Pandemia di COVID-19 in Egitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pandemia di COVID-19 in Africa.

Pandemia di COVID-19 in Egitto
epidemia
COVID-19-Egypt-log.svg
Grafico logaritmico dei contagi in Egitto
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaEgitto
Periodo14 febbraio 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi355 767[2] (28 novembre 2021)
Numero di guariti295 434[2] (28 novembre 2021)
Numero di morti20 305[2] (28 novembre 2021)

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Egitto è stato confermato il 14 febbraio 2020.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[3][4]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità del COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[5] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base del COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, ed ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[6]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Gennaio[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i voli dalla Cina verso l'Egitto sono stati banditi dal 26 gennaio. Il 14 febbraio il ministero della salute dell'Egitto ha annunciato il primo caso nel paese nell'aeroporto internazionale del Cairo, si trattava un cittadino cinese.[7][8] Le autorità egiziane avevano notificato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il paziente era stato messo in isolamento in quarantena in ospedale.[9] Successivamente sono state adottate misure preventive per monitorare coloro che sono entrati in contatto con la persona, che però sono risultati tutti negativi.[10]

Febbraio[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine di febbraio e all'inizio di marzo, sono stati segnalati diversi casi di coronavirus associati a viaggi in Egitto; inclusi due casi negli Stati Uniti, due casi in Tunisia (oltre a diversi potenziali casi come due casi iniziali che facevano parte di un gruppo di 1.000 sostenitori del calcio che hanno affrontato la quarantena che hanno visitato l'Egitto da Tunisi dal 27 febbraio al 1 marzo)[11][12] due casi in Francia,[13] un caso in Canada,[14] e un caso a Taiwan.[15]

Il 28 febbraio, il gabinetto egiziano ha ufficialmente smentito le voci sulla copertura dei casi di SARS-CoV-2.[16] Il 1 ° marzo, il Qatar ha vietato tutti gli arrivi dall'Egitto, ad eccezione dei cittadini del Qatar, come misura di sicurezza per prevenire la diffusione del virus.[17] Lo stesso giorno, l'Egitto ha annunciato il rilevamento di un secondo caso di SARS-CoV-2.[18] Il 2 marzo, il Kuwait ha annunciato che avrebbe testato tutti gli arrivi dall'Egitto e dalla Siria per SARS-CoV-2.[19] È stato stimato da Egypt Watch che l'Egitto aveva 20 casi confermati di laboratorio di SARS-CoV-2, che è stato riportato da Middle East Monitor il 2 marzo. Le persone con casi confermati sono state dichiarate detenute in ospedali militari, inaccessibili al Ministero della Salute egiziano e statistiche sanitarie ufficiali riportate all'OMS. Casi confermati presumibilmente assenti dalle statistiche ufficiali includevano una famiglia all'ospedale militare di Tanta e quattro persone all'ospedale Qasr El Eyni.[20]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

La mappa dei contagi il 25 marzo 2020: in rosso i governatorati con dei casi confermati, in blu quelli con dei casi sospetti.
Un avviso all'entrata di un ristorante del Cairo che recita: "Il ristorante è aperto solo per le consegne a domicilio." È il 25 marzo.

L'8 marzo un cittadino tedesco di 60 anni è morto a Hurghada; si è trattato del primo decesso tedesco causato dal virus.[21]

Il 9 marzo l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che ci sono stati 56 casi confermati in Egitto.[22] Lo stesso giorno, il ministro del turismo egiziano ha dichiarato di aver scoperto altri 3 casi, si trattava di persone che lavoravano in un hotel.[23]

Il 12 marzo il Ministero della salute ha annunciato la seconda morte a causa del virus e che il numero totale di casi era salito a 80.[24]

Il 13 marzo il Ministero della salute ha annunciato 13 nuovi casi sono risultati positivi, portando il totale dei casi a 93.[25] Lo stesso giorno, un secondo tunisino di ritorno dall'Egitto è risultato positivo al virus e la Tunisia ha ufficialmente aggiunto l'Egitto a un elenco di aree di focolaio chiudendo i suoi confini e imponendo una quarantena a chiunque provenga dal paese.[26]

Il ministro dell'aviazione ha deciso di chiudere gli aeroporti e sospendere tutti i viaggi aerei. Questa decisione entrò in vigore il 19 marzo.[27]

Il 18 marzo la polizia ha arrestato quattro attivisti dopo aver protestato di fronte al quartier generale del gabinetto chiedendo il rilascio di prigionieri politici per proteggerli dalla diffusione del coronavirus.[28]

Il 19 marzo: il Ministero della Salute in Egitto ha annunciato una nuova morte e 46 nuovi casi di coronavirus, portando il numero totale di infetti a 256 casi, inclusi 7 decessi e 28 guariti. Il governo egiziano ha inoltre deciso di chiudere tutti i ristoranti, i caffè, i locali notturni e i luoghi pubblici in tutto il paese dalle sette di sera alle sei di mattina, a partire da giovedì 19 marzo fino al 31 marzo 2020. [senza fonte] La decisione ha escluso negozi alimentari, farmacie e servizi di consegna a domicilio. La decisione di sospendere i voli in Egitto è entrata in vigore dal 19 marzo fino al 31 marzo.[29]

20 marzo: il Ministero della salute egiziano ha annunciato la morte di un cittadino egiziano di 60 anni che era tornato dall'Italia e 29 nuovi casi hanno dimostrato analisi di laboratorio positive sul virus tra cui un caso di uno straniero e 28 egiziani, alcuni dei quali sono di ritorno dall'estero, mentre altri che sono entrati in contatto con casi positivi, che sono stati scoperti e annunciati in precedenza, portando il totale a 285 casi, di cui 39 guariti e dimessi dall'ospedale di isolamento, e 8 morti.[30]

Il 21 marzo è stata presa la decisione di sospendere le preghiere in tutte le moschee egiziane per un periodo di due settimane al fine di limitare lo scoppio del virus sulla base della necessità dell'interesse legittimo e nazionale.[31] La Chiesa copta ortodossa ha anche annunciato la chiusura di tutte le chiese e la sospensione dei servizi rituali, delle masse e delle attività per preservare la salute degli egiziani dal pericolo della diffusione del coronavirus.[32]

Il 22 marzo il Ministero della sanità e della popolazione ha annunciato 74 nuovi casi e che i casi sono registrati in 24 dei 27 governatorati egiziani.[33]

Inoltre, è stato annunciato che sono stati rilevati 33 nuovi casi, tutti egiziani in contatto con casi precedentemente scoperti e annunciati, 4 di questi casi sono deceduti: un cittadino di 51 anni, un cittadino di 80 anni, un 73enne cittadino anziano e cittadino di 56 anni. [senza fonte] Il numero totale registrato in Egitto comprende 327 casi, di cui 56 guariti e che hanno lasciato l'ospedale di isolamento, e 14 morti.[34]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

La mappa dei contagi il 26 aprile 2020.

Agli inizi di aprile l'Egitto era il secondo paese africano per numero di contagi e decessi dopo il Sudafrica.[35] Il 4 aprile i casi hanno superato quota 1000 e i decessi superarono quota 70.[36] Alla fine del mese il numero dei contagi dall'inizio della pandemia ammontava a 5537 casi. Il numero dei morti salì a quota 392 e quello dei guariti salì a 1381 per un totale di 3764 guarigioni.[37]

Maggio[modifica | modifica wikitesto]

Una strada vuota del Cairo, nel quartiere Maadi, il primo maggio 2020.

Il 13 maggio il Ministero della salute e della popolazione egiziano ha riportato 347 nuovi casi di COVID-19, portando il totale dei casi di coronavirus registrati in Egitto dall'inizio dell'epidemia a 10.093. Ciò segna un aumento di quasi 3.000 casi dalla settimana precedente. Con la revoca delle misure di confinamento il governo egiziano si preparò a iniziare la stagione turistica, in quanto il turismo vale il 12% del prodotto interno lordo dello stato: gli alberghi avrebbero riaperto con il 25% della capacità ricettiva, la quale sarebbe diventata del 50% nel mese successivo.[38][39] Ogni albergo avrebbe ricevuto un certificato sulla salute e la sicurezza con una validità di un anno.[39]

Alla fine del mese vennero registrati 19.448 nuovi casi, per un totale di 24.985 e 959 decessi. Il numero dei pazienti guariti aumentò fino a 6037, lasciando 17.989 casi attivi alla fine del mese.

Giugno[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di giugno vennero registrati 43.326 nuovi casi, per un totale di 68.311 contagi e 2953 decessi. Il numero dei pazienti guariti aumentò fino a 18.460, lasciando 46.898 casi attivi alla fine del mese.[40]

Luglio[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di luglio vennero registrati 25.767 nuovi casi, per un totale di 94.078 contagi e 4805 decessi. Il numero dei pazienti guariti aumentò fino a 39.638, lasciando a 49.635 casi attivi alla fine del mese (il 6% in più rispetto alla fine di giugno).[41]

Agosto[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di agosto vennero registrati 4861 nuovi casi, per un totale di 98.939 contagi e 5421 decessi. Il numero dei casi attivi alla fine del mese arrivò a 20.589.[42]

Settembre[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di settembre vennero registrati 4140 nuovi casi, per un totale di 103.079 contagi e 5914 decessi.[43]

Ottobre[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di ottobre vennero registrati 4476 nuovi casi, per un totale di 107.555 contagi e 6266 decessi. Il numero di casi attivi alla fine del mese arrivò a 1837.[44]

Novembre[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di novembre vennero registrati 8356 nuovi casi, per un totale di 115.911 contagi e 6650 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 102.718, lasciando 6543 casi attivi alla fine del mese.[45]

Dicembre[modifica | modifica wikitesto]

Un adesivo calpestabile con la scritta "Mantieni la distanza di due metri", il 2 dicembre.

Il 10 dicembre l’Egitto ricevette 50.000 dosi del vaccino BBIBP-CorV, sviluppato da Sinopharm, da parte degli Emirati Arabi Uniti.[46]

Vennero registrati 22,151 nuovi casi nel mese di dicembre, per un totale di 138.062 contagi e 7631 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 112.105, lasciando 18,326 casi attivi alla fine del mese.[47]

Gennaio 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il governo egiziano iniziò a vaccinare gli operatori sanitari del governatorato di Ismailia con il vaccino di Sinopharm,[48] dato che fino al 24 gennaio 300 dottori erano morti di COVID-19. A seguire vennero vaccinati i malati di malattie croniche e gli anziani. L’Egitto ha firmato degli accordi con delle agenzie cinesi, russe ed inglesi per ottenere 100 milioni di dosi del vaccino, sufficienti per metà della popolazione del paese, dato che la maggior parte dei vaccini richiede due dosi per l’immunità. Il 31 gennaio 50.000 dosi del vaccino Vaxzevria, sviluppato da AstraZeneca, giunsero in Egitto.[46]

Vennero registrati 27.889 nuovi casi nel mese di gennaio, per un totale di 165.951 contagi e 9316 morti. Il numero dei pazienti guariti salì a 129.636, lasciando 26,999 casi attivi alla fine del mese.[49]

Febbraio 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 febbraio l’Egitto ricevette altre 300,000 dosi del vaccino BBIBP-CorV da parte della Cina.[46]

Vennero registrati 16.473 nuovi casi nel mese di febbraio, per un totale di 182.424 contagi e 10,688 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 140.892, per un totale di 30.844 casi attivi alla fine del mese.[49]

Marzo 2021[modifica | modifica wikitesto]

Un paziente che si fa vaccinare, il 7 marzo 2021.

Durante questo mese l’Egitto ricevette altre 300.000 dosi del vaccino BBIBP-CorV.[50]

Il 28 marzo 2021, il governo annunciò che avrebbe vaccinato 250.000 persone, incluso il personale sanitario, in una settimana.[51] Il 31 marzo l’Egitto ricevette 854.000 dosi di vaccini contro la COVID-19 ed autorizzò le preghiere nelle moschee durante il Ramadan.[52][53]

Alla fine del mese il numero dei contagiati era salito a 200.739 e quello dei morti a 11.914. Il numero dei pazienti guariti salì a 153.630, lasciando 35.195 casi attivi alla fine del mese.[54]

Aprile 2021[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di aprile in Egitto iniziò la terza ondata e, anche se era non al suo apice, il numero giornaliero dei casi era in aumento.[55] Lo stato di emergenza venne prorogato.[56]

Il settore del turismo egiziano era stato colpito duramente dalla diffusione della COVID-19 nel paese. Le entrate del turismo nel paese erano crollate del 70% nel 2020, mentre il numero di turisti stranieri era sceso da 13,1 milioni nel 2019 a 3,5 milioni nel 2020. Le entrate turistiche perse ammontavano a 6-7 miliardi di dollari, ed ora l’Egitto mirava a riconquistarle.[57][58]

Vennero registrati 27.845 nuovi casi nel mese di aprile, per un totale di 228.584 contagi e 13.402 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 171.542, lasciando 43.640 casi attivi alla fine del mese.[59]

Maggio 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 maggio l’Egitto ricevette più di 1,7 milioni di dosi del vaccino Vaxzevria, sviluppato da AstraZeneca, e 500.000 dosi del vaccino di Sinopharm dalla Cina.[60]

Vennero registrati 34.066 nuovi casi nel mese di maggio, per un totale di 262.650 contagi e 15.096 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 192.112, lasciando 55.442 casi attivi alla fine del mese.[61]

Giugno 2021[modifica | modifica wikitesto]

Vennero registrati 18.632 nuovi casi nel mese di giugno, per un totale di 281.282 contagi e 16.169 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 211.384, lasciando 53.729 casi attivi alla fine del mese.[62]

Luglio 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 luglio 2021 venne registrato il numero dei decessi giornalieri più basso dall'inizio della pandemia (7 morti in 24 ore).[63]

Vennero registrati 2980 nuovi casi nel mese di luglio, per un totale di 284.262 contagi e 16.524 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 230.368, lasciando 37.370 casi attivi alla fine del mese.[64]

Agosto 2021[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 agosto, il governo della Romania annunciò che avrebbe iniziato a consegnare 1,3 milioni di vaccini gratuiti a quattro nazioni per aiutarle a fronteggiare la pandemia. All'Egitto vennero donate 525.000 dosi di vaccino.[65]

Vennero registrati 4179 nuovi casi nel mese di agosto, per un totale di 288.441 contagi e 16.736 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 239.343, lasciando 32.362 casi attivi alla fine del mese.[66]

Settembre 2021[modifica | modifica wikitesto]

Vennero registrati 16.083 nuovi casi nel mese di settembre, per un totale di 304.524 contagi e 17.331 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 256.886, lasciando 30.307 casi attivi alla fine del mese.[67]

Ottobre 2021[modifica | modifica wikitesto]

Vennero registrati 26.493 nuovi casi nel mese di ottobre, per un totale di 331.017 contagi e 18.651 decessi. Il numero dei pazienti guariti salì a 278.267, lasciando 34.099 casi attivi alla fine del mese.[68]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Casi tracciati di ritorno di viaggi dall'Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ai casi confermati in Egitto, ci sono stati un certo numero di casi documentati che sono stati rilevati in altri paesi e tracciati per viaggi dall'Egitto. La stima di tali casi era di almeno 97 casi alla fine di febbraio 2020, secondo i dati sulla sanità pubblica e le notizie.

Paese Numero di casi
Stati Uniti Stati Uniti 52
Canada Canada 11
Francia Francia 11
Hong Kong Hong Kong 9
Giappone Giappone 2
Tunisia Tunisia 2
Taiwan Taiwan 1
Arabia Saudita Arabia Saudita 1
Totali 89

Risposta del governo[modifica | modifica wikitesto]

In Egitto al 7 maggio 2020 sono stati effettuati 90 000 test. Alcuni critici del governo sono stati arrestati per presunta diffusione di informazioni false sulla pandemia di coronavirus. Gli specialisti in malattie infettive dell'Università di Toronto, che hanno studiato la disparità tra i tassi ufficiali e presunti di infezione, basandosi in parte su molteplici casi confermati di COVID-19 in altri paesi legati al viaggio in Egitto, hanno stimato che il numero di casi COVID-19 in Egitto si aggiri intorno tra i 6.270 e i 45.070 al 15 marzo 2020, uno studio che è stato riportato da vari media stranieri, tra cui il quotidiano britannico The Guardian e il quotidiano americano The New York Times. Le cifre previste erano molto più alte del conteggio ufficiale al momento. Il Ministero della salute egiziano ha respinto questa stima come "completamente falsa", e il ministero ha anche affermato di riferire casi confermati nel paese con "piena trasparenza".

Andamento dei contagi[modifica | modifica wikitesto]

Template:COVID-19 in Egitto

MS River Anuket[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pandemia di COVID-19 sulle navi da crociera § River Anuket.
Immagine della nave nel 2018

Il 6 marzo, il Ministero della sanità egiziano e l'OMS hanno confermato 12 nuovi casi di SARS-CoV-2.[69] Le persone infette facevano parte del personale egiziano a bordo di una nave da crociera sul Nilo, in viaggio da Assuan a Luxor. Questa nave è variamente conosciuta come MS River Anuket[70] o Asara.[71] Tutti coloro che sono risultati positivi al coronavirus non avevano mostrato alcun sintomo della malattia. Secondo i test, il virus si diffuse da una donna-turista taiwanese-americana sulla nave.[72]

Il 7 marzo, le autorità sanitarie hanno annunciato che 45 persone a bordo erano risultate positive e che la nave era stata messa in quarantena in un molo di Luxor.[70]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ a b c https://www.worldometers.info/coronavirus/country/egypt/
  3. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020 (archiviato il 4 maggio 2020).
  4. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  5. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020 (archiviato il 10 marzo 2020).
  6. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020 (archiviato il 22 aprile 2020).
  7. ^ Copia archiviata, su egypttoday.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 15 febbraio 2020).
  8. ^ Copia archiviata, su bbc.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 14 febbraio 2020).
  9. ^ Copia archiviata, su france24.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 16 febbraio 2020).
  10. ^ Copia archiviata, su egyptianstreets.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 15 febbraio 2020).
  11. ^ Copia archiviata, su tunisienumerique.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 22 marzo 2020).
  12. ^ Copia archiviata, su abc7news.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 2 marzo 2020).
  13. ^ Copia archiviata, su thelocal.fr. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 28 febbraio 2020).
  14. ^ (EN) Ontario confirms eighth coronavirus case is Toronto man who travelled to Egypt, in nationalpost. URL consultato il 28 novembre 2021.
  15. ^ Copia archiviata, su straitstimes.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 1º marzo 2020).
  16. ^ Copia archiviata, su xinhuanet.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 1º marzo 2020).
  17. ^ Copia archiviata, su aljazeera.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 2 marzo 2020).
  18. ^ Copia archiviata, su reuters.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 2 marzo 2020).
  19. ^ (EN) Kuwait to ‘double-check’ all travelers from Egypt, Syria for coronavirus, su Al Arabiya English, 2 marzo 2020. URL consultato il 28 novembre 2021.
  20. ^ Copia archiviata, su middleeastmonitor.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 3 marzo 2020).
  21. ^ Copia archiviata, su abendblatt.de. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 9 marzo 2020).
  22. ^ Copia archiviata, su elwatannews.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 10 marzo 2020).
  23. ^ Copia archiviata, su elwatannews.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 10 marzo 2020).
  24. ^ Copia archiviata, su facebook.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato l'11 aprile 2020).
  25. ^ https://www.facebook.com/egypt.mohp/posts/137541594463128
  26. ^ Fakhfakh: «Suspension de toutes les lignes maritimes et réduction importante des dessertes aériennes» - Kapitalis, su kapitalis.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 15 marzo 2020).
  27. ^ Copia archiviata, su egyptianstreets.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 17 marzo 2020).
  28. ^ Copia archiviata, su middleeasteye.net. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 29 maggio 2020).
  29. ^ فيروس كورونا: حالة وفاة و46 إصابة جديدة في مصر وتزايد الإصابات في دول عربية - BBC News Arabic, su bbc.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 20 marzo 2020).
  30. ^ Copia archiviata, su arabic.cnn.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 20 marzo 2020).
  31. ^ Copia archiviata, su rassd.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 21 marzo 2020).
  32. ^ Copia archiviata, su elwatannews.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 21 marzo 2020).
  33. ^ Copia archiviata, su youm7.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 16 luglio 2020).
  34. ^ Copia archiviata, su almasryalyoum.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 22 marzo 2020).
  35. ^ Coronavirus: in Africa una situazione sempre più a rischio - Vatican News, su www.vaticannews.va, 1º aprile 2020. URL consultato il 28 novembre 2021.
  36. ^ Copia archiviata, su egyptindependent.com. URL consultato il 23 maggio 2020 (archiviato il 12 aprile 2020).
  37. ^ (EN) Coronavirus disease (COVID-19) situation report 102, su who.int.
  38. ^ Lotta al Coronavirus, l'Egitto riapre al turismo, su rainews. URL consultato il 28 novembre 2021.
  39. ^ a b Così l’Egitto accoglierà i turisti nel post Covid, su www.lagenziadiviaggi.it, 22 maggio 2020. URL consultato il 28 novembre 2021.
  40. ^ (EN) Coronavirus disease (COVID-19) situation report 163, su who.int.
  41. ^ (EN) Coronavirus disease (COVID-19) situation report 194, su who.int.
  42. ^ (FR) Bulletin d'information N° 33 : sur la pandémie de la maladie à Coronavirus (COVID-19), su africacdc.org.
  43. ^ (EN) COVID-19 situation update for the WHO African region. External situation report 31, su apps.who.int.
  44. ^ (EN) Weekly epidemiological update - 3 November 2020, su apps.who.int.
  45. ^ (EN) Increase in injuries … Health announces the Corona statement on Monday, su Eg24 News, 30 novembre 2020. URL consultato il 4 luglio 2021.
  46. ^ a b c (EN) Egypt's coronavirus vaccination campaign: A timeline - Politics - Egypt, su Ahram Online. URL consultato il 4 luglio 2021.
  47. ^ (EN) Egypt confirms 1,418 new coronavirus cases, bringing total to 138,062, su Egypt Independent, 1º gennaio 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  48. ^ Enrico Casale, Covid-19, l'Egitto teme la terza ondata - Rivista Africa, su africarivista.it. URL consultato il 4 luglio 2021.
  49. ^ a b (EN) Outbreak Brief 59: Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) Pandemic, su Africa CDC. URL consultato il 4 luglio 2021.
  50. ^ (EN) Egypt receives new 300k shipment of China’s Sinopharm vaccine, su Arab News, 20 marzo 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  51. ^ (EN) Egypt government aims to vaccinate 250,000 in one week, su Arab News, 22 marzo 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  52. ^ Secondo Ramadan dell'era Covid: i preparativi nel mondo tra limiti e restrizioni, su Rainews. URL consultato il 4 luglio 2021.
  53. ^ Ramadan (e Pasqua) in Egitto, su Nigrizia, 15 aprile 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  54. ^ (EN) Egypt to receive 854,000 COVID-19 vaccines, allows prayers in authorized mosques during Ramadan, su Arab News, 31 marzo 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  55. ^ (EN) Third coronavirus wave hits Egypt, su Arab News, 17 aprile 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  56. ^ Coronavirus, Egitto: prorogato stato di emergenza per aumento casi - Ilmetropolitano.it, su www.ilmetropolitano.it. URL consultato il 4 luglio 2021.
  57. ^ (EN) Egypt aiming for tourism revenues of $6 bln-$7 bln in 2021 - deputy minister, su Reuters, 25 aprile 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  58. ^ Giuseppe Timpone, Bond egiziani per scommettere sulla ripresa dell'economia mondiale post-Covid?, su Obbligazioni - Investireoggi.it, 16 aprile 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  59. ^ (EN) Weekly epidemiological update on COVID-19 - 4 May 2021, su www.who.int. URL consultato il 20 maggio 2021.
  60. ^ (EN) Egypt receives 2.2 mln AstraZeneca and Sinopharm vaccine doses, su Reuters, 13 maggio 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  61. ^ (EN) Covid-19: Africa with 363 more deaths and 13,649 infected in the last 24 hours, su VerAngola. URL consultato il 4 luglio 2021.
  62. ^ (EN) Covid-19 in Egypt: 251 new cases confirmed, 39 deaths on Wednesday, su Egypt Independent, 1º luglio 2021. URL consultato il 28 novembre 2021.
  63. ^ Covid: Egitto, decessi mai così bassi da inizio pandemia - Africa, su Agenzia ANSA, 13 luglio 2021. URL consultato il 28 novembre 2021.
  64. ^ (EN) KUNA : Countries update COVID-19 death, infection tallies - Health - 01/08/2021, su www.kuna.net.kw. URL consultato il 28 novembre 2021.
  65. ^ (EN) Romania to donate 1.3 million doses of anti-Covid vaccine to Tunisia, Egypt, Albania and Vietnam, su The Romania Journal. URL consultato il 28 novembre 2021.
  66. ^ (EN) Covid-19: Africa with 768 more deaths and 22,388 new cases in the last 24 hours, su VerAngola. URL consultato il 28 novembre 2021.
  67. ^ (EN) COVID infection rates climbs as Egypt registers 741 new coronavirus cases Thursday, su EgyptToday, 1º ottobre 2021. URL consultato il 28 novembre 2021.
  68. ^ (EN) Outbreak Brief 94: Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) Pandemic, su Africa CDC. URL consultato il 28 novembre 2021.
  69. ^ Copia archiviata, su reuters.com. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato il 7 marzo 2020).
  70. ^ a b Copia archiviata, su washingtonpost.com. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato l'8 marzo 2020).
  71. ^ Copia archiviata, su washingtonpost.com. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato l'8 marzo 2020).
  72. ^ Copia archiviata, su nytimes.com. URL consultato il 30 maggio 2020 (archiviato il 9 marzo 2020).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]