Pandemia di COVID-19 in Georgia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la pandemia nell'omonimo stato federato degli Stati Uniti d'America, vedi Pandemia di COVID-19 in Georgia (Stati Uniti d'America).
Pandemia di COVID-19 in Georgia
epidemia
COVID-19 Outbreak Cases in Georgia per regional unit (municipality).svg
Epidemia nelle regioni con casi COVID-19 confermati e politiche adottate dal governo della Georgia (a partire dal 12 aprile 2020)

     Rigoroso regime di quarantena

     Casi confermati

PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaGeorgia
Periodo26 febbraio 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi263 057[2] (8 febbraio 2021)
Numero di guariti254 350[2] (8 febbraio 2021)
Numero di morti3 306[2] (8 febbraio 2021)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Georgia è stato segnalato il 26 febbraio 2020 a Tbilisi, era un uomo tornato nel paese dopo essere stato in Azerbaigian e Iran.[3]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Febbraio[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i voli da Wuhan e dalla Repubblica Popolare Cinese in generale per l'aeroporto internazionale di Tbilisi sono stati cancellati fino al 27 gennaio. Il ministero della Salute ha annunciato che tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina sarebbero stati sottoposti a esami. La Georgia ha anche temporaneamente chiuso tutti i voli per Iran.[4]

Il 26 febbraio, Georgia ha confermato il suo primo caso COVID-19. Un uomo di 50 anni, tornato in Georgia dall'Iran, è stato ricoverato all'ospedale per malattie infettive di Tbilisi. È tornato al confine georgiano attraverso l'Azerbaigian in taxi.[5]

Il 28 febbraio, la Georgia ha confermato che una donna georgiana di 31 anni che si era recata in Italia è risultata positiva ed è stata ricoverata all'ospedale per malattie infettive di Tbilisi.[6]

Altri 29 sono tenuti in isolamento in un ospedale di Tbilisi, e il capo del Georgia Center for Disease Control, Amiran Gamkrelidze, ha detto che c'è "un'alta probabilità" che alcuni di loro hanno il virus.[7]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 marzo, cinque persone sono risultate positive al nuovo coronavirus COVID-19 in Georgia, portando a nove il numero totale di persone infette nel paese. Lo ha annunciato il direttore del Georgia National Center for Disease Control, Amiran Gamkrelidze, nel recente briefing tenutosi in giornata. Ha detto che le cinque persone appartengono allo stesso gruppo che hanno viaggiato insieme in Italia e sono tornate in Georgia domenica.[8]

Il 12 marzo, il presidente Salomé Zourabichvili, in un'apparizione televisiva, ha chiesto calma e unità.[9]

Al 15 marzo, 33 casi sono stati confermati, 637 sono stati tenuti in quarantena e 54 sotto supervisione ospedaliera.[10]

Il 16 marzo, il portavoce del governo della Georgia Irakli Chikovani ha annunciato misure e raccomandazioni speciali. Il governo della Georgia ha vietato a qualsiasi cittadino straniero di entrare in Georgia per le successive due settimane.[11] Il Consiglio di coordinamento ha raccomandato a tutti i cittadini anziani della Georgia di evitare le riunioni di massa e di isolarsi. Il governo raccomanda anche caffè, ristoranti e bar per offrire ai clienti il servizio di asporto.10 33 casi di coronavirus sono stati confermati in Georgia, 637 persone rimangono in quarantena e 54 persone sono sotto controllo medico diretto negli ospedali entro il 16 marzo.[12] Il governo ha trasmesso un SMS speciale a tutti i telefoni in Georgia per informare la popolazione su misure e raccomandazioni.[13]

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 maggio, il primo ministro Giorgi Gakharia ha annunciato che la Georgia aprirà le sue frontiere ai cittadini stranieri il 1º luglio.[14][15] Lo stato di emergenza continua fino al 22 maggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ a b c (EN) StopCOV.ge.
  3. ^ (ES) Georgia reports first coronavirus case in the country. 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  4. ^ (KA) თბილისის აეროპორტში მგზავრებს „კორონავირუსზე“ ამოწმებენ. 26 gennaio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  5. ^ (KA) საქართველოში კორონავირუსის პირველი შემთხვევა დადასტურდა. 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) Georgia reports second case of coronavirus. 28 febbraio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  7. ^ (EN) Belarus, Azerbaijan report first coronavirus cases. 28 febbraio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  8. ^ Georgia confirms five new cases of coronavirus. 5 marzo 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  9. ^ სალომე ზურაბიშვილი კორონავირუსთან დაკავშირებით მიმართვას ავრცელებს. 12 febbraio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  10. ^ (EN) Prevention of Coronavirus Spread in Georgia. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  11. ^ (KA) უცხო ქვეყნის მოქალაქეებისთვის საქართველოს საზღვარი დროებით ჩაიკეტა. 16 marzo 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  12. ^ (KA) საქართველო 2 კვირით საზღვარს კეტავს – მთავრობის გადაწყვეტილება. 16 marzo 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  13. ^ (KA) მთავრობა: აუცილებელი საჭიროების გარეშე სახლიდან არ გახვიდეთ. 16 marzo 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  14. ^ (EN) Coronavirus live updates | Georgian PM: Country to reopen for international tourism in July. 7 maggio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  15. ^ Georgia says foreign tourists will be welcomed on July 1. 8 maggio 2020. URL consultato il 27 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]