Pandemia di COVID-19 a São Tomé e Príncipe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Africa.

Pandemia di COVID-19 a São Tomé e Príncipe
epidemia
World Factbook (1990) Sao Tome and Principe.jpg
Mappa dell'arcipelago
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaSão Tomé e Príncipe
Periodo6 aprile 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi2 310[2] (2 maggio 2021)
Numero di guariti2 244 (2 maggio 2021)
Numero di morti35 (2 maggio 2021)
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 a São Tomé e Príncipe è stato confermato il 6 aprile 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[3][4]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità della COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[5] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base della COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, e ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[6]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

I numeri dei casi e dei morti nel paese fino al 15 agosto 2020

Il 6 aprile sono stati confermati i primi quattro casi nel paese.[7]

Il 30 aprile è stata segnalata la prima morte. All'epoca, São Tomé e Príncipe aveva 16 casi, quattro dei quali erano guariti e uno era morto.[8] Il defunto era un uomo di 55 anni che viveva a Cantagalo.[9]

Il 5 maggio vennero registrati 158 nuovi casi, per un totale di 174 contagi.[10]

Nel mese di maggio vennero registrati 279 nuovi casi, per un totale di 295 contagi e 10 decessi.

Nel mese di giugno vennero registrati 99 nuovi casi, per un totale di 394 contagi e 11 decessi.

Nel mese di luglio vennero registrati 411 nuovi casi, per un totale di 871 contagi e 15 decessi.[11]

Nel mese di agosto vennero registrati 25 nuovi casi, per un totale di 896 contagi e 15 decessi.[12]

Nel mese di settembre vennero registrati 15 nuovi casi, per un totale di 911 contagi e 15 decessi.[13]

Nel mese di ottobre vennero registrati 34 nuovi casi, per un totale di 945 contagi e 16 decessi.[14]

Nel mese di novembre vennero registrati 46 nuovi casi, per un totale di 991 contagi e 17 decessi.[15]

Nel mese di dicembre vennero registrati 23 nuovi casi, per un totale di 1014 contagi e 17 decessi.[16]

Nel mese di gennaio 2021 vennero registrati 243 nuovi casi, per un totale di 1257 contagi e 17 decessi.[17]

Nel mese di febbraio 2021 vennero 529 registrati nuovi casi e 12 decessi, per un totale di 1786 contagi e 29 decessi.[18]

Nel mese di marzo 2021 vennero registrati 435 nuovi casi e 5 decessi, per un totale di 2221 contagi e 34 decessi.[19]

Nel mese di aprile 2021 vennero registrati 71 nuovi casi e un decesso, per un totale di 2292 contagi e 35 decessi.[20]

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di prevenire la diffusione del virus, il governo ha messo in atto varie restrizioni di viaggio e misure di quarantena.[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ Coronavirus Update, su worldometers.info.
  3. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  4. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  5. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  6. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020.
  7. ^ (PT) Covid-19: São Tomé e Príncipe com quatro casos de infecção, su rfi.fr, 6 aprile 2020.
  8. ^ Governo de São Tomé e Príncipe, Boletim do Covid-19, su facebook.com.
  9. ^ Governo de São Tomé e Príncipe, Nota de condolências, su facebook.com.
  10. ^ (EN) Coronavirus disease (COVID-19) situation report 108, su who.int.
  11. ^ (EN) Coronavirus disease (COVID-19) situation report 194, su who.int.
  12. ^ (FR) Bulletin d'information N° 33 : sur la pandémie de la maladie à Coronavirus (COVID-19), su africacdc.org.
  13. ^ (EN) COVID-19 situation update for the WHO African region. External situation report 31, su apps.who.int.
  14. ^ (EN) Weekly epidemiological update - 3 November 2020, su apps.who.int.
  15. ^ (PT) Visão | Covid-19: São Tomé e Príncipe regista seis novos casos positivos, su Visão, 30 novembre 2020. URL consultato il 20 maggio 2021.
  16. ^ (FR) Bulletin d'information N° 50 : sur la pandémie de la maladie à Coronavirus (COVID-19), su africacdc.org.
  17. ^ (FR) Bulletin d'information N° 55 : sur la pandémie de la maladie à Coronavirus (COVID-19), su africacdc.org.
  18. ^ (FR) Bulletin d'information N° 59 : sur la pandémie de la maladie à Coronavirus (COVID-19) », su africacdc.org.
  19. ^ (EN) Covid-19: Africa with 349 more dead and 19,173 infected in the last 24 hours, su VerAngola. URL consultato il 20 maggio 2021.
  20. ^ (EN) Covid-19: Africa with 402 more deaths and 15,408 infected in the last 24 hours, su VerAngola. URL consultato il 20 maggio 2021.
  21. ^ (EN) Coronavirus - Sao Tome & Principe travel advice, su GOV.UK. URL consultato il 20 maggio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]