Banzai (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banzai S.p.A
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: BANZ
Fondazione 2007 a Milano
Sede principale Milano, Via Gian Battista Vico 42
Persone chiave
  • Paolo Ainio (Fondatore, Presidente e AD)
  • Edoardo Giorgetti (AD di Banzai Commerce)
  • Andrea Santagata (AD di Banzai Media)
  • Emanuele Romussi (Direttore finanziario)
Settore eCommerce, Pubblicità su Internet
Fatturato 153 milioni euro[1] (2013)
Dipendenti 303[1] (2013)
Sito web www.banzai.it

Banzai S.p.A è una holding italiana del settore Internet. È attiva nel mercato dell'e-Commerce in Italia, in cui, con i marchi ePrice e Saldiprivati, si posiziona tra i primi operatori locali[2], e nel mercato dell'editoria online, con website specializzati su target specifici, come GialloZafferano per gli appassionati di cucina o PianetaDonna per l'universo femminile.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Prospetto Informativo approvato dalla Consob a febbraio 2015[3][4], Banzai opera in due settori principali, attraverso una serie di siti web che fanno capo alle controllate Banzai Commerce e Banzai Media.

Guardando i numeri di bilancio pubblicati dall'azienda[5], il fatturato dell'e-Commerce dipende significativamente dalle vendite di ePRICE, negozio online specializzato in elettronica e elettrodomestici, e dalle vendite di Saldiprivati, un outlet online che propone ai propri utenti vendite private di capi d'abbigliamento, calzature, accessori, casalinghi e prodotti per l'infanzia e per la famiglia.

Il fatturato dell'offerta editoriale di Banzai viene invece realizzato, in prevalenza, attraverso la vendita di spazi pubblicitari online sui portali dell'azienda. Nei documenti pubblici, come il Prospetto Informativo dell'azienda, vengono citate anche altre forme di ricavo come la realizzazione di progetti di marketing ad hoc per aziende che investono in pubblicità[6].

eCommerce[modifica | modifica wikitesto]

  • ePRICE, Saldiprivati e altri siti come ePlaza, MisterPrice, Sitonline

Media[modifica | modifica wikitesto]

  • Secondo alcune società specializzate nella rilevazione del traffico dei siti Internet, come Audiweb[7] e Comscore [8], i siti web del gruppo Banzai generano oltre 18 milioni di visitatori unici al mese: tra questi, ci sono PianetaDonna, GialloZafferano, Studenti.it, ilPost.it, AlterVista e altri siti come Cookaround, FilmTv, Giornalettismo, Liquida, Smartworld, Soldionline, Sportlive, Studenti, Zingarate, O2O.it

Tra i principali azionisti, nel febbraio 2015 figurano il fondatore Paolo Ainio, Sator Fund, Micheli e Associati, Vis Value, oltre che un gruppo di manager dell'azienda[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Banzai
  2. ^ Milano Finanza, Banzai, il 39% in borsa vale fino a 277 milioni, 2 febbraio 2015.
  3. ^ Prospetti Informativi pubblicati da Consob.
  4. ^ Area delle Investor Relation di Banzai.
  5. ^ Prospetto Informativo Banzai S.P.A. depositato presso la Consob, 2015, pp. pp.132-133.
  6. ^ Prospetto Informativo Banzai S.P.A. depositato presso la Consob, 2015, p. pag. 172.
  7. ^ Banzai: PianetaDonna e GialloZafferano superano i 18 milioni di utenti unici nel mese di ottobre.
  8. ^ Italiaonline, Yahoo! e Banzai i tre campioni della total digital audience in Italia secondo comScore.
  9. ^ Repubblica.it, Chi è Banzai, la società che si quota e porta in Borsa Giallo Zafferano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]