Pandemia di COVID-19 in Israele

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
1leftarrow blue.svg Voce principale: Pandemia di COVID-19 in Asia.
Pandemia di COVID-19 del 2020 in Israele
epidemia
COVID-19-Israel-log.svg
Grafico logaritmico dei contagi in Israele
PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan (Cina)
Nazione coinvoltaIsraele
Periodo20 febbraio 2020 -
in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi656,016[2] (3 febbraio 2021)
Numero di guariti579,822 (3 febbraio 2021)
Numero di morti4,863 (3 febbraio 2021)
Sito istituzionale

Il primo caso accettato della pandemia di COVID-19 in Israele è stato confermato il 20 febbraio 2020[3], quando una cittadina è risultata positiva presso lo Sheba Medical Center dopo aver fatto ritorno dalla quarantena sulla nave Diamond Princess in Giappone.[4] Il 20 marzo è stato confermato il primo decesso, quando un sopravvissuto all'Olocausto di 88 anni che viveva a Gerusalemme e soffriva di altre patologie pregresse, è stato annunciato come la prima vittima del Paese.[5]

A partire dall'11 marzo 2020, Israele ha iniziato a far rispettare il distanziamento sociale e altre regole per limitare la diffusione dell'infezione. Gli assembramenti sono stati inizialmente limitati a non più di 100 persone,[6] e dal 15 marzo a non più di 10, e con consiglio ai partecipanti di mantenere il distanziamento.[7] Il 19 marzo, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale, affermando che d'ora in poi le restrizioni esistenti sarebbero state legalmente applicate e che i trasgressori sarebbero stati multati. Agli israeliani non era permesso lasciare le loro case a meno che non fosse assolutamente necessario. I servizi essenziali, inclusi negozi di alimentari, farmacie e banche, sarebbero rimasti aperti. Le restrizioni al movimento sono state ulteriormente rafforzate il 25 marzo e il 1 aprile, con l'istruzione per tutti di coprire il naso e la bocca all'aperto. Mentre le diagnosi di COVID-19 sono aumentate particolarmente nella città di Bnei Brak, raggiungendo quasi 1.000 persone infette all'inizio di aprile,[8] il governo ha votato per dichiarare la città una "zona riservata", limitando ingressi e uscite per una settimana. Per il Seder pasquale la notte dell'8 aprile, i legislatori hanno ordinato un divieto di viaggio di 3 giorni e imposto agli israeliani di restare entro 100 metri dalla loro casa solo per la notte del Seder. Il 12 aprile, i quartieri Haredi a Gerusalemme sono stati chiusi.

La vaccinazione contro la COVID-19 in Israele è iniziata il 19 dicembre 2020[9] e proseguita molto velocemente, con il 16% della popolazione completamente vaccinato in 3 settimane.[10] Durante la pandemia, Israele ha inoltre distribuito aiuti umanitari all'Autorità Nazionale Palestinese.[11][12][13]

La prima ondata della pandemia è avvenuta in assenza di un governo ufficiale in Israele, poiché nessuna coalizione di governo si era formata dopo le elezioni legislative israeliane del 2020. Netanyahu ha continuato ad agire come primo ministro, ed è stato accusato di aver assunto poteri aggiuntivi nel tentativo di monitorare e contenere la diffusione del virus. Un governo di unità nazionale ha prestato giuramento il 17 maggio 2020. Durante la seconda ondata, movimenti come le "bandiere nere",[14] con incontri davanti alla residenza di Netanyahu, hanno protestato contro la risposta del suo governo al virus.[15] Durante la terza ondata, il 22 dicembre 2020, il governo di unità nazionale è crollato, portando alla quarta elezione in due anni.[16]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha confermato che un nuovo coronavirus era la causa di una nuova infezione polmonare che aveva colpito diversi abitanti della città di Wuhan, nella provincia cinese dell'Hubei, il cui caso era stato portato all'attenzione dell'OMS il 31 dicembre 2019.[17][18]

Sebbene nel tempo il tasso di mortalità della COVID-19 si sia rivelato decisamente più basso di quello dell'epidemia di SARS che aveva imperversato nel 2003,[19] la trasmissione del virus SARS-CoV-2, alla base della COVID-19, è risultata essere molto più ampia di quella del precedente virus del 2003, e ha portato a un numero totale di morti molto più elevato.[20]

Vaccini[modifica | modifica wikitesto]

Approvvigionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il governo israeliano ha cominciato l'approvvigionamento di vaccini per COVID-19 da diversi fornitori con l'aumentare di dati disponibili:

  • 8 milioni di dosi sono state ordinate da Pfizer[21]
  • 10 milioni di dosi sono state ordinate da AstraZeneca[22]
  • 6 milioni di dosi sono state ordinate da Moderna.[23] Israele è stato uno dei primi investitori nel vaccino Moderna.[24]

Il primo lotto di vaccini, da Pfizer, è giunto il 9 dicembre 2020. L'inizio delle vaccinazioni è avvenuto il 19 dicembre 2020.[25][26] Nella seconda settimana di gennaio, la percentuale dei vaccinati era pari al 20% della popolazione[27], e l'obiettivo per marzo 2021 è di vaccinare almeno 9,2 milioni di persone (ossia i due terzi della popolazione) entro il mese[28][29].

Sviluppo di un vaccino israeliano[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto Isrealiano di Ricerca Biologica ha sviluppato un vaccino, e prodotto 25,000 dosi per una fase I di sperimentazione clinica, partita nell'ottobre 2020.[30][31]

Accordo con Pfizer[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 gennaio 2021 il ministero della sanità israeliano ha siglato accordi con la casa farmaceutica Pfizer[32]: Israele, guidato dal primo ministro Benjamin Netanyahu, ha dunque garantita la consegna di 10 milioni di dosi da parte della multinazionale in cambio della fornitura di ogni dato sui pazienti[33] a cui è stato inoculato. Sono sorte controversie concernenti l'ambito della privacy, in primo luogo per la secretezza dei termini dell'accordo, e in secondo per il rischio che queste informazioni possano essere hackerate.[29][34]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ https://datadashboard.health.gov.il/COVID-19/
  3. ^ https://www.timesofisrael.com/israel-confirms-first-coronavirus-case-as-cruise-ship-returnee-diagnosed/
  4. ^ Israel confirms first coronavirus case as cruise ship returnee diagnosed | The Times of Israel, su web.archive.org, 21 febbraio 2020. URL consultato il 3 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2020).
  5. ^ (EN) Holocaust Survivor Is First Coronavirus Death In Israel, su NPR.org. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  6. ^ (EN) Israel limits gatherings to 100 people as coronavirus cases climb to 97, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  7. ^ (EN) T. O. I. staff, No more daycare, restaurants, gyms or shopping malls: The new virus regulations, su timesofisrael.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Bnei Brak coronavirus cases near 1000 as Haredi cities hit hardest, su ynetnews, 2 aprile 2020. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) Netanyahu, Edelstein kick off Israel's COVID-19 vaccination campaign, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  10. ^ (EN) Philissa Cramer, Ben Sales, Vaccination nation: 5 factors in Israel’s world-leading COVID inoculation drive, su timesofisrael.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  11. ^ אבישי גרינצייג, אדלשטיין אישר בחשאי העברת 200 מנות חיסון לרשות הפלסטינית, in Globes, 13 gennaio 2021. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  12. ^ (EN) AFP and TOI staff, Israel to give Palestinians vaccines for 1,000 medical workers — report, su timesofisrael.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  13. ^ (EN) Israel begins transferring coronavirus vaccines to Palestinian Authority, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  14. ^ (EN) Sam Sokol | JTA, A bipartisan protest movement is rocking Israel, su jewishchronicle.timesofisrael.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  15. ^ (EN) Thousands gather in Tel Aviv for Black Flag protest against coalition, su The Jerusalem Post | JPost.com. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  16. ^ Elliott Gotkine CNN, Israel's government collapses, not with a bang but a whimper, triggering fourth election in 2 years, su CNN. URL consultato il 3 febbraio 2021.
  17. ^ NUOVO CORONAVIRUS–CINA (PDF), Ministero della salute, 12 gennaio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  18. ^ Novel Coronavirus Information Center, su elsevier.com, Elsevier. URL consultato il 10 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2020).
  19. ^ Covid-19, Oms: non è mortale come Sars e Mers, su salute.gov.it, Ministero della salute, 18 febbraio 2020. URL consultato il 12 aprile 2020.
  20. ^ Michael Ryan, Il coronavirus ha ucciso più della Sars. L'Oms: "I contagi in Cina si stanno stabilizzando". E Amazon si ritira dal MWC a Barcellona, in La Repubblica, 9 febbraio 2020. URL consultato l'8 maggio 2020.
  21. ^ Israel will reportedly pay much more than US, EU for Pfizer coronavirus vaccine, The Times of Israel, 16 novembre 2020.
  22. ^ AstraZeneca Israel CEO Ohad Goldberg says Israel ordered 10 million doses directly, after discovering WHO-program factories did not meet Health Ministry standards, Globes, 25 novembre 2020.
  23. ^ Israel, Moderna sign expanded deal for 6 million COVID vaccine doses, The Jerusalem Post, 5 dicembre 2020.
  24. ^ Moderna CMO: Israel among countries first in line for vaccine, Globes, 16 novembre 2020.
  25. ^ Israel to begin giving corona vaccines Dec. 27, The Jerusalem Post, 9 dicembre 2020.
  26. ^ Israele è partito forte con i vaccini, su Il Post, 1º gennaio 2021.
  27. ^ Israele accelera sul vaccino: al via con gli over 55enni, su Agi, 11 gennaio 2021.
  28. ^ (EN) Dan Williams, RPT-Israel includes teens in vaccination drive, eyeing exams, in Reuters, 24 gennaio 2021.
  29. ^ a b Davide Frattini, Accordo «segreto» di Netanyahu con Pfizer: Israele sarà laboratorio per il vaccino, su Corriere della Sera, 24 gennaio 2021.
  30. ^ Israel to begin Covid-19 vaccine human trials, Globes, 25 ottobre 2020.
  31. ^ Israel's clinical trial for COVID-19 vaccine with first participants underway, i24 News, 1º novembre 2020.
  32. ^ Ida Artiaco, L’accordo (non più) segreto tra Pfizer e Israele: “Vaccini in cambio di dati”, in Fanpage, 25 gennaio 2021.
  33. ^ (EN) Dana Regev, The secrets to Israel’s coronavirus vaccination success, in Politico, 11 gennaio 2021.
  34. ^ (EN) Ilan Ben Zion, Israel trades Pfizer doses for medical data in vaccine blitz (AP), in Associated Press (ripostato da Al Jazeera), 18 gennaio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]