Odalengo Piccolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Odalengo Piccolo
comune
Odalengo Piccolo – Stemma Odalengo Piccolo – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoMirella Panatero (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate45°04′21″N 8°12′26″E / 45.0725°N 8.207222°E45.0725; 8.207222 (Odalengo Piccolo)
Altitudine289 m s.l.m.
Superficie7,57 km²
Abitanti266[1] (30-11-2017)
Densità35,14 ab./km²
FrazioniVicinato, Pessine, Palmaro, Case Marco
Comuni confinantiAlfiano Natta, Castelletto Merli, Cerrina Monferrato, Odalengo Grande, Villadeati
Altre informazioni
Cod. postale15020
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006117
Cod. catastaleF998
TargaAL
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 725 GG[3]
Nome abitantiodalenghesi
Patronosan Pietro
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Odalengo Piccolo
Odalengo Piccolo
Odalengo Piccolo – Mappa
Mappa del Comune di Odalengo Piccolo all'interno della Provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Odalengo Piccolo (Audalengh Cit in piemontese) è un comune italiano di 266 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Odalengo Piccolo sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 26 luglio 2002.[4]

«Troncato: il primo, di azzurro, ai due gigli di argento, ordinati in fascia; il secondo, di rosso all'agnello pasquale di argento, tenente con l'arto anteriore destro alzato l'asta di rosso, posta in sbarra, munita del gagliardetto bifido di argento, crociato di rosso, esso agnello passante sulla pianura di verde. Ornamenti esteriori da Comune.»

Su un'antica lapide, scolpita sulla facciata interna del castello di Pessine e datata 1386, era raffigurato l'Agnus Dei[5] che è riprodotto sullo stemma comunale.[6] Il giglio in campo azzurro è ripreso dal blasone della famiglia Gozzani, conti di Odalengo.[7]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

In cento anni la popolazione residente si è ridotta ad un terzo rispetto a quella presente nell'anno 1911.

Abitanti censiti[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
18 giugno 1985 26 maggio 1990 Giovanni Barberis lista civica Sindaco [9]
14 giugno 1990 24 aprile 1995 Giovanni Barberis Democrazia Cristiana Sindaco [9]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Francesco Cesare Panatero centro-destra Sindaco [9]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Angelo Ferroglio lista civica Sindaco [9]
14 giugno 2004 27 ottobre 2008 Angelo Ferroglio lista civica Sindaco [9]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Carola Triveri lista civica: io sto con Odalengo Piccolo..naturalmente Sindaco [9]
26 maggio 2014 in carica Mirella Panatero lista civica: io sto con Od@lengo Piccolo Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Odalengo Piccolo, decreto 2002-07-26 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it.
  5. ^ Olimpio Musso, La lapide del castello e una "Piscina", su ilmonferrato.it, 10 ottobre 2006.
  6. ^ Comune di Odalengo Piccolo, Cenni storici, su comune.odalengopiccolo.al.it.
  7. ^ I Gozzani (o Gozani) avevano diversi titoli nobiliari tra cui quello di marchesi di Treville, conti di Odalengo, marchesi di Perletto e recavano uno stemma: inquartato, al 1º e 4º d'azzurro, al giglio d'argento; al 2º e 3º d'oro, alla testa di moro al naturale, attortigliata d'argento.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN159509992
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte