Ciborio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il ciborio è un elemento architettonico a forma di baldacchino che sovrasta l'altare nelle chiese. Poggia generalmente su quattro supporti verticali raccordati mediante archi e reggenti una volta piana o cupoletta, destinata a custodire la pisside contenente le ostie consacrate.

In molte altre lingue la parola ciborio è utilizzata sia per indicare la struttura qui descritta, sia per indicare la pisside. In italiano, generalmente, si distingue tra ciborio e pisside. Il primo, corrisponde al complesso che include anche il tabernacolo.

Quest'ultimo era in origine posto su una parete del presbiterio, ma con il Concilio di Trento venne collocato al centro dell'altare.


Il ciborio è posto a protezione dell'altare che, infatti, è anche immagine dell'altare di cui parla l'Apocalisse di Giovanni all'apertura del quinto sigillo: l'altare sotto il quale si trovano "le anime di coloro che furono immolati a causa della parola di Dio e della testimonianza che gli avevano resa" (Ap. 6,9). Essi sono martiri cristiani la cui morte è a immagine di quella di Cristo. Dal V secolo nell'altare vengono deposte le reliquie dei martiri, oppure l'altare si erge sulla tomba di un martire. Simbolicamente questo significa che i martiri, testimoni della Parola, vengono assimilati al sacrificio di Cristo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Luisa Mazzarello, Maria Franca Tricarico, La Chiesa nel tempo. La narrazione dell'architettura sacra. Ed. Il Capitello, Elledici scuola, pag. 52

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]