Francavilla Bisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Francavilla Bisio
comune
Francavilla Bisio – Stemma Francavilla Bisio – Bandiera
Francavilla Bisio – Veduta
Il castello di Francavilla Bisio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoLucio Bevilacqua (lista civica Idee in comune) dall'11-6-2018
Territorio
Coordinate44°44′08″N 8°43′56″E / 44.735556°N 8.732222°E44.735556; 8.732222 (Francavilla Bisio)
Altitudine160 m s.l.m.
Superficie7,75 km²
Abitanti512[1] (31-8-2019)
Densità66,06 ab./km²
FrazioniBisio, Cascina della Signora
Comuni confinantiBasaluzzo, Capriata d'Orba, Gavi, Pasturana, San Cristoforo, Tassarolo
Altre informazioni
Cod. postale15060
Prefisso0143
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006070
Cod. catastaleD759
TargaAL
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 685 GG[3]
Nome abitantifrancavillesi
PatronoMadonna delle Grazie
Giorno festivo21 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Francavilla Bisio
Francavilla Bisio
Francavilla Bisio – Mappa
Mappa del comune di Francavilla Bisio all'interno della provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Francavilla Bisio (Francavila in piemontese) è un comune italiano di 512 abitanti della provincia di Alessandria in Piemonte.

Il comune è situato sulla riva destra del torrente Lemme, al suo sbocco in pianura.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Identificato con l'antica Bassignana o Bassignanella, trae il toponimo da una probabile esenzione fiscale del luogo da parte dei suoi feudatari. Nel XII secolo, il territorio ospitava la grangia di S. Maria, di proprietà degli abati di Rivalta Scrivia. Territorio di proprietà dei Savoia dal 1708, fu feudo delle famiglie Grillo (1681) e Guasco (1780).

Nel 1863 il comune di Francavilla assunse la nuova denominazione di "Francavilla Bisio".[4]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Francavilla Bisio è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 14 febbraio 2008.[5]

«D'azzurro, inquartato dalla croce diminuita di rosso, accantonata, nel primo e nel quarto, dalla torre dello stesso, merlata alla guelfa di tre, mattonata, chiusa e finestrata, di nero, la torre nel primo fondata sul braccio della croce, la torre nel quarto fondata in punta; nel secondo e nel terzo, dalle tre spighe di grano d'oro, impugnate, legate di argento. Ornamenti esteriori da Comune.»

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale della Madonna delle Grazie, del 1950, con una facciata in mattoni rossi che riprende il motivo del castello

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa dei conti di Bisio, fuori dell'abitato

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato è dominato da un imponente castello, costruito intorno a un torrione già presente nel X secolo, ma oggetto di successivi ampliamenti; l'aspetto attuale, seppur medievale, è frutto di rimaneggiamenti ottocenteschi

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale è dislocata una aviosuperficie certificata, utilizzabile sia da velivoli ultraleggeri che di aviazione generale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
18 giugno 1985 26 giugno 1990 Mario Mazzarello lista civica Sindaco [7]
26 giugno 1990 24 aprile 1995 Mario Mazzarello Partito Socialista Italiano Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Mario Mazzarello centro Sindaco [7]
14 giugno 1999 17 agosto 2002 Assunta Lubiano lista civica Sindaco [7]
12 giugno 2003 15 aprile 2008 Mario Mazzarello lista civica Sindaco [7]
15 aprile 2008 27 maggio 2013 Mario Mazzarello lista civica Sindaco [7]
27 maggio 2013 11 giugno 2018 Francesco Berta lista civica Idee in comune Sindaco [7]
11 giugno 2018 in carica Lucio Bevilacqua lista civica Idee in comune Sindaco [7]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Regio decreto 11 gennaio 1863, n. 1126, in materia di "Decreto col quale sono autorizzati vari Comuni delle Provincie di Milano, Alessandria, Brescia, Cremona, Torino, Ascoli, Macerata, Cuneo, Piacenza, Porto-Maurizio, Ravenna e Sassari ad assumere una nuova denominazione."
  5. ^ Francavilla Bisio (Alessandria) D.P.R. 14.02.2008 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235256105
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte