Bosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bosio (disambigua).
Bosio
comune
Bosio – Stemma
Bosio – Veduta
Panorama del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Alessandria-Stemma.png Alessandria
Amministrazione
SindacoStefano Persano (lista civica: Bosio nel cuore) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate44°39′03″N 8°47′38″E / 44.650833°N 8.793889°E44.650833; 8.793889 (Bosio)Coordinate: 44°39′03″N 8°47′38″E / 44.650833°N 8.793889°E44.650833; 8.793889 (Bosio)
Altitudine358 m s.l.m.
Superficie67,61 km²
Abitanti1 196[1] (31-11-2017)
Densità17,69 ab./km²
FrazioniCapanne di Marcarolo, Costa Santo Stefano, Maietto, Mogreto, Serra, Spessa, Val Pagani
Comuni confinantiCampo Ligure (GE), Campomorone (GE), Casaleggio Boiro, Ceranesi (GE), Gavi, Genova (GE), Lerma, Masone (GE), Mele (GE), Mornese, Parodi Ligure, Rossiglione (GE), Tagliolo Monferrato, Voltaggio
Altre informazioni
Cod. postale15060
Prefisso0143
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT006022
Cod. catastaleB080
TargaAL
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 783 GG[2]
Nome abitantibosiesi
Patronosan Bernardo
Giorno festivo20 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bosio
Bosio
Bosio – Mappa
Posizione del comune nella provincia di Alessandria
Sito istituzionale

Bosio (Beuso in piemontese, Bêuxo o Bêuzo in ligure[3], nel 1945 era chiamato Bosio dei Martiri della Benedicta) è un comune italiano di 1.185 abitanti della provincia di Alessandria, in Piemonte, situato sull'Appennino Ligure settentrionale, sulla sinistra del torrente Ardana, affluente del Lemme, a sud del capoluogo.

Il comune fu istituito con Decreto Legislativo 5 marzo 1948, separando dal Comune di Parodi Ligure le frazioni di Bosio, Spessa, Serra, Costa S. Stefano e Capanne di Marcarolo. Il territorio comunale apparteneva in precedenza alla Liguria (Divisione di Genova) e fu assegnato al Piemonte ai tempi del Decreto Rattazzi. Bosio è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perché è stata insignita della Croce di Guerra al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Importante l'attività agricola della coltivazione della vite e produzione del vino; Bosio, per la sua particolare collocazione geografica (il comune più vicino al mare del Piemonte), vanta la produzione di due vini a denominazione controllata e garantita, il Gavi o Cortese di Gavi e l'Ovada o Dolcetto d'Ovada superiore e diversi altri vini a denominazione di origine controllata. Il Comune nel 2012 si è dotato di un Albo Comunale dei Vigneti storici.

L'eccidio della Benedicta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Strage della Benedicta.

Il cascinale della Benedicta, antico monastero medievale, fu scelto nella primavera del 1944 come quartier generale dei partigiani stanziati in prossimità del Monte Tobbio. Ad essa facevano riferimento diverse centinaia di giovani male armati e privi di addestramento militare.

Il 7 aprile 1944, forze tedesche e fasciste circondarono la zona e passarono immediatamente all'azione. Oltre ai caduti in combattimento, furono catturate e fucilate 97 persone. Altre decine di partigiani furono in seguito fucilati al passo del Turchino, a Voltaggio, a Cravasco, località poco distante da Campomorone. Altri ancora caddero nel corso del rastrellamento, protrattosi per diversi giorni.

Alcune centinaia di partigiani riuscirono a fuggire, mentre altri 400 vennero deportati a Mauthausen (duecento di loro riuscirono, con l'aiuto della popolazione, a fuggire alla stazione di Sesto San Giovanni). Il cascinale della Benedicta venne minato e fatto saltare dai nazifascisti.

L'evento è ricordato da un sacrario commemorativo sul luogo della strage.

Nel 2001 è sorta l'Associazione "Memoria della Benedicta" che si propone di costruire, presso i ruderi della Benedicta, un centro di documentazione permanente dedicato all'eccidio e, più in generale, ai temi della guerra e della pace. La prima fase dei lavori dell'Associazione ha permesso di recuperare il grande cortile del cascinale e di consolidare i ruderi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1985 26 maggio 1990 Giancarlo Merlo Democrazia Cristiana Sindaco [4]
26 maggio 1990 24 aprile 1995 Tiziana Guido lista civica Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Giovanni Alessandro Ferrettino centro-destra Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Stefano Persano lista civica Sindaco [4]
15 giugno 2004 8 giugno 2009 Giuliano Guido lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Marco Ratti lista civica Sindaco [4]
25 maggio 2014 in carica Stefano Persano lista civica: Bosio nel cuore Sindaco [4]

Parrocchia[modifica | modifica wikitesto]

  • Parrocchia Santi Pietro e Marziano

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN244769429
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte