Volpeglino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Volpeglino
comune
Volpeglino – Stemma
Volpeglino – Veduta
Volpeglino – Veduta
La chiesa dei Santi Cosma e Damiano
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.svg Alessandria
Amministrazione
SindacoGiuseppe Brivio (lista civica) dall'8-6-2009 (3º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate44°53′38″N 8°57′38″E / 44.893889°N 8.960556°E44.893889; 8.960556 (Volpeglino)
Altitudine243 m s.l.m.
Superficie3,25 km²
Abitanti131[1] (30-9-2022)
Densità40,31 ab./km²
Comuni confinantiBerzano di Tortona, Casalnoceto, Castellar Guidobono, Monleale, Viguzzolo, Volpedo
Altre informazioni
Cod. postale15050
Prefisso0131
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006189
Cod. catastaleM121
TargaAL
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 618 GG[3]
Nome abitantivolpeglinesi
Patronosanti Cosma e Damiano
Giorno festivo26 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Volpeglino
Volpeglino
Volpeglino – Mappa
Volpeglino – Mappa
Mappa del comune di Volpeglino all'interno della provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Volpeglino (Vulpièj in piemontese) è un comune italiano di 131 abitanti[1] della provincia di Alessandria in Piemonte, situato sulla sinistra del basso corso del torrente Curone.

La festa patronale si svolge la prima domenica di settembre, in onore di Maria Bambina. La chiesa parrocchiale, dedicata ai Santi Cosma e Damiano, venne eretta in sostituzione della più antica Pieve, dedicata a San Damiano, della quale non rimangono che modestissime tracce.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antica cella monastica di proprietà dell'Abbazia di San Colombano di Bobbio, compare nella lista delle corti del monastero bobbiese ai tempi di Carlo Magno e dell'abate Wala, con i toponimi di Vulpiclinum, Vulpiclinus, Vulpiclini o Vulpidino tra 834 e 836, derivato dal latino vulpicula, luogo delle volpi.[4] La cella è inserita nella corte monastica di Casasco[5][6][7][8][9]. Feudo dei Guidobono nel XII secolo, entrò nell'orbita tortonese. Libero comune nel 1245, passò sotto i Visconti che lo concessero in feudo ai Guidobono Cavalchini.

Volpeglino fu aggregato al comune di Volpedo nel 1928, ne fu nuovamente staccata nel 1947.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

«Di rosso, al leone illeopardito, corrente sulla campagna, il tutto d'oro. Ornamenti esteriori di Comune.[10]»

(R.D. del 7 luglio 1901)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Volpeglino è un paese agricolo, specializzato nella coltura della vite da vino e delle fragole, nonché famoso, assieme a Volpedo, per la coltura intensiva del pesco, grazie al contributo, a partire dal 1911, di Antonio Guidobono.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1889 e il 1934 Volpeglino fu servito dalla tranvia Tortona-Monleale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
25 giugno 1985 3 giugno 1990 Chiara Oberti lista civica Sindaco [12]
3 giugno 1990 24 aprile 1995 Giuseppe Brivio Democrazia Cristiana Sindaco [12]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Giuseppe Brivio centro Sindaco [12]
25 giugno 1999 14 giugno 2004 Giuseppe Brivio lista civica Sindaco [12]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Chiara Oberti lista civica Sindaco [12]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Giuseppe Brivio lista civica Sindaco [12]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Giuseppe Brivio lista civica Spighe di grano Sindaco [12]
27 maggio 2019 in carica Giuseppe Brivio lista civica Spighe di grano Sindaco [12]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune faceva parte della Comunità Montana Valli Curone Grue e Ossona.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Renzo Ambrogio, Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Istituto Geografico De Agostini, 2009, p. 725.
  5. ^ Storia del Comune di Volpeglino
  6. ^ città Tortona 2000 Mons. Clelio Goggi, Storia dei Comuni e delle Parrocchie della diocesi di Tortona, 4ª ed., Tipografia "San Lorenzo", pp. 450-451.
  7. ^ Giulio Buzzi e Carlo Cipolla, Codice diplomatico del monastero di S. Colombano di Bobbio fino all'anno MCCVIII, volume I, II, III, Roma, Tip. del Senato, 1918
  8. ^ Valeria Polonio Felloni, Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia, In Palatio Archiepiscopali Ianuensi, 1962, p. 16a, Tabella I dei possedimenti in Italia.
  9. ^ Eleonora Destefanis, Il monastero di Bobbio in età altomedievale, Carte di distribuzione, fig. 44-44a-44b, pp. 67-70.
  10. ^ Regio Decreto (RD) di concessione – 07/07/1901 (PDF), su araldicacivica.it. URL consultato il 3 novembre 2021.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 12-5-2022.
  12. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135895159
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte