Guazzora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guazzora
comune
Guazzora – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
Sindaco Pierino Cereda (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°00′53″N 8°51′09″E / 45.014722°N 8.8525°E45.014722; 8.8525 (Guazzora)Coordinate: 45°00′53″N 8°51′09″E / 45.014722°N 8.8525°E45.014722; 8.8525 (Guazzora)
Altitudine 78 m s.l.m.
Superficie 2,8 km²
Abitanti 322[1] (31-12-2010)
Densità 115 ab./km²
Frazioni Montemerlo
Comuni confinanti Alzano Scrivia, Castelnuovo Scrivia, Isola Sant'Antonio, Molino dei Torti, Sale
Altre informazioni
Cod. postale 15050
Prefisso 0131
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 006086
Cod. catastale E255
Targa AL
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Nome abitanti guazzoresi
Patrono santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Guazzora
Guazzora
Sito istituzionale

Guazzora (La Guasura in piemontese) è un comune italiano di 308 abitanti del Tortonese nella provincia di Alessandria, in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Guazzora deriva da sguazzo, guazzatoria o dai guadi che, obbligatoriamente, si dovevano attraversare per trasferirsi a piedi, o con barche, dal Tortonese alla Lomellina, al Vogherese, al Pavese separati dai fiumi Tanaro e Scrivia qui confluenti nel Po. L'abitato vero e proprio venne eretto nel XIII secolo e dipese amministrativamente dal comune e dal principato di Pavia, nonostante la sua vicinanza a Tortona. Fino al 1100 vi regnò la signoria nobiliare vogherese dei Corti, a cui Matteo Visconti assegnò, nel 1314, il castello di Montemerso, il controllo dei passaggi sul Po e la custodia dei porti. Alla fine del XV secolo Michele dei Nobili di Guazzatoria stabilì un nuovo transito verso l'isola di Garda. Nel 1507 i nobili Corti risultavano ancora abitare nella zona, mentre un secolo più tardi, nel 1644, risultavano trasferiti a Pavia. Nel 1700 venne infeudata ai nobili Biglia.[2]

Storicamente e culturalmente legata al Pavese fin dai suoi inizi, nel 1748 Guazzora passò al Piemonte e fu integrata nella provincia di Voghera da cui fu separata amministrativamente con il regio editto del 10 novembre 1818 per essere unita al Circondario di Tortona nel mandamento di Sale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º luglio 1985 22 maggio 1990 Pierino Cereda Partito Socialista Italiano Sindaco [3]
22 maggio 1990 24 aprile 1995 Pierino Cereda Partito Socialista Italiano Sindaco [3]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Pierino Cereda centro-sinistra Sindaco [3]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Pierino Cereda lista civica Sindaco [3]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Piera Vignoli lista civica Sindaco [3]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Pierino Cereda lista civica: costituzione Sindaco [3]
26 maggio 2014 in carica Pierino Cereda lista civica: costituzione Sindaco [3]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Storia di Guazzora, italiapedia.it.
  3. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte