Ciriaco De Mita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ciriaco De Mita
Ciriaco de Mita.jpg

Sindaco di Nusco
In carica
Inizio mandato 26 maggio 2014
Predecessore Giuseppe De Mita

Presidente del
Consiglio dei ministri
Durata mandato 13 aprile 1988 –
22 luglio 1989
Presidente Francesco Cossiga
Predecessore Giovanni Goria
Successore Giulio Andreotti

Segretario nazionale della
Democrazia Cristiana
Durata mandato maggio 1982 –
febbraio 1989
Predecessore Flaminio Piccoli
Successore Arnaldo Forlani

Presidente della
Democrazia Cristiana
Durata mandato 16 marzo 1989 –
1992
Predecessore Arnaldo Forlani
Successore Rosa Russo Iervolino

Ministro per gli
Interventi straordinari nel Mezzogiorno
Durata mandato 1978 –
1979
Presidente Aldo Moro

Ministro del Commercio Internazionale
Durata mandato 23 novembre 1974 –
29 luglio 1976
Presidente Aldo Moro
Predecessore Gianmatteo Matteotti
Successore Rinaldo Ossola

Ministro dell'Industria, Commercio e Artigianato
Durata mandato 7 luglio 1973 –
23 novembre 1974
Presidente Mariano Rumor
Predecessore Mauro Ferri
Successore Carlo Donat-Cattin

Vicesegretario della
Democrazia Cristiana
Durata mandato 1969 –
1973
Presidente Arnaldo Forlani

Sottosegretario dell'Interno
Durata mandato 14 dicembre 1968 –
5 agosto 1969
Presidente Mariano Rumor
Predecessore Angelo Salizzoni
Successore Ernesto Pucci

Presidente della commissione
bicamerale per le riforme costituzionali
Durata mandato 1992 –
maggio 1993
Presidente Giuliano Amato
Successore Nilde Iotti

Dati generali
Partito politico Unione di Centro (dal 2008)
Precedenti:
DC (fino al 1994)
PPI (1994-2002)
DL (2002-2007)
PD (2007-2008)
Alma mater Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
on. Ciriaco De Mita
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Ciriaco De Mita
Luogo nascita Nusco
Data nascita 2 febbraio 1928 (1928-02-02) (86 anni)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Consulente
Partito DC poi PPI poi DL poi PD
Legislatura IV, V, VI, VII, VIII, IX, X, XI, XIII, XIV, XV
Gruppo Democratico Cristiano
Popolare Democratico (XIII)
La Margherita (XIV)
Partito Democratico (XV)
Coalizione Indipendente (XIII), L'Ulivo (XIV)
Circoscrizione Benevento, Liguria (X),
Campania II (XV)
Collegio Mirabella Eclano (XIII, XIV)
Pagina istituzionale
Ciriaco De Mita
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Consulente
Partito PPI poi UDC
Legislatura V, VII
Gruppo PPE
Circoscrizione Italia meridionale
« Marco Damilano, nel libro Democristiani immaginari, ricorda una battuta che circolava in Transatlantico e che rende l’idea di quanto fosse potente De Mita: Napoli è stata ribattezzata Avellino marittima  »
(Vittorio Zincone, Corriere Magazine, 2008)

Ciriaco De Mita, allo stato civile Luigi Ciriaco De Mita (Nusco, 2 febbraio 1928), è un politico italiano, sindaco di Nusco dal 26 maggio 2014.

Tra gli uomini più potenti nell'Italia degli anni ottanta[1], è stato Presidente del Consiglio dei Ministri, Segretario nazionale e poi Presidente della Democrazia Cristiana e quattro volte Ministro. Deputato dal 1963 al 2008 ed eurodeputato dal 2009, dopo la DC ha fatto parte del Partito Popolare Italiano e della Margherita e dal 2008 dell'Unione di Centro. Ha inizialmente aderito al progetto del Partito Democratico. Allontanato per via dello statuto del PD che puntava a un rinnovo della classe politica, ha aderito all'Unione di Centro. Ultimo importante incarico ricoperto è stato quello di presidente della seconda Bicamerale per le riforme costituzionali tra il 1993 e il 1994. Fu soprannominato criticamente il padrino della DC e l'uomo del doppio incarico (segretario della DC e Presidente del Consiglio).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un sarto e di una casalinga, nato e cresciuto a Nusco, in Provincia di Avellino, dopo aver frequentato il liceo nella vicina Sant'Angelo dei Lombardi, vince una borsa di studio nel Collegio Augustinianum e si iscrive all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove si laurea in giurisprudenza per poi iniziare a lavorare presso l'ufficio legale Eni di Enrico Mattei. La moglie, Anna Maria Scarinzi, è stata segretaria di Fiorentino Sullo.

Nel 1956 De Mita venne eletto consigliere nazionale della DC al congresso di Trento. In quella sede si fece notare perché criticò Fanfani, e contestò i criteri organizzativi del partito. Eletto deputato per la prima volta nel 1963, per il collegio di Benevento, Avellino e Salerno, nel 1966 alla Camera lanciò l’ipotesi di un accordo con i comunisti a proposito dell’attuazione dell’ordinamento regionale. Nel 1968 entrò a far parte del governo come sottosegretario all'interno.

I basisti[modifica | modifica sorgente]

Ciriaco De Mita con il Segretario della DC per la Provincia di Avellino Attilio Fierro negli anni settanta
« Chi non è allineato con la base di certo non va avanti nel partito »
(Enzo Venezia[2])

Fu tra i fondatori della corrente di "sinistra" della DC, chiamata "Sinistra di base" (o "la Base"), sostituendosi a Fiorentino Sullo come capocorrente irpino negli anni in cui la DC Irpina si andava affermando a livello nazionale[3]. Vicini a De Mita in quegli anni Gerardo Bianco, Nicola Mancino, Gianni Raviele e il segretario della DC per la Provincia di Avellino dell'epoca, l'amico e collaboratore Attilio Fierro, della vicina Montella. Fu vicesegretario della DC durante la segreteria di Arnaldo Forlani, ma si dimise da tale carica nel febbraio del 1973 dopo il patto di palazzo Giustinani. Ricoprì poi diverse cariche ministeriali tra il 1973 e il 1982.

Nel 1982 è De Mita a nominare Romano Prodi, già suo consigliere economico, ai vertici dell'IRI, dove rimarrà fino al 1989.

Segretario nazionale della DC[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere riuscito a smantellare le correnti interne alla DC facendo prevalere la sua, De Mita venne eletto segretario nazionale della DC nel maggio 1982. Il suo partito subì un grave calo nelle elezioni politiche del 1983; nonostante ciò, De Mita restò in carica, venendo ripetutamente confermato fino al congresso del 1989.

È in questo periodo che Gianni Agnelli disse di De Mita: "È un tipico intellettuale della Magna Graecia". Gli replicò Indro Montanelli, dicendo: "Dicono che De Mita sia un intellettuale della Magna Grecia. Io però non capisco cosa c'entri la Grecia"[4].

Nel 1985, nella classifica degli uomini più potenti d'Italia, compilata come ogni anno dal settimanale Il Mondo, De Mita risultò al terzo posto dopo Gianni Agnelli e Bettino Craxi[1].

Per quanto l'esperienza politica di De Mita sia troppo recente per una valutazione storiografica, egli sarà ricordato indubbiamente per la sua rivalità con Bettino Craxi, leader socialista che negli anni ottanta occupò la carica di Presidente del Consiglio per ben quattro anni. Craxi ha sempre rivendicato una sua spinta riformista contrapposta all'immobilismo della Democrazia Cristiana e nel 1987 entrò in rotta di collisione proprio con l'allora partito di maggioranza relativa per la rottura del cosiddetto Patto della staffetta, in base al quale il PSI avrebbe dovuto cedere alla DC il testimone della guida del Governo nell'ultimo anno di legislatura. Così nel 1987 si determinò uno scioglimento anticipato delle Camere.

Presidente del Consiglio dei Ministri[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Governo De Mita.

Dopo la caduta del governo Craxi II, di cui De Mita fu in parte responsabile, e un breve incarico a Giovanni Goria, nell'aprile del 1988 Il presidente della Repubblica Francesco Cossiga affidò l'incarico di formare un nuovo governo a De Mita[5], che si trova alla guida di un pentapartito, sostenuto dai democristiani, dai socialisti, dai repubblicani, dai socialdemocratici e dai liberali. La nomina di De Mita a Presidente del Consiglio fu però funestata tre giorni dopo dall'assassinio da parte delle Brigate Rosse di Roberto Ruffilli, senatore della Democrazia Cristiana e consulente di De Mita per le riforme istituzionali, che aveva contribuito a varare proprio il governo che stava allora entrando in carica. Le Brigate Rosse definirono Ruffilli, nel volantino di rivendicazione "l'uomo chiave del rinnovamento, vero e proprio cervello politico del progetto demitiano".[6].

I detrattori di De Mita parleranno del suo governo come del clan degli avellinesi. In quegli anni si trovarono a essere originari della Provincia di Avellino oltre al capo del governo nonché segretario del maggiore partito: il numero due del maggiore partito, il Ministro degli Affari regionali e Problemi istituzionali Antonio Maccanico, il direttore generale della RAI Biagio Agnes, il capogruppo al Senato del partito di maggioranza Nicola Mancino e il vicepresidente della Camera Gerardo Bianco[7][8].

Il 22 febbraio 1989 Arnaldo Forlani venne nominato nuovo Segretario della DC. Un mese dopo il "Consiglio Nazionale della Democrazia cristiana" riunito a Roma nominò De Mita Presidente della DC. Nel maggio De Mita rassegnò le dimissioni dal suo primo governo. Riottenne l'incarico l'11 giugno, dopo il fallimento del mandato esplorativo affidato a Spadolini. Il 6 luglio 1989 De Mita rinunciò all'incarico di formare un nuovo governo, incarico che Cossiga conferì poi a Giulio Andreotti. Il Governo De Mita rimase in carica fino al 22 luglio 1989.

Le trasformazioni della DC, Tangentopoli e il PPI[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Partito Popolare Italiano (1994-2002).

Nel 1989 De Mita fu sostituito alla segreteria della DC da Forlani, assumendo la presidenza del partito, carica mantenuta fino al 1992, eccezion fatta per un breve periodo nel 1990.

Nominato il 9 settembre 1992 presidente della commissione bicamerale per le riforme istituzionali, disciplinata con legge costituzionale (n. 1, 6 agosto 1993), si dimise nel marzo del 1993 e gli subentrò Nilde Iotti.

Nello stesso anno, nel momento di trasformazione della DC entrò a far parte del Partito Popolare Italiano.

È uscito indenne dal terremoto giuridico e istituzionale di Tangentopoli grazie all’amnistia del 1990 che, eliminando i risvolti penali dai reati di corruzione e concussione commessi sino al 1989, ha impedito la sua processabilità relativamente ai finanziamenti illeciti confessati dal tesoriere del partito, Severino Citaristi. De Mita in seguito si schierò con i Popolari di Gerardo Bianco, corrente di sinistra del partito, contro Rocco Buttiglione che, difformemente alle decisioni congressuali, aveva deciso di allearsi con Forza Italia, partito di centro-destra.

La Margherita e L'Ulivo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi L'Ulivo.

Nel 1996 sostenne la nascita della coalizione di centro-sinistra, L'Ulivo.

Contribuì, nel 2002, all'ingresso del Partito Popolare nella Margherita e alla nascita del nuovo partito centrista. Ribadì, in più occasioni, la propria contrarietà al progetto di "Uniti nell'Ulivo" (lista unitaria con DS, SDI e Repubblicani Europei), tanto da convincere, con Franco Marini, il partito a presentarsi, alle elezioni politiche del 2006, nella coalizione di centro-sinistra L'Unione, con la propria lista al Senato e non con la lista unitaria.

Il Partito Democratico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Partito Democratico.

Al secondo Congresso della Margherita De Mita comunicò nella sua lunga relazione la sua adesione al nuovo Partito Democratico raccogliendo moltissimi applausi dalla platea diellina. Durante l'assemblea costituente del PD è stato nominato membro della commissione statuto del nuovo partito. Questa decisione ha suscitato qualche contestazione da parte della platea.[9] In quanto ex Presidente del consiglio iscritto al partito, è stato nominato componente di diritto del coordinamento nazionale del Partito Democratico.

Il 20 febbraio 2008 annuncia il suo ritiro dal PD, in polemica con lo statuto del partito, che prevede un tetto massimo di tre legislature complete, in base al quale sarebbe stato escluso dalle candidature alle elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008.[10] Il giorno prima Tino Iannuzzi, segretario regionale campano del PD, aveva sostenuto la candidatura di De Mita nelle liste presentate dalla formazione politica democratica in Campania.[11] Ha quindi fondato i "Popolari per la Costituente di Centro" che ha fatto fondere al nucleo campano dell'Udeur di Clemente Mastella per dar vita al Coordinamento Popolari - Margherita per la Costituente di Centro, movimento con cui è entrato nella Costituente di Centro di Pier Ferdinando Casini.

L'adesione all'Unione di Centro e l'elezione a sindaco di Nusco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Unione di Centro (2008).

Alle elezioni del 13 e 14 aprile 2008, si è candidato capolista al Senato in Campania per l'Unione di Centro, ma non è stato eletto.

In totale, è stato deputato ininterrottamente dalla IV alla XI legislatura, e dalla XIII alla XV.

Alle elezioni europee del 2009 è stato eletto al Parlamento Europeo nell'UDC con 56.575 preferenze, nella circoscrizione Sud [12]

È commissario regionale dell'UdC in Campania assieme a Gianpiero Zinzi.[13]

Secondo VoteWatch, a fine marzo 2011, dopo quasi due anni dalle elezioni del 2009, Luigi Ciriaco De Mita (con il 67,37% di presenze in seduta plenaria) risulta essere al 708º posto su 733, nella classifica complessiva delle presenze di tutti gli europarlamentari.[14]

De Mita continua ad avere una forte influenza sulla vita politica della Campania per la capacità di attrarre voti[15] e di riflesso sulla politica nazionale. In un'intervista il sindaco di Salerno, deputato dell'Ulivo per due legislature, Vincenzo De Luca dichiarò:

« In Campania da 40 anni siamo alle prese con un problema politico che si riassume in un nome ed un cognome: Ciriaco De Mita[16] »

Nel 2014 De Mita a 86 anni partecipa alle amministrative come candidato sindaco di Nusco e viene eletto sindaco nella lista dell'Unione di Centro con 2 156 voti (80%) battendo Rosanna Secchiano presentatasi con la Lista Civica Nusco Futura che ha ottenuto 631 voti e succedendo al nipote Giuseppe. I votanti sono stati 2 903 su un totale di 5 917 elettori.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Ciriaco De Mita con Margaret Thatcher e Ronald Reagan al 17º G7, tenutosi a Toronto nel 1988

L'inchiesta Mani sul terremoto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Mani sul terremoto.

La ricostruzione dell'Irpinia, dopo il tragico terremoto del 1980, fu caratterizzata da una eccezionale mobilitazione, anche finanziaria (60 000 miliardi di lire). La destinazione dei fondi stanziati per la ricostruzione è stata oggetto di innumerevoli inchieste; essendo l'Irpinia la terra di origine di De Mita, in cui egli ha sempre goduto di grande influenza, il nome del politico democristiano ricorse spesso in queste inchieste.

Nel 1987 i giornali rivelarono che la Banca popolare dell'Irpinia aveva visto aumentare considerevolmente di valore grazie al flusso di fondi per la ricostruzione. Tra i soci che beneficiavano della situazione c'era la famiglia di De Mita, con Ciriaco proprietario di un cospicuo pacchetto di azioni, altri titoli erano posseduti anche da parenti. Il 3 dicembre 1988 il quotidiano del Partito Comunista Italiano, l'Unità, allora diretto da Massimo D'Alema, pubblicò un articolo in prima pagina dal titolo: «De Mita si è arricchito con il terremoto». De Mita rispose con una querela che, però, non ebbe seguito in quanto venne accettata la spiegazione di D'Alema che sostenne la mancanza del punto di domanda finale alla frase, dovuto a un errore tipografico[17]. Nel 2008 De Mita dichiarò che Massimo D'Alema si era scusato con lui ammettendo che i suoi sospetti erano sbagliati.[18]

Sulle presunte speculazioni di De Mita sul terremoto nel 1989 Goffredo Locatelli pubblicò un libro, Irpiniagate. Ciriaco De Mita da Nusco a palazzo Chigi[19].

Tangentopoli[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tangentopoli.

Quando si aprì l'inchiesta Tangentopoli, De Mita fu accusato dei finanziamenti illeciti confessati dal tesoriere del partito, Severino Citaristi. Grazie all’amnistia del 1990, avendo lasciato la segreteria Dc nel 1989, non dovette subire le conseguenze penali del processo, tra i pochi politici italiani di spicco a uscire senza condanne dall'inchiesta. A essere condannato fu Forlani, per il periodo non più coperto dall’amnistia, insieme a Citaristi per la maxitangente Enimont[20].

Nel 1993 vicende giudiziarie legate a Tangentopoli coinvolsero il fratello Michele ed il cognato Francesco Scarinzi, provocando le dimissioni di De Mita dalla presidenza della Commissione bicamerale per le riforme elettorali.

Le raccomandazioni e il clientelismo[modifica | modifica sorgente]

Ciriaco De Mita stringe la mano a Bettino Craxi, 1985

Da più voci è stato accusato di aver applicato con disinvoltura la pratica delle raccomandazioni e del clientelismo[21][22][23] politico, favorendo l'ingresso in aziende pubbliche di amici e clienti.

Su stessa ammissione di Clemente Mastella, la sua assunzione alla Rai fu agevolata da una raccomandazione di De Mita. La redazione locale ove Mastella prese servizio proclamò tre giorni di sciopero contro l'ingresso in ruolo di un giornalista assunto senza regolare concorso e per nomina politica diretta[24][25].

Sempre su segnalazione di De Mita entra in rai nel 1983 Francesco Pionati[19], oggi deputato. Nel maggio 2011, Antonia De Mita, figlia di Ciriaco, racconta sulla sua pagina facebook a proposito del deputato Francesco Pionati:

« Entrò in Rai con una pedata nel sedere atomica di mio padre, dal quale era sempre in coda a chiedere favori[26] »

Sempre su segnalazione di De Mita entra in Rai anche Gigi Marzullo[19]. Quando nel 1988 Pippo Baudo restò fuori dalla Rai per la scadenza del contratto, fu De Mita, legato al conduttore da amicizia, ad assicurargli il ritorno in Rai nonostante la contrarietà dell'allora direttore Biagio Agnes[27]. Come lo stesso De Mita ha dichiarato, fu lui a chiedere a Biagio Agnes che Beppe Grillo rimanesse in Rai dopo il pezzo che il comico genovese aveva portato al Festival di Sanremo contro i vertici del Partito Socialista[28].

Di nepotismo fu accusato dopo la nomina del nipote Giuseppe De Mita a Vice Presidente della Giunta Regionale della Campania[29]. Il nipote Giuseppe si è poi candidato alle elezioni politiche italiane del 2013 con la lista UDC, venendo eletto alla Camera[30][31].

Caso Parmalat e accusa di corruzione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Crac Parmalat.

De Mita è stato accusato di corruzione in un filone laterale dello scandalo Parmalat: De Mita, insieme con Calisto Tanzi, al presidente della regione Liguria Claudio Burlando, e all’ex presidente delle Fs Lorenzo Necci, è accusato per un presunto giro di tangenti pagate a politici dal gruppo di Collecchio per un progetto finalizzato alla costituzione di una joint venture fra la Cit Viaggi delle Ferrovie dello Stato e la Parmatour. L’ipotesi degli investigatori è che si sia tentato di scaricare sul partner pubblico i debiti del gruppo turistico della Parmalat. De Mita, che si proclama innocente, è stato chiamato in causa da Calisto Tanzi, a cui lo lega una stretta amicizia[32][33].

L'appartamento a Roma[modifica | modifica sorgente]

Alla fine degli anni novanta De Mita venne rinviato a giudizio dal Tribunale dei ministri con l'accusa di avere utilizzato fondi neri del Sisde per ristrutturare l'appartamento in cui viveva in un palazzo settecentesco in via in Arcione a Roma, con vista sul giardino del Quirinale, ottenuto a equo canone dall'Inpdai quando era ancora segretario della Democrazia cristiana e presidente del Consiglio.

Nel luglio 2010 nacque una polemica relativa all'acquisto da parte di Ciriaco De Mita, insieme con la moglie e i figli Giuseppe e Antonia, dell'appartamento in via in Arcione a un prezzo molto inferiore a quello di mercato. De Mita acquistò il superattico su due piani di circa 550 metri quadrati più 200 metri quadrati di terrazzo per 3 milioni 415 mila e 700 euro dall'Inps, proprietaria dell'immobile in cui De Mita viveva in affitto dagli anni '80. Il Giornale stimò che in quella zona il prezzo al metro quadro delle abitazioni fosse di circa 15 mila euro, per cui l'ex Presidente del Consiglio avrebbe pagato l'appartamento un terzo del suo reale valore[34][35][36][37][38].

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • La storia d’Italia non è finita, Guida, 2012
  • Da un secolo all'altro. Politica e istituzioni a partire dal 1968, Rubbettino, 2004
  • La memoria e il futuro, Tullio Pironti, 1997
  • Politica e istituzioni nell'Italia repubblicana, Bompiani, 1988
  • Ragionando di politica. Le prospettive della democrazia italiana negli anni Ottanta, Rusconi, 1984

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b I Tre Più Potenti? Agnelli, Craxi, De Mita.
  2. ^ Citato in: Gianpaolo Pansa, I cari estinti. Faccia a faccia con quarant'anni di politica italiana
  3. ^ Giovanni Acocella, Notabili, istituzioni e partiti in Irpinia. Quarant'anni di vita democratica
  4. ^ DE MITA COLANINNO E PANNELLA sul sito del governo
  5. ^ Archivi DC
  6. ^ Si veda pagina 14 di questo documento (PDF).
  7. ^ M. Suttora, L'Irpinia e De Mita, Europeo, 23 dicembre 1988
  8. ^ De Mita, un pezzo di storia della politica italiana.
  9. ^ Si veda l'articolo pubblicato dal Corriere della Sera.
  10. ^ Si vedano, a tal proposito, l'articolo pubblicato dal Corriere della Sera e l'intervista rilasciata a CorriereTv.
  11. ^ Si veda l'articolo pubblicato dal Quotidiano nazionale.
  12. ^ Europee, il premier il più votato Eletti De Mita e Mastella
  13. ^ Intervista a Gianpiero Zinzi, neo commissario regionale Udc Campania
  14. ^ VoteWatch.eu European Parliament - Members of the European Parliament Activities
  15. ^ Elezioni Avellino 2013, otto in campo. Ma a decidere sono De Mita e Mancino.
  16. ^ De Luca: "Il problema politico della Campania è De Mita" - YouTube
  17. ^ http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=28937391 Articolo di Piero Sansonetti su "Liberazione", 22 febbraio 2008, sul sito del Governo italiano
  18. ^ Aldo Cazzullo, De Mita: ora rilancerò la mia Dc D'Alema ha saputo chiedermi scusa, articolo dell'11 aprile 2008, su archiviostorico.corriere.it.
  19. ^ a b c Irpiniagate. Ciriaco De Mita da Nusco a palazzo Chigi − archivio900.it
  20. ^ Marco Travaglio e Peter Gomez, Se li conosci li eviti
  21. ^ www.ildialogo.org SULLO E IL CLIENTELISMO.,di NINO LANZETTA
  22. ^ Ciriaco De Mita attacca: «Il Pdl attraversato da logica di bande» - Corriere del Mezzogiorno
  23. ^ Irpinia, 30 dopo: prove generali di Unità Nazionale - Arezzo Polis - Cultura politica, dibattito pubblico
  24. ^ Ad ammetterlo è stato lo stesso Mastella: "A farmi entrare alla Rai fu De Mita. Tre giorni di sciopero contro la mia assunzione. Ai colleghi replicai soltanto: e voi invece siete entrati per concorso!" (citato in Sergio Rizzo, Gian Antonio Stella, La casta, ISBN 978-88-17-01714-5, Rizzoli, 2007, pagina 112).
  25. ^ Mastella: In Rai Per Raccomandazione
  26. ^ 'Pionati, raccomandato a calci'
  27. ^ Baudo: per la Rai diedi un palazzo a Berlusconi
  28. ^ Ciriaco De Mita su Beppe Grillo: "Intervenni per non farlo cacciare dalla Rai". - YouTube
  29. ^ Giuseppe De Mita
  30. ^ Campania 2, gli eletti alla Camera: restano fuori Giuseppe De Mita e Zinzi. Ecco i promossi - +ECONOMIA
  31. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - DE MITA Giuseppe
  32. ^ De Mita resiste al ciclone Tanzi Niente può mettermi a tacere - La Repubblica
  33. ^ Dall'Irpinia a Parmalat: la seconda volta di De Mita
  34. ^ De Mita compra il superattico col supersconto - IlGiornale.it
  35. ^ CORRIERE DELL'IRPINIA - Affittopoli, Libero fa le pulci agli "affari" di casa De Mita
  36. ^ AMD Planet • Leggi argomento - Superattico a prezzo stracciato: l'affarone di De Mita
  37. ^ Camera dei Deputati
  38. ^ A Equo Canone E In Centro Ai Politici La Casa Piace Così - La Repubblica

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Castoldi, De Mita: l'uomo, il partito, la gente, Giornalisti riuniti 1987
  • Giovanni Acocella, Notabili, istituzioni e partiti in Irpinia. Quarant'anni di vita democratica
  • Salvatore D'Agata, Ciriaco De Mita: una presidenza annunciata, Editalia 1988
  • Gianpaolo Pansa, I cari estinti. Faccia a faccia con quarant'anni di politica italiana
  • Salvatore Rea, Si fa presto a dire sinistra: storia di Ciriaco De Mita dalla Magna Grecia a palazzo Chigi, Leonardo 1990

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Predecessore Sindaco di Nusco Successore Nusco-Stemma.png
Giuseppe De Mita dal 26 maggio 2014 in carica
Predecessore Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Giovanni Goria 13 aprile 1988 - 22 luglio 1989 Giulio Andreotti
Predecessore Ministro dell'Industria della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Mauro Ferri 7 luglio 1973 - 23 novembre 1974 Carlo Donat-Cattin
Predecessore Ministro del Commercio Estero della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Gianmatteo Matteotti 23 novembre 1974 - 29 luglio 1976 Rinaldo Ossola
Predecessore Ministro senza portafoglio Successore Emblem of Italy.svg
ruolo condiviso 29 luglio 1976 - 20 marzo 1979
con delega agli Interventi Straordinari nel Mezzogiorno
ruolo condiviso

Controllo di autorità VIAF: 110178603 LCCN: n85238870