Pandemia di COVID-19 in Ciad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Africa.

Pandemia di COVID-19 in Ciad
epidemia
Chad-COVID-19.svg
    Provincie da 300 a 2999 casi
    Provincie da 30 a 299 casi
    Provincie da 3 a 29 casi
    Provincie da 1 a 2 casi
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaCiad
Periodo19 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi3 568[2] (11 febbraio 2021)
Numero di guariti3 062 (11 febbraio 2021)
Numero di morti126 (11 febbraio 2021)


Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Ciad è stato confermato il 19 marzo 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[3][4]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità della COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[5] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base della COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, e ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[6]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 marzo, le autorità del Ciad hanno confermato il primo caso nel paese, si trattava di un passeggero marocchino che era partito in aereo da Douala.[7]

Il 26 marzo, nel paese vengono confermati altri due casi di nuovo coronavirus che porta il totale a cinque. I casi riguardavano nello specifico un cittadino del Ciad di 48 anni e un passeggero camerunese di 55 anni, arrivato nel paese su un volo Ethiopian Airlines il 17 marzo.[8]

Il 30 marzo sono stati segnalati altri due casi di COVID-19, un cittadino ciadiano di Douala e un cittadino svizzero di Bruxelles.[9]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 aprile, il Ciad ha registrato un nuovo caso di COVID-19, un ciadiano che viaggiava da Dubai via Abuja.[10]

Il 3 aprile è stato registrato un nuovo caso di COVID-19, un cittadino francese che ha viaggiato da Bruxelles via Parigi.[11]

Il 6 aprile, il Ciad ha registrato il suo primo caso di contaminazione locale, un ciadiano di 31 anni che era entrato in contatto con un altro ciadiano che era risultato positivo al test.[12]

Il 9 aprile, funzionari sanitari hanno riferito di un nuovo caso di infezione, un ciadiano di 59 anni che è arrivato il 25 marzo a N'Djamena. L'uomo stava tornando dal Pakistan, attraverso il Camerun, dopo aver raggiunto N'Djamena via terra. L'uomo continuò il suo viaggio verso Abéché dove fu infine messo in quarantena il 4 aprile. Il test è stato dichiarato positivo l'8 aprile.[13]

Risposta del governo[modifica | modifica wikitesto]

Il governo per prevenire la diffusione del virus ha annullato tutti i voli nel paese, con l'eccezione dei voli cargo.[14][15]

Aiuti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 aprile, il gruppo Ecobank ha donato al ministero della salute del Ciad 12 milioni di franchi CFA (oltre 18.000 euro), nel quadro del sostegno alla risposta al nuovo coronavirus.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ Coronavirus Update, su worldometers.info.
  3. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  4. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  5. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  6. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020.
  7. ^ https://www.reuters.com/article/us-health-coronavirus-chad/chad-confirms-first-case-of-coronavirus-government-statement-idUSKBN2162LO
  8. ^ https://www.alwihdainfo.com/Coronavirus-Le-Tchad-annonce-deux-nouveaux-cas_a84742.html
  9. ^ https://www.alwihdainfo.com/Tchad-COVID-19-un-tchadien-et-un-suisse-testes-positifs_a84969.html
  10. ^ https://tchadinfos.com/sante/coronavirus-au-tchad-voici-comment-lequipe-du-1313-a-pu-decouvrir-le-8eme-cas/
  11. ^ https://www.alwihdainfo.com/Tchad-un-9eme-cas-de-COVID-19-detecte_a85222.html
  12. ^ https://www.journaldutchad.com/information-continu/covid-19-les-autorites-sanitaires-confirment-le-10e-cas/
  13. ^ https://tchadinfos.com/tchad/coronavirus-le-tchad-annonce-son-11e-cas-un-marabout-venu-du-pakistan/
  14. ^ https://www.thecable.ng/coronavirus-free-chad-shuts-borders-airports
  15. ^ https://medicalxpress.com/news/2020-03-chad-airports-coronavirus.html
  16. ^ https://www.agenzianova.com/a/5ec488b3049ea3.39008131/2909128/2020-04-24/ciad-coronavirus-ecobank-donera-attrezzature-mediche-per-18-mila-euro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Chad, su worldometers.info.