Sputnik V

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sputnik V
Вакцина Спутник V.jpg
Nomi alternativi
Gam-COVID-Vac (in russo: Гам-КОВИД-Вак?)
Caratteristiche generali
Numero CAS[1] numero CAS non valido
DrugBankDB15848
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaVaccino
Modalità di
somministrazione
Intramuscolare
Indicazioni di sicurezza

Il Gam-COVID-Vac (in russo: Гам-КОВИД-Вак?, nome commerciale Sputnik V[1]) è un vaccino sperimentale contro il SARS-CoV-2, l'agente virale che è causa della malattia infettiva nota come COVID-19,[2][3] sviluppato in Russia presso il Centro nazionale di ricerca epidemiologica e microbiologica N. F. Gamaleja sotto la guida del dottore in scienze biologiche e membro corrispondente dell'Accademia russa delle scienze Denis Jur'evič Logunov e dal Centro virologico dell'Istituto di ricerca di microbiologia del Ministero della difesa della Federazione Russa,[4][5] sviluppatore in precedenza di vaccini contro l'Ebola e la MERS.[6][7] Il vaccino è stato sviluppato da un'organizzazione governativa che ha lavorato su precedenti possibili candidati vaccini contro il coronavirus.[8] Non contiene l'agente patogeno, ma utilizza come vettore delle particelle di adenovirus umano (un vettore diverso per ognuna delle due dosi di somministrazione) ricombinante che contengono la proteina S, una proteina presente nell'involucro del SARS-CoV-2 contro la quale vengono prodotti gli anticorpi.

Gli sviluppatori hanno ricevuto un trattamento favorevole dalle autorità governative russe, che hanno permesso loro di combinare la prima e la seconda fase degli studi e successivamente ricevere la registrazione del farmaco prima della fine della Fase III degli studi clinici (iniziata 26 agosto 2020 a Mosca). L'efficacia dichiarata, su più di 18mila volontari, risulterebbe superiore al 95%, anche se esperti indipendenti notano che non vi è evidenza dell'efficacia del vaccino fino alla fine della Fase III. Il Ministero della Salute della Federazione Russa ha emesso una registrazione temporanea per un vaccino fino al 1º gennaio 2021, provvedimento utilizzato per i farmaci importanti per la protezione della salute in caso di emergenza.

Dal 5 dicembre 2020 a Mosca e dal 10 dicembre in altre regioni della Russia è iniziata la campagna di vaccinazione gratuita: i primi ad essere vaccinati sono i gruppi a rischio che vanno dai 18 ai 60 anni, inclusi i lavoratori delle istituzioni mediche ed educative (medici, insegnanti) e gli assistenti sociali.

Il 2 febbraio 2021 la rivista scientifica The Lancet ha pubblicato un articolo contenente i risultati della Fase II di sperimentazione del vaccino, da cui si evince un'efficacia del vaccino del 91,6%[9]. Il 4 marzo 2021 l'Agenzia europea per i medicinali ha avviato la revisione dello Sputnik V per la sua distribuzione commerciale nell'Unione Europea:[10] la domanda di approvazione è stata richiesta dalla filiale tedesca del gruppo farmaceutico russo R-Pharm.[11] Kirill Aleksandrovič Dmitriev, amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund, in un'intervista ha ammesso che la Russia sarebbe pronta a fornire 50 milioni di dosi a partire da giugno all'UE.[12]

Secondo l'Istituto Panrusso di Sociologia "Levada Center" il 70% dei russi non si vuole vaccinare con Sputnik.[13]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gam-COVID-Vac è un vettore virale basato su adenovirus umano inattivo che è stato fuso con il peplomero di SARS-CoV-2 al fine di stimolare una risposta immunitaria.[14]

Il vaccino è ottenuto con metodo biotecnologico, che non utilizza il virus SARS-CoV-2, patogeno per l'uomo. La preparazione è composta da due componenti: l'adenovirus ricombinante di tipo 5 (Ad5) e di tipo 26 (Ad26), entrambi utilizzati come vettori. La prima dose del vaccino si basa sul componente Ad26, mentre il richiamo viene effettuato 21 giorni dopo utilizzando il componente Ad5, in modo tale che il corpo umano riesca ad aumentare la risposta immunitaria.[15]

Il farmaco può essere rilasciato in due forme: congelato (temperatura di conservazione -18° C) e liofilizzato (designato come "Gam-COVID-Vac-Lyo", temperatura di conservazione 2-8° C): il primo è più economico e tecnologicamente più avanzato nella produzione, mentre il secondo è più conveniente per lo stoccaggio e il trasporto. Secondo il capo del Centro. Gamaleya di Alexander Gintsburg, la vaccinazione della maggior parte della popolazione della Russia, in base alla capacità disponibile, richiederà 9-12 mesi.

Il 23 ottobre 2020, il capo del ministero della Salute Mikhail Murashko ha affermato che la vaccinazione contro l'infezione da coronavirus dopo il lancio di grandi volumi di produzione di Gam-COVID-Vac sarà gratuita per tutti i cittadini russi. Non è esclusa l'introduzione di vaccini contro l'infezione da coronavirus nel calendario nazionale delle vaccinazioni preventive, lavoro all'interno del quale è spesso pagato da budget di diverso livello. Il ministero della Salute russo ha registrato il prezzo di vendita massimo del produttore per il vaccino contro il coronavirus Sputnik V, era di 1.942 rubli per due componenti.

Il governo russo ha incluso lo Sputnik V nell'elenco dei medicinali vitali ed essenziali.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'incontro del presidente Putin con i membri del governo l'11 agosto 2020 tramite videoconferenza, durante il quale ha annunciato un vaccino registrato condizionatamente contro il COVID-19[2][3]

Nel maggio 2020, il Centro nazionale di ricerca epidemiologica e microbiologica N. F. Gamaleja ha annunciato di aver in corso di sviluppo un vaccino contro la COVID-19.[16] Gli studi preliminari sull'uomo sono iniziati il 18 giugno, con nove volontari sul vaccino principale e nove che hanno ricevuto la dose di richiamo.[2]

L'11 agosto 2020, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato l'approvazione normativa del vaccino, prima ancora che fosse entrato nelle sperimentazioni della Fase III, quella in grado di dimostrarne la sicurezza e l'efficacia contro COVID-19 e la capacità di prevenire l'infezione nella popolazione generale.[2][3][17]

Secondo un certificato di registrazione per il vaccino, non può essere ampiamente utilizzato in Russia se non dal 1º gennaio 2021, ma deve essere fornito a "un piccolo numero di cittadini di gruppi vulnerabili", come personale medico e anziani.

L'approvazione anticipata del vaccino ha fatto sì che esperti del settore, sia esteri sia russi, si siano trovati concordi nel richiedere prove di sicurezza[2][18] (come è la norma per un ritrovato che si candida e essere usato come vaccino contro un agente infettivo, una volta che abbia superato gli studio delle fasi I e II), avendo il vaccino una percentuale di successo solo del 16%.[19]

Senza la Fase III, infatti, non è possibile sapere se il vaccino è efficace e sicuro per la somministrazione di massa.[3] L'11 agosto 2020, un portavoce dell'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che non è possibile usare un vaccino, o altri farmaci, senza aver completato le tre fasi richieste e senza aver valutato i dati di sicurezza ed efficacia.[20][21]

21 dicembre 2020 Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), Centro im. Gamalei, l'azienda farmaceutica russa R-Pharm e l'azienda farmaceutica anglo-svedese AstraZeneca hanno firmato un accordo per sviluppare e implementare un programma di sperimentazione clinica per una combinazione di vaccini contro il coronavirus. Le parti hanno convenuto di sviluppare relazioni scientifiche e commerciali, nell'ambito delle quali saranno esplorate le possibilità di uso congiunto del vaccino russo Sputnik V e del farmaco AZD1222, sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford, per una protezione più persistente e a lungo termine degli esseri umani dal coronavirus.

Interesse internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Approvazione dello Sputnik V in Europa
(Aggiornamento: 5 marzo 2021)
I paesi che hanno ordinato migliaia di dosi di Sputnik V (verde scuro)[22] e paesi interessati a ottenere il vaccino (verde chiaro)[23]
Arrivo del primo lotto di Sputnik V in Argentina, 24 dicembre 2020
Arrivo di un lotto di Sputnik V in Iran, 4 febbraio 2021

Secondo le dichiarazioni di Kirill Aleksandrovič Dmitriev, amministratore delegato del Russian Direct Investment Fund, nella prima settimana di dicembre sono pervenute richieste per l'acquisto di 1,2 miliardi di dosi di vaccino da più di 50 paesi[24] e per l'approvazione del vaccino in 40 paesi.[25] Il costo di una dose di vaccino per i mercati internazionali sarà inferiore a 10 dollari americani, più conveniente rispetto ai vaccini a mRNA di altri produttori.[26]

Il 29 dicembre 2020 è stata approvata la somministrazione del vaccino Sputnik V in Argentina[27] e l'1 gennaio 2021 in Serbia.[28]

Il 15 gennaio 2021 la Russia e il Brasile hanno raggiunto un accordo preliminare sulla produzione del vaccino. Altri accordi sono stati stipulati riguardanti la produzione: alcuni dei paesi interessati sarebbero l'India, la Cina e la Corea del Sud.[24] All'inizio di dicembre, Dmitriev ha stimato che entro marzo 2021 il mondo sarebbe stato in grado di produrre fino a 30 milioni di vaccini al mese.[29]

Il 2 febbraio 2021, il The Wall Street Journal ha pubblicato un articolo riguardo alle dosi stipulate attraverso gli accordi. Il numero totale sarebbe 2,4 miliardi di dosi.[30]

Unione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio il Russian Direct Investiment Fund ha dichiarato di aver presentato una domanda all'Agenzia europea per i medicinali per effettuare la registrazione del vaccino e diffonderlo nell'Unione Europea. Il 10 febbraio, l'EMA ha annunciato di non aver ricevuto nessuna richiesta o autorizzazione all'immissione in commercio per il vaccino.[31] La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha criticato la Federazione russa riguardo alla lenta campagna di vaccinazione, accusandola di pubblicizzare il loro vaccino nonostante loro stessi abbiano dei ritardi.[32]

In risposta all'EMA, l'RDIF tramite un tweet afferma di aver inviato la richiesta, postando uno screenshot che proverebbe l'avvenuta richiesta. Il 19 febbraio l'RDIF, sempre su Twitter pubblica un documento della stessa EMA a conferma della richiesta effettuata.

Il documento dell'EMA, come riportato sul sito ufficiale, dichiara che la revisione dello Sputnik V è stata affidata ai medici del Committee for Medicinal Products for Human Use (CHMP): infatti, dopo aver ricevuto la conferma dalla COVID-19 EMA pandemic Task Force (COVID-ETF), l'RDIF potrà richiedere la domanda per la revisione del vaccino.[31][33]

L'ex direttore esecutivo dell'EMA Guido Rasi, in un'intervista su Rai 1, ha dichiarato che ciò che sta facendo la Russia è solo un “gioco furbo”, mentre Marco Cavaleri, presidente della task force sui vaccini dell’EMA, ha dichiarato in un’intervista a La Stampa che i russi hanno inviato dei dati non sufficienti secondo la burocrazia e il regolamento dell'Agenzia europea per i medicinali.[34]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Posizioni positive riguardo all'utilizzo dello Sputnik V provengono dal centro-destra: il 1° marzo 2021 l’ex presidente del Consiglio e leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha riunito in videoconferenza tutti i ministri e sottosegretari per discutere riguardo al vaccino.[35] Anche il leader della Lega Matteo Salvini[35] e la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni[36] hanno espresso pareri favorevoli riguardo all'utilizzo.

Da quanto emerge dall'incontro tra l’Istituto nazionale per le malattie infettive e il Centro nazionale di ricerca epidemiologica e microbiologica N. F. Gamaleja, anche l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato avrebbe un'opinione positiva riguardo al vaccino:[37] infatti sarebbe intenzionato a chiedere al governo Draghi di produrre il vaccino nel Lazio e di prenotare un milione di dosi al via libera dell'EMA.[38][39]

Valutazione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Deutsches Ärzteblatt, la rivista ufficiale dell'associazione medica tedesca, sarebbero 38 i volontari coinvolti nelle prime due fasi di sperimentazione, concluse prima della registrazione di emergenza in Russia. Varie critiche sono state espresse da un portavoce del Ministero federale della salute per la mancanza di pubblicazione su riviste specializzati dei dati e articoli sottoposti a revisione paritaria.[40]

Gli scienziati hanno definito l'approvazione del governo russo sul Gam-COVID-Vac come pericolosa, spericolata e sciocca,[2][3] mentre il professor Paul Offit, direttore del Vaccine Education Center al Children's Hospital di Philadelphia, ha affermato che l'annuncio del vaccino è stato una trovata politica e che, non essendo sperimentato, potrebbe essere molto dannoso.[20]

Prese di posizione contrarie al Gam-COVID-Vac si sono levate anche dalla Russia stessa. Infatti, un portavoce dell'Associazione delle organizzazioni di ricerca clinica ha riferito di provare vergogna per il proprio paese e che la registrazione accelerata non renderà più la Russia un leader in questa corsa, ma creerà pericoli inutili a cui saranno esposti solo gli utenti finali del vaccino.[senza fonte]

Alex Azar, Segretario della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d'America, ha affermato che non bisogna essere i primi nella ricerca, ma avere un vaccino sicuro per la popolazione mondiale.[41]

Balram Bhargava, direttore dell'Indian Council of Medical Research, ha affermato che la Russia è riuscita ad accelerare lo sviluppo di un vaccino per la COVID-19 nelle sue prime fasi.[42]

La valutazione dell'efficacia del vaccino Gam-COVID-Vac è stata effettuata utilizzando diversi sistemi di test: IgG , ELISA per la proteina S a lunghezza intera e per un frammento di proteina S (dominio RBD), titolo di anticorpi neutralizzanti, risposta immunitaria delle cellule T in due varianti - linfoproliferazione CD4 - e le cellule CD8 e la loro produzione di interferone gamma - e non con il metodo usuale, quando il paziente dopo la somministrazione del vaccino è in attesa di infezione. Secondo il direttore generale dell'RDIF KA Dmitriev, un simile test conferma l'efficacia del vaccino.

L'uso di due componenti (Ad26 e Ad5), come concepito dagli sviluppatori, può aumentare l'efficacia della vaccinazione, ma poiché Ad5 è un virus abbastanza comune che è responsabile di alcuni casi di ARVI e molte persone lo hanno già riscontrato e hanno anticorpi contro Ad5 (50-70 %, secondo varie stime), che può rendere inefficace la vaccinazione, mentre la seconda, Ad26, è meno diffusa nella popolazione. Nell'articolo pubblicato, è stato dimostrato che la presenza di anticorpi contro i vettori Ad5 e Ad26 non è correlata alla successiva presenza di anticorpi contro la proteina S del coronavirus, il che fa sperare che l'immunità esistente agli adenovirus non influenzi l'efficacia del vaccino.

Nel rapporto del Gamaleya Research Center for Electrochemistry, è indicato che un esperimento è stato condotto su 38 volontari sani di entrambi i sessi, di età compresa tra 18 e 60 anni. Come risultato dell'osservazione entro 42 giorni dal momento della somministrazione del vaccino, tutti i soggetti sperimentali hanno mostrato "la formazione di anticorpi neutralizzanti il virus del virus SARS-CoV-2". Tuttavia, è indicato che 144 effetti collaterali sono stati osservati nei volontari, 31 dei quali non sono stati completati al momento della fine dello studio. Gli effetti collaterali sono per lo più lievi o moderati: febbre, dolore al sito di iniezione, eruzione cutanea. Il rapporto rileva inoltre: "Titolo di protezioneattualmente sconosciuto. La durata della protezione è sconosciuta. Non sono stati condotti studi clinici per studiare l'efficacia epidemiologica”.

Secondo il ministro della Salute russo Mikhail Murashko, entro il 15 settembre è stato testato un ulteriore vaccino su 300 volontari, il 14% si è lamentato degli effetti collaterali.

Il livello di anticorpi neutralizzanti il virus nei volontari vaccinati con Gam-COVID-Vac era 1,4-1,5 volte superiore al livello di anticorpi nelle persone che avevano avuto COVID-19, mentre il livello di anticorpi nei volontari vaccinati nell'azienda farmaceutica britannica AstraZeneca era approssimativamente uguale al livello di anticorpi nelle persone che hanno avuto COVID-19. A settembre verrà pubblicato uno studio completo del vaccino in primati, criceti siriani e topi transgenici, in cui il vaccino ha mostrato un'efficacia protettiva del 100% (i risultati su primati e criceti siriani sono stati ottenuti prima delle sperimentazioni cliniche). I titoli anticorpali nei partecipanti vaccinati sono più alti rispetto al plasma convalescente. Vaccini, che sono modificati adenovirus rAd26 o rAd5 con frammenti inseriti della S-proteina del coronavirus (nello schema della somministrazione, il sistema immunitario è previsto l'stimolato due volte con diversi virus con un intervallo di 21 giorni), formare sia anticorpo risposta immunitaria e T- immunità cellulare.

I vaccini e le preparazioni a base di vettori adenovirali umani, a cui appartiene il vaccino Sputnik V, hanno dimostrato la loro sicurezza in studi a lungo termine e sono più studiati di una serie di tecnologie utilizzate dalle aziende farmaceutiche occidentali per sviluppare i propri vaccini. Ad esempio, l'mRNA dello scimpanzé e le tecnologie del vettore adenovirale su cui si basano alcuni vaccini nella ricerca avanzata non sono mai stati utilizzati in nessun farmaco o vaccino ampiamente approvato, né sono stati studiati per gli effetti a lungo termine sugli esseri umani.

Negli studi clinici, l'efficacia è stata valutata in più di 16.000 volontari, 21 giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino o del placebo. La valutazione preliminare dell'efficacia del vaccino era superiore al 90%. Come dati sono stati raccolti 20 casi confermati della malattia che si è verificata 21 giorni dopo che i volontari hanno ricevuto la prima immunizzazione. In una rianalisi dei dati degli studi clinici di fase III su più di 18.794 volontari sulla base di 39 casi confermati di coronavirus rilevati nel gruppo placebo e nel gruppo vaccino, l'efficacia del vaccino al 42º giorno dopo la prima iniezione è stata superiore al 95%. I dati intermedi ottenuti durante la ricerca saranno pubblicati dal gruppo di ricerca in una delle principali riviste mediche internazionali peer-reviewed.

Le speciali condizioni di registrazione accelerata e le normative sui vaccini richiedono che ogni domanda di vaccino sia registrata in un registro federale.

Durante lo studio del vaccino NICEM intitolato a Gamaleya, la sindrome coronarica acuta o l'ictus nell'ultimo anno sono stati indicati come controindicazioni alla vaccinazione. Le controindicazioni sono anche infezioni sistemiche croniche, tubercolosi, neoplasie, epatite B e C, sifilide, HIV. Il ritiro dalla vaccinazione è l'attuale malattia SARS o due settimane prima della vaccinazione. Inoltre, coloro che hanno avuto altre vaccinazioni nell'ultimo mese non sono vaccinati. Il vaccino può essere utilizzato per le persone con allergie, al di fuori della fase di esacerbazione. Vice Primo Ministro Tatiana Golikovae il capo di Rospotrebnadzor Anna Popova ha raccomandato di non bere alcolici 14 giorni prima della vaccinazione e 42 giorni dopo - per formare un'immunità stabile, il direttore del Gamaleya Center Alexander Gintsburg ha detto che durante la vaccinazione contro il coronavirus si raccomanda di astenersi dal bere alcolici in entro tre giorni dopo ogni vaccinazione. Si consiglia inoltre di indossare una maschera per 42 giorni ed evitare di visitare luoghi affollati.

Effetti Collaterali[modifica | modifica wikitesto]

L' Ema sta approfondendo le circostanze che hanno portato alla morte di quattro persone dopo la somministrazione del vaccino Sputnik. La notizia è stata riportata il 9 aprile 2021 da EUobserver, un giornale online indipendente con sede a Bruxelles, secondo il quale gli esperti dell’Ema stanno verificando le informazioni trapelate dalla RosPotrebNadzor, il Servizio federale russo di sorveglianza sulla protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano. Dai file interni al RosPotrebNadzor, a cui EUobserver ha avuto accesso, emerge che oltre ai quattro deceduti almeno altri sei cittadini russi avrebbero subito serie complicazioni mediche dopo aver ricevuto il vaccino. Dei quattro deceduti, tre erano donne rispettivamente di 51, 69 e 74 anni. Il quarto decesso non è stato identificato nei file riportati dalla testata. [43]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gabrielle Tétrault-Farber e Vladimir Soldatkin, Russia becomes first country to approve a COVID-19 vaccine, says Putin, in Reuters, Mosca, 11 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  2. ^ a b c d e f (EN) Ewen Callaway, Russia's fast-track coronavirus vaccine draws outrage over safety, in Nature, 11 agosto 2020, DOI:10.1038/d41586-020-02386-2, PMID 32782400. URL consultato l'11 agosto 2020.
    «Questa è una decisione sconsiderata e sciocca. La vaccinazione di massa con un vaccino sperimentato in modo improprio non è etica. Qualsiasi problema con la campagna di vaccinazione russa sarebbe disastroso sia per i suoi effetti negativi sulla salute, ma anche perché ritarderebbe ulteriormente l'accettazione dei vaccino nella popolazione.».
  3. ^ a b c d e (EN) Jon Cohen, Russia's approval of a COVID-19 vaccine is less than meets the press release, in Science, 11 agosto 2020. URL consultato il 13 agosto 2020.
  4. ^ (RU) Мы называем коронавирус «липуч и летуч» – Сергей Борисевич, su www.tvr24.tv. URL consultato il 5 marzo 2021.
  5. ^ (RU) ПЕРЕЧЕНЬ ОРГАНИЗАЦИЙ, НА БАЗЕ КОТОРЫХ ФУНКЦИОНИРУЮТ СПЕЦИАЛИЗИРОВАННЫЕ КОЛЛЕКЦИИ ПБА I-IV ГРУПП "ПОРЯДОК УЧЕТА, ХРАНЕНИЯ, ПЕРЕДАЧИ И ТРАНСПОРТИРОВАНИЯ МИКРООРГАНИЗМОВ I - IV ГРУПП ПАТОГЕННОСТИ. САНИТАРНЫЕ ПРАВИЛА. СП 1.2.036-95." (утв. Постановлением Госкомсанэпиднадзора РФ от 28.08.95 N 14), su zakonbase.ru. URL consultato il 5 marzo 2021.
  6. ^ (EN) Russia’s RDIF & Prominent Government Lab Progress COVID-19 Vaccine: Production Facility Readied in the Moscow Region, su Trial Site News, 10 giugno 2020. URL consultato il 5 marzo 2021.
  7. ^ (RU) Минобороны сообщило о начале испытаний российской вакцины от коронавируса на 50 военнослужащих-добровольцах -, su www.militarynews.ru. URL consultato il 5 marzo 2021.
  8. ^ (EN) Russia’s RDIF & Prominent Government Lab Progress COVID-19 Vaccine: Production Facility Readied in the Moscow Region, su trialsitenews.com, 10 giugno 2020.
  9. ^ (EN) Denis Y Logunov e Inna V Dolzhikova, Safety and efficacy of an rAd26 and rAd5 vector-based heterologous prime-boost COVID-19 vaccine: an interim analysis of a randomised controlled phase 3 trial in Russia, in The Lancet, 2 febbraio 2021, DOI:https://doi.org/10.1016/S0140-6736(21)00234-8. URL consultato il 4 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Agenzia europea per i medicinali, EMA starts rolling review of the Sputnik V COVID-19 vaccine, su ema.europa.eu, 4 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  11. ^ QuotidianoNet, Vaccino Sputnik: l'Ema ha avviato la valutazione, su Quotidiano.Net, 4 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  12. ^ Vaccini, l'Europa apre a Sputnik. L'Ema avvia la revisione. Mosca: "Da giugno 50 milioni di dosi", su la Repubblica, 4 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  13. ^ https://www.ilfoglio.it/esteri/2021/03/19/news/perche-putin-non-si-vaccina--2049625/
  14. ^ (EN) Coronavirus Vaccine Trials Advance in Race for Covid-19 Protection, in Bloomberg News. URL consultato il 10 agosto 2020.
  15. ^ (EN) An Open Study of the Safety, Tolerability and Immunogenicity of the Drug "Gam-COVID-Vac" Vaccine Against COVID-19, su clinicaltrials.gov. URL consultato il 5 marzo 2021.
  16. ^ (EN) Russia plans to start producing coronavirus vaccine in September, su dailysabah.com.
  17. ^ (EN) Coronavirus: Putin says vaccine has been approved for use, in BBC, 11 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  18. ^ (EN) Kate Kelland, Scientists ask: Without trial data, how can we trust Russia's COVID vaccine?, in Reuters, 11 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  19. ^ (PDF)(EN) Clinical Development Success Rates 2006-2015 - BIO, Biomedtracker, Amplion 2016 (PDF), su bio.org. URL consultato il 23 marzo 2020.
  20. ^ a b (EN) Berkeley Lovelace Jr., Scientists worry whether Russia's Sputnik V' coronavirus vaccine is safe and effective, in CNBC, 11 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  21. ^ (EN) Stephanie Nebehay, WHO says discussing new COVID-19 vaccine with Russia, in Reuters, 11 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  22. ^ (EN) Sputnik V exports from Russia by country 2021, su Statista. URL consultato il 5 marzo 2021.
  23. ^ (EN) RDIF names Japan, S. Korea, Greece, Serbia, UAE, and Argentina among potential buyers of Russia's Sputnik V vaccine, su interfax.com. URL consultato il 5 marzo 2021.
  24. ^ a b (RU) В РФПИ отметили изменения в позиции зарубежных стран по "Спутник V", su РИА Новости, 20201208T1633. URL consultato il 5 marzo 2021.
  25. ^ (RU) РФПИ подал заявки на одобрение вакцины "Спутник V" регуляторам 40 стран, su РИА Новости, 20201202T1820. URL consultato il 5 marzo 2021.
  26. ^ (RU) Вакцина Спутник V будет стоить менее $10 за дозу на экспорт, su vademec.ru. URL consultato il 5 marzo 2021.
  27. ^ Maximiliano Ricchini, Vaccinazione, in Argentina al via il 29 dicembre con lo Sputnik V. Com’è organizzata, su Gaucho News, 27 dicembre 2020.
  28. ^ Patrick Stopper, In Serbia autorizzato il vaccino russo Sputnik V, su Ticino Online (ATS), 1º gennaio 2021.
  29. ^ (RU) В мире будут производить минимум 30 миллионов доз "Спутник V" в месяц, su РИА Новости, 20201202T1905. URL consultato il 5 marzo 2021.
  30. ^ (EN) Georgi Kantchev, Russian Covid-19 Vaccine Was Highly Effective in Trial, Boosting Moscow’s Rollout Ambitions, in Wall Street Journal, 2 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  31. ^ a b (EN) Agenzia europea per i medicinali, Clarification on Sputnik V vaccine in the EU approval process, su ema.europa.eu, 11 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  32. ^ Ue 'blasta' Putin: "Offre vaccini a noi e non li dà ai russi". Ma Croazia e Slovacchia vogliono lo Sputnik, su EuropaToday. URL consultato il 5 marzo 2021.
  33. ^ Russia-Ue, il giallo del vaccino Sputnik V - Europa, su Agenzia ANSA, 28 febbraio 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  34. ^ Il vaccino russo Sputnik in 40 Paesi nel mondo. Perché non in Europa, su L'HuffPost, 2 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  35. ^ a b Vaccini Covid, il centrodestra spinge per usare Sputnik V anche in Italia, su it.sputniknews.com. URL consultato il 5 marzo 2021.
  36. ^ Meloni presenta il suo piano vaccinale per l’Italia: compriamo lo Sputnik V, su it.sputniknews.com. URL consultato il 5 marzo 2021.
  37. ^ Sputnik, incontro tra ricercatori dello Spallanzani e il centro Gamaleya: «Dialogo su sviluppi produttivi», su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 5 marzo 2021.
  38. ^ Covid. D’Amato: “Il Governo valuti la produzione in Italia del vaccino Sputnik dopo l’ok dell’Ema”. E allo Spallanzani meeting scientifico con i russi del Centro Gamaleya, su quotidianosanita.it, 5 marzo 2021.
  39. ^ Sputnik V, la richiesta della regione Lazio al governo per il vaccino che l'Ema sta valutando, su Il Fatto Quotidiano, 5 marzo 2021. URL consultato il 5 marzo 2021.
  40. ^ (DE) Russland lässt Impfstoff gegen SARS-CoV-2 zu, su Deutsches Ärzteblatt.
  41. ^ (EN) Coronavirus: health secretary Alex Azar expects US vaccine by December, su theguardian.com, agosto 2020. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  42. ^ (EN) Coronavirus: health secretary Alex Azar expects US vaccine by December, su livemint.com. URL consultato l'11 agosto 2020.
  43. ^ (EN) Quattro morti sospette dopo il vaccino Sputnik allo studio dell'Ema, su euobserver.com. URL consultato il 12 aprile 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]