Morbello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Morbello (disambigua).
Morbello
comune
Morbello – Stemma Morbello – Bandiera
Morbello – Veduta
Morbello (frazione Vallosi)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoPesce Gianguido (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate44°36′22″N 8°30′42″E / 44.606111°N 8.511667°E44.606111; 8.511667 (Morbello)Coordinate: 44°36′22″N 8°30′42″E / 44.606111°N 8.511667°E44.606111; 8.511667 (Morbello)
Altitudine402 m s.l.m.
Superficie23,95 km²
Abitanti434[1] (31-12-2010)
Densità18,12 ab./km²
FrazioniCosta, Piazza, Vallosi, Caviglie, Campazzi, Colla Nani, Valle, Cavalla
Comuni confinantiCassinelle, Cremolino, Grognardo, Ponzone, Prasco, Visone
Altre informazioni
Cod. postale15010
Prefisso0144
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006110
Cod. catastaleF713
TargaAL
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 820 GG[2]
Nome abitantimorbellesi
Patronosan Sisto
Giorno festivo6 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Morbello
Morbello
Sito istituzionale

Morbello (Mirbé in piemontese) è un comune italiano della provincia di Alessandria, in Piemonte, situato nell'Alto Monferrato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Citato già in documento del X secolo, fece parte del comitato di Acqui e poi fu un possedimento dei marchesi del Bosco, da cui discesero i signori di Morbello. Sottomessosi alla Repubblica di Genova nel 1233, il possedimento fu spartito con la famiglia Malaspina. Nel 1708 Morbello entrò nell'orbita del marchesato del Monferrato di cui seguì le sorti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di San Rocco in frazione Costa

Dominano il borgo di Morbello Piazza, i ruderi del castello, più volte distrutto e ricostruito a partire dal XVII secolo. Appartenuto a diverse famiglie genovesi, fu edificato nel XII secolo. Sede dell'associazione medioevale Limes Vitae che vi organizza visite con guide in costume, fa parte del sistema dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte.

Altri resti medievali sono i ruderi della torre del Marocco e della torre del Ciglione.

La parrocchiale di San Sisto, conserva al suo interno un dipinto firmato Beccaria e nella sacrestia tavole lignee seicentesche raffiguranti i misteri del Rosario.

Nella frazione Costa sono presenti diverse aziende dolciarie che producono i tipici amaretti e baci di dama. Nella frazione Costa si trova altresì la chiesa di San Rocco, risalente all'XI secolo circa, ma pesantemente modificata in epoche successive.

Sagre e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

La sagra del cinghiale
  • Sagra del cinghiale, 2.a domenica di agosto.
  • Sagra delle castagne (Castagnata), 3.a domenica di ottobre
  • Festa Medioevale, giugno

Persone legate a Morbello[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 luglio 1988 7 giugno 1993 Giovanni Vacca Partito Socialista Democratico Italiano Sindaco [4]
7 giugno 1993 5 maggio 1996 Claudio Parodi lista civica Sindaco [4]
5 maggio 1996 18 novembre 1996 Anna Maria Santoro Comm. pref. [4]
18 novembre 1996 14 maggio 2001 Giovanni Vacca lista civica Sindaco [4]
28 maggio 2001 30 maggio 2006 Giancarlo Campazzo lista civica Sindaco [4]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Giancarlo Campazzo lista civica Sindaco [4]
16 maggio 2011 in carica Gianguido Pesce lista civica: torre su collina alberata Sindaco [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN249239053
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte