Pandemia di COVID-19 in Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Europa.

Pandemia di COVID-19 in Francia
epidemia
COVID-19 Outbreak Cases in France 13 Regions.svg
Mappa del numero di casi per regione al 18 aprile 2021
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaFrancia
Periodo24 gennaio 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi5 667 324 (1º giugno 2021)
Numero di guariti5 333 597 (1º giugno 2021)
Numero di morti109 528 (1º giugno 2021)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Francia è stato confermato il 24 gennaio 2020 a Bordeaux, si trattava del primo caso in Europa, riguardava un uomo franco-cinese arrivato dalla Cina, e entro la fine della giornata sono stati confermati altri due casi.[2] Il 14 febbraio si è verificato il primo decesso, si trattava di un turista cinese ricoverato in un ospedale di Parigi dal 28 gennaio.[3]

Al 1º agosto 2021, la Francia risulta la quinta nazione del mondo e la prima dell'Unione europea per casi attivi, nonché l'undicesima del mondo, la quarta d'Europa e la seconda dell'Unione Europea per numero di morti, dopo l'Italia.[4]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[5][6]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[7] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[8]

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 in Francia
  Morti     Guariti     Casi attivi

2020: Gen Gen Feb Feb Mar Mar Apr Apr Mag Mag Giu Giu Lug Lug Ago Ago Set Set Ott Ott Nov Nov Dic Dic 2021: Gen Gen Feb Feb Ultimi 15 giorni Ultimi 15 giorni

Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero in %)
25-02-2020 13 (n.a.) 1 (n.a.)
26-02-2020 18 (+38%) 2 (+100%)
27-02-2020 38 (+111%) 2 (=)
28-02-2020 57 (+50%) 2 (=)
29-02-2020
100 (+75%) 2 (=)
01-03-2020
130 (+30%) 3 (+50%)
02-03-2020
191 (+47%) 3 (=)
03-03-2020
212 (+11%) 4 (+33%)
04-03-2020
285 (+34%) 4 (=)
05-03-2020
423 (+48%) 7 (+75%)
06-03-2020
613 (+45%) 9 (+29%)
07-03-2020
949 (+55%) 16 (+78%)
08-03-2020
1.126 (+19%) 19 (+19%)
09-03-2020
1.412 (+25%) 25 (+32%)
10-03-2020
1.784 (+26%) 33 (+32%)
11-03-2020
2.281 (+28%) 48 (+45%)
12-03-2020
2.876 (+26%) 61 (+27%)
13-03-2020
3.661 (+27%) 79 (+30%)
14-03-2020
4.499 (+23%) 91 (+15%)
15-03-2020
5.423 (+21%) 127 (+40%)
16-03-2020
6.633 (+22%) 148 (+17%)
17-03-2020
7.730 (+17%) 175 (+18%)
18-03-2020
9.134 (+18%) 244 (+39%)
19-03-2020
10.995 (+20%) 375 (+54%)
20-03-2020
12.612 (+15%) 450 (+20%)
21-03-2020
14.459 (+15%) 562 (+25%)
22-03-2020
16.689 (+15%) 674 (+20%)
23-03-2020
19.856 (+19%) 860 (+28%)
24-03-2020
22.302 (+12%) 1.100 (+28%)
25-03-2020
25.233 (+13%) 1.331 (+21%)
26-03-2020
29.155 (+16%) 1.696 (+27%)
27-03-2020
32.964 (+13%) 1.995 (+18%)
28-03-2020
37.575 (+14%) 2.314 (+16%)
29-03-2020
40.174 (+6,9%) 2.606 (+13%)
30-03-2020
44.550 (+11%) 3.024 (+16%)
31-03-2020
52.128 (+17%) 3.523 (+17%)
01-04-2020
56.989 (+9,3%) 4.032 (+14%)
02-04-2020
59.105 (+3,7%) 5.387 (+34%)
03-04-2020
64.338 (+8,9%) 6.507 (+21%)
04-04-2020
68.605 (+6,6%) 7.560 (+16%)
05-04-2020
70.478 (+2,7%) 8.078 (+6,9%)
06-04-2020
74.390 (+5,6%) 8.911 (+10%)
07-04-2020
78.167 (+5,1%) 10.328 (+16%)
08-04-2020
82.048 (+5%) 10.869 (+5,2%)
09-04-2020
86.334 (+5,2%) 12.210 (+12%)
10-04-2020
90.676 (+5%) 13.197 (+8,1%)
11-04-2020
93.790 (+3,4%) 13.832 (+4,8%)
12-04-2020
95.403 (+1,7%) 14.393 (+4,1%)
13-04-2020
98.076 (+2,8%) 14.967 (+4%)
14-04-2020
103.573 (+5,6%) 15.729 (+5,1%)
15-04-2020
106.206 (+2,5%) 17.167 (+9,1%)
16-04-2020
108.847 (+2,5%) 17.920 (+4,4%)
17-04-2020
109.252 (+0,37%) 18.681 (+4,2%)
18-04-2020
111.821 (+2,4%) 19.323 (+3,4%)
19-04-2020
112.606 (+0,7%) 19.718 (+2%)
20-04-2020
114.657 (+1,8%) 20.265 (+2,8%)
21-04-2020
117.324 (+2,3%) 20.796 (+2,6%)
22-04-2020
119.151 (+1,6%) 21.340 (+2,6%)
23-04-2020
120.804 (+1,4%) 21.856 (+2,4%)
24-04-2020
122.577 (+1,5%) 22.245 (+1,8%)
25-04-2020
124.114 (+1,3%) 22.614 (+1,7%)
26-04-2020
124.575 (+0,37%) 22.856 (+1,1%)
27-04-2020
125.770 (+0,96%) 23.293 (+1,9%)
28-04-2020
126.835 (+0,85%) 23.660 (+1,6%)
29-04-2020
128.442 (+1,3%) 24.087 (+1,8%)
30-04-2020
129.581 (+0,89%) 24.376 (+1,2%)
01-05-2020
130.185 (+0,47%) 24.594 (+0,89%)
02-05-2020
130.979 (+0,61%) 24.760 (+0,67%)
03-05-2020
131.287 (+0,24%) 24.895 (+0,55%)
04-05-2020
131.863 (+0,44%) 25.201 (+1,2%)
05-05-2020
132.967 (+0,84%) 25.531 (+1,3%)
06-05-2020
137.150 (+3,1%) 25.809 (+1,1%)
07-05-2020
137.779 (+0,46%) 25.987 (+0,69%)
08-05-2020
138.421 (+0,47%) 26.230 (+0,94%)
09-05-2020
138.854 (+0,31%) 26.310 (+0,3%)
10-05-2020
139.063 (+0,15%) 26.380 (+0,27%)
11-05-2020
139.519 (+0,33%) 26.643 (+1%)
12-05-2020
140.227 (+0,51%) 26.991 (+1,3%)
13-05-2020
140.734 (+0,36%) 27.074 (+0,31%)
14-05-2020
141.356 (+0,44%) 27.425 (+1,3%)
15-05-2020
141.919 (+0,4%) 27.529 (+0,38%)
16-05-2020
142.291 (+0,26%) 27.625 (+0,35%)
17-05-2020
142.411 (+0,08%) 28.108 (+1,7%)
18-05-2020
142.903 (+0,35%) 28.239 (+0,47%)
19-05-2020
143.427 (+0,37%) 28.022 (−0,77%)
20-05-2020
143.845 (+0,29%) 28.132 (+0,39%)
21-05-2020
144.163 (+0,22%) 28.215 (+0,3%)
22-05-2020
144.566 (+0,28%) 28.289 (+0,26%)
23-05-2020
144.806 (+0,17%) 28.332 (+0,15%)
24-05-2020
144.921 (+0,08%) 28.367 (+0,12%)
25-05-2020
145.279 (+0,25%) 28.432 (+0,23%)
26-05-2020
145.555 (+0,19%) 28.530 (+0,34%)
27-05-2020
145.746 (+0,13%) 28.596 (+0,23%)
28-05-2020
149.071ii (+2,3%) 28.662 (+0,23%)
29-05-2020
149.668 (+0,4%) 28.714 (+0,18%)
30-05-2020
151.496 (+1,2%) 28.771 (+0,2%)
31-05-2020
151.753 (+0,17%) 28.802 (+0,11%)
01-06-2020
152.091 (+0,22%) 28.833 (+0,11%)
02-06-2020
151.325iii (-0,5%) 28.940 (+0,37%)
03-06-2020
151.677 (+0,23%) 29.021 (+0,28%)
04-06-2020
152.444 (+0,51%) 29.065 (+0,15%)
05-06-2020
153.055 (+0,4%) 29.111 (+0,16%)
06-06-2020
153.634 (+0,38%) 29.142 (+0,11%)
07-06-2020
153.977 (+0,22%) 29.155 (+0,04%)
08-06-2020
154.188 (+0,14%) 29.209 (+0,19%)
09-06-2020
154.591 (+0,26%) 29.296 (+0,3%)
10-06-2020
155.136 (+0,35%) 29.319 (+0,08%)
11-06-2020
155.561 (+0,27%) 29.346 (+0,09%)
12-06-2020
156.287 (+0,47%) 29.374 (+0,1%)
13-06-2020
156.813 (+0,34%) 29.398 (+0,08%)
14-06-2020
157.220 (+0,26%) 29.407 (+0,03%)
15-06-2020
157.372 (+0,1%) 29.436 (+0,1%)
16-06-2020
157.716 (+0,22%) 29.547 (+0,38%)
17-06-2020
158.174 (+0,29%) 29.575 (+0,09%)
18-06-2020
158.641 (+0,3%) 29.603 (+0,09%)
19-06-2020
159.452 (+0,51%) 29.617 (+0,05%)
20-06-2020
160.093 (+0,4%) 29.633 (+0,05%)
21-06-2020
160.377 (+0,18%) 29.640 (+0,02%)
22-06-2020
160.750 (+0,23%) 29.663 (+0,08%)
23-06-2020
161.267 (+0,32%) 29.720 (+0,19%)
24-06-2020
161.348 (+0,05%) 29.731 (+0,04%)
25-06-2020
161.348 (=) 29.752 (+0,07%)
26-06-2020
162.936 (+0,98%) 29.778 (+0,09%)
27-06-2020
163.454 (+0,32%) 29.778 (=)
28-06-2020
163.980 (+0,32%) 29.778 (=)
29-06-2020
164.260 (+0,17%) 29.813 (+0,12%)
30-06-2020
164.801 (+0,33%) 29.843 (+0,1%)
01-07-2020
165.719 (+0,56%) 29.861 (+0,06%)
02-07-2020
166.378 (+0,4%) 29.875 (+0,05%)
03-07-2020
166.960 (+0,35%) 29.893 (+0,06%)
06-07-2020
168.335 (+0,82%) 29.920 (+0,09%)
07-07-2020
168.810 (+0,28%) 29.933 (+0,04%)
08-07-2020
169.473 (+0,39%) 29.963 (+0,1%)
09-07-2020
170.004 (+0,31%) 29.979 (+0,05%)
10-07-2020
170.752 (+0,44%) 30.004 (+0,08%)
11-07-2020
170.752 (=) 30.004 (=)
12-07-2020
170.752 (=) 30.004 (=)
13-07-2020
170.752 (=) 30.004 (=)
14-07-2020
170.752 (=) 30.004 (=)
15-07-2020
173.304 (+1,5%) 30.120 (+0,39%)
16-07-2020
173.838 (+0,31%) 30.138 (+0,06%)
17-07-2020
174.674 (+0,48%) 30.152 (+0,05%)
18-07-2020
174.674 (=) 30.152 (=)
19-07-2020
174.674 (=) 30.152 (=)
20-07-2020
176.754 (+1,2%) 30.177 (+0,08%)
21-07-2020
177.338 (+0,33%) 30.165 (−0,04%)
22-07-2020
178.336 (+0,56%) 30.172 (+0,02%)
23-07-2020
179.398 (+0,6%) 30.182 (+0,03%)
24-07-2020
180.528 (+0,63%) 30.192 (+0,03%)
25-07-2020
180.528 (=) 30.192 (=)
26-07-2020
180.528 (=) 30.192 (=)
27-07-2020
183.079 (+1,4%) 30.209 (+0,06%)
28-07-2020
183.804 (+0,4%) 30.223 (+0,05%)
29-07-2020
185.196 (+0,76%) 30.238 (+0,05%)
30-07-2020
186.573 (+0,74%) 30.254 (+0,05%)
31-07-2020
187.919 (+0,72%) 30.265 (+0,04%)
01-08-2020
187.919 (=) 30.265 (=)
02-08-2020
187.919 (=) 30.265 (=)
03-08-2020
191.295 (+1,8%) 30.294 (+0,1%)
04-08-2020
192.334 (+0,54%) 30.296 (+0,01%)
05-08-2020
194.029 (+0,88%) 30.305 (+0,03%)
06-08-2020
195.633 (+0,83%) 30.312 (+0,02%)
07-08-2020
197.921 (+1,2%) 30.324 (+0,04%)
197.921 (=) 30.324 (=)
10-08-2020
202.775 (+2,5%) 30.340 (+0,05%)
11-08-2020
204.172 (+0,69%) 30.354 (+0,05%)
12-08-2020
206.696 (+1,2%) 30.371 (+0,06%)
13-08-2020
209.365 (+1,3%) 30.388 (+0,06%)
14-08-2020
212.211 (+1,4%) 30.406 (+0,06%)
212.211 (=) 30.406 (=)
17-08-2020
219.029 (+3,2%) 30.429 (+0,08%)
18-08-2020
221.267 (+1%) 30.451 (+0,07%)
19-08-2020
225.043 (+1,7%) 30.468 (+0,06%)
20-08-2020
229.814 (+2,1%) 30.480 (+0,04%)
21-08-2020
234.400 (+2%) 30.503 (+0,08%)
22-08-2020
238.002 (+1,5%) 30.512 (+0,03%)
23-08-2020
242.899 (+2,1%) 30.513 (=)
24-08-2020
244.854 (+0,8%) 30.528 (+0,05%)
25-08-2020
248.158 (+1,3%) 30.544 (+0,05%)
26-08-2020
253.587 (+2,2%) 30.544 (=)
27-08-2020
259.698 (+2,4%) 30.576 (+0,1%)
28-08-2020
267.077 (+2,8%) 30.596 (+0,07%)
29-08-2020
272.530 (+2%) 30.602 (+0,02%)
30-08-2020
277.943 (+2%) 30.606 (+0,01%)
31-08-2020
281.025 (+1,1%) 30.635 (+0,09%)
01-09-2020
286.007 (+1,8%) 30.661 (+0,08%)
02-09-2020
293.024 (+2,5%) 30.686 (+0,08%)
03-09-2020
300.181 (+2,4%) 30.706 (+0,07%)
04-09-2020
309.156 (+3%) 30.686 (−0,07%)
05-09-2020
317.706 (+2,8%) 30.698 (+0,04%)
06-09-2020
324.777 (+2,2%) 30.701 (+0,01%)
07-09-2020
328.980 (+1,3%) 30.726 (+0,08%)
08-09-2020
335.524 (+2%) 30.764 (+0,12%)
09-09-2020
344.101 (+2,6%) 30.788 (+0,08%)
10-09-2020
353.944 (+2,9%) 30.813 (+0,08%)
11-09-2020
363.350 (+2,7%) 30.893 (+0,26%)
12-09-2020
373.911 (+2,9%) 30.910 (+0,06%)
13-09-2020
381.094 (+1,9%) 30.916 (+0,02%)
14-09-2020
387.252 (+1,6%) 30.950 (+0,11%)
15-09-2020
395.104 (+2%) 30.999 (+0,16%)
16-09-2020
404.888 (+2,5%) 31.045 (+0,15%)
17-09-2020
415.418 (+2,6%) 31.095 (+0,16%)
18-09-2020
428.696 (+3,2%) 31.249 (+0,5%)
19-09-2020
442.194 (+3,1%) 31.274 (+0,08%)
20-09-2020
453.763 (+2,6%) 31.285 (+0,04%)
21-09-2020
458.061 (+0,95%) 31.338 (+0,17%)
22-09-2020
468.069 (+2,2%) 31.416 (+0,25%)
23-09-2020
481.141 (+2,8%) 31.459 (+0,14%)
24-09-2020
497.237 (+3,3%) 31.511 (+0,17%)
25-09-2020
513.034 (+3,2%) 31.661 (+0,48%)
26-09-2020
527.446 (+2,8%) 31.700 (+0,12%)
27-09-2020
538.569 (+2,1%) 31.727 (+0,09%)
28-09-2020
542.639 (+0,76%) 31.808 (+0,26%)
29-09-2020
550.690 (+1,5%) 31.893 (+0,27%)
30-09-2020
563.535 (+2,3%) 31.956 (+0,2%)
01-10-2020
577.505 (+2,5%) 32.019 (+0,2%)
02-10-2020
589.653 (+2,1%) 32.155 (+0,42%)
03-10-2020
606.625 (+2,9%) 32.198 (+0,13%)
04-10-2020
619.190 (+2,1%) 32.230 (+0,1%)
05-10-2020
624.274 (+0,82%) 32.299 (+0,21%)
06-10-2020
634.763 (+1,7%) 32.365 (+0,2%)
07-10-2020
653.509 (+3%) 32.445 (+0,25%)
08-10-2020
671.638 (+2,8%) 32.521 (+0,23%)
09-10-2020
691.977 (+3%) 32.630 (+0,34%)
10-10-2020
718.873 (+3,9%) 32.684 (+0,17%)
11-10-2020
734.974 (+2,2%) 32.730 (+0,14%)
12-10-2020
743.479 (+1,2%) 32.825 (+0,29%)
13-10-2020
756.472 (+1,7%) 32.933 (+0,33%)
14-10-2020
779.063 (+3%) 33.037 (+0,32%)
15-10-2020
809.684 (+3,9%) 33.125 (+0,27%)
16-10-2020
834.770 (+3,1%) 33.303 (+0,54%)
17-10-2020
867.197 (+3,9%) 33.392 (+0,27%)
18-10-2020
897.034 (+3,4%) 33.477 (+0,25%)
19-10-2020
910.277 (+1,5%) 33.623 (+0,44%)
20-10-2020
930.745 (+2,2%) 33.885 (+0,78%)
21-10-2020
957.421 (+2,9%) 34.048 (+0,48%)
22-10-2020
999.043 (+4,3%) 34.210 (+0,48%)
23-10-2020
1.041.075 (+4,2%) 34.508 (+0,87%)
24-10-2020
1.086.497 (+4,4%) 34.645 (+0,4%)
25-10-2020
1.138.510 (+4,8%) 34.761 (+0,33%)
26-10-2020
1.165.278 (+2,4%) 35.018 (+0,74%)
27-10-2020
1.198.695 (+2,9%) 35.541 (+1,5%)
28-10-2020
1.235.132 (+3%) 35.785 (+0,69%)
29-10-2020
1.282.769 (+3,9%) 36.020 (+0,66%)
30-10-2020
1.331.984 (+3,8%) 36.565 (+1,5%)
31-10-2020
1.367.625 (+2,7%) 36.788 (+0,61%)
01-11-2020
1.413.195 (+3,3%) 37.019 (+0,63%)
02-11-2020
1.466.433 (+3,8%) 37.435 (+1,1%)
03-11-2020
1.502.763 (+2,5%) 38.289 (+2,3%)
04-11-2020
1.543.321 (+2,7%) 38.674 (+1%)
05-11-2020
1.601.367 (+3,8%) 39.037 (+0,94%)
06-11-2020
1.661.853 (+3,8%) 39.865 (+2,1%)
07-11-2020
1.748.705 (+5,2%) 40.169 (+0,76%)
08-11-2020
1.787.324 (+2,2%) 40.439 (+0,67%)
09-11-2020
1.807.479 (+1,1%) 40.987 (+1,4%)
10-11-2020
1.829.659 (+1,2%) 42.207 (+3%)
11-11-2020
1.865.538 (+2%) 42.535 (+0,78%)
12-11-2020
1.898.710 (+1,8%) 42.960 (+1%)
13-11-2020
1.922.504 (+1,3%) 43.892 (+2,2%)
14-11-2020
1.954.599 (+1,7%) 44.246 (+0,81%)
15-11-2020
1.981.827 (+1,4%) 44.548 (+0,68%)
16-11-2020
1.991.233 (+0,47%) 45.054 (+1,1%)
17-11-2020
2.036.755 (+2,3%) 46.273 (+2,7%)
18-11-2020
2.065.138 (+1,4%) 46.698 (+0,92%)
19-11-2020
2.086.288 (+1%) 47.127 (+0,92%)
20-11-2020
2.109.170 (+1,1%) 48.265 (+2,4%)
21-11-2020
2.127.051 (+0,85%) 48.518 (+0,52%)
22-11-2020
2.140.208 (+0,62%) 48.732 (+0,44%)
23-11-2020
2.144.660 (+0,21%) 49.232 (+1%)
24-11-2020
2.153.815 (+0,43%) 50.237 (+2%)
25-11-2020
2.170.097 (+0,76%) 50.618 (+0,76%)
26-11-2020
2.183.660 (+0,62%) 50.957 (+0,67%)
27-11-2020
2.196.119 (+0,57%) 51.914 (+1,9%)
28-11-2020
2.208.699 (+0,57%) 52.127 (+0,41%)
29-11-2020
2.218.483 (+0,44%) 52.325 (+0,38%)
30-11-2020
2.222.488 (+0,18%) 52.731 (+0,78%)
01-12-2020
2.230.571 (+0,36%) 53.506 (+1,5%)
02-12-2020
2.244.635 (+0,63%) 53.816 (+0,58%)
03-12-2020
2.257.331 (+0,57%) 54.140 (+0,6%)
04-12-2020
2.268.552 (+0,5%) 54.767 (+1,2%)
05-12-2020
2.281.475 (+0,57%) 54.981 (+0,39%)
06-12-2020
2.292.497 (+0,48%) 55.155 (+0,32%)
07-12-2020
2.295.908 (+0,15%) 55.521 (+0,66%)
08-12-2020
2.309.621 (+0,6%) 56.352 (+1,5%)
09-12-2020
2.324.216 (+0,63%) 56.648 (+0,53%)
10-12-2020
2.337.966 (+0,59%) 56.940 (+0,52%)
11-12-2020
2.351.372 (+0,57%) 57.567 (+1,1%)
12-12-2020
2.365.319 (+0,59%) 57.761 (+0,34%)
13-12-2020
2.376.852 (+0,49%) 57.911 (+0,26%)
14-12-2020
2.379.915 (+0,13%) 58.282 (+0,64%)
15-12-2020
2.391.447 (+0,48%) 59.072 (+1,4%)
16-12-2020
2.409.062 (+0,74%) 59.361 (+0,49%)
17-12-2020
2.427.316 (+0,76%) 59.619 (+0,43%)
18-12-2020
2.442.990 (+0,65%) 60.229 (+1%)
19-12-2020
2.460.555 (+0,72%) 60.418 (+0,31%)
20-12-2020
2.473.354 (+0,52%) 60.549 (+0,22%)
21-12-2020
2.479.151 (+0,23%) 60.900 (+0,58%)
22-12-2020
2.490.946 (+0,48%) 61.702 (+1,3%)
23-12-2020
2.505.875 (+0,6%) 61.978 (+0,45%)
24-12-2020
2.527.509 (+0,86%) 62.268 (+0,47%)
25-12-2020
2.547.771 (+0,8%) 62.427 (+0,26%)
26-12-2020
2.550.864 (+0,12%) 62.573 (+0,23%)
27-12-2020
2.559.686 (+0,35%) 62.746 (+0,28%)
28-12-2020
2.562.646 (+0,12%) 63.109 (+0,58%)
29-12-2020
2.574.041 (+0,44%) 64.078 (+1,5%)
31-12-2020
2.620.425 (+1,8%) 64.632 (+0,86%)
01-01-2021
2.639.773 (+0,74%) 64.765 (+0,21%)
02-01-2021
2.643.239 (+0,13%) 64.921 (+0,24%)
03-01-2021
2.655.728 (+0,47%) 65.037 (+0,18%)
04-01-2021
2.659.750 (+0,15%) 65.415 (+0,58%)
05-01-2021
2.680.239 (+0,77%) 66.282 (+1,3%)
06-01-2021
2.705.618 (+0,95%) 66.565 (+0,43%)
07-01-2021
2.727.321 (+0,8%) 66.841 (+0,41%)
08-01-2021
2.747.135 (+0,73%) 67.431 (+0,88%)
09-01-2021
2.767.312 (+0,73%) 67.599 (+0,25%)
10-01-2021
2.783.256 (+0,58%) 67.750 (+0,22%)
11-01-2021
2.786.838 (+0,13%) 67.750 (=)
12-01-2021
2.806.590 (+0,71%) 68.802 (+1,6%)
13-01-2021
2.830.442 (+0,85%) 69.031 (+0,33%)
14-01-2021
2.851.670 (+0,75%) 69.313 (+0,41%)
15-01-2021
2.872.941 (+0,75%) 69.949 (+0,92%)
16-01-2021
2.894.347 (+0,75%) 70.142 (+0,28%)
17-01-2021
2.910.989 (+0,57%) 70.283 (+0,2%)
18-01-2021
2.914.725 (+0,13%) 70.686 (+0,57%)
19-01-2021
2.938.333 (+0,81%) 71.342 (+0,93%)
20-01-2021
2.965.117 (+0,91%) 71.652 (+0,43%)
21-01-2021
2.987.965 (+0,77%) 71.998 (+0,48%)
22-01-2021
3.011.257 (+0,78%) 72.647 (+0,9%)
23-01-2021
3.035.181 (+0,79%) 72.877 (+0,32%)
24-01-2021
3.053.617 (+0,61%) 73.049 (+0,24%)
25-01-2021
3.057.857 (+0,14%) 73.494 (+0,61%)
26-01-2021
3.079.943 (+0,72%) 74.106 (+0,83%)
27-01-2021
3.106.859 (+0,87%) 74.456 (+0,47%)
28-01-2021
3.130.629 (+0,77%) 74.800 (+0,46%)
29-01-2021
3.153.487 (+0,73%) 75.620 (+1,1%)
30-01-2021
3.177.879 (+0,77%) 75.862 (+0,32%)
31-01-2021
3.197.114 (+0,61%) 76.057 (+0,26%)
01-02-2021
3.201.461 (+0,14%) 76.512 (+0,6%)
02-02-2021
3.224.798 (+0,73%) 77.238 (+0,95%)
03-02-2021
3.251.160 (+0,82%) 77.595 (+0,46%)
04-02-2021
3.274.608 (+0,72%) 77.952 (+0,46%)
05-02-2021
3.296.747 (+0,68%) 78.603 (+0,84%)
06-02-2021
3.317.333 (+0,62%) 78.794 (+0,24%)
07-02-2021
3.337.048 (+0,59%) 78.965 (+0,22%)
08-02-2021
3.341.365 (+0,13%) 79.423 (+0,58%)
09-02-2021
3.360.235 (+0,56%) 80.147 (+0,91%)
10-02-2021
3.385.622 (+0,76%) 80.443 (+0,37%)
11-02-2021
3.406.685 (+0,62%) 80.803 (+0,45%)
12-02-2021
3.427.386 (+0,61%) 81.448 (+0,8%)
13-02-2021
3.448.617 (+0,62%) 81.647 (+0,24%)
14-02-2021
3.465.163 (+0,48%) 81.814 (+0,2%)
15-02-2021
3.469.539 (+0,13%) 82.226 (+0,5%)
16-02-2021
3.489.129 (+0,56%) 82.812 (+0,71%)
17-02-2021
3.514.147 (+0,72%) 83.122 (+0,37%)
18-02-2021
3.536.648 (+0,64%) 83.393 (+0,33%)
19-02-2021
3.560.764 (+0,68%) 83.964 (+0,68%)
20-02-2021
3.583.135 (+0,63%) 84.147 (+0,22%)
21-02-2021
3.605.181 (+0,62%) 84.306 (+0,19%)
22-02-2021
3.609.827 (+0,13%) 84.639 (+0,39%)
23-02-2021
3.629.891 (+0,56%) 85.070 (+0,51%)
24-02-2021
3.661.410 (+0,87%) 85.347 (+0,33%)
Fonti:

Note:

  • i Dal 4 aprile sono stati inseriti nei dati i contagiati e i morti nelle EHPAD (case di riposo) durante il mese di marzo.
  • ii Aggiunti casi di nuovi contagi del 13 maggio precedentemente non conteggiati.
  • iii Rimossi i dati di alcuni pazienti positivi che erano stati contati due volte

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Primi casi confermati[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 gennaio 2020, il primo caso di COVID-19 in Europa - e in Francia - è stato confermato a Bordeaux. Un franco-cinese di 48 anni dalla Cina, arrivato in Francia il 22 gennaio, è stato ricoverato al Centre Hospitalier Universitaire de Bordeaux. Il Service d'Aide Médicale Urgente ha preso in carico il paziente e lo ha isolato in ospedale. Le autorità hanno cercato di confermare se persone infette fossero state in contatto con lui.[9]

Altri due casi sono stati confermati a Parigi alla fine della giornata; tutti recentemente tornati dalla Cina.[2][10][11] Un uomo di 31 anni e la sua partner di 30 anni, entrambi di Wuhan, sono risultati positivi al SARS-CoV-2 e sono stati ricoverati all'Hôpital Bichat. Sono arrivati in Francia il 18 gennaio.

Il 28 gennaio, un turista cinese di 80 anni della provincia di Hubei, è risultato positivo ed è stato ricoverato all'Hôpital Bichat di Parigi.[12]

Il 29 gennaio, anche sua figlia di 50 anni si è dimostrata positiva ed è stata ricoverata nello stesso ospedale dove era in cura suo padre.[13]

Il 30 gennaio un medico è stato confermato positivo alla COVID-19 a Parigi. Era entrato in contatto con un turista cinese la cui contaminazione è stata confermata quando è tornato in Cina.[14]

Il 14 febbraio, il turista cinese ottantenne è deceduto all'Hôpital Bichat, segnando la prima morte per COVID-19 in Europa e Francia.[3]

Dal 31 gennaio al 9 febbraio, circa 550 persone sono state rimpatriate da Wuhan su una serie di voli di evacuazione in arrivo alla base aerea di Creil a Oise e all'Aeroporto di Istres.[15]

Focolaio a Les Contamines-Montjoie[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2020, il Ministro della salute, Agnès Buzyn, ha confermato cinque nuovi casi originati da un gruppo di persone che erano in vacanza a Les Contamines-Montjoie, nell'Alta Savoia.[16] Hanno contratto l'infezione da un cittadino britannico che era stato a Singapore pochi giorni prima.[17]

Un altro cittadino britannico è risultato positivo alla COVID-19. Era stato nello stesso chalet dell'altra persona che aveva contratto l'infezione a Les Contamines-Montjoie.[18]

Il 18 febbraio, il nuovo ministro della salute, Olivier Véran, ha annunciato che solo quattro persone sono rimaste infette in Francia e sono state messe in quarantena in ospedale, tutti cittadini britannici, tre del primo gruppo di Les Contamines-Montjoie e un quarto caso scoperto dopo.[19]

Sei giorni dopo, l'ultimo cittadino britannico rimasto e l'ultimo caso noto in Francia sono stati dimessi.[20]

Casi successivi e focolaio dell'Oise[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 2020, un cinese, tornato dalla Cina, era portatore del SARS-CoV-2, ma ha mostrato tracce di recente guarigione. Un uomo di 64 anni di La Balme-de-Sillingy, tornato da un viaggio in Lombardia il 25 febbraio, è risultato positivo al SARS-CoV-2 ed è stato curato nel centro ospedaliero Annecy-Genevois, Épagny-Metz-Tessy.[21][22][23] Anche sua moglie è risultata positiva ed è stata ricoverata nello stesso ospedale di suo marito.[24][25]

Il 26 febbraio, un uomo di 36 anni, che ha effettuato numerosi viaggi in Lombardia, è risultato positivo ed è stato curato nella Nouvel Hôspital Civil di Strasburgo.[26][27][28][29] Un insegnante di francese di 60 anni dell'Oise è stato ricoverato per la prima volta all'ospedale Creil, poi trasferito all'ospedale Salpêtrière di Parigi, dove è deceduto poche ore dopo.[27][29][30] Un uomo di 55 anni dell'Oise è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva del CHU Amiens-Picardie, Amiens.[31]

Il 29 febbraio, il direttore della salute, Jérôme Salomon, ha annunciato che la Francia aveva 100 casi del SARS-CoV-2 sul proprio territorio, con 36 casi rilevati nell'Oise[32]. Le riunioni di oltre 5000 persone sono vietate in tutta la Francia.

Primo confinamento[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Misure di confinamento in Francia dovute alla pandemia di COVID-19.
L'accesso al fiume Marna vietato durante il confinamento, a Noisy-le-Grand.
Gli scaffali vuoti di un supermercato a Louviers, in Normandia, il 2 aprile.

L’11 marzo il governo francese nominò undici scienziati eminenti per fornire consulenza sulle questioni scientifiche riguardanti l’epidemia in Francia.[33] Il 17 marzo 2020 la Direction générale de la Santé (Direzione generale della sanità) ha chiesto all’agenzia nazionale per la sanità pubblica (Santé publique France) di acquistare subito un milione di mascherine FFP2.[34]

Il 12 marzo il presidente Emmanuel Macron annunciò in un discorso in televisione che tutte le scuole e le università della nazione sarebbero state chiuse. Il 13 marzo il primo ministro Édouard Philippe annunciò la chiusura di tutti i bar, i ristoranti, i cinema e le discoteche.

Il 16 marzo, un giorno dopo il primo turno delle elezioni municipali, Emmanuel Macron annunciò l’inizio di un periodo di confinamento a partire dal giorno successivo.[35]

Dopo l’annuncio del confinamento la Fédération Française du Bâtiment (Federazione Francese degli Edifici) decise di interrompere i lavori non essenziali a causa del pericolo per i lavoratori edili. Il 19 marzo Muriel Pénicaud, la ministra del Lavoro, criticò questa decisione, affermando che questa mancava di spirito civico. Il 20 marzo il presidente della Federazione rispose in una lettera aperta che le affermazioni della ministra erano "scandalose".[36][37] Dopo diversi giorni venne firmato un accordo che consentiva la riapertura di alcuni cantieri.[38]

All’inizio di aprile il numero dei morti di COVID-19 aumentò vertiginosamente e più di 10,000 persone morirono in quel periodo. Il confinamento originariamente doveva durare 15 giorni, poi venne esteso a 30 giorni,[39] ma il 13 aprile il presidente Macron annunciò che questo sarebbe stato esteso fino all’11 maggio.[40] Il 4 maggio degli scienziati, dopo aver esaminato dei campioni, hanno scoperto che un uomo era stato infettato dal SARS-CoV-2 il 27 dicembre 2019, quasi un mese prima che la Francia segnalasse il suo primo caso.[41]

Deconfinamento[modifica | modifica wikitesto]

L'applicazione del distanziamento fisico all'interno di un autobus in Bretagna, il 19 maggio.

L’11 maggio, quando i casi giornalieri erano scesi a meno di 100 al giorno, le scuole elementari e le scuole medie poterono riaprire, avviando l’inizio di una nuova fase per la ripresa economica.[42]

Il 28 maggio Édouard Philippe annunciò che le restrizioni sugli spostamenti entro un raggio di 100 chilometri sarebbero state revocate il 2 giugno. Inoltre venne annunciato che i caffè, I bar ed i ristoranti sarebbero potuti riaprire lo stesso giorno, ma non a Parigi. Infatti solo il 14 giugno i caffè, i ristoranti ed i bar poterono riaprire a Parigi.

Il 22 giugno i cinema, i villaggi vacanze, i palazzetti per gli sport di gruppo, gli asili, le scuole e le scuole medie poterono riaprire durante la Fase 3 per la ripresa economica. Il primo luglio la Francia riaprì i suoi confini ai paesi non appartenenti all’Unione europea.

Il 3 luglio Philippe si dimise dal ruolo di primo ministro[43] e venne sostituito da Jean Castex. Castex in precedenza era stato nominato coordinatore del processo di deconfinamento attuato in Francia.

Il 10 luglio venne revocato lo stato di emergenza sanitaria ed il confinamento ebbe fine. Tuttavia, alcune restrizioni riguardo al distanziamento fisico vennero mantenute.

Il 15 luglio Olivier Véran annunciò che dal 24 luglio la copertura del volto tramite le mascherine sarebbe diventata obbligatoria negli spazi pubblici al chiuso e in vari spazi pubblici all’aperto, come la torre Eiffel.

Nuovo aumento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Ad agosto il numero dei positivi al virus rincominciò a salire. Nel fine settimana del 16 agosto più di 10,000 casi erano stati segnalati durante quella settimana. Il 28 agosto il numero dei positivi in un solo giorno raggiunse il numero di 7379 nuovi casi. Nella città di Parigi, considerando questa situazione, l’uso delle mascherine in pubblico divenne obbligatorio.

Il 12 settembre la Francia registrò più di 10,000 nuovi casi in un giorno solo per la prima volta. Il 18 settembre il numero delle morti salì a 154, il numero più alto dal 17 maggio (era inoltre la prima volta dal 16 giugno che il numero delle morti giornaliere superava i 100 decessi).

Il 5 ottobre a Parigi vennero nuovamente chiusi i ristoranti e gli altri luoghi di ristoro a causa dell’aumento del numero dei casi, come in precedenza era stato fatto a Marsiglia. Tuttavia, il governo fece capire che presto sarebbe stato introdotto un nuovo confinamento a livello nazionale.

Il 10 ottobre la Francia registrò nuovamente il numero più alto di nuovi casi con 26.986 nuovi positivi. Il presidente Emmanuel Macron annunciò in un’intervista televisiva in prima serata che il 14 ottobre, a causa della diffusione del virus in alcune grandi città, sarebbe stato introdotto un coprifuoco tra le 21.00 di sera e le 6.00 del mattino nelle zone del paese che erano diventate più pericolose, per un totale di quattro settimane;[44] inoltre sarebbero state reintrodotte le misure di aiuto finanziario.[45]

Il 15 ottobre la Francia divenne il primo paese europeo a registrare oltre 30,000 casi in un giorno, per un totale di 30,621 nuovi casi.[46] Il 22 ottobre il primo ministro Jean Castex estese il coprifuoco ad altri 38 dipartimenti, nei quali si trovava il 67% della popolazione (46 milioni di persone).[47]

Secondo confinamento[modifica | modifica wikitesto]

Un incontro tra il presidente Emmanuel Macron ed il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo, avvenuto il 16 Novembre 2020.

Il 23 ottobre il numero dei casi totali dall’inizio della pandemia superò il milione per un totale di 1,048,075 casi, con un aumento di 42,032 in un giorno.

Il 25 ottobre i nuovi casi furono in totale 52,013, superando per la prima volta il numero di 50,000 positivi. Il 28 ottobre Emmanuel Macron annunciò in un discorso televisivo che la Francia sarebbe stata soggetta ad un nuovo confinamento che sarebbe durato dal 30 ottobre al primo dicembre.[48][49] I bar ed i ristoranti sarebbero rimasti chiusi mentre le scuole e le fabbriche sarebbero rimaste aperte.[50]

Il 5 novembre la sindaca di Parigi Anne Hidalgo annunciò che delle misure più restrittive sarebbero state introdotte nella capitale, dal momento che vari cittadini erano stati beccati ad infrangere le regole precedenti. Queste includevano la chiusura dei negozi di alimentari alle 22.00 per evitare che si creassero degli assembramenti.

Il 12 novembre il primo ministro Jean Castex annunciò in una conferenza stampa che ogni allentamento delle restrizioni all’inizio di dicembre sarebbe stato “strettamente limitato”: attività come i ristoranti, i bar e i palazzetti dello sport sarebbero rimasti chiusi. Castex affermò inoltre che una morte su quattro in Francia in quel momento era dovuta alla COVID-19.[51]

Il 17 dicembre il presidente Emmanuel Macron risultò positivo alla COVID-19.[52] Il 27 dicembre una donna di 78 anni divenne la prima persona in tutta la Francia a ricevere il vaccino contro il SARS-CoV-2. La donna ricevette la prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech all’ospedale René-Muret di Sevran, nel dipartimento della Senna-Saint-Denis.[53]

Inizio della campagna di vaccinazione[modifica | modifica wikitesto]

Un membro del personale sanitario si fa vaccinare all'ospedale universitario di Strasburgo, l'8 gennaio 2021.
L'inizio della campagna di vaccinazione a Strasburgo per gli ultrasettantacinquenni, il 18 gennaio 2021.

Al 29 dicembre 2020 sembrava che la campagna di vaccinazione francese fosse più lenta di quella in Germania, Regno Unito e Israele.[54] Infatti, nonostante le dosi di vaccino fossero disponibili, si presume che ciò sia dovuto al ritardo del vaccino Sanofi-GSK, preferito a quello di Pfizer dal governo. Comunque sia, il ministro della salute Olivier Véran dichiarò che il governo aveva scelto di affidarsi ai medici e di cominciare con gli anziani nelle case di cura. Véran disse inoltre che l'importante era non agire frettolosamente e tutelare tutti. Tuttavia, Axel Kahn denunciò la lunghezza dell'onere amministrativo della procedura "più lunga che all'estero".[55] Il 30 dicembre 2020 il governo annunciò che a gennaio sarebbero stati vaccinati gli operatori sanitari ultracinquantenni.[56]

Il 18 gennaio 2021 iniziò la vaccinazione per tutti gli ultrasettantacinquenni,[57] anche se la disponibilità dei vaccini Comirnaty e Spikevax inferiore del previsto causò un rallentamento del tasso di vaccinazione.[58] Al 28 gennaio 1.405.885 persone avevano ricevuto la prima dose del vaccino.[59]

All'inizio del 2021 cominciarono anche a diffondersi i contagi dovuti alle varianti del virus: il 7 gennaio vennero registrati diciannove casi di persone contagiate dalla variante Alfa, allora meglio nota come "variante inglese".[60] In poche settimane la variante inglese occupò circa un quarto dei nuovi contagi.[61]

Anche se la circolazione del coronavirus in Francia era minore rispetto ad altre nazioni europee che avevano deciso di adoperare delle nuove misure di blocco, la comparsa delle varianti del virus, più contagiose, portò il governo alla decisione di imporre un coprifuoco notturno (dalle 18:00 di sera alle 6:00 di mattina) e un'intesificazione dei controlli alle frontiere.[62] Il 31 gennaio entrarono in vigore delle nuove misure restrittive, come la chiusura delle frontiere ai paesi non appartenenti all'Unione europea, l'obbligo dei testi diagnostici ai viaggiatori provenienti dai paesi dell'Unione europea (tranne alcuni lavoratori transfrontalieri) e la chiusura dei luoghi commerciali che non vendevano prodotti alimentari più grandi di 20.000 metri.[63] Tuttavia, secondo uno studio del giornale Le Monde risalente al giugno del 2021, la decisione di non riconfinare la nazione ebbe come conseguenze la morte di 14.000 persone, quasi 112.000 ricoveri, 28mila dei quali in terapia intensiva, e 160.000 casi di sindrome post-COVID-19.[64]

A fine gennaio, la Francia risultò al settantatreesimo posto in una lista dell'instituto Lowy di Sydney sui 98 paesi che avevano gestito meglio la crisi sanitaria.[65]

Restrizioni e proseguimento della campagna di vaccinazione[modifica | modifica wikitesto]

Le città del dipartimento delle Alpi Marittime messe in confinamento nei fine settimana dal 26 febbraio al 5 marzo 2021.
Le città del dipartimento del Nord messe in confinamento per tre settimane a partire dal 26 febbraio 2021.

Il 6 febbraio, quando circa 1.800.000 persone avevano ricevuto la prima dose del vaccino e 190.000 la seconda,[59] iniziò la vaccinazione tramite il vaccino Vaxzevria, sviluppato da AstraZeneca, per il personale sanitario di età inferiore ai 65 anni.[66]

Il 21 febbraio 2021, similmente a quanto era successo nel dipartimento della Mosella, il dipartimento delle Alpi Marittime presentava una situazione preoccupante a causa del tasso d'incidenza più alto di quello nazionale (557 casi positivi ogni 100.000 invece di 190). La situazione a Nizza era ancora più preoccupante, in quanto il tasso d'incidenza era di 700 casi positivi ogni 100.000 abitanti. La situazione era aggravata dal diffondersi della variante Alfa, molto contagiosa, e dal tasso di vaccinazione minore del 4% degli abitanti del dipartimento.[67]

Il governo francese decise allora di varare delle nuove misure e le presentò alla prefettura il 22 febbraio. In particolare, nei comuni marittimi del dipartimento entrarono in vigore delle misure di blocco limitate ai fine settimana dal 26 febbraio al 5 marzo 2021. Gli spostamenti vennero vietati nei comuni da Mentone a Théoule-sur-Mer, una la zona nella quale si trova il 90% della popolazione del dipartimento, corrispondente alle unità urbane di Nizza e Mentone. Durante questa chiusura totale le regole erano più o meno le stesse del primo confinamento nazionale.[67]

Nello stesso periodo, il tasso d'incidenza nella regione di Dunkerque era di 901 casi positivi ogni 100.000: questo aumento dei contagi portò il governo ad annunciare delle misure restrittive molto simili a quelle attuate nel Nizzardo. Queste misure di confinamento localizzato interessavano l'arrondissement di Dunkerque e i comuni vicini.[68] Altri venti dipartimenti con un tasso d'incidenza di circa 250 casi positivi ogni 100.000 (inclusa l'intera Isola di Francia) vennero posti sotto sorveglianza dal 25 febbraio.[69]

Al 28 febbraio 2021 più di 3 milioni di residenti in Francia avevano ricevuto la prima dose del vaccino e 1.500.00 avevano ricevuto la seconda. Con 6,6 dosi amministrate ogni 100 abitanti, però, la Francia si trovava molto in ritardo nella campagna vaccinale rispetto al Regno Unito, Israele e gli Stati Uniti e a un livello leggermente inferiore della Germania e dell'Italia.[59]

Inizio della terza ondata[modifica | modifica wikitesto]

I focolai di coronavirus in Normandia il 13 marzo 2021.

In seguito a dei casi di trombosi, l'iniezione tramite il vaccino di AstraZeneca venne sospesa in vari paesi europei, inclusa la Francia, dal 15 al 18 marzo, fino a quanto l'agenzia europea del farmaco non ne riautorizzò l'utilizzo. In ogni caso, in Francia questo vaccino non era stato autorizzato per gli ultracinquantacinquenni.[70]

Il 18 marzo 2021, in seguito all'aumento dei contagi nel paese, Jean Castex annunciò un terzo confinamento, in vigore dalla mezzanotte del venerdì successivo per quattro settimane, per sedici dipartimenti francesi.[71] In questi dipartimenti (inclusi tutti i dipartimenti dell'Isola di Francia e dell'Alta Francia) le scuole primarie e secondarie sarebbero rimaste aperte e gli spostamenti sarebbero stati possibili entro un raggio di 10 chilometri dalla propria abitazione, senza limiti di tempo. Le librerie, le parruccherie, i negozi di dischi, le fiorerie e le cioccolaterie rimasero aperte, in quanto l'obiettivo del governo era "confinare senza chiudere".[71]

Il 20 marzo 2021, il primo giorno di confinamento per i sedici dipartimenti interessati, venne revocato l'utilizzo dell'autocertificazione in favore di una semplice prova che dimostrasse di trovarsi entro un raggio di 10 chilometri dalla propria abitazione.[72]

Il 25 marzo Olivier Véran annunciò che le misure di confinamento sarebbero state estese ad altri tre dipartimenti: il Rodano, il Nièvre e l'Aube.

A fine marzo, mentre la situazione sanitaria stava peggiorando con circa 5000 in terapia intensiva, 300 morti al giorno e 40.000 casi ogni 24 ore, il numero di vaccinazioni giornaliere cominciò a salire a tal punto che il 31 marzo, malgrado le difficoltà d'approvvigionamento,[73] 11,3 milioni di persone avevano ricevuto la prima dose e 2,8 milioni avevano ricevuto la seconda.[74]

Terzo confinamento[modifica | modifica wikitesto]

La mappa della vaccinazione in Francia per numero di dosi amministrate al 7 aprile 2021.
Il velodromo di Saint-Quentin-en-Yvelines trasformato in un centro vaccinale anti-COVID-19, nel mese di aprile.

Il 31 marzo 2021, il presidente Macron annunciò in un discorso in televisione che, a partire dal 3 aprile, la Francia sarebbe ritornata in confinamento per un mese. Macron aggiunse che bisognava agire subito per evitare che la situazione divenisse incontrollabile.[75] Durante la terza chiusura totale del paese vennero chiusi i negozi, tranne quelli che vendevano prodotti di prima necessità, e le scuole vennero chiuse per tre settimane.[75] Inoltre vennero vietati gli spostamenti all’interno della nazione e rimase il coprifuoco dalle 19:00 alle 6:00.[75]

Il 25 aprile le autorità sanitarie annunciarono che 13.834.667 persone avevano ricevuto la prima dose di vaccino.[76]

Il 29 aprile Emmanuel Macron annunciò le date per il deconfinamento:

  • il 19 maggio il coprifuoco sarebbe iniziato dalle 21:00; i negozi, i musei, i cinema e gli stabilimenti sportivi al chiuso avrebbero potuto riaprire; gli incontri tra più di dieci persone sarebbero stati vietati;
  • il 9 giugno il coprifuoco sarebbe durato dalle 23:00; i caffè ed i ristoranti sarebbero potuti riaprire al chiuso con più di sei clienti all’interno;
  • il 30 giugno il coprifuoco sarebbe stato revocato.[77]

A giugno il certificato COVID digitale dell'UE venne reso disponibile nei paesi dell’Unione europea, inclusa la Francia, dove il certificato venne chiamato pass sanitaire o passe sanitaire.[78][79] Il 2 giugno Emmanuel Macron annunciò che la vaccinazione sarebbe stata consentita agli adolescenti tra i 12 e i 18 anni a partire dal 15 giugno 2021.[80]

Il 30 giugno, in pratica, venne revocata la maggior parte delle restrizioni imposte in precedenza (per esempio, vennero riaperti tutti i ristoranti, i cinema, i teatri). Rimase comunque l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi al chiuso. A causa della circolazione della variante Delta, anche nota come "variante indiana", nelle Landes, il deconfinamento di questo dipartimento subì un ritardo di una settimana.[81]

Tuttavia, l'allentamento delle restrizioni portò inevitabilmente ad una concentrazione di persone nei luoghi di vacanza, e quindi ad un leggero aumento dei contagi, soprattutto nei dipartimenti marittimi (a tal punto che i media di massa francesi parlarono di "quarta ondata").[82]

Inizio della quarta ondata[modifica | modifica wikitesto]

Per contrastare le varianti del SARS-CoV-2, il 12 luglio 2021 Emmanuel Macron annunciò una nuova serie di misure applicabili per gli adulti ed anche per gli adolescenti dai 12 anni in su:

  • obbligo vaccinale il 15 settembre 2021 per i professionisti e i volontari a contatto con le persone più deboli;
  • obbligo del certificato COVID digitale per entrare nei luoghi culturali e dediti al tempo libero a partire dal 21 luglio 2021;
  • obbligo del certificato COVID digitale, a partire dal mese di agosto, per entrare nei ristoranti, caffè, treni, aerei e nei grandi centri commerciali.

Inoltre, i tamponi non saranno più gratuiti in Francia a partire da ottobre.[83]

Il 17 luglio 2021 il governo annunciò la presentazione obbligatoria di un tampone con esito negativo inferiore a 24 ore (anziché 72 come prima) per chiunque provenisse da alcuni territori europei a rischio come la Spagna, il Portogallo, il Regno Unito, la Grecia, Cipro e i Paesi Bassi. Nello stesso giorno, a Parigi, ci fu una protesta da parte degli antivaccinisti francesi e di coloro che rifiutavano il certificato COVID digitale dell'UE, noti come anti-pass sanitaire.[84]

A partire dalla seconda metà di luglio, a causa della propagazione della variante Delta nelle nazioni citate prima. vari dipartimenti (soprattutto quelli costieri o turistici) attuarono delle misure per cercare di fermare la propagazione del virus.[85] 24 dipartimenti francesi reintrodussero l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto.[86] Nel dipartimento dei Pirenei Orientali i bar e i ristoranti dovevano chiudere entro le 23:00,[87] mentre nell'Alta Corsica tutti i locali aperti al pubblico dovevano chiudere entro mezzanotte.[88]

Il 30 luglio 2021, a causa del riempimento degli ospedali, la Martinica venne rimessa in confinamento per un minimo di tre settimane.[89][90]

Il 5 agosto il consiglio costituzionale ritenne giusta l'estensione del certificato dell'Unione europea per entrare nei i bar e nei caffé, nonché per il personale degli ospedali e per i pazienti ritenuti non urgenti. Anche la vaccinazione obbligatoria venne ritenuta giusta, poiché non incostituzionale.[91]

Il 24 agosto 2021 l'alto comitato della salute pubblica consigliò l'amministrazione di una terza dose di vaccino per gli ultrasessantacinquenni e le persone affette da comorbilità.[92]

Cronologia delle restrizioni[modifica | modifica wikitesto]

Misure emanate dal governo Data di attuazione
4 – 14 marzo 2020: Primi divieti riguardo ai raduni
Divieto di raduni tra più di 5000 persone nei luoghi chiusi 5 marzo[93]
Divieto di raduni tra più di 1000 persone 10 marzo[94]
Divieto di raduni tra più di 100 persone 14 marzo[95][96]
Divieto di fare scalo o ancorare nelle acque interne e territoriali per le navi che trasportano più di 100 passeggeri 14 marzo[95][96][97]
17 marzo – 10 maggio 2020: Primo confinamento
Chiusura della maggior parte degli stabilimenti pubblici. Solo i "servizi essenziali (negozi di alimentari, farmacie, banche, edicole, stazioni di servizio, benzinai…) e tutti i servizi pubblici essenziali" sono autorizzati a rimanere aperti.[98] Viene chiesto ai cittadini di "evitare gli incontri dove possibile, limitare gli incontri con gli amici e la famiglia, utilizzare solo i mezzi pubblici per andare al lavoro se non si può lavorare da casa, ed uscire di casa solo per acquistare i beni alimentari essenziali, fare una breve attività fisica o votare alle elezioni locali." 15 marzo[96][97]
Chiusura delle scuole e degli istituti di istruzione superiore 16 marzo[96][97]
Divieto di tutti i raduni religiosi eccetto i funerali, con meno di venti partecipanti. 16 marzo[96][97]
Divieto di effettuare spostamenti che non riguardino la propria attività professionale, l'acquisto di beni di prima necessità, motivi di salute o familiari o un breve esercizio di attività fisica. La gente fuori casa deve portare con sé un documento d'identità e una dichiarazione firmata e datata per ogni viaggio. 17 marzo[99][100][101]
Divieto di effettuare l'imbalsamazione. Tutti i morti di COVID-19, sia i casi confermati sia quelli sospetti, devono essere immediatamente collocati nelle bare. 24 marzo[96]
11 maggio – 1 giugno 2020: Deconfinamento progressivo
Ha inizio la fase di deconfinamento. Sono vietati i raduni tra più di 10 persone in uno spazio pubblico in tutta la Francia. Più in generale, in tutte le riunioni, gli incontri, le attività, i viaggi bisogna rispettare le norme del distanziamento sociale. È vietato l'accesso ai parchi pubblici, ai giardini ed alle aree verdi nelle aree urbane della Francia in zona "rossa". Molte attività possono riaprire ma i ristoranti, i caffè ed i bar rimangono chiusi. Non serve più una dichiarazione firmata per viaggiare fuori dal proprio luogo di residenza. Le misure di confinamento rimangono nel dipartimento d'oltremare della Maiotta. 11 maggio[102]
Sono vietati i viaggi fuori dal proprio dipartimento e gli spostamenti che superano un raggio di 100 chilometri dalla propria abitazione, salvo circostanze specifiche. I cittadini devono ancora portare con sé un documento d'identità e una dichiarazione firmata per qualsiasi viaggio al di fuori di un raggio di 100 chilometri dalla propria abitazione o per viaggiare con i mezzi pubblici nelle ore di punta. Più in generale, in tutte le riunioni, gli incontri, le attività, i viaggi bisogna rispettare le norme del distanziamento sociale. È vietato l'accesso ai parchi pubblici, ai giardini ed alle aree verdi nelle aree urbane della Francia in zona "rossa". Le misure di confinamento rimangono nel dipartimento d'oltremare della Maiotta. 12 maggio[103]
Riapertura dei parchi nelle zone "rosse". 30 maggio[104]
2 – 22 giugno 2020
Riapertura dei ristoranti e dei musei nella maggior parte della Francia, sebbene siano vietati i posti a sedere al coperto nei ristoranti nelle "zone arancioni" dell'Isola di Francia, della Guiana francese e di Maiotta. Non serve più un'autocertificazione per i viaggi superiori ai 100 chilometri. 2 giugno[105]
Sono consentite le manifestazioni che rispettano le regole del distanziamento. L'Isola di Francia diventa una zona "verde", nella quale i ristoranti ed i bar restano aperti anche fino a tardi, mentre la Guiana francese e Maiotta rimangono in zona "arancione". 15 giugno[106]
Non serve più un'autocertificazione per i viaggi sui mezzi pubblici nell'ora di punta. 16–21 giugno[senza fonte]
Riapertura dei cinema. 22 giugno[107]
11 – 19 luglio 2020
Allentamento della maggior parte delle restrizioni, anche se rimane un divieto di raduni tra più di 5000 persone, mentre le discoteche rimangono chiuse. Le mascherine rimangono obbligatorie nei mezzi pubblici. Lo stato di emergenza rimane in vigore dei dipartimenti d'oltremare della Guiana francese e di Maiotta. 11 luglio[108]
20 luglio – 16 ottobre 2020: Estensione delle regole riguardo all'uso delle mascherine
Le mascherine vengono rese obbligatorie in una vasta gamma di luoghi pubblici. 20 luglio[109]
Le prefetture ora possono espandere l'obbligo di indossare le mascherine. 29 luglio
Il 4 Agosto a Parigi le mascherine diventano obbligatorie per i pedoni in alcune strade della città e l'area interessata viene ampliata più volte nelle settimane successive. 4 agosto[110]
Parigi e il dipartimento delle Bocche del Rodano diventano delle zone "rosse", nelle quali il virus circola intensamente. 13 agosto[111]
Altri 19 dipartimenti diventano delle zone "rosse": Alpi Marittime, Essonne, Gard, Gironda, Guadalupa, Alta Garonna, Hauts-de-Seine, Hérault, Loiret, Martinica, Rodano, Sarthe, Senna e Marna, Senna-Saint-Denis, Val-d'Oise, Valle della Marna, Var, Vaucluse and Yvelines. 27 agosto
L'uso della mascherina all'aperto diventa obbligatorio in tutta Parigi e nei suoi sobborghi interni (Hauts-de-Seine, Senna-Saint-Denis e Valle della Marna) per i pedoni dagli 11 anni in su. 28 agosto
Le mascherine diventano obbligatorie nei luoghi di lavoro. 1 settembre[112]
Riapertura delle scuole: le mascherine devono essere indossate dagli insegnanti e dagli alunni dagli 11 anni in su. 1 settembre[113]
Dal 17 ottobre al 14 dicembre 2020: Coprifuochi ed il secondo confinamento
Viene imposto il coprifuoco notturno (dalle 21.00 alle 6.00) a Parigi e nei sobborghi; Marsiglia, Lione, Lilla, Saint-Étienne, Rouen, Tolosa, Grenoble and Montpellier. 17 ottobre[114]
Il coprifuoco notturno viene esteso a 38 dipartimenti francesi. 24 ottobre[115]
Inizia il secondo confinamento nazionale, con delle restrizioni simili al primo, eccetto il fatto che gli studenti delle scuole primarie e secondarie possono ancora frequentare la scuola. 30 ottobre[116]
I servizi non essenziali possono riaprire e le restrizioni legate all'attività fisica sono ridotte a tre ore al giorno in un raggio di 20 chilometri dalla propria abitazione. 28 novembre[117]
15 dicembre 2020 – 26 febbraio 2021
Le restrizioni di viaggio vengono revocate e non serve più una dichiarazione per lasciare la propria abitazione se non durante il coprifuoco tra le 18.00 e le 6.00 di ogni giorno. 15 dicembre[118]
Estensione del coprifuoco a livello nazionale dalle 18.00 alle 6.00 di ogni giorno. 16 gennaio[119]
Chiusura dei negozi più grandi di una dimensione precisa. 31 gennaio[120]
Dal 26 febbraio al 2 maggio 2021: Confinamenti regionali e Terzo confinamento nazionale
Viene imposto un confinamento nel fine settimana per le regioni della Costa Azzurra e Dunkerque. 26 febbraio[121]
Vengono imposti dei confinamenti nel fine settimana in 16 dipartimenti, inclusa tutta l'Isola di Francia, l'Alta Francia, l'Alta Normandia e il dipartimento delle Alpi Marittime. Per spostarsi entro un raggio di 10 chilometri dalla propria abitazione in queste aree serve un documento specifico. I viaggi non essenziali sono proibiti. Tutti i negozi che non vendono beni di prima necessità sono chiusi.

Viene imposto il coprifuoco dalle 19:00 alle 6:00 di ogni giorno.

20 marzo[122]
Il confinamento viene esteso all'intera Francia metropolitana. 3 aprile
Chiusura delle scuole e degli istituti di istruzione superiori. 5 aprile[123]
Dal 3 maggio 2021 – al 12 luglio 2021: Allentamento progressivo delle restrizioni
Sono permessi i viaggi non essenziali oltre il raggio di 10 chilometri. Vengono riaperte le scuole secondarie (quelle primarie erano state riaperte il 25 aprile). 3 maggio[124]
Possono riaprire i cinema, i teatri, i negozi non di prima necessità, i musei e i luoghi di ristoro con posti a sedere all'aperto. L'inizio del coprifuoco viene spostato alle 21:00. 19 maggio
I luoghi di ristoro possono riaprire con una capacità del 50%. L'inizio del coprifuoco viene spostato alle 23:00. Per accedere ai luoghi dove si trovano oltre 1000 persone è richiesto il passe sanitaire. 9 giugno
Allentamento di alcune restrizioni sull'obbligo di indossare la mascherina all'aperto. 17 giugno
Fine del coprifuoco notturno. 20 giugno
Dal 13 luglio 2021: Restrizioni dovute alla variante Delta
Reintroduzione dello stato di emergenza nei dipartimenti d'oltremare della Riunione e di Martinica, con il coprifuoco che inizia rispettivamente alle 23:00 e alle 21:00. 13 luglio
Le persone con più di 12 anni devono avere con sé il passe sanitaire per accedere ai locali dove si trovano più di 50 persone (come i musei, i teatri, i cinema, i centri sportivi...). Tale certificato è valido da una settimana dopo aver ricevuto una vaccinazione completa, entro due giorni se è un certificato di tampone ed entro undici giorni/sei mesi dopo la guarigione dalla COVID-19. 21 luglio

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Numero di casi per regione al 27 marzo
Regione Numero di casi Numero di morti Numero di guariti
Île-de-France 33198 6285 15899
Grande Est 14297 3011 7274
Alvernia-Rodano-Alpi 8615 1419 4671
Alta Francia 7319 1461 3685
Provenza-Alpi-Costa Azzurra 5586 746 3376
Borgogna-Franca Contea 4194 884 2237
Occitania 3203 436 2015
Centro-Valle della Loira 2377 421 1069
Nuova Aquitania 2377 336 1284
Paesi della Loira 2137 362 1121
Normandia 1945 363 984
Bretagna 1385 222 772
Corsica 285 51 172
Sub-totale Francia metropolitana 86 918 16041 44559
Riunione 410 0 238
Mayotte 311 4 117
Martinica 163 14 73
Guadalupa 148 12 73
Guyana francese 97 1 83
Polinesia francese 57 0 35
Saint-Martin 38 2 19
Nuova Caledonia 18 0 17
Saint-Barthélemy 6 0 6
Saint-Pierre e Miquelon 1 0 0
Wallis e Futuna 0 0 0
Sub-totale Francia d'oltremare 1 249 33 661
Totale (Agences régionales de santé/Préfectures)[125] 124 575 22856 44903
Totale (Agence nationale de santé publique/Ministère des Affaires sociales et de la Santé) 124 575 22856 44903

Guyana francese[modifica | modifica wikitesto]

Pandemia di COVID-19 in Guyana francese
epidemia
Covid french guiana-2020-06-29.png
Casi per comune al 29 giugno 2020. Il colore indica il numero di casi.[126]
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
LuogoGuyana francese
Nazione coinvoltaFrancia
Periodo4 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[127]
Numero di casi16 296[128] (9 febbraio 2021)
Numero di guariti9 995 (9 febbraio 2021)
Numero di morti79 (9 febbraio 2021)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 in Guyana francese è sopraggiunta nell'aprile 2020. Le misure barriera promosse dalla Francia e dall'OMS sono dispensate in Guyana, con tracciamento dei contatti di tutti i casi confermati e il richiamo dei contatti per rilevare i malati, l'inserimento in "quarantena" dei casi confermati e i loro contatti. Lo screening di massa è stato avviato per alcuni cluster. Il deconfinamento è iniziato l'11 maggio 2020.

Al 20 maggio 2020, la circolazione di SARS-CoV-2 sembrava essere limitata in Guyana, tranne che a Saint-Georges dove la situazione è monitorata dall'Agence regional de santé con il Centre hospitalier Andrée-Rosemon (CHAE).

Sabato 23 e domenica 24 maggio 2020 sono stati rilevati 67 nuovi casi, portando il totale del reparto a 328 per 300 000 abitanti; la vicinanza del Brasile è percepita come un rischio di introduzione dell'epidemia attraverso il confine fluviale con il Brasile.[129]

Rischi speciali sorgono per le popolazioni isolate nella foresta, per le popolazioni in una situazione illegale e per i guaianesi affetti da obesità (che è un fattore di rischio per la COVID-19, con + 50% di necessità di consultazione, + 35% di rischio di ospedalizzazione in caso di COVID-19 e aumento del rischio di mortalità), ma quasi un guianese su cinque è in sovrappeso, contro il 15% in media in Francia, ha avvertito l'ARS a metà maggio 2019.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

Al 4 marzo, la Guyana francese aveva cinque casi confermati, tutti a Saint-Laurent-du-Maroni.[130]

Dopo i casi, il governo di Rodolphe Alexandre, ha adottato il provvedimento di chiusura dei confini del Paese nel tentativo di contenere la diffusione del virus nel Paese e nei Paesi vicini, Brasile e Suriname.[131]

Il 22 marzo, il numero di casi nel paese ha raggiunto 18.

Il 24 marzo, Marie-Laure Phinera-Horth, sindaco di Caienna, aveva istituito un coprifuoco dalle 20:00 alle 5:00, a differenza del resto della regione.[132]

Il 30 marzo, un membro del personale infermieristico di una casa di cura di Caienna è risultato positivo al virus della COVID-19.[133]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 aprile, un assistente di laboratorio presso l'hopital Andrée-Rosemont è risultato positivo.[134]

Il 7 aprile, il paese ha registrato 77 casi e 34 pazienti guariti. I distretti colpiti sono Saint-Laurent, Kourou, Caienna e Maripasoula.[135] Il gruppo Bernard Hayot ha donato 1 300 000 maschere gratuitamente per i lavori sanitari in Martinica, Guadalupa e Guyana.[136].

Il 9 aprile, l'Unione europea ha annunciato una donazione di 8 milioni di euro (8,6 milioni di dollari), che sarà attuata dalla Caribbean Public Health Agency, per combattere il Coronavirus. La Guyana francese è uno dei 24 membri del CARPHA (Caribbean Public Health Agency).

Il 20 aprile è stata annunciata la prima morte. Un uomo di 70 anni è morto all'ospedale di Caienna. Morì tra le undici di notte e l'una del mattino.[137]

Il 21 aprile, Antoine Joly, ambasciatore di Francia in Suriname, ha rivelato in un'intervista che la città di Saint-Laurent-du-Maroni era isolata dal resto della regione e che la maggior parte dei casi erano stati importati. L'"Hôtel Du Fleuve", vicino al villaggio di Sinnamary, è stato requisito per essere utilizzato per la quarantena o per i pazienti con COVID-19.[138]

Al 30 aprile, la Guyana francese è ora elencata in verde, il che significa che il virus è sotto controllo. Le famiglie possono ancora una volta visitare i loro anziani nelle case di cura (EHPAD). Le visite sono solo il giovedì mattina, su appuntamento e con misure rigorose.[139]

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio, il villaggio indigeno di Organabo, a Iracoubo, si è volontariamente confinato. Il capo della tribù, Ernest Grand Emile, è preoccupato per il fatto che le 200 persone del villaggio sono principalmente anziane e il villaggio è autosufficiente.[140]

Il 7 maggio, Olivier Véran, Ministro della Solidarietà e della Salute, ha annunciato che i lavoratori delle case di cura (EHPAD) riceveranno un bonus da 1 000 a 1 500 euro.[141]

Il 12 maggio il mercato di Caienna è stato chiuso fino a nuovo avviso, ma il mercato di Saint-Laurent riaprirà il 13 maggio.[142]

Il 13 maggio, il numero di casi è aumentato di 11, dieci dei quali sono stati segnalati a Saint-Georges-de-l'Oyapock, che ha 37 casi finora.[143] Dall'altra parte del confine, a Oiapoque in Brasile, la situazione è ancora peggiore: 57 persone sono state contagiate dal virus, tuttavia la città manca di personale medico, test e attrezzature; pertanto, è stato dichiarato lo stato di emergenza.[144]

Il 14 maggio è stato annunciato un piano d'azione per Saint-Georges-de-l'Oyapock: una massiccia operazione di screening inizierà la successiva settimana e gli spostamenti tra i quartieri saranno limitati.[145]

Al 15 maggio, il paese ha registrato 164 casi, 1 decesso e 124 pazienti guariti.

Il 18 maggio, Georges Elfort, sindaco di Saint-Georges-de-l'Oyapock, ha annunciato che l'intera popolazione sarà testata, sintomatica o meno.[146]

Il 29 maggio, i dati ufficiali del paese affermavano che c'erano 436 casi confermati, 161 pazienti guariti e 1 decesso.

Polinesia francese[modifica | modifica wikitesto]

Pandemia di COVID-19 in Polinesia francese
epidemia
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
LuogoPolinesia francese Polinesia francese
Nazione coinvoltaFrancia
Periodo11 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[147]
Numero di casi17,088[148] (24 novembre 2020)
Numero di guariti5,167[149] (24 novembre 2020)
Numero di morti121[150] (24 novembre 2020)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 in Polinesia francese è iniziata a partire da marzo 2020.

Il presidente del paese, Edouardo Fitch, ha annunciato il 18 maggio 2020 che nel corso della pandemia COVID-19 c'erano state 60 persone infette, quattro delle quali erano morte e che erano stati effettuati 3496 test COVID-19.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo caso COVID-19 divenne noto l'11 marzo 2020 quando Maina Sage, un membro del parlamento della Polinesia francese, si ammalò.[151] Maina Sage e un membro della Camera dei rappresentanti che si lamentò della mancanza di sostegno materiale e morale per la Francia nel corso della pandemia.[152]

Quando uno svizzero su una nave da crociera si è ammalato di questa infezione poco dopo la prima infezione, il governo ha rilasciato una dichiarazione in cui ha affermato che le navi dirette in Polinesia francese dovranno essere indirizzate a un vicino porto internazionale di loro scelta, le stesse dovranno dirigersi a Papeete per lo sbarco dei passeggeri e il rimpatrio.[153] Prima dell'attracco, lo stato di salute dei passeggeri dovrà essere segnalato alle autorità.[153]

Il 19 marzo sono stati cancellati tutti i voli nazionali e internazionali e i collegamenti marittimi tra le isole. Tutte le manifestazioni pubbliche, private, sportive o per qualsiasi altro motivo sono state vietate. Ci sono due eccezioni a questo principio: le visite alle tombe sono consentite per un massimo di 20 persone e le funzioni domenicali per un massimo di 50 persone.[154]

Dalla mezzanotte del 20 marzo è stato imposto un confinamento alla Polinesia francese.[155] Il 24 marzo il governo ha ordinato il divieto di vendita di alcolici.[156] In caso contrario pena una multa fino a 150 dollari o una pena detentiva fino a un anno.

Il 27 marzo, il confinamento è stato allentato dalle 20:00 alle 5:00 fino al 15 aprile incluso.[152]

I membri del Parlamento della Polinesia francese hanno deciso, oltre a una rinuncia parziale al loro stipendio parlamentare, che questo dovrà essere versato in un fondo di solidarietà e andare come sostegno finanziario a quelle persone che avevano perso il lavoro a causa della pandemia di COVID. Inoltre, il presidente in carica Fitch ha annunciato dopo la seduta che la Cina avrebbe consegnato una spedizione di aiuti con test COVID-19 e quattro milioni di maschere per naso e bocca tramite aereo.

La Polinesia francese si è dichiarata libera da COVID-19 il 19 maggio 2020 e ha revocato le restrizioni ai viaggi tra le isole per i suoi residenti il 21 maggio, ad eccezione di due isole. I viaggiatori non dovranno presentare alcun certificato, ma dovranno mettersi in quarantena per due settimane dopo il loro arrivo.[157]

Saint-Pierre e Miquelon[modifica | modifica wikitesto]

Pandemia di COVID-19 a Saint-Pierre e Miquelon
epidemia
Map Saint Pierre et Miquelon.svg
Mappa delle isole
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaSaint-Pierre e Miquelon Saint-Pierre e Miquelon
Periodo5 aprile 2020 -
in corso
Dati statistici[158]
Numero di casi24[128] (11 febbraio 2021)
Numero di guariti16 (11 febbraio 2021)
Numero di morti0 (11 febbraio 2021)


Il primo caso della pandemia di COVID-19 a Saint-Pierre e Miquelon è stato confermato il 5 aprile 2020.[159]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Casi di COVID-19 a Saint-Pierre e Miquelon
  Morti     Guarigioni     Casi attivi
Data
Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
Numero di morti
(incremento giornaliero in %)
05-04-2022
1 (n.a.)  
1 (=)  
11-05-2020
1 (=)  
1 (=)  
10-07-2020
2 (+100%)  
Dati provenienti da diverse fonti


Aprile[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 aprile 2020, è stato confermato il primo caso.[160]

Il 25 aprile, il ministro d'oltremare ha annunciato un graduale deconfinamento a Saint Pierre e Miquelon a partire da lunedì 27 aprile. La maggior parte delle aziende riaprirà, tranne i bar e i ristoranti. Le scuole riapriranno probabilmente nella prima settimana di maggio. Il viaggio tra le due isole riprenderà l'11 maggio. Restrizioni sugli sport e sui raduni rimarranno in vigore e ci sarà una revisione del deconfinamento ogni due settimane.[161]

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 maggio 2020, è stato riferito che gli oltre 270 studenti bloccati nella Francia metropolitana e in Canada torneranno a Saint Pierre e Miquelon dal 12 maggio in poi. Saranno messi in quarantena per 14 giorni e testati. Gli studenti in Francia saranno rimpatriati in due gruppi.[162]

Luglio[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio 2020 nella collettività viene registrato un nuovo caso, portando il totale dei casi riscontrati a due.[163]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ a b (FR) Etienne Jacob, Coronavirus: trois premiers cas confirmés en France, in Le Figaro.fr, 24 gennaio 2020. URL consultato il 28 febbraio 2020 (archiviato il 16 marzo 2020).
  3. ^ a b (EN) First coronavirus death confirmed in Europe, in BBC News, 15 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato il 19 febbraio 2020).
  4. ^ Coronavirus Cases (Live Update), su worldometers.info. URL consultato il 1º giugno 2021 (archiviato il 22 marzo 2020).
  5. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020 (archiviato il 4 maggio 2020).
  6. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  7. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020 (archiviato il 10 marzo 2020).
  8. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020 (archiviato il 22 aprile 2020).
  9. ^ (FR) Coronavirus en France : le parcours des trois patients, in France Info, 24 gennaio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2020).
  10. ^ Coronavirus outbreak: First confirmed cases in Europe as France declares two infections, su news.sky.com, Sky News. URL consultato il 24 gennaio 2020 (archiviato il 27 marzo 2020).
  11. ^ (FR) Coronavirus : deux premières contaminations confirmées en France, in Le Monde.fr, 24 gennaio 2020. URL consultato il 24 gennaio 2020 (archiviato l'8 aprile 2020).
  12. ^ Wuhan virus: France confirms fourth case of coronavirus in elderly Chinese tourist, su The Straits Times, 29 gennaio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2020).
  13. ^ (FR) Cinquième case averé, su L'Express, 29 gennaio 2020. URL consultato il 29 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2020).
  14. ^ (FR) Coronavirus: un sixième cas confirmé, su Le Parisien, 30 gennaio 2020. URL consultato il 30 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2020).
  15. ^ L’Armée de l’air au service des Français- Mise à jour : 26/02/2020 - Direction : DICOD, su www.defense.gouv.fr, 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato il 3 aprile 2020).
  16. ^ (FR) Le Figaro, Coronavirus : 5 nouveaux cas confirmés en France, su Le Figaro.fr, 8 febbraio 2020. URL consultato l'8 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2020).
  17. ^ (FR) avec AFP, Coronavirus. La ministre de la Santé Agnès Buzyn annonce cinq nouveaux cas en France, su Ouest-France, 8 febbraio 2020. URL consultato l'8 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2020).
  18. ^ (FR) BFMTV, Coronavirus: le ministère de la Santé annonce un 12e cas d'infection confirmé en France, su bfmtv.com, BFMTV. URL consultato il 15 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2020).
  19. ^ (FR) Coronavirus : les quatre derniers patients en France sont hospitalisés à Lyon et Saint-Etienne, su France 3 Auvergne-Rhône-Alpes. URL consultato il 19 febbraio 2020 (archiviato il 27 marzo 2020).
  20. ^ (FR) avec AFP, Coronavirus. Une 11e guérison en France, " plus aucun malade hospitalisé ", su Ouest-France.fr, 24 febbraio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2020).
  21. ^ Coronavirus, dall'Italia si spande in Europa. Conte: "Inaccettabili limitazioni agli italiani". Ma molti Paesi prendono misure, su la Repubblica, 25 febbraio 2020. URL consultato il 25 febbraio 2020 (archiviato il 17 marzo 2020).
  22. ^ (EN) France reports two new coronavirus infections, one returning from Italy, in Reuters, 25 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato il 27 marzo 2020).
  23. ^ (FR) DIRECT. Coronavirus : deux nouveaux cas identifiés en France, su ladepeche.fr. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato il 16 marzo 2020).
  24. ^ (FR) Haute-Savoie. Coronavirus : l'épouse du patient hospitalisé à Annecy également infectée, su www.ledauphine.com. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato il 27 marzo 2020).
  25. ^ (FR) DIRECT. Covid-19 : le service de réanimation de l'hôpital de Creil, où a été hospitalisé le patient décédé, ferme pendant 14 jours, su Franceinfo, 26 febbraio 2020. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2020).
  26. ^ (EN) France reports second coronavirus death, Italian link in another case, in Reuters, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato il 22 marzo 2021).
  27. ^ a b (EN) France reports first citizen to die from coronavirus as three new cases confirmed, su France 24, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2020).
  28. ^ (FR) Santé. Un premier cas de coronavirus confirmé en Alsace, su www.dna.fr. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato il 22 marzo 2021).
  29. ^ a b (FR) Covid-19 : un mort et deux nouveaux cas recensés en France, su Franceinfo, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato il 22 marzo 2021).
  30. ^ (FR) Coronavirus : originaires de l'Oise, un homme est mort à Paris, un autre hospitalisé à Amiens dans un "état grave", su France 3 Hauts-de-France. URL consultato il 27 febbraio 2020 (archiviato il 22 marzo 2021).
  31. ^ (FR) Un patient atteint de coronavirus en réanimation à Amiens, su Courrier picard, 26 febbraio 2020. URL consultato il 26 febbraio 2020 (archiviato il 26 febbraio 2020).
  32. ^ (FR) Europe 1 Santé en direct Archiviato il 29 febbraio 2020 in Internet Archive., 29 febbraio 2020
  33. ^ (FR) "Le consensus, c'est Pétain" : le professeur Raoult s'en prend au Conseil scientifique et à sa gestion du Covid-19, su Franceinfo, 30 aprile 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 30 novembre 2020).
  34. ^ (FR) Yann Philippin, Antton Rouget et Marine Turchi, Masques: les preuves d’un mensonge d’Etat, su Mediapart. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 17 marzo 2021).
  35. ^ La Francia chiude ma non troppo, su il manifesto, 24 marzo 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 1º aprile 2020).
  36. ^ (FR) Louis Nadau, Coronavirus : Muriel Pénicaud sermonne les tire-au-flanc parmi les entreprises, su www.marianne.net, 19 marzo 2020UTC14:16:27+0000. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 17 gennaio 2021).
  37. ^ (FR) Confinement et BTP : le conflit entre gouvernement et entreprises sur le maintien des chantiers s’apaise, in Le Monde.fr, 20 marzo 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 13 settembre 2020).
  38. ^ (FR) Yann Philippin, BTP: le volontarisme du gouvernement se heurte au réel des chantiers, su Mediapart. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 17 gennaio 2021).
  39. ^ Coronavirus - La Spagna dal 26 aprile allenta le restrizioni, in Francia quarantena 'prorogata' oltre il 15 aprile. Ue: "Chiudere frontiere esterne fino al 15 maggio". New York, record di vittime in 24 ore, su Il Fatto Quotidiano, 8 aprile 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 26 novembre 2020).
  40. ^ (FR) REPLAY. Coronavirus : prolongation du confinement jusqu'au 11 mai, tests, masques... Revivez l'allocution d'Emmanuel Macron, su Franceinfo, 13 aprile 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 14 aprile 2020).
  41. ^ Francia, il primo caso di coronavirus già a dicembre, su la Repubblica, 4 maggio 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 3 dicembre 2020).
  42. ^ Cecilia Cacciotto, Covid-19: partita la Fase 2 in Francia tra cautela e gioia, su euronews, 11 maggio 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 22 marzo 2021).
  43. ^ Chi è Édouard Philippe il premier francese appena dimesso? Dall'educazione "molto aperta" al sogno di fare altro nella vita, su Il Fatto Quotidiano, 3 luglio 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 14 novembre 2020).
  44. ^ Coronavirus, nuovo record in Germania. Merkel: “Vi prego, state a casa”. Coprifuoco alle 21 per Parigi e altre otto città francesi, Macron: “Dobbiamo reagire”, su lastampa.it, 14 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 19 gennaio 2021).
  45. ^ (EN) Coronavirus: French police raid ministers' homes in pandemic inquiry, in BBC News, 15 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 13 febbraio 2021).
  46. ^ (EN) Coronavirus: France reports more than 30,000 new infections, in BBC News, 15 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato l'11 gennaio 2021).
  47. ^ (EN) French PM Castex extends Covid-19 curfew to 38 more departments as cases surge, su France 24, 22 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 15 marzo 2021).
  48. ^ (FR) Le Président annonce un nouveau confinement, su 1jour1actu.com, 30 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 28 novembre 2020).
  49. ^ (FR) La France de nouveau placée en confinement, su Wort.lu, 28 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 15 gennaio 2021).
  50. ^ (EN) Coronavirus: Macron declares second national lockdown in France, in BBC News, 29 ottobre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 12 febbraio 2021).
  51. ^ (EN) French PM says lockdown to remain in force, any easing of Covid-19 measures to be 'strictly limited', su France 24, 12 novembre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 15 marzo 2021).
  52. ^ (EN) Emmanuel Macron: Positive test prompts European leaders to self-isolate, in BBC News, 17 dicembre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 19 dicembre 2020).
  53. ^ (EN) France begins Covid-19 vaccinations as 78-year-old woman receives first dose, su France 24, 27 dicembre 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 19 marzo 2021).
  54. ^ (FR) Pourquoi la campagne de vaccination démarre-t-elle si lentement en France ?, su www.20minutes.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  55. ^ (FR) Axel Kahn pointe "une très importante erreur stratégique" sur la vaccination en France, su Europe 1. URL consultato il 5 settembre 2021.
  56. ^ (FR) Le gouvernement annonce que les soignants de 50 ans et plus pourront être vaccinés « dès lundi », in Le Monde.fr, 31 dicembre 2020. URL consultato il 5 settembre 2021.
  57. ^ (FR) Covid-19 : lancement de la vaccination élargie aux plus de 75 ans, su ouest-france.fr, 18 gennaio 2021.
  58. ^ (FR) Vaccins contre le Covid-19 : où en sommes-nous des disponibilités des doses ?, su Franceinfo, 1º febbraio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  59. ^ a b c (FR) VaccinTracker Covid19 : nombre de français vaccinés, su CovidTracker. URL consultato il 5 settembre 2021.
  60. ^ (FR) Surveillance renforcée de la présence de variantes virales de la Covid19 et investigation de deux clusters à risque sur le territoire national, su Ministère des Solidarités et de la Santé, 5 settembre 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  61. ^ (FR) Luc Peillon, Emma Donada, Covid-19 : le variant britannique représenterait plus d’un quart des cas positifs en France, su Libération. URL consultato il 5 settembre 2021.
  62. ^ (FR) Couvre-feu à 18 heures dans toute la France, vaccination des personnes à haut risque… Le détail des mesures annoncées par Jean Castex contre le Covid-19, in Le Monde.fr, 14 gennaio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  63. ^ (FR) Covid-19. La France ferme ses frontières aux pays extérieurs à l’Union européenne dès dimanche, su ouest-france.fr, 29 gennaio 2021.
  64. ^ (FR) Le lourd coût humain d’un troisième confinement tardif en France, in Le Monde.fr, 18 giugno 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  65. ^ (FR) La France, 73e sur 98 au classement des pays ayant le mieux géré la crise sanitaire, selon un institut australien, su LCI. URL consultato il 5 settembre 2021.
  66. ^ (FR) Covid : ce qu'il faut retenir de la journée du 6 février, su Les Echos, 6 febbraio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  67. ^ a b (FR) CARTE. Confinement du littoral, port du masque, contrôles... Les mesures contre le Covid-19 dans les Alpes-Maritimes, su France 3 Provence-Alpes-Côte d'Azur. URL consultato il 5 settembre 2021.
  68. ^ (FR) Covid-19 : mise en place d'un confinement le week-end dans l'agglomération de Dunkerque, 250 000 habitants concernés, su France 3 Hauts-de-France. URL consultato il 5 settembre 2021.
  69. ^ (FR) Covid-19 : mise en place d'un confinement le week-end dans l'agglomération de Dunkerque, 250 000 habitants concernés, su France 3 Hauts-de-France. URL consultato il 5 settembre 2021.
  70. ^ (FR) Le vaccin AstraZeneca doit être réservé aux plus de 55 ans en France, selon la HAS, su Le HuffPost, 19 marzo 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  71. ^ a b (FR) Couvre-feu et confinement : quelles sont les règles ?, su www.service-public.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  72. ^ (FR) Covid-19 : l’attestation de sortie en journée est supprimée, in La Croix, 20 marzo 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  73. ^ (FR) L'UE prête à bloquer les exportations d'AstraZeneca pour avoir sa "juste part" de vaccins, su France 24, 25 marzo 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  74. ^ (EN) France, su www.worldometers.info. URL consultato il 5 settembre 2021.
  75. ^ a b c (EN) COVID-19: Strict national lockdown imposed on France as Emmanuel Macron warns 'the numbers are charging away from us', su Sky News. URL consultato il 4 settembre 2021.
  76. ^ (EN) Coronavirus in the world: latest case and death tolls in 24h per country, su www.sortiraparis.com. URL consultato il 4 settembre 2021.
  77. ^ (FR) INFORMATION EUROPE 1 - Découvrez le déconfinement en quatre étapes prévu par l'Élysée, su Europe 1. URL consultato il 4 settembre 2021.
  78. ^ (FR) Tout savoir sur le passe sanitaire, su www.service-public.fr. URL consultato il 4 settembre 2021.
  79. ^ Pass sanitaire | Académie française, su www.academie-francaise.fr. URL consultato il 4 settembre 2021.
  80. ^ (FR) Covid-19 : la vaccination sera ouverte aux 12-18 ans en France dès le 15 juin, in Le Monde.fr, 2 giugno 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  81. ^ (FR) Covid-19. Les Landes maintiennent les restrictions jusqu’au 6 juillet à cause du variant Delta, su ouest-france.fr, 30 giugno 2021.
  82. ^ (FR) Quatrième vague : ce que disent les chiffres, su LCI. URL consultato il 5 settembre 2021.
  83. ^ (FR) Vaccination obligatoire et pass sanitaire : le calendrier, les sanctions et les publics concernés, su Les Echos, 13 luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  84. ^ (FR) Paris: des milliers de manifestants contre le pass sanitaire et l'obl…, su archive.vn, 18 luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  85. ^ (FR) Quatrième vague: ces départements qui ont réinstauré des restrictions, su BFMTV. URL consultato il 5 settembre 2021.
  86. ^ (FR) Covid-19 : le port du masque en extérieur de nouveau obligatoire dans 49 départements français, su Franceinfo, 27 luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  87. ^ (FR) Covid-19 : fermeture des bars et restaurants à 23h dès dimanche dans les Pyrénées-Orientales, su LEFIGARO. URL consultato il 5 settembre 2021.
  88. ^ (FR) Services État Haute-Corse, COVID-19 : Les mesures sanitaires en Haute-Corse, su www.haute-corse.gouv.fr, 8 agosto 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  89. ^ (FR) « On a l’impression d’être en guerre » : à la Martinique, le CHU est au bord de la saturation, in Le Monde.fr, 29 luglio 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  90. ^ (FR) Martinique reconfinée, Guadeloupe en état d’urgence : 4e vague de Covid « dramatique » aux Antilles, su L'Obs. URL consultato il 5 settembre 2021.
  91. ^ (FR) Décision n° 2021-824 DC du 5 août 2021 - Communiqué de presse | Conseil constitutionnel, su www.conseil-constitutionnel.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  92. ^ (FR) Par Nicolas Berrod Le 24 août 2021 à 11h38, Modifié Le 24 Août 2021 À 11h54, Vaccination anti-Covid : une 3e dose recommandée pour les plus de 65 ans et ceux atteints de comorbidités, su leparisien.fr, 24 agosto 2021. URL consultato il 5 settembre 2021.
  93. ^ Sul divieto dei raduni tra più di 5000 persone
  94. ^ Sul divieto dei raduni tra più di 1000 persone
  95. ^ a b * Arrêté du 13 mars 2020 portant diverses mesures relatives à la lutte contre la propagation du virus covid-19, su legifrance.gouv.fr, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 7 giugno 2020).
  96. ^ a b c d e f * Décret n° 2020-293 du 23 mars 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 26 luglio 2020).
  97. ^ a b c d * Arrêté du 14 mars 2020 portant diverses mesures relatives à la lutte contre la propagation du virus covid-19, su legifrance.gouv.fr. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato l'8 aprile 2020).
  98. ^ (FR) Coronavirus : Édouard Philippe annonce la fermeture des lieux publics " non-essentiels ", su leparisien.fr. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 15 gennaio 2021).
  99. ^ Imperial College Covid-19 Response Team, Impact of non-pharmaceutical interventions (NPIs) to reduce Covid-19 mortality and healthcare demand (PDF), su imperial.ac.uk, Imperial College London, 16 marzo 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 16 marzo 2020).
  100. ^ Ryan O'Hare, L. van Elsland, Coronavirus measures may have already averted up to 120,000 deaths across Europe, su imperial.ac.uk, Imperial College London, 30 marzo 2020. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 12 aprile 2020).
  101. ^ Décret n° 2020-279 du 19 mars 2020 modifiant le décret n° 2020-260 du 16 mars 2020 portant réglementation des déplacements dans le cadre de la lutte contre la propagation du virus covid-19 | Legifrance, su legifrance.gouv.fr. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 7 giugno 2020).
  102. ^ Décret #2020-545 du 11 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2011567D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  103. ^ Décret #2020-548 du 11 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2011695D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  104. ^ Décret #2020-645 complétant le décret #2020-548 du 11 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2013364D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  105. ^ Décret #2020-663 du 31 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2013547D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  106. ^ Décret #2020-724 du 14 juin 2020 modifiant le décret #2020-663 du 31 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2014912D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  107. ^ Décret #2020-759 du 21 juin 2020 modifiant le décret #2020-663 du 31 mai 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2015588D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  108. ^ Décret #2020-860 du 10 juillet 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans les territoires sortis de l'état d'urgence sanitaire et dans ceux où il a été prorogé, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2018127D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  109. ^ Décret #2020-884 du 17 juillet 2020 modifiant le décret #2020-860 du 10 juillet 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans les territoires sortis de l'état d'urgence sanitaire et dans ceux où il a été prorogé, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2018225D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  110. ^ La carte des lieux publics de paris où le masque ets obligatoire, su lemonde.fr. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 16 marzo 2021).
  111. ^ Décret #1035 du 13 août 2020 modifiant le décret #2020-860 du 10 juillet 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans les territoires sortis de l'état d'urgence sanitaire et dans ceux où il a été prorogé, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2021873D, Legifrance. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  112. ^ Chef d'entreprise: tout savoir sur le port du masque au travail | economie.gouv.fr, su economie.gouv.fr. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 15 marzo 2021).
  113. ^ Dès 3, 6 ou encore 11 ans: à partir de quel âge les enfants doivent-ils porter un masque?, su bfmtv.com. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 10 marzo 2021).
  114. ^ Décret n° 2020-1262 du 16 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  115. ^ Décret #2020-1294 du 23 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2019438D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011).
  116. ^ Décret #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2029612D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  117. ^ Décret #2020-1454 du 27 novembre 2020 modifiant le décret #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2033094D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  118. ^ Décret #2020-1582 du 14 décembre 2020 modifiant les décrets #2020-1262 du 16 octobre 2020 et #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2035391D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  119. ^ Décret #2021-31 du 15 janvier 2021 modifiant les décrets #2020-1262 du 16 octobre 2020 et #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2101748D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  120. ^ Décret #2021-99 du 30 janvier 2021 modifiant les décrets #2020-1262 du 16 octobre 2020 et #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2103545D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  121. ^ Décret #2021-217 du 25 février 2021 modifiant les décrets #2020-1262 du 16 octobre 2020 et #2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su legifrance.gouv.fr, SSAZ2106324D. URL consultato il 15 marzo 2021 (archiviato il 24 febbraio 2011)..
  122. ^ Décret n° 2021-296 du 19 mars 2021 modifiant le décret n° 2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su www.legifrance.gouv.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  123. ^ Décret n° 2021-384 du 2 avril 2021 modifiant les décrets n° 2020-1262 du 16 octobre 2020 et n° 2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su www.legifrance.gouv.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  124. ^ Décret n° 2021-541 du 1er mai 2021 modifiant le décret n° 2020-1310 du 29 octobre 2020 prescrivant les mesures générales nécessaires pour faire face à l'épidémie de covid-19 dans le cadre de l'état d'urgence sanitaire, su www.legifrance.gouv.fr. URL consultato il 5 settembre 2021.
  125. ^ Agence technique de l'information sur l'hospitalisation, su atih.sante.fr. URL consultato il 14 marzo 2020 (archiviato il 14 marzo 2020).
  126. ^ (FR) Covid-19 : 3 nouveaux décès ce week-end, su France Guyane. URL consultato il 19 gennaio 2021 (archiviato il 29 giugno 2020).
  127. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  128. ^ a b Coronavirus Update, su worldometers.info.
  129. ^ (FR) franceinfo avec AFP, Coronavirus: la Guyane enregistre 67 nouveaux cas en deux jours, su Francetvinfo.fr, 25 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021..
  130. ^ (EN) Five coronavirus cases confirmed in French Guiana March 4, 2020, su antiguaobserver.com, 18 gennaio 2021.
  131. ^ (PT) Jornal Nacional | Ministério da Saúde pretende fazer até dez milhões de testes para coronavírus | Globoplay. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  132. ^ (FR) Covid-19 : « Il faut préparer la Guyane à affronter un pic important » - Toute l'actualité de la Guyane sur Internet - FranceGuyane.fr, su FA GUYANE, 25 marzo 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  133. ^ (FR) Coronavirus : un mois de confinement en Guyane en quelques dates..., su Franceinfo, 15 aprile 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  134. ^ (FR) Covid-19 : la Guyane désormais en stade 2 de l’épidémie - Toute l'actualité de la Santé en Guyane, su FA GUYANE, 4 aprile 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  135. ^ (FR) Covid Info du mardi 7 avril 2020 / COVID INFO / Coronavirus / Covid-19 / Santé / Politiques publiques / Accueil - Les services de l'État en Guyane, su guyane.gouv.fr. URL consultato il 25 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2020).
  136. ^ (FR) Le groupe Bernard-Hayot fournit 1,3 million de masques aux soignants - Toute l'actualité de la Santé en Guyane, su FA GUYANE, 7 aprile 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  137. ^ (FR) Un premier mort du Covid-19 en Guyane - Toute l'actualité de la Santé en Guyane, su FA GUYANE, 20 aprile 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  138. ^ (FR) Coronavirus : l’Hôtel Du Fleuve à Sinnamary devenu bâtiment fantôme, su Franceinfo. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  139. ^ (FR) Les familles Guyanaises peuvent enfin revoir leurs anciens dans les Ehpad, su Franceinfo, 30 aprile 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  140. ^ (FR) Coronavirus : Organabo un hameau sur le territoire d'Iracoubo paisiblement confiné, su Franceinfo, 2 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  141. ^ (FR) Réouverture des plages, quatorzaine Outre-mer, port du masque : Édouard Philippe détaille le plan de déconfinement, su Franceinfo, 7 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  142. ^ (FR) Le marché de Cayenne fermé jusqu'à nouvel ordre, celui de Saint-Laurent rouvre demain - Toute l'actualité de la Guyane sur Internet - FranceGuyane.fr, su FA GUYANE, 12 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  143. ^ (FR) Coronavirus : 11 nouveaux cas de Covid-19 ce mercredi 13 mai, 10 malades ont été recensés à Saint-Georges en 24h, su la1ere.francetvinfo.fr.
  144. ^ (FR) Covid-19 : Oiapoque en « état de calamité publique » - Toute l'actualité de la Santé en Guyane, su FA GUYANE, 13 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  145. ^ (FR) Coronavirus: réunion de la cellule de crise pour la prise en charge de l'épidémie de Covid-19 à Saint-Georges, su France Info, 14 maggio 2020. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  146. ^ (FR) Coronavirus: toute la population de Saint-Georges de l'Oyapock testée à compter de ce 18 mai, su Guyane la 1ère. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  147. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  148. ^ (FR) Point de situation sur le Coronavirus, su La Direction de la Santé. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  149. ^ (FR) Point de situation sur le coronavirus au 29 December 2020, su La Direction de la Santé. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  150. ^ (EN) Tahiti Covid-19 death toll now 68, su RNZ, 5 gennaio 2021. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  151. ^ (FR) Tahiti parliamentarian is Pacific's first coronavirus case (englisch). In: Radio New Zealand, 11 marzo 2020.
  152. ^ a b (EN) Curfew from tonight across all of French Polynesia. In: Radio New Zealand, 27 marzo 2020.
  153. ^ a b (EN) Coronavirus: 2 more covid-19 cases in French Polynesia. In: Radio New Zealand, 13 marzo 2020.
  154. ^ (FR) Déclaration du Haut-Commissaire sur les adaptations aux mesures de confinement dans les archipels à l’exception de Tahiti et Moorea. In: Haut-Commissaire, 17 aprile 2020.
  155. ^ (FR) Déclaration commune du Haut-commissaire et du Président au sujet du coronavirus (französisch). In: La Présidence de la Polynésie française, 20 marzo 2020
  156. ^ (FR) "manuia" interdit pendant le confinement général (französisch). In: Polynésie la 1ère, 26 marzo 2020.
  157. ^ Coronavirus : situation pour la Polynésie française à 16h (französisch). In: La Présidence de la Polynésie française, 18 maggio 2020.
  158. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  159. ^ (EN) Saint Pierre & Miquelon Coronavirus: 24 Cases and 0 Deaths - Worldometer, su www.worldometers.info. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  160. ^ (FR) Saint-Pierre et Miquelon : un «porteur sain», premier cas avéré de Covid-19, su CNEWS. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  161. ^ (FR) Covid-19: Déconfinement progressif à Saint-Pierre et Miquelon à partir de lundi, su Outremers360°. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  162. ^ (FR) Coronavirus : les étudiants rentreront à partir du 12 mai à Saint-Pierre et Miquelon, su Saint-Pierre et Miquelon la 1ère. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  163. ^ (EN) World Health Organization, covid19.who.int, 13 luglio 2020, https://covid19.who.int/region/amro/country/pm. URL consultato il 13 luglio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]