Santa Caterina Albanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Santa Caterina Albanese
comune
Santa Caterina Albanese – Stemma
Santa Caterina Albanese – Bandiera
Santa Caterina Albanese – Veduta
Santa Caterina Albanese – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Calabria
Provincia Cosenza
Amministrazione
SindacoRoberto Lavalle (Unità Popolare) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate39°35′N 16°04′E / 39.583333°N 16.066667°E39.583333; 16.066667 (Santa Caterina Albanese)
Altitudine472 m s.l.m.
Superficie17,34[1] km²
Abitanti1 184[2] (31-5-2020)
Densità68,28 ab./km²
FrazioniIoggi, Pianette
Comuni confinantiFagnano Castello, Malvito, Roggiano Gravina, San Marco Argentano
Altre informazioni
Cod. postale87010
Prefisso0984
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT078129
Cod. catastaleI171
TargaCS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[3]
PatronoSan Pantaleone
Giorno festivo27 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Santa Caterina Albanese
Santa Caterina Albanese
Santa Caterina Albanese – Mappa
Santa Caterina Albanese – Mappa
Posizione del comune di Santa Caterina Albanese all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Santa Caterina Albanese (Picilia in arbëresh[4]) è un comune italiano di 1 184 abitanti[2] della provincia di Cosenza, in Calabria.

Il centro è situato a 472 m s.l.m., sulle pendici nord-orientali della Catena Costiera. La popolazione è di lingua, costumi e tradizioni albanesi (arbëreshë).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Santa Caterina Albanese sorge sul declivio di un colle tra le valli dell'Esaro e del torrente Ricosoli, a 472 m sul livello del mare e a nord-ovest della città di Cosenza. Il comune comprende anche alcuni territori a valle pianeggianti (Contrada Pianette) occupati da un nucleo urbano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Caterina Albanese è una colonia albanese del XV secolo. Esuli dall'Albania, gli esuli albanesi dovettero migrare a causa dell'invasione ottomana nei Balcani. I profughi albanesi si fermarono nella contrada Prato (Piezileum), vicino alla ex badia cistercense di Santa Maria della Matina. Anticamente, sul sito dell'attuale paese sorgeva il casale disabitato probabilmente detto Piesileum, ossia albanesizzato dai suoi abitanti in Picilia.

Ai fondatori si aggiunsero successivamente un gran numero di arvaniti, ovvero albanesi provenienti dalla Morea, quando anche questa cadde in mano turca. Nel 1578 l'intero territorio fu consegnato alla famiglia Bruno, passando successivamente agli Hortado, e infine passò ai Sanseverino di Saponara che lo mantennero fino alla eversione della feudalità (1806).

Il paese, dopo varie vicissitudini e battaglie sociopolitiche e culturali, è ridivenuto comune autonomo nel 1934, dopo essere stato aggregato a Fagnano Castello dal 1928.

Tra i suoi più illustri figli si menziona Papàs Francesco Antonio Santori (1819 – 1894), sacerdote, poeta e scrittore, che scrisse il primo dramma della letteratura albanese moderna[5][6][7][8][9][10].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Strade ed edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

I vicoli sono segnati dagli acciottolati e da archi che rievocano i tempi più remoti. Nella parte settentrionale del paese sorge la chiesa madre dedicata a san Nicola Magno in stile barocco. Dal piccolo centro abitato parte la via San Pantaleone dalla quale si raggiunge la cappella del Martire di Nicomedia, sorta intorno al 1600.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 56 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio si festeggia San Pantaleone, patrono del paese. Il 15 agosto si festeggia l'Assunzione di Maria in Contrada Pianette. Il costume tradizionale albanese viene indossato in diverse ricorrenze e manifestazioni.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Fagnano Castello sono presenti 2 frazioni: Joggi e le Pianette.

Joggi
Joggi è un piccolo borgo a 433 metri di quota s.l.m. arroccato sul lato orientale del Monte Pizzo.
Chiesa "San Marco" nella frazione di Ioggi
Nonostante essa sia incorporata al livello amministrativo con un paese arbëreshë, i suoi abitanti non sono albanesi e parlano un dialetto calabrese simile a quelli dei comuni confinanti. Non si è sicuri sulle origini di Joggi, ma per la maggior parte della sua storia essa ha seguito la storia della vicino Fagnano. Esse facevano parte del baronato di Malvito, entrambe considerate casali (quello che oggi consideriamo una frazione) di essa[12]. Solo nel 1527, Pietrantonio Sanseverino, IV principe di Bisignano, smembrò Fagnano e Joggi da Malvito e li vendette a Nicola Antonio Falangola[12]. Nel 1605 i Falangola acquistarono anche il feudo di Malvito[12]. Nel 1622 Elena Falangola (1590 - 1657), baronessa di Fagnano, Malvito e Santa Caterina, terre ereditate dallo zio Giovanni Battista[12], vendette il feudo di Fagnano e Malvito per 80.000 ducati a Cesare Firrao, principe di Sant'Agata[12], mentre Joggi e la vicina San Lauro vennero vendute a Giulio Giglio assieme ai fratelli Angelo, Ottavio e Marcello[13], per la somma di 19.000 ducati con regio assenso dell'8 giugno 1621. Così per 65 anni vediamo Joggi seguire una strada diversa rispetto a Fagnano. A testimoniare la presenza dei Giglio è il settecentesco Palazzo Giglio presente nel territorio di Joggi. I fratelli Giglio vendettero il casale di Joggi ad Andrea Gonzaga da San Marco, del ramo calabrese dei signori di Novellara, ad una somma di 14.513 ducati il 29 agosto 1628[13]. Suo figlio Geronimo Gonzaga ereditò il casale il 28 marzo 1642 per la morte del padre avvenuta il 30 maggio 1640[14]. Joggi si trova poi in mano a Dianora Morgia, che acquistò il casale per la vendita fattale all'asta nel Sacro Regio Consiglio per la somma di 13.532 ducati il 24 maggio 1653[14]. Il casale venne venduto a Lelio Abenante il 17 giugno 1662, sul quale non risulta presentato il Regio Assenso[14]. Egli morì il 7 settembre 1668[15], e il suo figlio erede, Cesare Abenante, vendette Joggi il 21 febbraio 1681 ad Angelo Jordanello da Cetraro per la somma di 14.400 ducati[15]. Dopo 2 mesi il casale viene acquistato da Antonio Ametrano, 1° duca di San Donato, il 22 aprile dello stesso anno[15]. Al tempo il borgo contava 120 abitanti[15]. Tommaso Firrao, Principe di Sant'Agata e principe di Luzzi, che già possedeva la terra di Fagnano, acquistò il casale di Joggi con atto del 2 dicembre 1686, ponendo fine a questo periodo di separazione da Fagnano. I Firrao tennero Joggi fino all'eversione della feudalità nel 1806[15].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ santacaterinesi
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2020.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 592, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Robert Elsie (Centre for Albanian Studies) (2005). Albanian literature: a short history. I.B.Tauris. pp. 54–5. ISBN 1-84511-031-5
  6. ^ Opere di Francesco Antonio Santori - albanologia unical
  7. ^ Francesco Antonio Santori - Presentazione PDF
  8. ^ Unical, bicentenario scrittore Francesco Antonio Santori: al via il programma
  9. ^ PËRKUJTOHET DRAMATURGU ARBËRESH AT ANDON SANTORI
  10. ^ Fragment nga drama "Emira", në kuadër të konferences: "ROLI I SHKRIMTARIT DHE I FRANÇESKANIT ARBËRESH FRANGJISK ANDON SANTORI PËR RILINDJEN KULTURORE KOMBËTARE", më datë 30.03.2019
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ a b c d e Nobili napoletani: [1]
  13. ^ a b Gennaro Sinimarco, Pasqualino Magno, Fagnano Castello La Storia dal 989 al 2009, 2009, pp. 74
  14. ^ a b c Gennaro Sinimarco, Pasqualino Magno, Fagnano Castello La Storia dal 989 al 2009, 2009, pp. 75
  15. ^ a b c d e Gennaro Sinimarco, Pasqualino Magno, Fagnano Castello La Storia dal 989 al 2009, 2009, pp. 76

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240605424
  Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria