECW World Heavyweight Championship. Per Melina, invece, si è confermata una carriera luminosa nel mondo del wrestling: grazie al suo spiccato carisma, la sua abilità al microfono e la sua tecnica e potenza sul ring, le è stato infatti riservato il soprannome di The Most Dominant Diva.

Il 20 aprile 2010 Joey Mercury è tornato in WWE, con il ring-name di Joseph Mercury, combattendo un dark match contro Shelton Benjamin. Poche settimane più tardi si è unito alla Straight Edge Society di CM Punk, indossando una maschera nera che gli copriva completamente il volto; la sua vera identità è stata rivelata da Big Show nella puntata di SmackDown! del 23 luglio seguente. Dal 2014 al 2015 ha fatto parte dell'Authority, in cui è stato – insieme a Jamie Noble (J&J Security) – la guardia del corpo dell'allora WWE World Heavyweight Champion Seth Rollins.

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) MNM, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling (OWW). Modifica su Wikidata
Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling