Pandemia di COVID-19 in Alaska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 in Alaska
epidemia
COVID-19 Prevalence in Alaska by county.svg
Mappa dell'epidemia in Alaska in base alle infezioni totali confermate per 100.000 persone (al 30 dicembre)
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
LuogoAlaska Alaska
Nazione coinvoltaStati Uniti d'America
Periodo7 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi43 629
Numero di guariti3 042
Numero di morti198
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 in Alaska ha raggiunto lo stato americano il 12 marzo 2020.

L'11 marzo l'ufficio del governatore Mike Dunleavy ha dichiarato lo stato di emergenza per garantire che tutte le entità abbiano le risorse di risposta necessarie.[2] Il giorno successivo, il primo caso è stato annunciato al pubblico, un cittadino straniero ad Anchorage.

L'Alaska diventa così il 49º stato degli Stati Uniti colpito dalla pandemia.[3][4]

Un decimo decesso viene registrato il 6 maggio 2020.[5]

Al 29 dicembre 2020 l'Alaska aveva somministrato 13.271 dosi del vaccino COVID-19, pari all'1,81% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ (EN) Dunleavy declares emergency over coronavirus, with still no cases confirmed in Alaska, su adn.com, 11 marzo 2020.
  3. ^ (EN) COVID update 3: First Alaska case identified, su mustreadalaska.com, 12 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  4. ^ (EN) Alaska is 49th state to confirm a case of coronavirus, su nypost.com, 14 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  5. ^ (EN) After weeks without a fatality Alaska reports 10th coronavirus death, su alaskapublic.org, 6 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]