Stura di Ovada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Torrente Stura
Torrente Stura
Stato Italia Italia
Regioni Liguria Liguria
Piemonte Piemonte
Lunghezza 32,9 km[1]
Portata media 4,3 m³/s[2]
Bacino idrografico 134.5 km²[2]
Nasce Monte Orditano
Sfocia nell'Orba nei pressi di Ovada
44°38′37.76″N 8°38′54.29″E / 44.643822°N 8.648415°E44.643822; 8.648415Coordinate: 44°38′37.76″N 8°38′54.29″E / 44.643822°N 8.648415°E44.643822; 8.648415
Mappa del fiume

Lo Stura è un torrente della Liguria e del Piemonte lungo circa 30km, principale affluente di destra del torrente Orba, che scorre tra la ex-provincia di Genova (ora città metropolitana di Genova) e la provincia di Alessandria.

Il corso del torrente[modifica | modifica wikitesto]

Il torrente a Ovada

Lo Stura nasce, con il nome di torrente Sturetta, dal versante occidentale del monte Orditano, a 938 m s.l.m. d'altitudine nel comune di Ceranesi, dopo aver attraversato i Piani di Praglia, poco a monte di località Stura (Comune di Mele), riceve da destra le acque del Rio di Fregeu e assume la denominazione di torrente Stura, in questo tratto delimita il confine tra Piemonte e Liguria tra i comuni di Ceranesi (GE), Genova, Mele (GE) e Bosio (AL); il settore della vallata appartenente al comune di Bosio è integralmente compreso nel Parco Regionale delle Capanne di Marcarolo. Dopo aver percorso il primo tratto in direzione est - ovest passa presso il passo del Turchino e cambia direzione in sud - nord attraversando i centri abitati di Masone dove riceve il Vezzulla, Campo Ligure dove riceve le acque del Ponzema e dell'Angassino, infine bagna, separandole, le due borgate di Rossiglione inferiore e Rossiglione superiore, ricevendo le acque del Berlino e del Gargassa. Circa 2 km a valle di Rossiglione, poco prima della località Gnocchetto (frazione di Ovada), il torrente entra in territorio piemontese, delimitando per un lungo tratto il confine tra i comuni di Ovada e Belforte Monferrato e confluendo poi nell'Orba al limite settentrionale dell'abitato di Ovada.

Principali affluenti[modifica | modifica wikitesto]

Il rio Masone a monte della Cascata del Serpente.

I principali affluenti della Stura di Ovada sono[3]:

  • destra idrografica:
    • rio Vezzulla (12,12 km²),
    • torrente Ponzema (13,16 km²),
    • rio Angassino (4,02 km²),
    • rio Berlino (13,58 km²),
  • sinistra idrografica:
    • rio Masone (8,35 km²),
    • rio Masca (11,05 km²),
    • rio Gargassa (16,19 km²).

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in l/s[4])
Stazione idrometrica : presso confluenza Orba ()
Fonte : AA.VV., Piano di Tutela delle Acque - Revisione del 1º luglio 2004; Caratterizzazione bacini idrografici Allegato tecnico II.h/1www.regione.piemonte.it; pag. 13; luglio 2004; Regione Piemonte (consultato nell'ottobre 2016)

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Bagnanti sulla Stura a Campo Ligure

Le acque della Stura sono considerate adatte per la pesca alla trota.[5] Alcuni tratti del torrente possono essere percorsi con la canoa o il kayak.[6] Vari tratti della costa del torrente sono inoltre frequentati, durante l'estate, da numerosi bagnanti.[7]

Protezione della natura[modifica | modifica wikitesto]

Il torrente segna per un tratto il confine del Parco naturale delle Capanne di Marcarolo.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., Elaborato I.c/5 (PDF), in Piano di Tutela delle Acque - Revisione del 1º luglio 2004; Caratterizzazione bacini idrografici, Regione Piemonte, 1º luglio 2004. URL consultato il 27 maggio 2013.
  2. ^ a b AA.VV., Elaborato I.c/7 (PDF), in Piano di Tutela delle Acque - Revisione del 1º luglio 2004; Caratterizzazione bacini idrografici, Regione Piemonte, 1º luglio 2004. URL consultato il 18 aprile 2014.
  3. ^ La superficie in km quadrati riportata tra parentesi è tratta dall'elaborato T8_ecolog_interventi_stura_200 dell'ex-provincia di Genova, on-line sul sito cartogis.provincia.genova.it
  4. ^ le portate sono ottenute moltiplicando i valori mensili della curva delle portate per la portata madia annua
  5. ^ Le acque da trota, su pescainpiemonte.sitiwebs.com. URL consultato il 22 aprile 2016.
  6. ^ Stura del Turchino, su www.canoaclubalessandria.it. URL consultato il 22 aprile 2016.
  7. ^ Il territorio di Ovada, scheda sul sito istituzionale www.comune.ovada.al.it
  8. ^ I confini del parco, su www.areeprotetteappenninopiemontese.it, Ente di gestione delle Aree protette Appennino piemontese. URL consultato il 27 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]