Pandemia di COVID-19 in Kosovo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Europa.

Pandemia di COVID-19 in Kosovo
epidemia
Rastet per rajon Kosove.svg
Casi confermati per distretto ogni 100.000 al 21 agosto 2020
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaKosovo
Periodo13 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi63 089 (11 febbraio 2021)
Numero di guariti54 663 (11 febbraio 2021)
Numero di morti1 532 (11 febbraio 2021)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 in Kosovo è stata confermata a partire dal 13 marzo 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato la scoperta di un nuovo coronavirus, causa di un'infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[2][3]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità della COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello della SARS, malattia respiratoria causata anch'essa da un coronavirus di cui vi era stata un'epidemia nel 2003,[4] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base della COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2002-2004 e ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[5]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 marzo sono stati confermati i primi due casi, un uomo di 77 anni di Vitina e una donna italiana di 20 anni, che lavoravano a Klina.[6][7] Il governo del Kosovo ha deciso di mettere in quarantena e bloccare gli ingressi e partenze da queste due città.[8]

Il 22 marzo è stata confermata la prima morte per COVID-19. Un uomo di 82 anni del villaggio Dumnica di Podujevo è stato la prima vittima della malattia, che aveva contratto il virus attraverso il contatto con suo figlio e sua figlia. Prima dell'infezione, la vittima soffriva di malattie cardiache e polmonari croniche e al sesto giorno di infezione presentava segni di infiltrazione polmonare e polmonite massiva sul lato sinistro.[9]

Il 24 marzo, la decisione presa un giorno prima dal Governo del Kosovo di interrompere la circolazione di persone e veicoli per i giorni successivi, prevede l'arresto del movimento, salvo casi di emergenza dalle 10:00 alle 16:00 e dalle 20:00 alle 06:00.[10]

Il 26 marzo viene confermato il primo caso di guarigione, negativo al secondo test il figlio della prima vittima di COVID-19.[11]

Il 2 aprile il Ministero della Salute ha deciso di mettere in quarantena e bloccare gli ingressi alla città.[12]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Totale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  3. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  4. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  5. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020.
  6. ^ (SQ) Konfirmohet, dy raste me koronavirus në Kosovë, su Gazeta Express, 13 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  7. ^ (SQ) 77 vjeçari me koronavirus është nga ky fshat i Vitisë, su Ballina, 13 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  8. ^ (SQ) Vitia dhe Klina në karantinë, su RTV21, 14 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  9. ^ (SQ) Shënohet viktima e parë nga koronavirusi në Kosovë, vdiq një 82-vjeçar nga Dumnica, su KOHA.net, 22 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  10. ^ (SQ) Prej nesër pritet të kufizohet lëvizja e lirë e qytetarëve dhe automjeteve, su Gazeta Express, 23 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  11. ^ (SQ) Zyrtare: Shërohet pacienti i parë me koronavirus në Kosovë, su KOHA.net, 26 marzo 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  12. ^ (SQ) Korisha futet në karantinë, Haskuka kërkon nga qytetarët të respektohen rekomandimet e IKSHPK-së, su Telegrafi, 2 aprile 2020. URL consultato il 20 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]