Proteste contro le restrizioni per la pandemia di COVID-19

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Proteste contro le restrizioni per la pandemia di COVID-19
Anti-Lock Down Protest London (51137056306).jpg
Protesta a Londra contro il confinamento, aprile 2021.
Data15 marzo 2020 - in corso
LuogoTutto il mondo
CausaOpposizione alle restrizioni imposte per la pandemia di COVID-19 e/o preoccupazione relativa agli effetti economici e sociali delle restrizioni
Schieramenti
Governi nazionaliManifestanti
Comandanti
Capi di governo e autorità statali varieLeaders vari
Voci di sommosse presenti su Wikipedia

In tutto il mondo sono in corso proteste e scioperi contro le misure restrittive attuate dagli organismi governativi in seguito alla pandemia di COVID-19.[1] In alcune delle proteste si sono criticati i governi per non aver agito in modo più adeguato mentre in altre ci si è opposti alle misure preventive (tra cui obblighi relativi all'uso della mascherina, al distanziamento sociale, alla vaccinazione e misure come il confinamento), chiedendone un alleggerimento o la revoca. Secondo l'analisi nell'ambito del Global Peace Index a luglio 2021, vi erano state circa 50.000 proteste legate alla pandemia in tutto il mondo, 5.000 delle quali con episodi violenti.[2]

I confinamenti per la COVID-19 hanno ispirato proteste in molti luoghi e, dalla fine del 2020, le modalità con cui sono avvenute le campagne vaccinali (come relativamente agli obblighi relativi alla certificazione verde COVID-19) hanno causato altre proteste.[3][4] Secondo Human Rights Watch, almeno 83 governi nel mondo hanno usato la pandemia di COVID-19 come pretesto per violare l'esercizio della libertà di parola e di riunione pacifica, in diverse modalità, tra cui la repressione di proteste pacifiche.[5][6] Sempre secondo HRW, in Paesi come Cina, Cuba, Egitto, India, Russia, Turchia, Venezuela e Vietnam, le violazioni del governo hanno colpito centinaia o migliaia di persone.[5]

In diversi casi, un fattore trainante nei movimenti di protesta è stata la disinformazione sulla COVID-19.[7]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Kenya[modifica | modifica wikitesto]

Il governo keniota è stato accusato di misure estreme e i manifestanti sostengono che la polizia abbia ucciso almeno 6 persone entro i primi 10 giorni dal confinamento. Altri hanno protestato contro la quarantena forzata sostenendo di essere stati messi in quarantena per più di 14 giorni e costretti a pagare il governo per le loro cure. Centinaia di persone hanno protestato l'8 maggio 2020 quando il governo ha distrutto 7.000 case e un mercato a Kariobangi nel tentativo di controllare il virus.[8]

Malawi[modifica | modifica wikitesto]

Un'alta corte del Malawi vietò temporaneamente al governo di attuare una quarantena nazionale di 21 giorni dopo essere stato contestato dalla Coalizione dei difensori dei diritti umani, dopo che era stato sostenuto che erano necessarie maggiori consultazioni per prevenire danni ai più poveri e ai più vulnerabili. Piccole proteste erano state organizzate prima della sentenza, in almeno 3 grandi città con i manifestanti che affermavano che era meglio contrarre il virus che morire di fame a causa della mancanza di lavoro.[9]

Nigeria[modifica | modifica wikitesto]

Un gruppo di almeno 20 pazienti affetti da COVID-19 è uscito con la forza da una struttura di isolamento per protestare contro le "cure improprie" e le azioni del governo che secondo loro avrebbero peggiorato le loro condizioni.[10] I lavoratori di un cantiere si sono ribellati contro le misure di confinamento che limitavano la loro capacità di lavorare alla costruzione di una raffineria di petrolio.[11]

Ruanda[modifica | modifica wikitesto]

Dei rifugiati, trasferiti in Ruanda da un campo profughi sovraffollato in Libia, hanno protestato contro la quarantena dal campo profughi nella capitale Kigali.[12]

Sudafrica[modifica | modifica wikitesto]

Molti residenti protestarono contro la politica per cui gli aiuti per i pacchi alimentari sarebbero andati solo alle famiglie che guadagnano meno di 3600 rand e hanno chiesto l'intervento dell'Agenzia sudafricana di sicurezza sociale.[13] Dei surfisti hanno protestato per poter fare surf durante il confinamento, che consente l'esercizio ma non le attività acquatiche.[14]

Zimbabwe[modifica | modifica wikitesto]

3 giovani attiviste dell'opposizione sono state segnalate come scomparse a seguito di una protesta ad Harare contro le misure di confinamento anti COVID-19 avvenuta il 15 maggio 2020. Successivamente sono state curate in un ospedale dopo aver affermato di essere state rapite e abusate sessualmente da sospetti agenti della sicurezza dello Stato.[15]

America[modifica | modifica wikitesto]

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 maggio, durante l'anniversario del Primo governo nazionale, sono scoppiate proteste in tutto il Paese,[16] ma prevalentemente a Buenos Aires e Cordoba. I protestanti erano principalmente di piccoli imprenditori che chiedevano ai governi locali e al governo nazionale di poter lavorare, secondo un protocollo sanitario. A questo punto, l'ordine di rimanere a casa era in vigore a livello nazionale da 65 giorni.

Brasile[modifica | modifica wikitesto]

Protesta contro il governo del presidente Bolsonaro a Campinas il 29 maggio 2021

Il 18 marzo, i brasiliani a San Paolo e Rio de Janeiro hanno protestato contro la gestione della pandemia di Jair Bolsonaro rumoreggiando con pentole e padelle dai balconi e gridando "Bolsonaro fuori!"[17]

Il 19 aprile, giornata delle forze armate brasiliane, Bolsonaro si è riunito con circa 600 manifestanti davanti al quartier generale dell'esercito a Brasilia per chiedere un "intervento militare" nella gestione della situazione del coronavirus. Piccole proteste per chiedere le dimissioni dei governatori si sono verificate il giorno precedente a Rio de Janeiro, San Paolo e Brasilia.[18]

Protesta pro-governativa a Brasilia il 15 maggio 2021

Il primo maggio in tutto il Paese si è svolta la protesta a favore di Jair Bolsonaro.[19][20][21] I manifestanti hanno chiesto la fine delle misure di confinamento, gridando "Autorizzo", riferendosi all'affermazione del presidente che invocherà l'articolo 142 della Costituzione brasiliana per "ripristinare l'intero articolo 5 della Costituzione" e che stava solo aspettando una "autorizzazione" delle persone. Le proteste sono avvenute in molte città brasiliane, occupando viali come l'Avenida Paulista a San Paolo del Brasile.[22][23][24][25][26][27][28][29][30][31]

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Da aprile 2020 si sono verificate proteste nelle principali città canadesi e in un carcere[32] contro le restrizioni e i lockdown.[33][34][35] Roman Baber, membro del parlamento provinciale di Toronto, è stato espulso a gennaio 2021 dal Partito Progressista Conservatore dell'Ontario per aver criticato il lockdown.[36] Da settembre 2021 migliaia di persone hanno protestato contro le politiche relative alla vaccinazione.[37]

A gennaio 2022, a seguito dell'obbligo vaccinale imposto ai camionisti che attraversano il confine con gli Stati Uniti, migliaia di camionisti si sono uniti alla protesta del Convoglio della libertà, che ha bloccato diversi punti della frontiera nonché le strade della capitale per settimane[38][39][40].

Cuba[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste a Cuba del 2021.

Messico[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 aprile, la polizia di Yajalón, nel Chiapas, ha aperto il fuoco contro le persone che protestavano contro un posto di blocco che lasciava isolata la loro comunità. I residenti della vicina Tumbalá si lamentavano del fatto che il checkpoint rendesse loro impossibile l'accesso ai servizi governativi e bancari e che sembrava essere correlato alla convinzione che Tumbalá avesse un alto tasso di infezione da coronavirus. In circa il 20% delle municipalità messicane sono stati installati posti di blocco, che il governo federale ha dichiarato illegali.[41]

Centinaia di messicani hanno partecipato alle carovane il 30 maggio chiedendo le dimissioni del presidente Andrés Manuel López Obrador a causa della sua gestione della pandemia di COVID-19 in Messico e dell'economia del Paese. Le carovane, che si svolgevano in una dozzina di città in tutto il paese, consistevano in gran parte di auto di lusso.[42]

La violenza è scoppiata il 4 giugno durante le manifestazioni a Guadalajara, Jalisco, per chiedere giustizia dopo la morte di Giovanni López nella città di Ixtlahuacán de los Membrillos.[43] López, un muratore di 30 anni, era stato arrestato il 4 maggio per non aver indossato la maschera facciale durante il lockdown ed è morto il giorno successivo mentre era in custodia di polizia.[44]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Una delle prime proteste è stata nel Michigan il 15 aprile 2020, organizzata da gruppi di conservatori che avrebbero incoraggiato gruppi di altri stati a imitarli.[45] Proteste successive sono state organizzate da attivisti repubblicani o organizzazioni di partito,[46][47][48] attivisti del Tea Party,[49] sostenitori armati del militia movement[50] attivisti per il diritto delle armi[51] e antivaccinisti.[52][53]

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

I proprietari di piccoli negozi hanno protestato contro la continuazione dei canoni di affitto a Wuhan, chiedendo "esenzione dall'affitto per un anno o rimborso". I video della manifestazione sono stati pubblicati sulla piattaforma di social media Sina Weibo, ma sono stati rapidamente censurati.[54] Una donna è stata arrestata e accusata di reato dopo aver tentato di radunare circa 100 persone per protestare contro la cattiva gestione e i sovrapprezzi durante il confinamento.[55]

Filippine[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste contro Rodrigo Duterte.

Il 1º aprile 2020 si sono tenute manifestazioni spontanee da parte di una comunità povera urbana di Quezon City per protestare contro la mancanza di cibo e di altra assistenza durante il lockdown metropolitano legato alla COVID-19.[56] La polizia ha disperso violentemente i manifestanti e ha arrestato 21 persone.[57] Il sindaco della città e un rappresentante del Congresso hanno chiesto alla polizia di rilasciare gli arrestati.[57]

Nel maggio 2020, giornalisti e individui hanno protestato contro l'ordine che ha portato alla chiusura del gigante dei media ABS-CBN, una mossa che ha messo a repentaglio più di 11.000 posti di lavoro e ha impedito la trasmissione di informazioni vitali sulla pandemia. Altre proteste si sono svolte dopo che la Camera dei Rappresentanti ha respinto la domanda di ABS-CBN per un franchising legislativo.[senza fonte]

I conducenti di Jeepney resi disoccupati dall'emergenza COVID-19 hanno protestato a Caloocan il 3 giugno 2020. Sei manifestanti sono stati arrestati e incarcerati da pochi giorni a una settimana.[58]

Diversi gruppi hanno organizzato proteste a livello nazionale in concomitanza con la commemorazione dell'indipendenza delle Filippine il 12 giugno 2020.[59] Tra questi c'era la protesta "Grand Mañanita" all'Università delle Filippine a Quezon City. La Gran Mañanita ha protestato contro la risposta del governo alla crisi COVID-19 e l'approvazione da parte del Congresso di un controverso disegno di legge antiterrorismo.[60]

Hong Kong[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste a Hong Kong del 2019-2020 § Legge di sicurezza nazionale.

La polizia cinese di Hong Kong ha usato le leggi sul COVID-19 che vietano gli assembramenti di più di 4 persone per disperdere i manifestanti pro-democrazia nell'ambito delle proteste a Hong Kong del 2019-2020[61] e nel periodo della pandemia centinaia di persone sono state arrestate solo per aver manifestato pacificamente, la contestata legge sulla sicurezza nazionale è stata approvata e, dopo il successo delle elezioni primarie dei partiti pro-democrazia, decine di candidati non allineati al blocco filo-cinese e filo-Partito Comunista Cinese sono stati esclusi dalle elezioni ed arrestati, prima che le elezioni, rimandate usando la pandemia come motivo ufficiale, si tenessero.[62][63][64][65][66][67]

India[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'annuncio televisivo del primo ministro Narendra Modi sull'estensione delle misure di confinamento almeno fino al 3 maggio, la polizia ha usato i manganelli per disperdere i lavoratori migranti in protesta a Mumbai. Migliaia di lavoratori migranti disoccupati si erano radunati nelle stazioni ferroviarie e chiedevano di poter violare le misure restrittive per tornare a casa.[68] Proteste simili sono avvenute in altre parti del paese da parte dei lavoratori e da coloro che hanno affermato di non aver ricevuto gli aiuti promessi dal governo durante il confinamento.[69]

Indonesia[modifica | modifica wikitesto]

Una protesta a Padang, il 7 ottobre 2020

Il 5 ottobre 2020, l'Indonesia ha approvato una legge sulla creazione di posti di lavoro accusata di indebolire le tutele ambientali e i diritti dei lavoratori nel tentativo di rilanciare l'economia duramente colpita dalla pandemia di COVID-19.[70] Il 6 ottobre, migliaia di indonesiani protestano nelle aree industriali intorno a Giacarta, tra cui a Tangerang, Karawang e Batam e viene avviato uno sciopero nazionale di 3 giorni, nei quali i sindacati prevedevano di coinvolgere 2 milioni di lavoratori per protestare contro la legge.[71]

Israele[modifica | modifica wikitesto]

Migliaia di israeliani si sono impegnati nel distanziamento sociale mentre si radunavano per protestare contro le presunte misure antidemocratiche del primo ministro Benjamin Netanyahu. Molti erano coinvolti nel movimento della Bandiera Nera a cui era stato permesso di protestare dalla polizia a patto che si trovassero a sei piedi di distanza e che tutti indossassero la mascherina. Una precedente protesta aveva visto i manifestanti recarsi in auto a Gerusalemme per protestare contro le misure antidemocratiche.[72] Altre manifestazioni sono state viste nel quartiere ultra-ortodosso di Mea Shearim a Gerusalemme con uomini e giovani che hanno lanciato sassi contro la polizia prima di essere arrestati.[73] I disordini sono scoppiati a Bnei Brak con la folla che ha vandalizzato la proprietà e lanciato sassi contro la polizia intenta a disperdere le lezioni di yeshiva e le riunioni religiose che si tengono in violazione delle regole per il confinamento.[74]

Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Le proteste contro il confinamento si sono unite alle proteste in corso contro l'attuale governo e contro la violenza sulle donne all'interno del Paese.[75][76]

Kazakistan[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'annuncio delle misure di quarantena, nell'aprile 2020 furono diffusi sui social media video del personale ospedaliero di Atyrau che protestavano contro le nuove regole, con la conseguenza che i giornalisti erano stati arrestati.[77]

Il 25 gennaio 2021 si è tenuta una manifestazione nella città di Kökşetaw in cui i cittadini hanno espresso malcontento verso la possibilità di vaccinazione obbligatoria contro la COVID-19 in cui il deputato äkım ha incontrato la folla e l'ha rassicurata che la decisione di se vaccinarsi o meno sarebbe stata basata sulla scelta personale.[78]

A seguito dell'obbligo vaccinale per tutti i dipendenti, il 6 luglio 2021 si sono svolte proteste in Kazakistan, dove i cittadini hanno chiesto di interrompere le multe per gli uomini d'affari che avevano rifiutato l'obbligo per i loro dipendenti e hanno chiesto i test PCR gratuiti per i non vaccinati.[79][80] A Oral, sono state date istruzioni alla folla per evitare l'inoculazione.[81] Quel giorno ad Almaty e ad Aqtöbe si sono verificati arresti da parte della polizia.[82] Il 17 luglio si sono verificate manifestazioni in tutta la città, dove a Pavlodar un centinaio di persone che si erano radunate nella piazza centrale sono stati dispersi dalla polizia, con i detenuti spinti nei furgoni della polizia.[83]

Libano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste in Libano del 2019-2020.

Molti manifestanti hanno chiesto aiuti monetari ai Paesi in crisi economica dopo settimane di chiusura.[84] Almeno un manifestante è morto dopo che i soldati hanno usato gas lacrimogeni, manganelli e proiettili per disperdere i manifestanti a Tripoli che stavano lanciando molotov.[85] I manifestanti si sono anche riuniti a Beirut fuori dalla banca centrale, dove hanno lanciato sassi contro l'edificio e hanno preso il controllo delle strade principali poiché sostenevano che non fosse stato fatto abbastanza per proteggere l'economia e coloro che avrebbero sofferto maggiormente dal punto di vista economico.[86]

Malaysia[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 luglio 2021, centinaia di manifestanti hanno tentato di radunarsi in piazza Merdeka, a Kuala Lumpur, chiedendo le dimissioni del primo ministro Muhyiddin Yassin per la gestione sua e del governo malese della pandemia di COVID-19, nonostante le restrizioni in vigore e il blocco dell'accesso alla piazza da parte della polizia malese.[87][88][89] Le proteste anti-governative hanno avuto luogo a seguito di una dichiarazione dello stato di emergenza, in cui il parlamento e le elezioni sono state sospese, e nel mezzo di una crisi politica in corso.[87][88] Il 2 agosto seguente, i parlamentari dell'opposizione hanno tenuto una protesta in piazza Merdeka dopo essere stati bloccati dall'entrare in Parlamento dalla polizia.[90][91]

Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

Decine di medici sono stati arrestati a Quetta dopo aver protestato per la mancanza di attrezzature di sicurezza fornite loro per combattere la diffusione della malattia.[92] Centinaia di lavoratori hanno protestato contro i loro licenziamenti forzati a causa della pandemia radunandosi fuori i loro ex luoghi di lavoro in tutta la città di Karachi.[93]

I genitori degli studenti pakistani che studiavano in Hubei hanno protestato contro la decisione del governo di lasciare gli studenti, anche bambini, nell'area nel febbraio 2020.[94]

Thailandia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste in Thailandia del 2020-2021.

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Protesta contro le restrizioni a Vienna, 16 gennaio 2021.

A gennaio 2021 e nei mesi seguenti, migliaia di persone hanno protestato in diverse occasioni a Vienna contro le restrizioni relative alla COVID-19.[95][96][97][98]

Manifestazione anti-confinamento a Rådhuspladsen, Copenaghen il 27 marzo 2021

Belgio[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio 2021, la polizia di Bruxelles ha dichiarato di aver arrestato più di 400 persone per impedire una protesta vietata delle misure anti-COVID-19.[99]

Bielorussia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste in Bielorussia del 2020-2021.

Tra le critiche rivolte al presidente Aljaksandr Lukašėnka dall'opposizione bielorussa nelle proteste del 2020-2021, scoppiate a maggio 2020, vi sono frequenti critiche alla gestione della pandemia di COVID-19 nel Paese.[100][101][102]

Bosnia ed Erzegovina[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 aprile 2021, si sono svolte proteste anti-governative "Fight for Life" a Sarajevo davanti all'Assemblea parlamentare e al governo federale, chiedendo le dimissioni di Zoran Tegeltija e di Fadil Novalić, a causa della mancanza di leadership durante la pandemia di COVID-19 nel Paese e dell'acquisizione tardiva dei vaccini anti COVID-19 per il Paese.[103] Altre proteste anti-governative si sono svolte il 17 aprile seguente.[104]

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 marzo 2020 il Ministero della Sanità bulgaro ha emesso un'ordinanza che rendeva punibile per legge non indossare una mascherina facciale in pubblico in un momento in cui vi era scarsità di mascherine nel Paese. Dopo forti disordini pubblici, l'ordine fu revocato il giorno successivo[105] e successivamente nuovamente ripristinato, con alcune modifiche.[106] Il 19 aprile 2020 a Sofia si è svolta una protesta contro le misure per combattere la pandemia di COVID-19, con molti partecipanti che hanno espresso preoccupazione per i propri mezzi di sussistenza.[107] Proteste in chiave scettica verso i vaccini che chiedevano anche le dimissioni del governo, organizzate dal partito Vazrazhdane,[108] si sono svolte in maggio e giugno, con alcuni arresti.[109]

La disapprovazione pubblica è cresciuta durante la pandemia e ha raggiunto il culmine spontaneo il 9 luglio 2020 dopo un raid della polizia contro la presidenza della Bulgaria in quello che è stato percepito come un attacco contro il presidente Rumen Radev, un critico del primo ministro Boyko Borisov, che è stato al potere dal 2009,[110] e le lamentele di lunga data contro la corruzione endemica. Manifestazioni quotidiane con anche 150.000 persone[111] si sono svolte prevalentemente nella capitale del Paese, Sofia, fino ad aprile 2021.[112]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Manifestazione contro il "pass sanitario" a Reims.

Nel sobborgo parigino di Villeneuve-la-Garenne ci sono stati disordini nell'aprile 2020 in parte causati dai focolai dell'epidemia di coronavirus e dal lockdown delle famiglie della classe operaia, spesso immigrate, che vivono in piccoli appartamenti in affollati edifici popolari. Molti hanno riferito che nei quartieri più poveri le politiche sono difficili da seguire a causa del sovraffollamento e causano un impatto maggiore rispetto a quello causato dagli stessi provvedimenti applicati ai parigini più ricchi. Da allora ci sono state manifestazioni nel sobborgo di Hauts-de-Seine e in altre città francesi come Tolosa, Lione e Strasburgo.[113]

Il 28 settembre 2020, secondo un rapporto di Amnesty International, le autorità francesi hanno ingiustamente punito migliaia di manifestanti pacifici secondo leggi draconiane nelle repressioni pre e post COVID-19. Molte persone sono state arbitrariamente multate, arrestate e detenute per proteste pacifiche.[114]

Nel luglio 2021 sono scoppiate proteste contro il mandato del governo francese per la vaccinazione degli operatori sanitari, criticata anche da Marine Le Pen.[115] Le proteste si sono svolte a Parigi, Tolosa, Bordeaux, Montpellier, Nantes e altrove, con scontri occasionali con il personale di polizia,[116] e sono esponenzialmente cresciute dal 12 luglio con l'introduzione dell'obbligo di certificato COVID digitale dell'UE (passe sanitaire o "green pass") per l'accesso a numerosi luoghi pubblici.[117] Una delle critiche dei manifestanti è stata la decisione di rendere i test per la COVID-19 non più gratuiti, ma a pagamento, in quanto i test gratuiti avrebbero scoraggiato le persone dal farsi vaccinare.[118][119] Il 17 luglio hanno protestato circa 114.000 persone (tra cui i gilet gialli) in Francia,[120] il 24 luglio circa 160.000,[121] il 30 luglio oltre 200.000 (con molti manifestanti, anche vaccinati, che criticavano la restrizione della libertà personale e non i vaccini),[122][123] il 7 agosto, secondo le autorità, 237.000 persone in 198 località francesi (sfociando in rivolte a Parigi, Lione e Tolosa),[124][125][126] il 14 agosto circa 250.000 persone in oltre 200 località, con la polizia che ha usato spray al peperoncino contro i manifestanti a Lione,[127] continuando nelle settimane successive in modo perlopiù pacifico.[128]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Manifestante con un cartello "Free The Bee" durante le proteste a Berlino il 29 agosto 2020, vicino alla Porta di Brandeburgo

Dall'aprile 2020, in diverse città della Germania si sono svolte numerose proteste contro le politiche del governo circa la pandemia di COVID-19. Secondo le autorità, una protesta a Berlino il 29 agosto ha attirato 38.000 partecipanti.[129]

Molte delle proteste in Germania, come quella del 29 agosto, sono state organizzate dal gruppo Querdenken 711, con sede a Stoccarda. Considerano le restrizioni sproporzionate, ma soprattutto censurano la violazione di nove articoli della Costituzione tedesca da parte delle misure per la COVID-19.[130]

Striscioni in una protesta contro la gentrificazione in Germania.

Anarchici, socialisti libertari e antifascisti in Germania hanno protestato contro ciò che viene visto come un aumento del controllo e della sorveglianza statale. Concentrandosi sull'aumento della gentrificazione, la disuguaglianza di ricchezza, gli sfratti e le misure di polizia. Gli anarchici hanno visto aumentare gli sfratti delle comunità e degli squat anarchici.[131][132][133]

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Da febbraio ad aprile 2021 migliaia di persone hanno protestato, a volte con scontri e arresti da parte delle forze di polizia, contro una proposta di legge, poi posposta, del governo che consentirebbe la presenza della polizia nei campus universitari per la prima volta da decenni, per la quale i gruppi di opposizione hanno accusato il governo di aver approfittato della COVID-19 per imporre misure sempre più autoritarie.[134][135][136] L'Università di Salonicco è stata occupata per due mesi dai manifestanti.[137]

Da luglio 2021, migliaia di persone hanno protestato nelle principali città del Paese contro l'obbligo vaccinale per alcune categorie e contro il certificato COVID digitale dell'UE ("green pass").[138][139][140]

Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

Centinaia di persone hanno partecipato a una protesta anti-lockdown e anti-obblighi di mascherine a Dublino il 22 agosto 2020, con il sostegno dei gilet gialli e 4 arresti.[141] Un'altra protesta è stata organizzata dagli stessi gruppi il 3 ottobre seguente, con un migliaio di manifestanti che hanno marciato attraverso il centro della città e poi tenuto un sit-in.[142]

Il 27 febbraio 2021, violenti scontri tra manifestanti e Garda Síochána sono scoppiati durante una protesta anti-lockdown a Dublino. 3 Gardaí sono rimaste ferite e 23 persone sono state arrestate. Il Taoiseach Micheál Martin ha condannato la manifestazione.[143] Il 6 marzo a Cork si è svolta una protesta nonviolenta anti-lockdown con circa 450 persone presenti, di cui 6 arrestate.[144][145] Il giorno di san Patrizio centinaia di persone hanno partecipato a diverse proteste anti-lockdown prevalentemente pacifiche a Dublino e a Donnybrook, tra cui una con scontri violenti risultati in 7 poliziotti e numerosi manifestanti feriti e 21 arresti.[146][147][148] Nei mesi seguenti si sono verificate altre proteste a Dublino e Cork con centinaia di manifestanti.[149][150][151][152][153]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Proteste contro le politiche COVID-19 in Italia.

Il 25 aprile 2020, nonostante le restrizioni in vigore, si è tenuta una protesta a parte dei disoccupati e dei centri sociali a Napoli.[154] Il 30 maggio seguente, centinaia di persone, tra cui CasaPound e "gilet arancioni", hanno manifestato a Roma contro il governo Conte II.[155] Il 20 giugno, diverse organizzazioni, tra cui Arci e "i sentinelli", hanno manifestato a Milano contro la gestione di Attilio Fontana della pandemia.[156]

Il 23 ottobre 2020, sono esplose proteste a Napoli, con scontri violenti con le forze dell'ordine e 2 arresti, contro l'imposizione di nuove restrizioni.[157][158][159] Nei giorni seguenti, si sono verificate altre proteste con centinaia o migliaia di persone nelle principali città italiane, in alcuni casi pacifiche e in altri con l'inflitrazione di gruppi di estrema destra ed estrema sinistra, vandalismi e scontri violenti con le forze dell'ordine.[160][161] A novembre hanno nuovamente protestato a Napoli mercatali e disoccupati.[162] A dicembre e a gennaio 2021 si sono verificate proteste ed episodi di disobbedienza civile da parte dei commercianti.[163][164]

Da luglio 2021, migliaia di persone hanno protestato, principalmente ogni fine settimana, in numerose città italiane contro l'obbligo di presentare il certificato COVID europeo per molti luoghi pubblici.[165][166][167][168][169][170][171] Il 15 ottobre 2021, l'Italia diventa il primo Paese europeo a imporre l'obbligo di green pass per tutti i lavoratori, annunciato da metà settembre.[172][173] Contestualmente, si intensificano e diversificano le forme di contestazione "no green pass", con la raccolta firme per un referendum per l'abrogazione dell'uso del certificato per l'accesso ai luoghi pubblici,[174] svariati tentativi di blocco stradale per protesta,[175][176][177][178][179][180], manifestazioni, tra cui quella del 9 ottobre a Roma in cui una minoranza della folla ha occupato e vandalizzato la sede romana della CGIL,[181] e scioperi tra cui quello di una parte dei lavoratori portuali di Trieste (dei quali una delegazione ha incontrato il ministro Stefano Patuanelli per chiedere l'abrogazione dell'obbligo sul lavoro) e di Genova.[182][183][184]

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Repubblica Ceca[modifica | modifica wikitesto]

Dagli ultimi mesi del 2020 si sono verificate svariate proteste contro le restrizioni e le misure relative alla pandemia in Repubblica Ceca, per la maggior parte pacifiche, con eccezioni come nella protesta a Praga del 18 ottobre, in cui gli scontri tra una parte radicale dei manifestanti e la polizia portò a 20 poliziotti e un numero non noto di manifestanti feriti e a 144 arresti.[185][186][187]

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Slovenia[modifica | modifica wikitesto]

A settembre 2021 sono scoppiate proteste, alcune pacifiche ed altre con scontri risultati in manifestanti e poliziotti feriti, contro l'estensione dell'obbligo di "green pass" per l'accesso a numerosi luoghi pubblici nel Paese, con fino ad oltre 10.000 manifestanti a Lubiana.[188][189][190] La Corte costituzionale ha poi congelato un discusso decreto, contestato dai manifestanti, per l'irrigidimento dei criteri anti-COVID per i dipendenti statali.[191]

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Oceania[modifica | modifica wikitesto]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime proteste anti-confinamento si sono verificate il 7 aprile in un parco della città di Gold Coast, nel Queensland.[192][193]

Durante l'Anzac Day (25 aprile) si sono verificate ulteriori proteste anti-confinamento nella cittadina rurale di Trafalgar, Victoria.[194][195]

Durante la festa della mamma (9 maggio) da 100 a 300 manifestanti hanno protestato contro il blocco e le vaccinazioni fuori dal Parlamento di Victoria a Melbourne. I manifestanti non avrebbero rispettato le restrizioni sul distanziamento sociale e sono seguite scene di violenza.[196][197]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mapping coronavirus anti-lockdown protests around the world, su aljazeera.com. URL consultato il 3 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Sarah Newey, Anne Gulland e Nicola Smith, Plague and protests: how Covid has sparked a wave of unrest around the world, in The Telegraph, 25 luglio 2021, ISSN 0307-1235 (WC · ACNP). URL consultato il 3 agosto 2021.
  3. ^ (EN) Thousands Around Globe Protest COVID-19 Shots, Lockdowns, su voanews.com. URL consultato il 3 agosto 2021.
  4. ^ (EN) Analysis | The pandemic leads to another summer of anger, in Washington Post, ISSN 0190-8286 (WC · ACNP). URL consultato il 3 agosto 2021.
  5. ^ a b (EN) Covid-19 Triggers Wave of Free Speech Abuse, su Human Rights Watch, 11 febbraio 2021. URL consultato il 31 agosto 2021.
  6. ^ Pandemia, ecco dove è diventata l'occasione per violente repressione e gravi violazioni dei diritti umani, su repubblica.it.
  7. ^ (EN) How COVID conspiracists and anti-vaxxers are getting organised and making money, su Sky News. URL consultato il 3 agosto 2021.
  8. ^ (EN) Kenyans protest house demolitions amid virus restrictions, su ABC News. URL consultato il 9 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Malawi high court blocks coronavirus lockdown, su aljazeera.com. URL consultato il 31 agosto 2021.
  10. ^ Nigeria: COVID-19 patients protest over 'ill treatment', su aa.com.tr. URL consultato il 31 agosto 2021.
  11. ^ (EN) AFP, Nigerian workers riot over Covid-19 lockdown | New Straits Times, su NST Online, 28 aprile 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  12. ^ (EN) Refugees Protest Under Coronavirus Lockdown in Rwanda | Voice of America - English, su voanews.com. URL consultato il 31 agosto 2021.
  13. ^ (EN) "We are still waiting" – protesting under lockdown in South Africa, su openDemocracy. URL consultato il 31 agosto 2021.
  14. ^ Anti-lockdown protests around the world | Reuters.com, su reuters.com. URL consultato il 31 agosto 2021.
  15. ^ (EN) A. B. C. News, Zimbabwe police accused of assaulting young female activists, su ABC News. URL consultato il 31 agosto 2021.
  16. ^ (ES) Un reducido grupo de manifestantes protestó contra la cuarentena en la Plaza de Mayo, su infobae. URL consultato il 10 luglio 2020.
  17. ^ (EN) Coronavirus protest in Brazil sees millions bang pots from balconies, su bbc.com. URL consultato il 13 maggio 2020.
  18. ^ aljazeera.com, https://www.aljazeera.com/news/2020/04/brazil-bolsonaro-joins-protest-coronavirus-curbs-200420042616860.html. URL consultato il 27 aprile 2020.
  19. ^ (PT) Fortaleza tem manifestação a favor de Bolsonaro neste 1º de maio; 17 são detidos, su g1.globo.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  20. ^ (PT) Feriado do Dia do Trabalho tem manifestações em cidades do RS, su g1.globo.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  21. ^ (PT) Cidades no Sul de MG registram manifestações a favor do governo Bolsonaro neste 1º de maio, su g1.globo.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  22. ^ (PT) Manifestação em defesa de Bolsonaro tem grande adesão na Avenida Paulista: ‘Eu autorizo’, gritava a multidão, su conexaopolitica.com.br. URL consultato il 3 maggio 2021.
  23. ^ (PT) No Rio de Janeiro, manifestação a favor de Bolsonaro interdita totalmente a Avenida Atlântica, su conexaopolitica.com.br. URL consultato il 3 maggio 2021.
  24. ^ (PT) Após encontro com Temer, Bolsonaro fala em pacificação, su noticias.r7.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  25. ^ (PT) Manifestações pró e contra Bolsonaro tomam conta da Esplanada, su metropoles.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  26. ^ (PT) Manifestação pró-Bolsonaro passa do lado de Manifestação da esquerda em Brasília e causa perplexidade: “olha o tamanho da Manifestação da CUT”, VEJA VÍDEO, su terrabrasilnoticias.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  27. ^ (PT) Natal/RN fica verde e amarela com movimento pró-Bolsonaro, veja vídeos e imagens, su terrabrasilnoticias.com. URL consultato il 3 maggio 2021.
  28. ^ (PT) Manifestantes vão às ruas de diversas capitais em defesa do presidente Jair Bolsonaro, su conexaopolitica.com.br. URL consultato il 3 maggio 2021.
  29. ^ (PT) Apoiadores de Bolsonaro promovem manifestações em diversos Estados, su jovempan.com.br. URL consultato il 3 maggio 2021.
  30. ^ (PT) No 1º de Maio, povo vai às ruas sob o lema: ‘Eu autorizo, presidente!’, su pleno.news. URL consultato il 3 maggio 2021.
  31. ^ (PT) Brasil. Milhares de pessoas nas ruas para apoiar Bolsonaro no Dia do Trabalhador, su rtp.pt. URL consultato il 4 maggio 2021.
  32. ^ Sask. Penitentiary inmates protest COVID-19 restrictions they say put them in cells 20 hours per day, su cbc.ca.
  33. ^ (EN) COVID-19: Small group protests coronavirus restrictions in Vancouver, su vancouversun. URL consultato il 3 novembre 2021.
  34. ^ (EN) 'A bunch of yahoos,' Ont. premier says of people protesting COVID-19 emergency measures, su Toronto, 25 aprile 2020. URL consultato il 3 novembre 2021.
  35. ^ (EN) Hundreds flock to Alberta legislature to protest COVID-19 restrictions, su edmontonjournal. URL consultato il 3 novembre 2021.
  36. ^ (EN) Robert Benzie, Premier Doug Ford turfs MPP Roman Baber from Tory caucus for opposing COVID-19 lockdown, in The Toronto Star, 15 gennaio 2021. URL consultato il 3 novembre 2021.
  37. ^ CityNews, su vancouver.citynews.ca. URL consultato il 3 novembre 2021.
  38. ^ Truckers, others pour into Ottawa to protest vaccine requirements, su france24.com.
  39. ^ Canada's Freedom Convoy Embodies Fatigue with Pandemic Authoritarianism, su reason.com.
  40. ^ La lunga protesta dei camionisti contro l’obbligo vaccinale, in Canada, su ilpost.it.
  41. ^ (EN) México: Protesta contra retén por COVID termina en tiroteo, su AP NEWS, 30 aprile 2020. URL consultato il 3 novembre 2021.
  42. ^ (ES) Vicente Juárez, Patricia Vázquez, Luis A. Boffil Gómez, Lorenzo Chim, Rubicela Morelos Cruz, Eirinet Gómez y Saúl Maldonado corresponsales, Manifestaciones anti AMLO en varios estados - Estados - La Jornada, su jornada.com.mx, 30 maggio 2020. URL consultato il 3 novembre 2021.
  43. ^ (ES) Justicia para Giovanni: Protestan por el asesinato en Jalisco, su milenio.com. URL consultato il 3 novembre 2021.
  44. ^ (ES) Así fue la detención de Giovanni López justo antes de su muerte, su La Vanguardia, 5 giugno 2020. URL consultato il 3 novembre 2021.
  45. ^ (EN) This Is How A Group Linked To Betsy DeVos Is Organizing Protests To End Social Distancing, Now With Trump's Support, in BuzzFeed News. URL consultato il 20 aprile 2020.
  46. ^ (EN) How Trump allies have organized and promoted anti-lockdown protests, in Reuters, 22 aprile 2020. URL consultato il 23 aprile 2020.
  47. ^ (EN) Meet the Trump-loving group behind protest of Gov. Whitmer's stay-home order, in bridgemi.com, 22 aprile 2020. URL consultato il 23 aprile 2020.
  48. ^ (EN) Cole Miller | KOMO News, Protest against state closure planned for tomorrow in Olympia, in KOMO, 18 aprile 2020.
  49. ^ (EN) Trump allies have their fingerprints on lockdown protests, in POLITICO. URL consultato il 23 aprile 2020.
  50. ^ (EN) Jason Wilson, The rightwing groups behind wave of protests against Covid-19 restrictions, in The Guardian, 17 aprile 2020, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 18 aprile 2020.
    «...  ...»
  51. ^ (EN) Adam Uren, WaPo reveals Minnesota gun group link to anti-quarantine protests, in Bring Me The News. URL consultato il 20 aprile 2020.
  52. ^ (EN) Nicholas Bogel-Burroughs, Antivaccination Activists Are Growing Force at Virus Protests, in The New York Times, 4 maggio 2020. URL consultato il 4 maggio 2020.
  53. ^ (EN) Will Sommer e Jackie Kucinich, Anti-Vaxxers and Lockdown Protesters Form an Unholy Alliance, in Daily Beast, 22 aprile 2020. URL consultato il 23 aprile 2020.
  54. ^ (EN) covid 19: Wuhan rent protest shows unrest brewing in China after lockdown - The Economic Times, Economictimes.indiatimes.com. URL consultato il 30 aprile 2020.
  55. ^ (EN) Coronavirus lockdown: woman charged with organising protests against overpriced food, bad management, su South China Morning Post. URL consultato il 1º maggio 2020.
  56. ^ (EN) Janess Ann J. Ellao, Arrests in QC reveal lack of gov't support to lockdown-affected residents, su Bulatlat, 1º aprile 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  57. ^ a b 21 protesters demanding food aid arrested in Quezon City, su cnnphilippines.com.
  58. ^ (EN) Gabriel Pabico Lalu, 2 of jailed Piston 6 protesters test positive for COVID-19, su INQUIRER.net, 18 giugno 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  59. ^ LIST: 'Grand mañanita' and other Independence Day 2020 activities, su rappler.com.
  60. ^ (EN) Cathrine Gonzales, LOOK: ‘Grand mañanita’ protest on Independence Day, su INQUIRER.net, 12 giugno 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  61. ^ (EN) Mary Hui, Hong Kong police are using coronavirus restrictions to clamp down on protesters, su Quartz. URL consultato il 31 agosto 2021.
  62. ^ (EN) Thousands of Hong Kong police officers mobilised for banned Tiananmen vigils, su South China Morning Post, 3 giugno 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  63. ^ (EN) Hong Kong Free Press, Beijing unanimously passes national security law for Hong Kong as Chief Exec. Carrie Lam evades questions, su Hong Kong Free Press HKFP, 30 giugno 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  64. ^ 民研:55% 市民支持立法會選舉如期舉行 黎恩灝:押後續損民主價值 | 立場報道 | 立場新聞, in 立場新聞 Stand News. URL consultato il 31 agosto 2021.
  65. ^ (EN) Hong Kong Free Press, Hong Kong bans Joshua Wong and 11 other pro-democracy figures from legislative election, su Hong Kong Free Press HKFP, 30 luglio 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  66. ^ (EN) 'Serious provocation': Beijing blasts Hong Kong democrat primaries after initial results revealed, su Hong Kong Free Press HKFP, 14 luglio 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  67. ^ (EN) Dozens of Hong Kong pro-democracy figures arrested in sweeping crackdown, su the Guardian, 6 gennaio 2021. URL consultato il 31 agosto 2021.
  68. ^ Sanjeev Miglani Jain, India extends world's biggest lockdown, ignites protest by migrant workers, in Reuters, 14 aprile 2020. Ospitato su reuters.com.
  69. ^ (EN) India’s migrant workers protest against lockdown extension, su aljazeera.com. URL consultato il 27 aprile 2020.
  70. ^ (ZH) 自由時報電子報, 國會通過爭議性法案 印尼各地發起罷工示威 - 國際, su 自由時報電子報, 6 ottobre 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  71. ^ (EN) Gayatri Suroyo, Fransiska Nangoy, Indonesians police fire water cannons at protesters rallying against jobs law, in Reuters, 6 ottobre 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  72. ^ Israelis maintain social distancing while protesting Netanyahu, su nypost.com. URL consultato il 27 aprile 2020.
  73. ^ (EN) timesofisrael.com, https://www.timesofisrael.com/police-clash-with-stone-throwing-haredi-protesters-in-jerusalem-5-arrested/. URL consultato il 1º maggio 2020.
  74. ^ The Washington Post, https://www.washingtonpost.com/world/middle_east/ultra-orthodox-israel-police-covid/2021/01/25/2438e840-5ee3-11eb-a177-7765f29a9524_story.html. URL consultato il 28 gennaio 2021.
  75. ^ (EN) The Iraq Report:Protest movement revives as coronavirus lockdown eased, su alaraby. URL consultato il 1º maggio 2020.
  76. ^ The Washington Post, https://www.washingtonpost.com/world/coronavirus-protests-lebanon-india-iraq/2020/04/19/1581dde4-7e5f-11ea-84c2-0792d8591911_story.html. URL consultato il 27 aprile 2020.
  77. ^ (RU) Казахстан: митинг в белых халатах, su belsat.eu. URL consultato il 9 settembre 2021.
  78. ^ (RU) Несколько десятков человек собрались на площади в Кокшетау (фото) | NUR.KZ, su nur.kz, 25 gennaio 2021. URL consultato il 9 settembre 2021.
  79. ^ НГ: "Принудительной вакцинации нет" - аким Костаная встретился с участниками акции протеста, su ng.kz. URL consultato il 9 settembre 2021.
  80. ^ (RU) В Казахстане вводится режим обязательной вакцинации, su inbusiness.kz. URL consultato il 9 settembre 2021.
  81. ^ (RU) В Уральске и Костанае прошли митинги против обязательной вакцинации - Аналитический интернет-журнал Vласть, su vlast.kz. URL consultato il 9 settembre 2021.
  82. ^ (RU) Несколько человек задержаны в Алматы и Актобе на месте анонсированных Аблязовым акций, su Радио Азаттык. URL consultato il 9 settembre 2021.
  83. ^ Митинги против обязательной вакцинации прошли в нескольких городах Казахстана, su ust-kamenogorsk.city. URL consultato il 9 settembre 2021.
  84. ^ (EN) - The Washington Post, su Washington Post. URL consultato il 9 settembre 2021.
  85. ^ (EN) Nazih Osseiran and Dion Nissenbaum, Protesters in Lebanon Demand Economic Relief as Coronavirus Lockdown Eases, in Wall Street Journal, 28 aprile 2020. URL consultato il 9 settembre 2021.
  86. ^ Lockdown lifts in Lebanon, protests erupt over economic crises, in Christian Science Monitor, 29 aprile 2020. URL consultato il 9 settembre 2021.
  87. ^ a b (EN) Hundreds take to Kuala Lumpur’s streets in anti-gov’t protest, su aljazeera.com. URL consultato il 23 settembre 2021.
  88. ^ a b (EN) Deutsche Welle (www.dw.com), Malaysian protesters demand PM Muhyiddin's resignation | DW | 31.07.2021, su DW.COM. URL consultato il 23 settembre 2021.
  89. ^ (EN) Farah Solhi, #Lawan rally ends as protesters fail to get inside Dataran Merdeka | New Straits Times, su NST Online, 31 luglio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  90. ^ (EN) Nadirah H. Rodzi, Opposition MPs renew calls for Malaysia's PM Muhyiddin to resign, in The Straits Times, 2 agosto 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  91. ^ (EN) Malaysia opposition MPs gather at Merdeka Square after being blocked from entering parliament, su CNA. URL consultato il 23 settembre 2021.
  92. ^ (EN) Staff and agencies, Pakistan arrests doctors protesting over lack of virus safety equipment, su the Guardian, 6 aprile 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  93. ^ Millions of Pakistani laborers struggle amid COVID-19 lockdown, su aa.com.tr. URL consultato il 23 settembre 2021.
  94. ^ (EN) Parents protest as Pakistani students stuck in China under coronavirus lockdown, in Reuters, 16 febbraio 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  95. ^ Covid, proteste contro restrizioni a Vienna e Bruxelles, scontri - Europa, su Agenzia ANSA, 31 gennaio 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  96. ^ silipo, Covid, proteste in Europa contro restrizioni: scontri e arresti, su Adnkronos, 31 gennaio 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  97. ^ Covid-19: nuove proteste contro le restrizioni a Bruxelles e Vienna, su euronews, 1º maggio 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  98. ^ Sputnik Italia, Austria: gli scettici Covid si scontrano con la polizia durante protesta contro nuove restrizioni, su Sputnik Italia, 20210912T1815+0200. URL consultato il 30 settembre 2021.
  99. ^ (EN) Coronavirus digest: Brussels police detain hundreds of anti-lockdown protesters, su DW.COM.
  100. ^ (EN) Deutsche Welle (www.dw.com), Belarus protests have roots in Lukashenko's repression | DW | 19.08.2020, su DW.COM. URL consultato il 31 agosto 2021.
  101. ^ Bielorussia, proteste contro il presidente Lukashenko che vuole essere rieletto: governa dal 1994, su Il Fatto Quotidiano, 25 maggio 2020. URL consultato il 31 agosto 2021.
  102. ^ (EN) How poor handling of Covid-19 has caused uproar in Belarus, su newstatesman.com. URL consultato il 31 agosto 2021.
  103. ^ (HR) Protesti u Sarajevu: Građani ispred Vlade FBiH skandiraju "Ostavke" i "Paraziti napolje", su klix.ba. URL consultato il 31 agosto 2021.
  104. ^ (HR) Završeni protesti građana u Sarajevu: Na potezu su parlamentarci, rok je 1. maj, su klix.ba. URL consultato il 31 agosto 2021.
  105. ^ (BG) Връщат маските на закрито - стават задължителни в магазина и в офиса - България, su dariknews.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  106. ^ (BG) Ананиев отмени заповедта за задължителните маски - България, su dariknews.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  107. ^ (BG) Протест в София срещу мерките за ограничаване на коронавируса, su Mediapool.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  108. ^ (BG) 8 арестувани на протеста в София (ВИДЕО+СНИМКИ), su nova.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  109. ^ (BG) Протест на антиваксъри в София, su Vesti.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  110. ^ (EN) Raids Worsen Bulgarian President’s Spat With Prosecutor, in Bloomberg.com, 9 luglio 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  111. ^ (BG) Ден 64: 150 000 души скандират ”Оставка” на площад ”Независимост” /видео/, su frognews.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  112. ^ 88-а вечер на протести в София: Призоваха за атаки срещу офисите на управляващата коалиция (Снимки), su 24chasa.bg. URL consultato il 23 settembre 2021.
  113. ^ (EN) The Washington Post, https://www.washingtonpost.com/world/europe/paris-suburbs-protests-villeneuve-la-garenne/2020/04/25/55f5a40c-85a1-11ea-81a3-9690c9881111_story.html. URL consultato il 1º maggio 2020.
  114. ^ (EN) France: Thousands of protesters wrongly punished under draconian laws in pre and post COVID-19 crackdown, su Amnesty International, 28 settembre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  115. ^ Niente ristorante senza green pass, e oltre 1 milione di francesi corre a prenotare il vaccino, su Today. URL consultato il 23 settembre 2021.
  116. ^ Al Jazeera, https://www.aljazeera.com/news/2021/7/15/french-police-tear-gas-as-anti-vaccine-protest-turns-violent. URL consultato il 24 luglio 2021.
  117. ^ (NL) Coronapaspoort in Frankrijk: ‘Wij houden ons hart vast’, su NRC. URL consultato il 23 settembre 2021.
  118. ^ Coronavirus : Comment ca va se passer avec la fin des tests PCR ent antigeniques gratuits ?, su 20 Minutes. URL consultato il 25 luglio 2021.
  119. ^ (EN) French protesters reject virus passes, vaccine mandate, su AP NEWS. URL consultato il 25 luglio 2021.
  120. ^ Gele hesjes lopen te hoop tegen 'pasdictatuur', su nrc.nl.
  121. ^ (EN) French protesters reject virus passes, vaccine mandate, su AP NEWS, 24 luglio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  122. ^ (EN) Protesters Say France's Anti-Virus Pass Is A Threat To Personal Freedoms, in NPR.org. URL consultato il 23 settembre 2021.
  123. ^ (NL) Gedwongen vaccinatie: demonstraties in Frankrijk, applaus in Italië, su NRC. URL consultato il 23 settembre 2021.
  124. ^ Dagblad van het Noorden, 9 agosto 2021.
  125. ^ (EN) Covid-19: Thousands march against French health pass for fourth week in row, su France 24, 7 agosto 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  126. ^ (EN) Protests against COVID health pass held across France, su euronews, 7 agosto 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  127. ^ (NL) LIVE | Weer massale protesten tegen Franse ’gezondheidsdictatuur’, su Telegraaf, 14 agosto 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  128. ^ silipo, Green pass Francia, nuove proteste contro le misure, su Adnkronos, 28 agosto 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  129. ^ In German: 'Fast 40.000 Menschen bei Corona-Demos – Sperren am Reichstag durchbrochen' (Almost 40,000 people by corona demos – fences at the Reichstag broken through). rbb24.de, 29 August 2020.
  130. ^ QUERDENKEN 711 – Manifesto, version 2 May 2020, official English version.[collegamento interrotto] (Routed from their homepage Start | Querdenken-711 | Wir für unsere Grundrechte Retrieved 18 September 2020.
  131. ^ (EN) Berlin police clear anarchist-occupied house Liebig 34, su DW.COM.
  132. ^ (EN) Surviving the Virus: An Anarchist Guide, su CrimethInc..
  133. ^ (EN) German Company Targeted in Anarchist Arson Attack for COVID-19 “Repression”, su ent.siteintelgroup.com.
  134. ^ Greek students, teachers protest planned education reform, su web.archive.org, 6 febbraio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2021).
  135. ^ Protest gets heated ahead of campus policing vote, su apnews.com (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2021).
  136. ^ Youths protesting police violence attack Athens precinct, su web.archive.org, 10 marzo 2021. URL consultato il 23 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2021).
  137. ^ Greek protesters attack police with firebombs at rally, su web.archive.org, 15 marzo 2021. URL consultato il 23 settembre 2021 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2021).
  138. ^ Grecia: in migliaia assediano il Parlamento contro l'obbligo vaccinale, su L'INDIPENDENTE. URL consultato il 23 settembre 2021.
  139. ^ Ancora scontri ad Atene contro i vaccini obbligatori, manifestanti brandiscono croci in piazza, su Today. URL consultato il 23 settembre 2021.
  140. ^ Ad Atene scontri con la polizia alla manifestazione contro il Green Pass nei ristoranti, su Today. URL consultato il 23 settembre 2021.
  141. ^ (EN) Jennifer Cosgrove, Conor Lally, Sarah Burns, Four arrested in clashes at anti-facemask protest in Dublin, su The Irish Times. URL consultato il 24 settembre 2021.
  142. ^ Jack Beresford, Anti-mask demonstrators stage sit-in protest in Dublin, su The Irish Post. URL consultato il 24 settembre 2021.
  143. ^ (EN) Ronan McGreevy, Three gardaí injured and 23 arrested after clashes at Dublin anti-lockdown protest, su The Irish Times. URL consultato il 24 settembre 2021.
  144. ^ (EN) Noel Baker, Cork anti-lockdown protest attracts hundreds into city centre, su Irish Examiner, 6 marzo 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  145. ^ (EN) Steve Neville, Six arrested on day of Cork anti-lockdown protest, su Irish Examiner, 6 marzo 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  146. ^ (EN) Conor Lally Security, Crime Editor, Seven gardaí hospitalised after violent St Patrick’s Day attacks, su The Irish Times. URL consultato il 24 settembre 2021.
  147. ^ 21 arrests during mostly peaceful anti-lockdown protests, su independent.ie.
  148. ^ (EN) Paul Reynolds, 21 arrested over breaches of public health regulations, 17 marzo 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  149. ^ (EN) Tim O'Brien, Eleven arrested for Covid breaches after protest march in Dublin, su The Irish Times. URL consultato il 24 settembre 2021.
  150. ^ (EN) Jennie O'Sullivan, Second anti-lockdown protest held in Cork city, 3 aprile 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  151. ^ (EN) Colman O'Sullivan, Eight arrested over planned protest in Dublin, 4 aprile 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  152. ^ (EN) Jennie O'Sullivan, Hundreds attend lockdown protest in Cork, 1º maggio 2021. URL consultato il 24 settembre 2021.
  153. ^ (EN) Anti-lockdown protest: More than 300 protesters at anti-restrictions demonstration in Dublin, su independent. URL consultato il 24 settembre 2021.
  154. ^ 25 Aprile, a Napoli protesta dei disoccupati a piazza Municipio. Tensioni con Polizia, su Napoli Fanpage. URL consultato il 23 settembre 2021.
  155. ^ La 'Marcia su Roma' a Piazza Venezia: "Il virus è un trucco". Identificati 70 manifestanti, su RomaToday. URL consultato il 23 settembre 2021.
  156. ^ "In Lombardia metà dei morti di tutta Italia per Covid": in Duomo la protesta "anti Pirellone", su MilanoToday. URL consultato il 23 settembre 2021.
  157. ^ (EN) Our Foreign Staff, Hundreds of protesters clash with police over coronavirus restrictions in Naples, in The Telegraph, 24 ottobre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  158. ^ (EN) Hundreds protest, clash with police in Naples over new coronavirus curfew, su France 24, 24 ottobre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  159. ^ Proteste a Napoli contro le misure di De Luca: il corteo, poi lancio di fumogeni e scontri con le forze dell'ordine. Due arresti, 7 agenti feriti, su Il Fatto Quotidiano, 24 ottobre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  160. ^ viminale su Libero 24x7, su Libero 24x7. URL consultato il 23 settembre 2021.
  161. ^ Giulia Avataneo, Italia, diventano violente le proteste contro le misure antipandemia, su euronews, 27 ottobre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  162. ^ Covid, Campania zona rossa, scoppia la protesta a Napoli: in piazza mercatali e disoccupati, su ilmessaggero.it. URL consultato il 23 settembre 2021.
  163. ^ Covid, domani protesta dei ristoratori. Vissani: «Prima di decidere zona rossa governo dia soldi per i fornitori», su ilmessaggero.it. URL consultato il 23 settembre 2021.
  164. ^ Coronavirus: Trento, protesta di ristoratori e baristi - Trentino AA/S, su Agenzia ANSA, 28 ottobre 2020. URL consultato il 23 settembre 2021.
  165. ^ Manifestazioni contro il green pass in tutta Italia, disordini a Roma, su ilsole24ore.com.
  166. ^ (EN) Wanted in Rome, Italy faces wave of Green Pass protests, su Wanted in Rome, 24 luglio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  167. ^ (EN) Thousands in Italy protest against tougher coronavirus regulations, su South China Morning Post, 25 luglio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  168. ^ No green pass, in piazza da Nord a Sud contro l'obbligo: 9mila a Milano, 5mila a Torino, 3mila a Roma. Cori "libertà", svastiche e stelle di David: "Noi come gli ebrei sotto il nazismo", su Il Fatto Quotidiano, 24 luglio 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  169. ^ Green pass: torna il popolo del "no", manifestazioni in 120 città ma l’affluenza resta bassa, su lastampa.it, 11 settembre 2021. URL consultato il 23 settembre 2021.
  170. ^ No green pass, in migliaia sfidano il divieto della questura: corteo in centro a Milano, su MilanoToday. URL consultato il 23 settembre 2021.
  171. ^ Daniele Lettig, No-vax e sinistra insieme alla manifestazione contro il Green pass, su editorialedomani.it. URL consultato il 23 settembre 2021.
  172. ^ Green pass al lavoro, così l'Italia supera le prescrizioni degli altri Paesi europei: il quadro, su la Repubblica, 16 settembre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  173. ^ Green pass obbligatorio per lavorare: siamo un caso unico in Europa?, su Today. URL consultato il 2 novembre 2021.
  174. ^ Redazione Online, La raccolta firme per il referendum contro il green pass (ma non si potrebbe votare prima della primavera 2022), su Corriere della Sera, 19 settembre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  175. ^ Mobilitazione dei ‘No green pass’: blocco stradale in via Mattei (Foto/Video), su Cronache Maceratesi, 15 ottobre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  176. ^ Green pass obbligatorio, l’Italia non si blocca: proteste da Genova a Trieste ma pochi disagi, su Il Sole 24 ORE, 15 ottobre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  177. ^ No green pass, solito blocco stradale del sabato. Ma quanti sono davvero i genovesi?, su GenovaQuotidiana, 30 ottobre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  178. ^ Redazione, Proteste No Green Pass, oggi 12 ottobre 2021 previsti blocchi stradali: le chat su Telegram, su Il Corriere della Città, 12 ottobre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  179. ^ Il Giorno, Sciopero dei camionisti contro il green pass, la protesta non blocca il traffico, su Il Giorno, 1632755831757. URL consultato il 2 novembre 2021.
  180. ^ Camionisti No Green Pass, lo sciopero prende piede: raggiunte code di 40km sulla Milano-Genova, disagi a Firenze e Imola, su StrettoWeb, 28 settembre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  181. ^ (EN) How a COVID pass protest sparked a debate in Italy on its fascist past, su euronews, 25 ottobre 2021. URL consultato il 3 novembre 2021.
  182. ^ Il Giorno, Debutta il Green pass obbligatorio, proteste e scioperi in tutta Italia: ecco dove, su Il Giorno, 1634278247965. URL consultato il 2 novembre 2021.
  183. ^ Green Pass, tante proteste ma pochi disagi. A Roma i manifestanti offrono fiori alla Polizia, su lastampa.it, 15 ottobre 2021. URL consultato il 2 novembre 2021.
  184. ^ Il porto di Trieste lavora, anche se a ranghi ridotti - TGR Friuli Venezia Giulia, su TGR. URL consultato il 2 novembre 2021.
  185. ^ (CS) Demonstrace proti vládním opatřením se změnila v potyčky s těžkooděnci. Policie zadržela přes 100 lidí, su iROZHLAS. URL consultato il 3 novembre 2021.
  186. ^ (CS) Na Václavském náměstí demonstrovaly stovky lidí proti omezením | ČeskéNoviny.cz, su ceskenoviny.cz. URL consultato il 3 novembre 2021.
  187. ^ (CS) Antirouškaři jsou ti nejtrapnější disidenti. Jako poslední věří vládě, su A2larm. URL consultato il 3 novembre 2021.
  188. ^ Covid: proteste contro misure, incidenti in capitale slovena - Politica - Nuova Europa, su ANSA.it, 16 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  189. ^ Nuova grande manifestazione di protesta a Lubiana contro i provvedimenti anti-Covid., su RTVSLO.si. URL consultato il 30 settembre 2021.
  190. ^ Scontri e proteste in piazza a Lubiana contro le nuove misure anti-Covid, su Il Piccolo, 16 settembre 2021. URL consultato il 30 settembre 2021.
  191. ^ Decreto sospeso, su RTVSLO.si. URL consultato il 30 settembre 2021.
  192. ^ https://www.facebook.com/1041803319350944/videos/234218207954557 Arjay Martin's For Australians "World Freedom Day" protest
  193. ^ https://www.facebook.com/1041803319350944/videos/222977645483900 Dr Arjay Martin calls for "World Freedom Day" protests
  194. ^ (EN) Rural town breaks coronavirus lockdown rules in protest, su Yahoo! News Australia. URL consultato il 10 maggio 2020.
  195. ^ (EN) Dozens attend anti-coronavirus lockdown protest in regional Victoria, su sbs.com.au. URL consultato il 10 maggio 2020.
  196. ^ (EN) 'Incredibly disappointing': Ugly scenes at Melbourne coronavirus protests as violence erupts, in Seven News, 10 maggio 2020. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2020).
  197. ^ (EN) Protesters flout social distancing rules at coronavirus lockdown rally in Melbourne, in SBS World News. URL consultato il 10 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]