Gentrificazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Gentrificazione (in inglese gentrification, letteralmente, borghesizzazione[1]) è un concetto sociologico che indica il progressivo cambiamento socioculturale [2] di un'area urbana da proletaria a borghese a seguito dell'acquisto di immobili, e loro conseguente rivalutazione sul mercato, da parte di soggetti abbienti[3]. Sinteticamente, può essere definita come processo di imborghesimento di aree urbane un tempo appannaggio della classe operaia, la quale è progressivamente rimpiazzata non potendo più economicamente sostenere i nuovi standard qualitativi del luogo di residenza.

Il processo di gentrificazione è in genere il risultato di una crescente attrazione verso un'area da parte di persone con redditi più elevati che si riversano dalle città, paesi o quartieri vicini. Ulteriori passi sono maggiori investimenti in una comunità e nelle relative infrastrutture da parte di imprese di sviluppo immobiliare, governo locale o attivisti della comunità e il conseguente sviluppo economico, maggiore attrazione per le imprese e tassi di criminalità inferiori. Oltre a questi potenziali benefici, la gentrificazione può portare alla migrazione e allo sfollamento della popolazione. Tuttavia, alcuni vedono la paura dello sfollamento, che domina il dibattito sulla gentrificazione, come un ostacolo alla discussione su approcci autentici progressisti per distribuire i benefici delle strategie di riqualificazione urbana.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

STOP GENTRIFICATION: scritta murale a Torino nella popolare zona di Porta Palazzo, da tempo al centro di contrasti ideologici circa una sua radicale trasformazione in quartiere di lusso

Il termine gentrification è stato introdotto in ambito accademico dalla sociologa inglese Ruth Glass nel 1964[4] per descrivere i cambiamenti fisici e sociali di un quartiere di Londra seguiti all'insediamento di un nuovo gruppo sociale di classe media. A tal proposito C. Hamnett ha scritto:[5]

«Ella identificò la gentrification in un processo complesso, o un insieme di processi, che comporta il miglioramento fisico del patrimonio immobiliare, il cambiamento della gestione abitativa da affitto a proprietà, l'ascesa dei prezzi e l'allontanamento o sostituzione della popolazione operaia esistente da parte delle classi medie.»

Questi cambiamenti non si verificano tanto nelle periferie urbane, quanto e soprattutto nei centri storici e nei quartieri centrali, nelle zone con un certo degrado da un punto di vista edilizio e con costi abitativi bassi. Nel momento in cui queste zone vengono sottoposte a restauro e miglioramento urbano, tendono a far affluire nuovi abitanti ad alto reddito e ad espellere i vecchi abitanti a basso reddito, i quali non possono più permettersi di risiedervi.

Il termine in lingua italiana gentrificazione risulta attestato dal 2003. Secondo Raffaella Setti dell'Accademia della Crusca non sembra essere stato cercato un termine italiano diverso perché è un termine che comprende due fenomeni collegati, ma distinti: la riqualificazione immobiliare e urbanistica di un quartiere e la trasformazione radicale della composizione sociale con la sostituzione dei vecchi residenti... Sicuramente tale concentrazione di più significati in un’unica parola, che si presta anche a interpretazioni socio-politiche differenti, ha scoraggiato la ricerca di un termine corrispondente in italiano.[1]

Gentrificazione rurale[modifica | modifica wikitesto]

Quando le stesse trasformazioni sociali avvengono in aree rurali si parla di gentrificazione rurale[6][7].

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il fenomeno è stato relativamente contenuto e ha riguardato alcuni quartieri di grandi città. Esempi di aree urbane gentrificate o in corso di gentrificazione sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c https://accademiadellacrusca.it/it/consulenza/gentrificazione-ma-che-vuol-dire/1464
  2. ^ Sarah Gainsforth, Airbnb città merce. Storie di resistenza alla gentrificazione digitale, 2019, DeriveApprodi, ISBN 9788865482919
  3. ^ (EN) Benjamin Grant, Urban gentrification is associated with movement, in Public Broadcasting Service, 17 giugno 2003. URL consultato il 30 maggio 2020.
  4. ^ "Gentrificazione", in Lessico del XXI secolo, su Enciclopedia Treccani
  5. ^ G.Bridge, S. Watson , (2000), A companion to the city, Malden, MA: Blackwell Publishers
  6. ^ Marina Marengo,Diversamente migranti: il ruolo delle lifestyle migration nelle dinamiche di gentrification rurale contemporanee. Il caso della Vallesanta (Casentino),[1]
  7. ^ https://agriregionieuropa.univpm.it/it/content/article/31/27/migrazioni-inverse-dalla-citta-alla-campagna-il-caso-spagnolo-dellalpujarra
  8. ^ https://www.vice.com/it/article/kw4ym9/roma-violenta-trastevere
  9. ^ Irene Ranaldi, Testaccio cento anni dopo: da quartiere operaio a “food and beverage district”, 5 dicembre 2021. - Il rione in un secolo di storia si è evoluto come tanti altri ed oggi è un ibrido tra rivendicazione di "romanità" e luogo di consumo
  10. ^ Miriam Perani, Gentrificazione a Milano: impatti e controversie sull’evolvere dei quartieri, 11 dic 2023.
  11. ^ Vincenzo Latronico, La gentrificazione a Milano e i dieci anni che hanno trasformato il quartiere Isola.
  12. ^ Autori Vari, Gentrificazione. Profili e saperi per l'analisi del cambiamento sociale delle città italiane, Franco Angeli 2022, p. 87 [2]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Booza, Jason, Cutsinger, Jackie, and Galster, George. "Where Did They Go? The Decline of Middle-Income Neighborhoods in Metropolitan America." Brookings Institution, 28 luglio 2006
  • Cash, Stephanie. “Landlords put a squeeze on Brooklyn artists.” Art in America v. 89 (3), pp. 39–40.
  • Castells, M. (1983) "Cultural identity, sexual liberation and urban structure: the gay community in San Francisco" in M. Castells, The City and the Grassroots: A Cross-Cultural Theory of Urban Social Movements (Edward Arnold, London) pp. 138–170.
  • Diappi, Lidia (a cura di). "Rigenerazione urbana e ricambio sociale. Gentrification in atto nei quartieri storici italiani". Franco Angeli, 2009.
  • Friedman, John. “The world-city hypothesis.” From World Cities in a World-System, Paul L. Knox and Peter J. Taylor (eds), Cambridge UP, 1995, pp. 317–331
  • Hamnett, Chris. “The blind men and the elephant: the explanation of gentrification.” Transactions of the Institute of British Geographers 1991, v. 16, pp. 173–189.
  • Hamnett, Chris. "Gentrifiers or lemmings? A response to Neil Smith.” Transactions of the Institute of British Geographers 1992, v. 17, pp. 116–119.
  • Knox, Paul L. “The restless urban landscape: Economic and Sociocultural change and the transformation of metropolitan Washington, DC.” Annals of the Association of American Geographers 1991, v. 81, pp. 181–209.
  • Lang, Michael. Gentrification Amid Urban Decline. Massachusetts: Ballinger Publishing Company, 1982.
  • Ley, David. “Alternative explanations for inner-city gentrification: a Canadian assessment.” Annals of the Association of American Geographers 1986, v. 76, pp. 521–535.
  • Ley, David. “Gentrification and the politics of the new middle class.” Environment and Planning D: Society and Space 1994, v. 12, pp. 53–74.
  • Ley, David. “Reply: the rent-gap revisited.” Annals of the Association of the American Geographers 1987, v. 77, pp. 465–468.
  • Lloyd, Richard. Neo-Bohemia. Routledge, 2006. ISBN 0-415-95182-8.
  • Maag, Christopher. "In Cincinnati, Life Breaths Anew in Riot-Scarred Area". New York Times.com 2006. 25 novembre 2006
  • Mele, Christopher. Selling the Lower East Side. University of Minnesota, 2000. ISBN 0-8166-3182-4.
  • Moore, Keith. "From redline to renaissance". Salon.com, 2 agosto 1999.
  • Papayis, Marilyn Adler. “Sex and the revanchist city: zoning out pornography in New York.” Environment and Planning D: Society and Space 2000, v. 18, pp. 341–353.
  • Ranaldi, I. (2012), "Testaccio da quartiere operaio a village della capitale", Franco Angeli, Milano.
  • Ranaldi, I. (2014), "Gentrification in parallelo. Quartieri tra Roma e New York", Aracne, Roma.
  • Rose, Demaris. “Rethinking gentrification: beyond the uneven development of marxist theory.” Environment and Planning D: Society and Space 1984, v. 2, pp. 47–74.
  • Sassen, Saskia. “On concentration and centrality in the global city.” From World Cities in a World-System, Paul L. Knox and Peter J. Taylor (eds), Cambridge UP, 1995 pp. 63–75.
  • Giovanni Semi, Gentrification. Tutte le città come Disneyland? , 2015, Il Mulino, ISBN 9788815258038
  • Smith, N. (1987) "Gentrification and the rent-gap", Annals of the Association of American Geographers 77 (3) pp. 462–465.
  • Smith, N. (1996) The New Urban Frontier: Gentrification and the Revanchist City. (Routledge, London).
  • Zukin, Sharon. Loft Living. Rutgers UP, 1989. ISBN 0-8135-1389-8


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 59746 · LCCN (ENsh85053952 · GND (DE4291675-6 · BNE (ESXX5140028 (data) · BNF (FRcb126996694 (data) · J9U (ENHE987007562987205171