Pandemia di COVID-19 in Oklahoma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pandemia di COVID-19 in Oklahoma
epidemia
COVID-19 Prevalence in Oklahoma by county.svg
Mappa dell'epidemia in Oklahoma per infezioni totali confermate ogni 100.000 persone (al 30 dicembre)
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
LuogoOklahoma Oklahoma
Nazione coinvoltaStati Uniti d'America
Periodo8 marzo 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi245 229
Numero di guariti202 532
Numero di morti2 128[2]
Sito istituzionale

Il primo caso della pandemia di COVID-19 in Oklahoma, negli Stati Uniti, è stato segnalato il 7 marzo 2020, con la prima morte confermata per COVID-19 avvenuta il 18 marzo.[3] Il 17 dicembre le autorità sanitarie dell'Oklahoma hanno segnalato 2.975 nuovi casi di COVID-19, per un totale cumulativo di 248.204 casi dall'inizio della pandemia. Il bilancio delle vittime dello stato è aumentato a 2.144, con 16 nuovi decessi segnalati nelle 24 ore precedenti. Dall'inizio di giugno, la media mobile di sette giorni dei nuovi casi di COVID-19 in Oklahoma è aumentata di oltre 47 volte, da una media di 69 nuovi casi al giorno il 1º giugno a 3.250 casi al giorno il 17 dicembre.[4] Nelle ultime due settimane i 4.827 casi di COVID-19 del 4 dicembre e i 54 decessi del 2 dicembre hanno stabilito nuovi record per un solo giorno per l'Oklahoma,[4] tendenze osservate in molti altri stati degli Stati Uniti nell'ultimo mese.[5]

Il 20 giugno 2020 il presidente Trump ha tenuto una manifestazione politica scarsamente frequentata a Tulsa. La maggior parte dei partecipanti alla manifestazione non indossava maschere, incluso Herman Cain, ex candidato alla presidenza e co-presidente di Black Voices for Trump.[6] All'indomani della manifestazione sono stati segnalati diversi casi di COVID-19 tra il personale della campagna e gli agenti dei servizi segreti.[7] Durante il periodo di 30 giorni immediatamente prima della manifestazione una media di 150 nuovi casi di COVID-19 sono stati segnalati al giorno in Oklahoma. Nei 30 giorni successivi al rally, il tasso di nuovi casi di COVID-19 in Oklahoma è più che triplicato, raggiungendo 513 casi al giorno.[4] L'aumento è stato particolarmente grave nella contea di Tulsa, dove i funzionari della sanità pubblica locale ritengono che la manifestazione del presidente abbia causato un picco di casi nelle successive settimane. Circa una settimana dopo la manifestazione, a Herman Cain fu diagnosticata la COVID-19 e morì il 30 luglio.[8]

Al 27 dicembre 2020, l'Oklahoma ha somministrato 29.725 dosi di vaccino COVID-19, pari allo 0,75% della popolazione.[9]

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Febbraio[modifica | modifica wikitesto]

A metà febbraio, un epidemiologo in servizio come direttore medico di un piccolo ospedale a Bristow, Oklahoma, si è preoccupato che i dati provenienti dalla Cina indicassero una possibile pandemia. Ha organizzato un team di risposta dei cittadini che comprendeva una catena telefonica, squadre di adolescenti e studenti universitari pronti a fornire cibo agli anziani e un programma di alimentazione scolastica per i bambini.[10]

Marzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2020, il primo caso COVID-19 è stato confermato in Oklahoma. Il paziente aveva circa 50 anni ed è rientrato dall'Italia il 23 febbraio. Ha iniziato a mostrare i sintomi il 29 febbraio.[11]

L'11 marzo, Rudy Gobert, un centro per lo Utah Jazz, si è ammalato prima della partita in programma tra il Jazz e l'Oklahoma City Thunder a Oklahoma City. È stato portato in ospedale ed è risultato positivo al virus della COVID-19. La partita è stata sospesa e l'NBA ha sospeso la stagione quel giorno. L'intero team e il loro staff sono stati quindi testati, utilizzando 58 dei 100 test assegnati in Oklahoma per la giornata.[12][13] Anche il compagno di squadra di Gobert, Donovan Mitchell, è risultato positivo. I giocatori e lo staff sono tornati nello Utah ei due test positivi non sono stati conteggiati nelle statistiche COVID-19 dell'Oklahoma.

Il 13 marzo si sono verificati 4 casi in Oklahoma, compreso il primo caso a Oklahoma City, una donna sulla sessantina recentemente tornata dalla Florida.[14]

Il 19 marzo è stata confermata la prima morte di COVID-19 nello stato, il defunto era un uomo di 50 anni che viveva a Tulsa.[15]

Aprile[modifica | modifica wikitesto]

La Guardia Nazionale degli Stati Uniti confeziona un campione di saliva da un residente in una struttura sanitaria di Tulsa per campioni di possibile COVID-19, 5 maggio.

Il 1º aprile il numero di casi è salito a 719, con un incremento del 27%. La contea di Greer è stata aggiunta all'elenco delle contee con casi di COVID-19. Sette persone sono morte di COVID-19: 3 nella contea di Oklahoma e 1 a Greer, Kay, Mays e Osage, portando il bilancio delle vittime a 30. Nessun guarito è stato segnalato. Il 37% dei test effettuati ha dato esito positivo. Ora ci sono forniture sufficienti per 13.000 test, quindi il commissario per la salute Gary Cox e il governatore hanno esortato gli operatori sanitari ei centri di test a offrire test a chiunque abbia sintomi di COVID-19. Il governo dell'Oklahoma ha esteso l'ordine di sicurezza interna fino al 30 aprile; Questo vale per gli abitanti di Oklahoma di età pari o superiore a 65 anni, nonché per le persone con bassa immunità.

Il 2 aprile ci sono stati 879 casi confermati, con un aumento del 22%. Ci sono stati altri quattro decessi: un uomo nel gruppo di età 36-49 anni e 3 uomini nel gruppo di età 65+.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ COVID-19, su coronavirus.health.ok.gov, Oklahoma State Department of Health.
  3. ^ (EN) Tulsa Health Officials Confirm First COVID-19 Death in Oklahoma, su tulsa-health.org, Tulsa Health Department. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  4. ^ a b c (EN) Oklahoma COVID-19 Situation Page, su Oklahoma Department of Health COVID-19 Situation Page, 3 luglio 2020.
  5. ^ (EN) US Sets Coronavirus Case Record Amid New Surge, su New York Times, 23 ottobre 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  6. ^ (EN) Herman Cain, who attended Trump's Tulsa rally, hospitalized with COVID-19, su The Washington Post, 2 luglio 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  7. ^ (EN) Dozens of Secret Service officers and agents told to self-quarantine after Trump's Tulsa rally, su The Washington Post, 24 giugno 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  8. ^ (EN) Herman Cain, former Presidential candidate, dies at 74, su nytimes.com, 30 luglio 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  9. ^ (EN) More Than 5.6 Million Shots Given: Covid-19 Vaccine Tracker, su bloomberg.com, Bloomberg. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  10. ^ (EN) Small town battled coronavirus on its own, as outbreak spread in a red state. 28 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  11. ^ (EN) First case of coronavirus in Oklahoma confirmed. 7 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  12. ^ (EN) NBA suspends season after Rudy Gobert reportedly tests positive for coronavirus. 11 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  13. ^ (EN) Utah Jazz center Rudy Gobert joked about coronavirus before reportedly being diagnosed. 12 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  14. ^ (EN) SITUATION UPDATE: COVID-19 03/13/2020. 13 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  15. ^ (EN) Oklahoma has 1st coronavirus death; test shortage persists. 19 marzo 2020. URL consultato il 31 dicembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]