Idrografia di Genova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Genova.

Il Bisagno a San Fruttuoso e i resti dell'antico ponte di S. Agata
I disastrosi effetti dell’alluvione che ha colpito Sestri Ponente nell'ottobre del 2010: auto ammassate nei pressi del rio Molinassi.

Quasi tutti i corsi d'acqua che attraversano il territorio comunale di Genova hanno origine sul versante meridionale dell'Appennino Ligure e dopo un breve percorso in direzione nord-sud sfociano nel Mar Ligure, l'unico torrente che nasce sul versante settentrionale dell'Appennino Ligure è lo Stura che delimita il confine con il comune di Bosio e quindi con il Piemonte. Questi corsi d'acqua hanno regime torrentizio e in genere nel periodo estivo sono in stato di secca, mentre in conseguenza delle piogge autunnali e invernali possono verificarsi improvvise piene che talvolta provocano lo straripamento del corso d'acqua stesso, causando anche disastrosi eventi alluvionali; tali eventi sono favoriti dalla forte pendenza dei declivi vallivi, che non consente l'infiltrazione delle acque superficiali e quindi il suo assorbimento da parte del terreno, ma ne alimenta un rapido deflusso a fondovalle.

Di seguito sono elencati i torrenti che attraversano il comune di Genova da ovest a est, partendo dal torrente Cerusa, alla cui foce corrisponde il punto più settentrionale del Mediterraneo occidentale e dove, geograficamente, convergono la riviera ligure di ponente e la riviera ligure di levante, anche se convenzionalmente si considera il centro di Genova come punto di separazione tra le due riviere. Gli affluenti del Polcevera e del Bisagno sono indicati da nord a sud.

Ponente[modifica | modifica wikitesto]

Torrente Quartiere Sorgente Lunghezza Superficie bacino Principali affluenti [1] Fonte Coordinate (foce) Note
Stura Monte Orditano 31 km 23 km²

Vezzulla (dx),

Ponzema (dx),

Angassino (o Langassino) (dx),

Gargassa (sx),

Berlino (sx)

Cerusa Voltri Bric del Dente 11 km 23 km²

Gava (dx),

Secco (sx)

[2] 44°25′37.17″N 8°44′32.92″E / 44.426992°N 8.742478°E44.426992; 8.742478
Leira Voltri Passo del Turchino 10 km 27 km²

Gorsexio (dx),

Acquasanta (sx)

[3] 44°25′37.12″N 8°45′07.22″E / 44.426978°N 8.752006°E44.426978; 8.752006 [4]
Branega Prà Monte Riondo 7 km 4,8 km² Numerosi ma poco significativi [5] 44°25′35.02″N 8°46′37.64″E / 44.426394°N 8.777122°E44.426394; 8.777122
San Pietro (o Foce) Prà Pian delle Monache 3 km 3,6 km² Fagaggia (dx) [6] 44°25′35.64″N 8°47′12.42″E / 44.426567°N 8.786783°E44.426567; 8.786783
Varenna Pegli Monte Proratado 12 km 22 km²

Gandolfi (dx),

Cantalupo (dx)

[7] 44°25′28.07″N 8°49′20.05″E / 44.424464°N 8.822236°E44.424464; 8.822236
Chiaravagna Sestri Ponente Bric Pria Scugiente, Bric Rondinino 7 km 11 km²

Bianchetta (dx),

Cassinelle (sx),

Ruscarolo (sx)

[8] 44°25′07.99″N 8°51′04.64″E / 44.418886°N 8.851289°E44.418886; 8.851289 [9]

Rivi minori del Ponente[modifica | modifica wikitesto]

Tra la foce del Leira e quella del Polcevera oltre a quelli elencati si trovano una serie di bacini di piccolissime dimensioni (< 2 km²), percorsi da brevi rivi, spesso tombinati, che scorrono quasi completamente in aree urbanizzate [10]; tra questi si possono citare:

  • Rexello (Pegli)
  • Marotto (Multedo)
  • Molinassi (Sestri Ponente)
  • Cantarena (Sestri Ponente)
  • Gandolfo (Cornigliano)
  • San Pietro (Cornigliano)

Val Polcevera[modifica | modifica wikitesto]

Il Polcevera a Campi, all'altezza del viadotto Polcevera dell'autostrada A10.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Polcevera.

Il Polcevera è il maggiore bacino idrografico a ponente di Genova. Sfocia nell'area portuale tra Cornigliano e Sampierdarena, dopo aver attraversato i quartieri di Pontedecimo, Bolzaneto e Rivarolo.

La parte iniziale del suo corso, che scorre tra i comuni di Ceranesi e Campomorone, prende il nome di Verde, e convenzionalmente assume il nome di Polcevera solo dopo la confluenza del Riccò, a Pontedecimo.

Il bacino idrografico del Polcevera oltre che nei comuni di Genova, Ceranesi e Campomorone, si estende con i suoi affluenti anche in quelli di Mignanego, Serra Riccò e Sant'Olcese.

Nella seguente tabella sono riportati i dati relativi al Polcevera ed ai suoi principali affluenti.

Torrente Quartiere Sorgente Lunghezza Superficie bacino Principali affluenti [1] Fonte Coordinate (foce) Note
Polcevera

Pontedecimo

Bolzaneto

Rivarolo

Cornigliano

Sampierdarena

Monte Leco

19 km [11]

11 km [12]

140 km² Elencati di seguito nella tabella [13] 44°24′36.53″N 8°52′35.49″E / 44.410147°N 8.876525°E44.410147; 8.876525
Verde Pontedecimo Monte Leco 8 km 33 km²

San Martino (dx),

Gioventina (sx)

[13] 44°29′52.05″N 8°54′09.11″E / 44.497792°N 8.902531°E44.497792; 8.902531 [14]
Burba (affluente destro) Bolzaneto Monte Figogna 4 km Molinassi (dx) [13] 44°27′58.35″N 8°53′56.36″E / 44.466208°N 8.898989°E44.466208; 8.898989 [15]
Trasta (affluente destro)

Bolzaneto Rivarolo (Trasta)

Monte Teiolo 3 km [13] 44°27′06.58″N 8°53′30.95″E / 44.451828°N 8.891931°E44.451828; 8.891931
Pianego o Fegino (affluente destro) Borzoli Monte Rocca dei Corvi 3 km [13] 44°26′05.36″N 8°53′22.14″E / 44.434822°N 8.889483°E44.434822; 8.889483 [16]
Riccò (affluente sinistro) Pontedecimo Bric Montaldo 8 km 21 km² Montanesi (sx) [13] 44°29′52.05″N 8°54′09.11″E / 44.497792°N 8.902531°E44.497792; 8.902531 [17]
Secca (affluente sinistro) Bolzaneto Monte Capanna 12 km 45 km²

Pernecco (sx),

Comago (sx),

Sardorella (sx)

[13] 44°28′01.27″N 8°54′05.25″E / 44.467019°N 8.901458°E44.467019; 8.901458 [18]
Goresina o Geminiano (affluente sinistro) Bolzaneto Monte Due Fratelli 3 km [13] 44°27′19.04″N 8°53′49.8″E / 44.455289°N 8.897167°E44.455289; 8.897167
Torbella (affluente sinistro) Rivarolo Monte Due Fratelli 5 km Rovara, Bruciate (dx),

Rio del Diavolo,

Rivassa, Garbo (dx)

[13] 44°26′04.03″N 8°53′25.85″E / 44.434453°N 8.890514°E44.434453; 8.890514
Maltempo (affluente sinistro) Rivarolo Mura di Granarolo 2 km 44°25′54.85″N 8°53′25.47″E / 44.431903°N 8.890408°E44.431903; 8.890408 [19]

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

La valle del Lagaccio con il campo sportivo sorto sull'area dell'antico lago artificiale

La dorsale che dallo spartiacque appenninico, in direzione da nord a sud, separa le valli del Polcevera e del Bisagno, giunta in corrispondenza del Monte Peralto (sul quale sorge il Forte Sperone) si divide in due rami, coronati dalla cerchia delle mura seicentesche, che racchiudono i quartieri storici di Genova. La dorsale di ponente scende fino al capo Faro, dove sorge la Lanterna, quella di levante al colle di Carignano. Quest'area, di circa 8,5 km² e quasi completamente urbanizzata, è divisa tra i bacini di otto piccoli corsi d'acqua, che scorrono tombinati sotto le vie dei vari quartieri, ad eccezione dei tratti a monte del rio Lagaccio e del rio San Lazzaro.[20]

Il maggiore di questi è il rio Lagaccio (circa 3 km di lunghezza, di cui uno allo scoperto, ed un bacino di 2,36 km²); tutti i rivi del centro storico sfociano nel bacino portuale genovese. Questi corsi d'acqua, da ovest a est, sono i seguenti:

Val Bisagno[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bisagno.
Il Bisagno a Genova; nella fotografia si vede l'inizio della copertura, in corrispondenza della stazione Brignole. Sullo sfondo i grattacieli della Corte Lambruschini

Il Bisagno, con un bacino di 95 km² e una lunghezza di circa 25 km, è il maggiore bacino idrografico a levante di Genova.

Attraversa i comuni di Bargagli e Davagna e i quartieri genovesi di Struppa, Molassana, Staglieno, Marassi, San Fruttuoso; sfocia nel quartiere della Foce.

Sulla copertura dell'ultimo tratto del suo corso, realizzata negli anni trenta del Novecento, corre il viale Brigate Partigiane, importante arteria della viabilità urbana genovese.

Nella seguente tabella sono riportati i dati relativi al Bisagno ed ai suoi principali affluenti.

Torrente Quartiere Sorgente Lunghezza Superficie bacino Principali affluenti [1] Fonte Coordinate (foce) Note
Bisagno

Struppa (Prato, Doria)

Molassana

Staglieno

Marassi

San Fruttuoso

Foce

Passo della Scoffera 25 km 95 km² Elencati di seguito nella tabella [23] 44°23′43.47″N 8°56′35.26″E / 44.395408°N 8.943128°E44.395408; 8.943128
Canate (affluente destro) Struppa Monte Bastia di Marsiglia 4 km 8,8 km² Arvigo (sx) [23] 44°27′05.47″N 9°02′01.25″E / 44.451519°N 9.033681°E44.451519; 9.033681 [24]
Torbido (affluente destro) Struppa Passo Gola di Sisa 5 km 6 km² [23] 44°26′53.34″N 9°00′24.07″E / 44.44815°N 9.006686°E44.44815; 9.006686
Geirato (affluente destro) Molassana Monte Alpe 4 km 7,6 km² Rio Maggiore (dx) [23] 44°27′13.41″N 8°58′49.06″E / 44.453725°N 8.980294°E44.453725; 8.980294
Trensasco (affluente destro) Trensasco di Sant'Olcese,

San Gottardo

Monte Trensasco 2 km [23] 44°26′47.27″N 8°58′07.19″E / 44.446464°N 8.968664°E44.446464; 8.968664 [25]
Cicala (affluente destro) San Gottardo Monte Due Fratelli (versante orientale) 3 km [23] 44°26′35.42″N 8°57′53.59″E / 44.443172°N 8.964886°E44.443172; 8.964886
Veilino (affluente destro) Staglieno Monte Due Fratelli (versante orientale) 3 km Briscata (dx),

Campobinello (dx),

Casamavari (dx),

Poggetti (sx)

[23] 44°25′39.53″N 8°56′58.67″E / 44.427647°N 8.949631°E44.427647; 8.949631 [26]
Lentro (affluente sinistro) Struppa

Nervi

Monte Becco 6 km 11,6 km² [23] 44°26′26.54″N 9°02′53.93″E / 44.440706°N 9.048314°E44.440706; 9.048314 [27]
Fereggiano (affluente sinistro)

Quezzi

Marassi

Monte Ratti 4 km Molinetto (dx),

Finocchiara (sx),

Costa Bruciata (sx)

[23] 44°24′49.45″N 8°57′13.89″E / 44.413736°N 8.953858°E44.413736; 8.953858 [28][29]
Noce (affluente sinistro) San Fruttuoso Camaldoli 3 km 44°24′28.16″N 8°57′04.91″E / 44.407822°N 8.951364°E44.407822; 8.951364 [30]

Levante[modifica | modifica wikitesto]

Torrente Quartiere Sorgente Lunghezza Superficie bacino Principali affluenti [1] Fonte Coordinate (foce) Note
Vernazza San Martino

Sturla

Loc. Manegu (Forte Richelieu) 3,8 km 1.9 km²

Chiappeto (dx),

Puggia (sx)

[20] 44°23′27.99″N 8°58′47.2″E / 44.391108°N 8.979778°E44.391108; 8.979778 [31]
Sturla Bavari

San Desiderio

Borgoratti

Sturla

Monte Riega 9 km 13 km²

Canè (dx),

Nasche (dx),

Carpenea (sx),

Pomà (sx)

[32] 44°23′31.31″N 8°59′03.64″E / 44.392031°N 8.984344°E44.392031; 8.984344
Priaruggia Quarto Monte Borriga 3 km 1.7 km² [20] 44°23′14.02″N 8°59′50.45″E / 44.387228°N 8.997347°E44.387228; 8.997347
Castagna Quarto Monte Borriga 3 km 1,5 km² Fontagne (sx) [20] 44°23′10.43″N 9°00′10.72″E / 44.386231°N 9.002978°E44.386231; 9.002978
Bagnara Quinto Monte Fasce 3,4 km 1,6 km² [20] 44°23′06.88″N 9°00′40.9″E / 44.385244°N 9.011361°E44.385244; 9.011361
San Pietro Quinto Monte Fasce 2,6 km 1,3 km² [20] 44°23′07.27″N 9°00′49.44″E / 44.385353°N 9.013733°E44.385353; 9.013733
Nervi Nervi Monte Bastia 5 km 9,4 km² Garega (dx),

Montetto (dx),

Scaglia (dx),

Orsiggia dell'Arma (dx)

[20] 44°22′59.72″N 9°01′57.54″E / 44.383256°N 9.03265°E44.383256; 9.03265

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d dx=destro, sx=sinistro
  2. ^ Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 19 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016). Piano di Bacino Stralcio sul Bilancio Idrico - Il Bacino del Torrente Cerusa.
  3. ^ Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 21 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016). Studio relativo alla disponibilità idrica dei corpi idrici non significativi ricadenti nel versante ligure - Il Bacino del Torrente Leiro
  4. ^ Il bacino del Leira nella parte più a monte appartiene al comune di Mele.
  5. ^ http://cartogis.provincia.genova.it/cartogis/pdb/branega/branega/normativa/branega_fascicolo_1.pdf Archiviato il 26 agosto 2003 in Internet Archive. Piano di Bacino Stralcio del Torrente Cerusa.
  6. ^ http://cartogis.provincia.genova.it/cartogis/pdb/spietro/spietro/normativa/spietro_fascicolo_1.pdf Archiviato il 27 agosto 2004 in Internet Archive. Piano di Bacino – Torrente S. Pietro
  7. ^ http://cartogis.provincia.genova.it/pdb/bilancio_idrico/bilancio_idrico/ambito12_13/testi/relazione%20varenna.pdf Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive. Studio relativo alla disponibilità idrica dei corpi idrici non significativi ricadenti nel versante ligure - Il Bacino del Torrente Varenna
  8. ^ Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 15 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2013). Piano di Bacino Stralcio sul Bilancio Idrico - Il Bacino del Torrente Chiaravagna
  9. ^ La foce si trova in prossimità dell’Aeroporto Cristoforo Colombo; nel bacino del Chiaravagna sono compresi anche i piccoli rivi Negrone e Senza Nome, sul versante sinistro, convogliati artificialmente nel Chiaravagna quando furono realizzati i riempimenti a mare per la costruzione dell’area Italsider e dell’aeroporto.
  10. ^ Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 1º ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2013). Piano di Bacino ambiti 12 e 13 – Relazione Generale.
  11. ^ Lunghezza complessiva, incluso il corso del torrente Verde.
  12. ^ Lunghezza da Pontedecimo alla foce
  13. ^ a b c d e f g h i http://cartogis.provincia.genova.it/cartogis/pdb/polcevera/polcevera/documenti/fascicolo1.pdf Archiviato il 27 agosto 2004 in Internet Archive. Piano di Bacino Stralcio sul Bilancio Idrico - Il Bacino del Torrente Polcevera.
  14. ^ Il tratto a monte è compreso nei comuni di Ceranesi e Campomorone.
  15. ^ Il tratto a monte è compreso nel comune di Ceranesi; il corso dell'affluente Molinassi divide il comune di Genova da quello di Ceranesi.
  16. ^ Il tratto finale del percorso, tombinato, corre all’interno dello stabilimento Ansaldo.
  17. ^ Il tratto a monte è compreso nei comuni di Mignanego e Serra Riccò.
  18. ^ Il tratto a monte è compreso nei comuni di Serra Riccò e Sant’Olcese.
  19. ^ Il torrente è formato nella parte alta da due rivi denominati semplicemente Maltempo I e Maltempo II. Il tratto urbano del percorso è tombinato e corre al di sotto del parcheggio ricavato nell’area ex Fillea e delle strade di Certosa.
  20. ^ a b c d e f g http://cartogis.provincia.genova.it/cartogis/pdb/ambito14/ambito14/documenti/Relazione_Generale_Amb14.pdf Archiviato il 16 giugno 2013 in Internet Archive. Piano di Bacino stralcio sul rischio idrogeologico, Ambito 14, Relazione generale.
  21. ^ Anche se elencato dal Piano di Bacino tra i torrenti del centro di Genova, il fossato San Bartolomeo, come il vicino fosso di Promontorio, si trova all'esterno della cerchia delle colline che circondano la città; prima dello sbancamento del colle di San Benigno il suo bacino, nella parte bassa, era nettamente separato da quello del rio San Lazzaro.
  22. ^ Nella parte alta del bacino nel Cinquecento era stato realizzato il lago artificiale, detto Lagaccio, destinato all'approvvigionamento idrico del Palazzo del Principe; il lago fu colmato negli anni sessanta del Novecento.
  23. ^ a b c d e f g h i Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 9 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2016). Piano di Bacino Stralcio sul Bilancio Idrico - Il Bacino del Torrente Bisagno.
  24. ^ Il versante sinistro della valle è compreso nel comune di Davagna.
  25. ^ Tratto iniziale del percorso nel comune di Sant’Olcese.
  26. ^ Il tratto finale del percorso, coperto, è canalizzato all’interno del Cimitero monumentale di Staglieno.
  27. ^ Il versante destro della valle è compreso nel comune di Bargagli.
  28. ^ Il tratto finale, coperto per circa 1,4 km, è in parte percorso dalla omonima via che collega Marassi a Quezzi, in parte corre sotto le strade di Marassi. Il torrente è interessato dal progetto del canale scolmatore del Bisagno
  29. ^ Studio Maione Ingegneri Associati, Canale scolmatore a servizio del torrente Bisagno, in Comune di Genova, su studiomaione.it. URL consultato il 24-2-2010 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2011).
  30. ^ Il percorso è interamente tombinato e corre al di sotto delle strade di San Fruttuoso; anche il rio Noce è interessato dal progettato canale scolmatore del Bisagno.
  31. ^ Il torrente è tombinato per tre quarti del suo corso.
  32. ^ Copia archiviata (PDF), su cartogis.provincia.genova.it. URL consultato il 3 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013). Piano di Bacino stralcio sul rischio idrogeologico Ambito 14 - Torrente STURLA - Relazione generale

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]