Terzo (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terzo
comune
Terzo – Stemma Terzo – Bandiera
Terzo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoMaurizio Solferini (lista civica) dal 04-10-2021
Territorio
Coordinate44°40′17″N 8°25′22″E / 44.671389°N 8.422778°E44.671389; 8.422778 (Terzo)
Altitudine222 m s.l.m.
Superficie8,8 km²
Abitanti847[1] (30-11-2019)
Densità96,25 ab./km²
Comuni confinantiAcqui Terme, Bistagno, Melazzo, Montabone (AT)
Altre informazioni
Cod. postale15010
Prefisso0144
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006172
Cod. catastaleL143
TargaAL
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 669 GG[3]
Nome abitantiterzesi
Patronosan Maurizio martire
Giorno festivo22 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Terzo
Terzo
Terzo – Mappa
Mappa del comune di Terzo all'interno della provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Terzo (Ters in piemontese) è un comune italiano di 847 abitanti della provincia di Alessandria in Piemonte, situato sulla sponda sinistra del fiume Bormida.

Dalla cima della torre (alta 25 metri e costruita a cavallo tra il Trecento ed il Quattrocento) è possibile godere del paesaggio che si apre sulle valli dei fiumi Erro e Bormida.

Di questa struttura - inserita nel sistema dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte - rimane solo la torre tardomedioevale. Fu fortificazione dei vescovi di Acqui.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Terzo deriva dal latino Ad tertium lapidem ("a tre pietre miliari"), poiché si trovava alla distanza di tre miglia romane (circa 3 km), dalla città di Aquae Statiellae (Acqui Terme) sulla Via Aemilia Scauri che univa quest'ultima a Dertona (Tortona) e alle Gallie.

In alcuni testi compare ancora come Terzo d'Acqui. Tale toponimo è in realtà erroneo, fa infatti riferimento al periodo in cui, con regio decreto del 20 dicembre 1928, il re d'Italia Vittorio Emanuele III aggregò il comune di Terzo a quello di Acqui Terme. Il comune di Terzo, rinominato in quel periodo Terzo d'Acqui, divenne a tutti gli effetti una frazione della cittadina termale. Successivamente, con Decreto del Capo Provvisorio dello Stato, pubblicato l'11 novembre 1947, ed entrato in vigore il giorno successivo, Terzo venne ricostituito in Comune e, con il titolo, riconquistò il suo nome originario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

«D'oro, alla campagna di verde caricata in banda da una strada d'argento e da un cippo miliare dello stesso, con il numero tre in caratteri romani, il tutto è sormontato a destra da un pastorale d'azzurro, in palo, e a sinistra da una torre di verde, chiusa, murata di nero, merlata alla guelfa di tre. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.P.R. del 3 giugno 1982)

Il pastorale ricorda il dominio del vescovo di Acqui; la pietra miliare con la cifra romana III richiama la probabile origine del nome del paese; la torre del XIV secolo, oggi unico resto del castello che dominava la valle del Bormida e dell'Erro.[4]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
28 aprile 1989 7 novembre 1992 Eliana Barabino - Sindaco [6]
7 novembre 1992 5 giugno 1993 Giuseppe Emilio Baldizzone Partito Socialista Italiano Sindaco [6]
15 giugno 1993 28 aprile 1997 Vittorio Grillo Lega Nord Sindaco [6]
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Vittorio Grillo lista civica Sindaco [6]
22 maggio 2001 30 maggio 2006 Angelo Arata lista civica Sindaco [6]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Vittorio Giovanni Grillo lista civica Sindaco [6]
16 maggio 2011 6 giugno 2016 Vittorio Giovanni Grillo lista civica: torre civica Sindaco [6]
6 giugno 2016 4 ottobre 2021 Vittorio Giovanni Grillo lista civica: torre civica Sindaco [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Terzo, su araldicacivica.it. URL consultato il 2 novembre 2021.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN234207378
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte