Basilica di San Paolo fuori le mura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°51′31″N 12°28′38″E / 41.858611°N 12.477222°E41.858611; 12.477222

Papale Arcibasilica Maggiore Arcipretale Abbaziale di San Paolo fuori le Mura
Basilica di San Paolo fuori le mura
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Paolo di Tarso
Diocesi Diocesi di Roma
Consacrazione IV secolo
Architetto Ciriade (antica basilica), Virginio Vespignani, Guglielmo Calderini, Pasquale Belli, Luigi Poletti[1] (basilica attuale)
Stile architettonico architettura paleocristiana
Inizio costruzione IV secolo (ricostruita a partire dal XIX secolo)
Completamento XX secolo
Sito web Sito della Basilica
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico di Roma, le proprietà extraterritoriali della Santa Sede nella città e la basilica di San Paolo fuori le mura
(EN) Historic Centre of Rome, the Properties of the Holy See in that City Enjoying Extraterritorial Rights and San Paolo Fuori le Mura
Roma San Paolo fuori le mura BW 1.JPG
Tipo Culturali
Criterio (i)(ii)(iii)(iv)(vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1980
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Rome - Muni 1 - Overview.PNG
(LA)
« TEODOSIVS CEPIT PERFECIT ONORIUS AVLAM DOCTORIS MVNDI SACRATAM CORPORE PAVLI »
(IT)
« Teodosio iniziò, Onorio portò a termine questo tempio, santificato dal corpo di Paolo, dottore del mondo. »
(Iscrizione sopra l'arco trionfale)

La Basilica di San Paolo fuori le Mura è una delle quattro basiliche papali di Roma, la seconda più grande dopo quella di San Pietro in Vaticano.

Sorge lungo la via Ostiense, vicino alla riva sinistra del Tevere, a circa due km fuori dalle mura aureliane (da cui il suo nome) uscendo dalla Porta San Paolo. Si erge sul luogo che la tradizione indica come quello della sepoltura dell'apostolo Paolo (a circa 3 km dal luogo - detto "Tre Fontane" - in cui subì il martirio e fu decapitato); la tomba del santo si trova sotto l'altare papale. Per questo, nel corso dei secoli, è stata sempre meta di pellegrinaggi; dal 1300, data del primo Anno Santo, fa parte dell'itinerario giubilare per ottenere l'indulgenza e vi si celebra il rito dell'apertura della Porta Santa. Fin dall'VIII secolo la cura della liturgia e della lampada votiva sulla tomba dell'apostolo è stata affidata ai monaci benedettini dell'annessa abbazia di San Paolo fuori le Mura.

L'intero complesso degli edifici gode dell'extraterritorialità della Santa Sede, pur trovandosi nel territorio della Repubblica Italiana.

Il luogo rientra nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'Unesco dal 1980.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima della basilica[modifica | modifica wikitesto]

L'area in cui sorge la basilica di San Paolo fuori le mura, al 2º miglio della Via Ostiense, era occupata da un vasto cimitero subdiale (da sub divos = sotto gli dèi, vale a dire a cielo aperto), in uso costante dal I secolo a.C. al III secolo d.C. ma sporadicamente riutilizzato, soprattutto per la costruzione di mausolei, fino alla tarda antichità. Era un cimitero esteso e comprendeva diverse tipologie di tombe, dai colombari di famiglia a piccole cappelle funerarie spesso affrescate e decorate con stucchi. La quasi totalità di quest’area sepolcrale è ancora sepolta (per la gran parte sotto il livello del vicino Tevere), ed è stimata estendersi sotto tutta l'area della basilica e della zona circostante. Una minima ma significativa parte di essa è visibile lungo la Via Ostiense, appena fuori del transetto nord della basilica.

Dalla sepoltura di Paolo a Costantino[modifica | modifica wikitesto]

È in quest'area sepolcrale che, come qualsiasi condannato a morte, la tradizione afferma che Paolo di Tarso sia stato sepolto, dopo aver subito il martirio.[senza fonte] Sia Paolo che Pietro sarebbero caduti vittime della persecuzione neroniana seguita al grande incendio di Roma del 64. Secondo alcune teorie i due sarebbero stati martirizzati proprio nel 64, dopo l'incendio. Secondo Eusebio di Cesarea invece i due sarebbero stati uccisi nel 67. Una tradizione vuole che una matrona (tale Lucina, ma il nome è quasi sicuramente frutto di leggende successive) abbia messo a disposizione una tomba per seppellire i resti dell'apostolo[2].

Come per il sepolcro di Pietro anche quello di Paolo divenne immediatamente oggetto di venerazione per la nutrita comunità cristiana di Roma che relativamente presto eresse, sulle tombe dei due, dei piccoli monumenti funerari. Eusebio di Cesarea riporta nella sua Storia ecclesiastica un passo di una lettera di Gaio, presbitero sotto papa Zefirino, che cita i due trofei posti sopra le tombe degli apostoli, uno sul colle Vaticano e l'altro lungo la Via Ostiense.

Il luogo, meta di pellegrinaggi ininterrotti dal I secolo, venne monumentalizzato, come testimoniato dal Liber Pontificalis, dall'imperatore Costantino I, con la creazione di una piccola basilica, di cui si conserva solo la curva dell'abside, visibile nei pressi dell'altare centrale della basilica attuale ed orientato in direzione opposta all'attuale. Doveva trattarsi di un piccolo edificio probabilmente a tre navate, che ospitava in prossimità dell'abside la tomba di Paolo, ornata da una croce dorata.

La basilica di Costantino venne consacrata il 18 novembre 324 durante il pontificato di Silvestro I, e si inserisce nella serie di basiliche costruite dall'imperatore dentro ma soprattutto fuori della città, ed è la seconda fondazione costantiniana in ordine di tempo, dopo la cattedrale dedicata al Santo Salvatore (l'attuale basilica di San Giovanni in Laterano).

La basilica dei Tre Imperatori[modifica | modifica wikitesto]

La basilica di San Paolo costantiniana risultò nel tempo inadeguata per la folla dei pellegrini che vi si recavano; essa era molto più piccola rispetto alla coeva basilica di San Pietro. Venne quindi ricostruita completamente sotto il regno congiunto degli imperatori Teodosio I, Graziano e Valentiniano II (391), e tale struttura rimarrà sostanzialmente intatta fino al disastroso incendio del 1823.

La costruzione venne affidata a Ciriade professor mechanicus che costruì un edificio a cinque navate, con 80 colonne e un quadriportico che si differenziava dal precedente, oltre che per le dimensioni anche per l'opposto orientamento dell'abside, che la basilica mantenne anche dopo l'incendio del 1823. La basilica fu consacrata da papa Siricio nel 390 e venne completata sotto l'imperatore Onorio nel 395.

Successive aggiunte, come l'arco trionfale retto da colonne monumentali e lo splendido mosaico che lo decorava, sono attribuibili rispettivamente ai restauri compiuti da Galla Placidia e agli interventi di papa Leone I. Quest'ultimo fece realizzare i tondi con i ritratti papali che correvano sopra le arcate della navata centrale; alcuni di essi, sopravvissuti all'incendio, sono conservati nella Raccolta De Rossi, nell'attiguo monastero, insieme ad altri restaurati nel corso dei secoli. Nel programma musivo leoniano erano comprese anche scene dell'Antico Testamento e degli Atti degli Apostoli rispettivamente sulla navata destra e sinistra, e l'arco absidale con il Cristo entro un clipeo che regge una Croce, e dodici Vegliardi dell'Apocalisse ai suoi lati, e le immagini di San Pietro e San Paolo nei pennacchi, soggetto ripreso dal rifacimento successivo all'incendio. Una testa di San Pietro a mosaico, potentemente espressiva, per anni ritenuta facente parte della facciata della basilica vaticana e oggi conservata nelle Grotte Vaticane, è stata riconosciuta come parte della figura dell'apostolo sull'arco absidale. A papa Leone I va anche attribuito un rialzamento del transetto, per il quale fu necessario innalzare il punto devozionale corrispondente alla tomba dell'apostolo.

Il ciborio di Arnolfo di Cambio (1285)

A papa Simmaco si deve la ristrutturazione dell'abside pericolante e la realizzazione di "habitacula", delle dimore per i pellegrini più poveri, rinnovate poi da papa Sergio I.

La basilica da Gregorio I al 1823[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il pontificato di papa Gregorio I la basilica venne modificata drasticamente. Il livello pavimentale venne rialzato, soprattutto nel settore del transetto, per realizzare l'altare direttamente sopra la tomba di Paolo (in precedenza l'altare doveva trovare la sua collocazione presso la navata centrale, mentre sulla tomba vi era un basso monumento, racchiuso da transenne marmoree). Un'operazione del tutto analoga fu compiuta per la basilica di San Pietro. L'esito fu quello di poter realizzare anche una Confessione, cioè un piccolo accesso posto sotto il livello del transetto, dal quale si poteva raggiungere la tomba dell'apostolo.

Ad Adriano I si deve il rifacimento del pavimento dell'atrio, e al suo successore Leone III la collocazione del primo pavimento in marmo. Nel IX secolo per preservare la basilica Giovanni VIII la fa circondare da una cinta di mura fortificata con torri, creando un vero e proprio borgo soprannominato "Giovannipoli". Nell'XI secolo viene eretto il campanile accanto alla navata nord dalla parte della facciata. La basilica si impreziosì poi di un ciborio, realizzato nel 1285 da Arnolfo di Cambio, della struttura del chiostro e di un candelabro per il cero pasquale.

Sotto Clemente VIII, nel 1600, fu costruito l'altare maggiore e nel 1724 Benedetto XIII fece costruire la Cappella del Crocifisso, oggi intitolata al Santissimo Sacramento, per accogliere un crocifisso ligneo del XIV secolo, attribuito a Tino di Camaino.

L'incendio del 1823[modifica | modifica wikitesto]

L'interno della basilica subito dopo l'incendio da una stampa di Luigi Rossini

La notte del 15 luglio 1823 nella basilica si sviluppò un incendio che durò cinque ore circa, distruggendone una gran parte. Il rogo fu provocato dalla negligenza di uno stagnaio, che, dopo aver aggiustato le grondaie del tetto della navata centrale, dimenticò acceso il fuoco che aveva usato per il lavoro. Un buttero, Giuseppe Perna, che pascolava il bestiame nelle vicinanze lanciò l'allarme quando l'incendio era comunque già avviato. Avvisati da Perna, i Vigili del Fuoco, al comando del marchese Origo, arrivarono in circa due ore. Dopo l'incendio rimasero in piedi poche strutture. Il transetto miracolosamente aveva retto al crollo di parte delle navate e resistito alle altissime temperature dell'incendio, preservando il ciborio di Arnolfo di Cambio ed alcuni mosaici. Si salvarono anche l'abside, l'arco trionfale, il chiostro e il candelabro, ma si dovettero ricostruire gran parte delle strutture murarie. In quell'epoca il dibattito sulle varie teorie del restauro era già piuttosto avanzato, ciononostante gli architetti incaricati dei lavori preferirono ricostruire una basilica completamente nuova, tanto che oggi un visitatore difficilmente può riconoscere nella costruzione attuale il disegno di una basilica di fine IV secolo.[senza fonte]

Durante la notte del 15 luglio Pio VII, che era caduto il 6 luglio fratturandosi un femore,[3] era in agonia e non gli venne comunicata la notizia dell'incendio. Morirà il 20 agosto.[4]

La basilica attuale[modifica | modifica wikitesto]

La ricostruzione fu voluta da Leone XII, che il 25 gennaio 1825 emanò l'enciclica Ad plurimas nella quale invitava i vescovi ad una raccolta di offerte presso i fedeli per la ricostruzione. All'appello rispose buona parte del mondo cristiano, con offerte generose tra le quali quelle del Re di Sardegna, della Francia, delle Due Sicilie, dei sovrani dei Paesi Bassi, dello zar Nicola I che offrì i blocchi di malachite dei due altari laterali del transetto e del viceré d'Egitto che inviò le colonne d'alabastro. Proprio il dono dello zar fece sì che non si potesse più collocare nella chiesa l'altare a cui avevano lavorato Camillo Rusconi e Luigi Mirri, che venne così donato da Pio IX alla Cattedrale di Forlì in occasione di un suo viaggio in quella città, nel 1857[5].

Lo stesso Leone XII, in un chirografo del 18 settembre 1825 pose le basi per il progetto:

« Vogliamo in primo luogo che sia soddisfatto compiutamente il voto degli eruditi, e di quanti zelano lodevolmente la conservazione degli antichi monumenti nello stato in cui sursero per opera di’ loro fondatori. Niuna innovazione dovrà dunque introdursi nelle forme e proporzioni architettoniche, niuna negli ornamenti del risorgente edificio, se ciò non sia per escluderne alcuna piccola cosa che in tempi posteriori alla sua primitiva fondazione poté introdurvisi dal capriccio delle età seguenti[6][7]»
(Leone XII, chirografo 1825)

I lavori, diretti dall'architetto Pasquale Belli (che lavorava su un progetto iniziale di Giuseppe Valadier) poterono iniziare l'anno successivo, con la demolizione dell'Arco di Galla Placidia ed il reinserimento del quadriportico.

L'interno della basilica dopo la ricostruzione in una fotografia d'epoca. In fondo alla navata si nota il baldacchino del Poletti, poi demolito, che racchiudeva il ciborio di Arnolfo.

L'attuale aspetto della basilica è però dovuto, in massima parte, all'architetto Luigi Poletti. Una prima consacrazione avvenne il 5 ottobre 1840 ad opera di Gregorio XVI, che dedicò solennemente l'altare della Confessione, ma l'intera basilica venne consacrata da Pio IX il 10 settembre 1854, alla presenza di un gran numero di cardinali e di vescovi, presenti a Roma per la proclamazione del Dogma dell’Immacolata Concezione. I lavori comunque andarono oltre, entro il 1874 furono completati i mosaici della facciata, mentre solo nel 1928 fu aggiunto il vasto quadriportico esterno, disegnato da Guglielmo Calderini e formato da quasi 150 colonne.

Il 23 aprile 1891 lo scoppio della polveriera del Forte Portuense mandò in frantumi le vetrate a colori eseguite da Antonio Moroni nel 1830: al loro posto furono sistemate sottilissime lastre di alabastro donate da re Fuad I d'Egitto.

Nel dicembre 2006 furono ultimati alcuni lavori di ristrutturazione nella zona davanti all'altare papale, più bassa rispetto al pavimento della basilica: con la demolizione dell'altare che era presente in questa zona, è stato reso in parte visibile il sarcofago marmoreo che si trova sotto l'altare papale e che, secondo la tradizione, contiene i resti mortali dell'apostolo Paolo. È anche visibile la traccia della piccola abside appartenente alla chiesa più antica e orientata in senso contrario rispetto alla basilica attuale (l'abside era anticamente rivolta verso ovest, mentre oggi è rivolta verso est).

All'interno della Basilica, sono stati inumati a tutt'oggi solo due papi: San Felice III e Giovanni XIII.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'intera basilica, lunga 131,66 metri, larga 65, alta 29,70[8] è imponente e rappresenta per grandezza la seconda delle quattro basiliche patriarcali di Roma.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

Il lato d'ingresso del quadriportico

Quadriportico[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo della basilica è preceduto dal cortile quadriporticato realizzato tra il 1890 e il 1928 da Guglielmo Calderini su progetto iniziale di Luigi Poletti.

Mentre il nartece, ovvero il portico che costeggia la facciata della basilica, ha una sola fila di colonne, i due laterali hanno una doppia fila, quello che si trova sul lato opposto presenta una tripla fila di colonne più alte e robuste rispetto alle altre. Le pareti laterali sono decorate con medaglioni raffiguranti i simboli degli apostoli e alcuni discepoli di San Paolo. Nei medaglioni del lato d'ingresso, invece, sono raffigurati i dodici apostoli.

Al centro del cortile si trova la statua di San Paolo, realizzata in marmo di Carrara da Giuseppe Obici.

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

I mosaici della facciata

La facciata sopra il colonnato è decorata con dei mosaici eseguiti fra il 1854 e il 1874 su cartoni di Filippo Agricola e Nicola Consoni che si ispirarono per quanto possibili a quello originale del X secolo. Il mosaico è suddiviso in tre fasce. In quella inferiore, su sfondo oro, alternati alle finestre sono raffigurati i quattro profeti dell'Antico Testamento: Isaia, Daniele, Geremia ed Ezechiele. Sopra di essi, prima del cornicione, vi è una fascia con l'Agnus Dei sul monte del paradiso da cui sgorgano i quattro fiumi simboleggianti i Vangeli, nei quali si dissetano dodici agnelli, che simboleggiano gli apostoli. Nel timpano triangolare, infine, vi è raffigurato Cristo benedicente posto in mezzo a San Paolo e San Pietro e la striscia centrale

Nel nartece, arricchito anch'esso, come gli altri tre lati del quadriportico, da marmi policromi nel rivestimento delle pareti, si aprono i cinque portali che permettono l'accesso alla basilica. Fra le porte, quella centrale, che è la più grande, risale al 1931 ed è opera di Antonio Maraini. Essa, alta 7,48 metri e larga 3,35 raffigura degli episodi della vita dei santi Pietro e Paolo ed è realizzata in bronzo e decorata da una croce realizzata con la tecnica dell'agemina in argento ed incrostata di lapislazzuli.

La porta di destra, risalente all'XI secolo è la più antica: divisa in 54 pannelli nei quali sono incise scene di vita di Gesù e dei suoi apostoli, è chiamata Porta Bizantina e fungeva da ingresso principale fino al 1967 quando è stata invece scelta per chiudere dall'interno il vano della Porta Santa. Quest'ultima, opera di Enrico Manfrini, misura 3,71 metri in altezza e 1,82 in larghezza, illustra sull'esterno il tema della Trinità e reca alla base un distico augurale in latino: Ad sacram Pauli cunctis venientibus aedem – sit pacis donum perpetuoquoe salus (A quanti vengono nel santo tempio di Paolo sia concesso il dono della pace e della salvezza eterna)[9].

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno

Navate[modifica | modifica wikitesto]

La basilica di San Paolo fuori le Mura presenta una pianta a croce latina; l'aula è divisa in cinque navate, separate da quattro file di 20 colonne monolitiche di granito di Montorfano, e prive di cappelle laterali. Il rivestimento delle pareti, come quello del pavimento, è in marmi policromi che compongono motivi geometrici. Lungo le due navate laterali più esterne, il transetto e la navata centrale si aprono i grandi finestroni ad arco a tutto sesto, chiusi con sottilissime lastre di alabastro sorrette da elaborate intelaiature in ferro battuto. Nella fascia immediatamente sopra gli archi che dividono le navate, vi è la serie dei tondi contenenti i ritratti di tutti i Pontefici, da San Pietro fino a papa Francesco. Realizzati con la tecnica del mosaico e su sfondo oro, furono iniziati nell'anno 1847, durante il pontificato di Pio IX. L'idea di questa serie di tondi ha le radici nell'antica basilica, poiché erano presenti anche in quest'ultima.

Sopra i medaglioni musivi, nella parte alta della navata centrale e del transetto, sono presenti 36 affreschi nei quali sono raffigurati degli episodi della vita di San Paolo, anch'essi voluti da Pio IX, ma terminati soltanto nel 1860. Durante i vari scavi e sondaggi compiuti dalla prima metà dell'Ottocento ad oggi sono emerse più di 1700 lastre con iscrizioni, che fungevano da lapidi per le oltre 5000 sepolture stimate ancora sotto il pavimento della basilica. Le basiliche martiriali (non solo di Roma) vennero infatti usate dal IV secolo in poi come enormi cimiteri coperti, con una densa stratificazione e numerosi casi di "furti di tombe".

Arco di Galla Placidia[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio dell'arco.

L'arco trionfale, ovvero l'arco che separa il transetto dalla navata centrale, è detto di Galla Placidia, dal nome della committente dell'opera, che fece realizzare la decorazione musiva che lo ricopre tuttora durante il pontificato di Leone I. Alcuni importanti restauri conservativi furono attuati durante il pontificato di Clemente XII (1731-1740). Dopo l'incendio del 1823, il mosaico venne staccato e sottoposto ad un intervento di restauro. Al centro della composizione, al disopra dell'arco, vi è raffigurato Cristo Pantocratore iscritto dentro una circonferenza da cui fuoriescono dei raggi. Ai suoi lati, fra le nuvole rosse e verdi del cielo dorato, vi sono i quattro simboli degli Evangelisti: il bue di Luca e l'angelo di Matteo a sinistra; l'aquila di Giovanni e il leone di Marco a destra. Più in basso, ai due lati dell'arco, sono raffigurati ventiquattro uomini anziani disposti in quattro gruppi da sei, due per ogni lato. Indossano il pallio e portano una corona. Ancora più sotto, su sfondo blu scuro, vi sono le figure di San Paolo (a sinistra) e di San Pietro (a destra).

Transetto e cappelle laterali[modifica | modifica wikitesto]

Il transetto, il ciborio e l'abside

Il transetto riprende nella decorazione lo schema della navata centrale: le pareti sono decorate da marmi policromi e scandite da lesene corinzie nella fascia inferiore, mentre in quella superiore continuano gli affreschi sulla vita di San Paolo alternati ai finestroni in alabastro. Alle due testate vi sono due altari gemelli, realizzati con la malachite donata dallo zar di Russia Nicola I in stile neoclassico. I due altari sono dedicati alla Madonna (altare di destra, con pala raffigurante l'Incoronazione della Vergine e a San Paolo (altare di destra, con pala raffigurante la Conversione di San Paolo). Sul transetto si aprono quattro cappelle, due a destra e due a sinistra dell'abside, in corrispondenza alle relative navate laterali. Qui di seguito si descrivono a partire dall'estrema sinistra.

La prima è la cappella di Santo Stefano. Conserva all'interno il dipinto Martirio di Santo Stefano di Francesco Podesti e la statua del protomartire, di Rinaldo Rinaldi.

La seconda è la cappella del Santissimo Sacramento, scampata all'incendio del 1823; fu progettata da Carlo Maderno, che ha scolpì anche la statua di Santa Brigida qui conservata. Sull'altare si trova un pregevole crocifisso scolpito secondo alcuni[senza fonte] da Pietro Cavallini, che è sepolto in questa cappella. Secondo altri[10] l'autore del crocifisso è Tino di Camaino.

Procedendo verso destra e superata l'abside, la terza cappella del transetto è la cappella di San Lorenzo, già del Santissimo Sacramento[senza fonte], anch'essa del Maderno; contiene gli stalli intarsiati del coro dei monaci e alcuni dipinti di Giuseppe Ghezzi, fra cui l'Ultima Cena, posta sulla parete di destra. Sull'altare si può ammirare un trittico marmoreo di Andrea Bregno, del 1494[10].

L'ultima cappella è la cappella di San Benedetto, progettata dal Poletti con l'intento di riprodurre la cella di un tempio pagano[10]; conserva la statua marmorea di Pietro Tenerani ritraente il santo abate assiso in cattedra; le dodici colonne sono antiche, provenendo dall'antica città di Veio. All'ingresso di questa cappella una singolare acquasantiera ottocentesca rappresenta plasticamente l'azione salvifica dell'acqua benedetta[10].

Ciborio[modifica | modifica wikitesto]

Il ciborio

Al centro del transetto della basilica, sotto l'arco trionfale, si trova il Ciborio, opera mirabile in stile gotico di Arnolfo di Cambio che lo realizzò in collaborazione con Pietro di Oderisio[senza fonte] per volere dell'abate Bartolomeo. Realizzato in marmo, è costituito da un'edicola gotica sorretta da quattro colonne corinzie che ha alla base, in corrispondenza dei lati, quattro cuspidi che si aprono verso l'interno con degli archi a sesto acuto. Ai quattro angoli dell'edicola, entro delle nicchie sormontate da cuspidi triangolari, vi sono le statue di San Paolo, San Pietro, Timoteo vescovo e Bartolomeo, il committente. In alto, l'opera scultorea termina con un'alta cuspide sormontata da una croce dorata e sorretta da un piccolo loggiato con aperture di foggia gotica. Nel periodo immediatamente successivo alla riapertura della basilica ricostruita dopo il disastroso incendio del 1823, il ciborio venne coperto da un ampio baldacchino in stile neoclassico, poi demolito. Nei pressi del ciborio, si trova il Candelabro del cero pasquale, realizzato da Pietro Vassalletto e Nicolò D’Angelo nell'anno 1170 e raffigurante scene della vita di Gesù alternate a motivi floreali. Dinnanzi all'altar maggiore, vi è la Confessione, posta ad una quota più bassa rispetto alla navata centrale ed accessibile tramite due scale in marmo. Fino ai restauri del 2002, essa era utilizzata per la Messa feriale e vi era un altare addossato alla parete su cui poggia il ciborio gotico. Dopo i restauri suddetti, l'altare è stato demolito per lasciar spazio all'attuale apertura quadrangolare che permette di vedere sia il sarcofago dell'apostolo Paolo, sia l'abside della basilica costantiniana, che aveva orientamento inverso rispetto all'attuale.

Abside[modifica | modifica wikitesto]

Il mosaico absidale

Una delle strutture meno colpite dall'incendio del 1823 è stata l'ampia abside semicircolare, posta in asse con la navata centrale oltre il transetto. Al centro, vi è l'imponente cattedra, sopra la quale siede il papa quando celebra nella basilica. Il catino absidale è completamente decorato con il pregevole mosaico opera realizzata durante il pontificato di Onorio III (1216-1227) con l'aiuto di artigiani che avevano collaborato ai mosaici di San Marco a Venezia. L'insieme è dominato dalla figura del Redentore assiso in trono con il libro dei Vangeli aperto nella mano sinistra ed in atto di benedire. Ai suoi lati, vi sono i santi Pietro e Paolo alla sua destra, affiancati dalle figure dei santi Andrea apostolo e Luca evangelista, della medesima grandezza dei primi. Ai piedi del trono, è raffigurato Onorio III in abiti pontificali che rende omaggio a Cristo; esso è raffigurato in scala minore rispetto agli altri personaggi di questa parte di mosaico. Nella fascia inferiore incorniciata fra due greche geometriche, vi è al centro la Croce, affiancata da due angeli. Ai due lati, alternati da palme, appaiono dieci dei dodici apostoli. Ai piedi della croce, anche in questo caso più piccoli delle altre figure della fascia, vi sono il Papa Niccolò III, al secolo Giovanni Gaetano Orsini e già abate di San Paolo fuori le Mura, il monaco Ardinolfo e i Cinque Santi Innocenti, il cui santuario principale è stata la basilica di san Paolo fino alla traslazione delle loro reliquie in quella di Santa Maria Maggiore per volere di papa Sisto V.

Organi[modifica | modifica wikitesto]

Organo maggiore[modifica | modifica wikitesto]

L'organo maggiore fu donato da Leone XIII alla basilica nel 1885: proveniva dalla basilica di San Giovanni in Laterano ed era opera dei fratelli Serassi. In seguito al suo spostamento, venne collocato nel transetto sinistro della basilica sopra l'originaria pedana-cantoria dotata di ruote. Nel 1895 subisce un primo intervento ad opera dell'organaro veronese Domenico Farinati che lo amplia e trasforma la sua trasmissione da meccanica in pneumatica realizzando anche una nuova consolle. In occasione del matrimonio fra il futuro re Vittorio Emanuele III ed Elena di Montenegro (24 ottobre 1896), lo strumento, sfruttando le ruote del basamento, venne spostato nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, luogo prescelto per la celebrazione del rito, con l'intervento dell'organaro Pacifico Inzoli che curò anche il ritorno alla basilica ostiense dello strumento. L'organo ha subito anche altri interventi, fra cui quello condotto da Carlo Vegezzi Bossi nel 1910. Nel 1975 e nel 1993-1995, l'organo è stato ulteriormente modificato ed ampliato dalla ditta Buccolini di Roma che, tra le altre cose, ha trasformato la trasmissione da pneumatica in elettrica e realizzato la nuova consolle, situata nell'abside maggiore. Attualmente (2011), lo strumento conta due tastiere di 61 note ciascuna ed una pedaliera di 32. La cassa dello strumento fu realizzata su disegno di Virginio Vespignani in stile neoclassico. Di seguito la disposizione fonica[1] dello strumento:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 16'
Principale I 8'
Principale II 8'
Eufonio 8'
Flauto 8'
Dulciana 8'
Ottava I 4'
Ottava II 4'
Flauto 4'
XII 2.2/3'
Flauto in XII 2.2/3'
XV 2'
Ripieno Grave 5 file
Ripieno Acuto 4 file
Voce Umana 8'
Tromba 8'
Seconda tastiera - Espressivo
Principale 16'
Principale 8'
Flauto 8'
Viola 8'
Ottava 4'
Flauto 4'
Nazardo 2.2/3'
Flautino 2'
Ripieno 3 file
Voce Celeste 8'
Oboe 8'
Tremolo
Pedale
Contrabbasso 16'
Subbasso 16'
Salicionale 16'
Ottava 8'
Bordone 8'
Flauto 4'
Ripieno 7 file
Tromba 8'
Tromba 4'
Unioni e accoppiamenti
Unione I 16' I
Unione I 4' I
Unione II 16' I
Unione II 8' I
Unione II 4' I
Unione II 16' II
Unione II 4' II
Unione I 8' P
Unione II 8' P
Unione I 4' P
Unione II 4' P
Organo della Cappella di San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Nella vasta nicchia a tutto sesto posta alla sinistra dell'altare della cappella di San Lorenzo si trova un piccolo organo a canne, qui collocato fra il 1925 e il 1930 in occasione dell'ampliamento della cappella e della costruzione della suddetta nicchia. Precedentemente, lo strumento si trovava nella chiesa di Sant'Anselmo all'Aventino, dalla quale fu rimosso nel 1911 in occasione della costruzione di un organo più grande. Lo strumento, costruito da William George Trice nel 1891 a trasmissione pneumatica tubolare, ha due tastiere di 58 note ed una pedaliera di 30. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 8'
Bordone 8'
Dulciana 8'
Ottava 4'[11]
Ripieno 3 File
Seconda tastiera - Espressivo
Flauto 4'
Voce Celeste 8'
Salicionale 8'
Eolina 8'
Eufonio 8'
Pedale
Bordone 16'
Ottava 8'
Unioni
Unione II-I
Unione I-P

L'abbazia territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il chiostro dell'abbazia

San Paolo fuori le mura era in passato un'abbazia territoriale e l'abate era abate mitrato. L'abbazia territoriale è stata soppressa il 7 marzo 2005. Il 31 maggio 2005 papa Benedetto XVI con il motu proprio L'antica e venerabile Basilica[12] ha stabilito che anche per San Paolo, come per le altre tre basiliche papali di Roma, sia nominato dal Papa un arciprete, che eserciti la giurisdizione ordinaria ed immediata avendo come suo vicario per la pastorale l’abate dell’abbazia.

Celebri abati dell'abbazia sono stati il beato Ildefonso Schuster (poi cardinale e arcivescovo di Milano) e Giovanni Franzoni (prima sospeso a divinis a causa della sua aperta presa di posizione per la libertà di voto dei cattolici al referendum sul divorzio e poi dimesso dallo stato clericale, nel 1976).

Elenco degli Abati di San Paolo fuori le mura[modifica | modifica wikitesto]

...

  •  ?-1193 Giovanni di San Paolo[13]

...

  • 1282-1297 Bartolomeo[14]

...

...

...

Sede Vacante (1996-1997)
ultimo Abate di San Paolo ad essere anche "Ordinario".

Elenco degli Arcipreti di San Paolo fuori le mura (dal 2005)[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Metropolitana di Roma B.svg
 È raggiungibile dalla stazione Basilica San Paolo.

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pagina dell'organo.it
  2. ^ Elena Stancanelli, Quell'abbazia di Tre Fontane tra monaci, Madonne e Luna Park, la Repubblica, 5 giugno 2002
  3. ^ Lettera di Giuseppe Melchiorri (Roma) a Giacomo Leopardi (Recanati), 9 luglio 1823. Notizie dell'incendio nella lettera del 19 luglio 1823.
  4. ^ Giovanni Di Benedetto, Claudio Rendina, Storia di Roma moderna e contemporanea, Newton Compton Editori, Roma. ISBN 88-541-0201-6
  5. ^ Il dono al Duomo forlivese fu occasionato da un incidente occorso allo stesso papa Pio IX, che, in visita a Forlì, celebrò messa in Duomo sull'altare precedente, dotato di una predella lignea che, forse per qualche tarlo di troppo, cedette sotto il peso dell'augusto ospite, il quale commentò con spirito: Vi regalo io l'altare nuovo, così se ripasso da Forlì, non rischio più la vita celebrando Messa.
  6. ^ http://www.unipa.it/restauro/master/maria_piera_sette.html Conferenza di Maria Piera Sette, professore di restauro dell'Università degli Studi La Sapienza, Roma sul sito del L.I.R.B.A. 9 marzo 2006
  7. ^ Luigi Codemo, Le colonne della Basilica di San Paolo Fuori le Mura sul sito www.letterepaoline.it
  8. ^ Le chiese di Roma, p. 45.
  9. ^ Descrizione dell'esterno della basilica sul sito ufficiale della Basilica di San Paolo
  10. ^ a b c d AA. VV. Roma, guida del Touring Club Italiano, edizione 1977
  11. ^ in realtà 4'
  12. ^ Visualizza il testo del motu proprio.
  13. ^ http://www.fiu.edu/
  14. ^ San Paolo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Zeppegno, Roberto Mattonelli, Le chiese di Roma, Roma, Newton Compton, 1996, ISBN 88-7983-238-7.
  • Niccolò Costa, San Paolo fuori le mura in Le Basiliche Maggiori, meta obbligata del pellegrino a Roma, Libreria Editrice Vaticana, 2003, pp. 62-82. ISBN 88-209-4635-1
  • Sante Guido, Il restauro del ciborio di Arnolfo di Cambio - Basilica papale di San Paolo fuori le Mura, in "Annali della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Lettere dei Virtuosi al Pantheon", v. IX, 2009, pp. 375–383.
  • Giuseppe Bovini, Mosaici paleocristiani di Roma (Secoli III-VI), Bologna, Casa Editrice Prof. Riccardo Pàtron, pp. 188–196.
  • Graziano Fronzuto, Organi di Roma. Gli organi delle quattro basiliche maggiori, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2007, pp. 46–54.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]