Coniolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coniolo
comune
Coniolo – Stemma
Coniolo – Veduta
Chiesa parrocchiale a Coniolo Bricco
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoArles Garelli (lista civica) dal 27/05/2019
Territorio
Coordinate45°08′57″N 8°22′19″E / 45.149167°N 8.371944°E45.149167; 8.371944 (Coniolo)
Altitudine252 m s.l.m.
Superficie10,3 km²
Abitanti456[1] (30-6-2017)
Densità44,27 ab./km²
Comuni confinantiCasale Monferrato, Morano sul Po, Pontestura
Altre informazioni
Cod. postale15030
Prefisso0142
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006060
Cod. catastaleC962
TargaAL
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 694 GG[3]
Nome abitanticoniolesi
Patronosanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Coniolo
Coniolo
Coniolo – Mappa
Mappa del Comune di Coniolo all'interno della Provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Coniolo (Conieu in piemontese) è un comune italiano di 456 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte, situato ad una distanza di circa 7 chilometri ad ovest di Casale Monferrato. La collina di Coniolo è citata espressamente nelle riflessioni contenute nel libro Il mestiere di vivere di Cesare Pavese alla data del 3 agosto 1946.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi cento anni a partire dal 1911 la popolazione residente è dimezzata.

Abitanti censiti[4]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Museo Etnografico delle Miniere[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo Etnografico delle Miniere “Coniolo Il paese che visse due volte”, sito nel palazzo Municipale di Coniolo,[5] racconta l'epopea delle miniere di marna da cemento, iniziata nella seconda metà del XIX secolo e proseguita per circa cento anni, lasciando sul territorio segni forti e ancora leggibili che raccontano una storia che appartiene alle generazioni attuali e future.

La storia del paese fu segnata da una scriteriata coltivazione delle marne a grande profondità sotto l’antico abitato di Coniolo Basso. Le prime lesioni agli edifici comparvero nel 1905 e il fenomeno continuò fino al 1922: ottantaquattro case, la chiesa ed il castello, furono persi per sempre.[6] Gli abitanti non si demoralizzarono, smontarono le vecchie abitazioni e le ricostruirono nel sito dell'attuale centro abitato di Coniolo Bricco. Per questo il museo è intitolato “Coniolo, il paese che visse due volte”.[7]

Il Museo riproduce al suo interno un tratto di miniera di marna da cemento fedelmente ricostruito anche nei rumori e il lavoro svolto da uomini, donne e bambini che, da nove a tredici anni, potevano già diventare minatori. Sono musealizzati i plastici dell'antico abitato di Coniolo, il dettaglio delle miniere, gli attrezzi impiegati e i mezzi di trasporto in galleria, su terra, per aria e sul fiume Po.[8] La raccolta è suddivisa in sezioni tematiche, in cui sono collocati oggetti autentici e fotografie d’epoca:[7]

  • l'attività estrattiva a cielo aperto dall’epoca romana fino al 1884;
  • I primi attrezzi utilizzati, che derivavano da altri mestieri localmente diffusi;
  • l'avvio delle coltivazioni minerarie in profondità, in seguito al ripristino del trasporto fluviale sul fiume Po (1884) e all'insediamento delle cementerie presso la stazione ferroviaria di Morano sul Po (1887);
  • lo sviluppo dell’area mineraria “Palazzina Molino Zerbi”, con circa 40 Km di gallerie scavate nella collina;
  • l'evoluzione dell'attività estrattiva;
  • le attività collegate all'indotto minerario industriale;
  • il lavoro femminile e minorile: secondo la legge dell'epoca i bambini da 9 a 13 anni potevano lavorare in miniera, purché in buona salute.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
13 giugno 1985 27 maggio 1990 Riccardo Triglia Democrazia Cristiana Sindaco [9]
27 maggio 1990 24 aprile 1995 Riccardo Triglia Democrazia Cristiana Sindaco [9]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Riccardo Triglia centro Sindaco [9]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Riccardo Triglia lista civica Sindaco [9]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Giovanni Spinoglio lista civica Sindaco [9]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Giovanni Spinoglio lista civica: per Coniolo Sindaco [9]
26 maggio 2014 in carica Vincenzo Amich lista civica: insieme per Coniolo Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Museo delle Miniere, su comune.coniolo.al.it. URL consultato il 24 aprile 2022.
  6. ^ Comune di Coniolo, Storia mineraria di Coniolo, Casale Monferrato, Tipografia La Nuova Operaia, 2004.
  7. ^ a b Comune di Coniolo, Le miniere di Marna di Coniolo. il Museo etnografico delle miniere “Il paese che visse due volte”, Casale Monferrato, Tipografia La Nuova Operaia, 2015.
  8. ^ MoMu - Museo Etnografico "Coniolo il paese che visse due volte", su comune.casale-monferrato.al.it. URL consultato il 24 aprile 2022.
  9. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte