Pietrapaola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietrapaola
comune
Pietrapaola – Stemma Pietrapaola – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
SindacoManuela Labonia (Lista civica Pietrapaola Tradizione e Futuro) dal 13-6-2022
Territorio
Coordinate39°29′N 16°49′E / 39.483333°N 16.816667°E39.483333; 16.816667 (Pietrapaola)
Altitudine375 m s.l.m.
Superficie52,82 km²
Abitanti1 051[1] (31-12-2019)
Densità19,9 ab./km²
FrazioniCamigliano
Comuni confinantiBocchigliero, Calopezzati, Caloveto, Campana, Longobucco, Mandatoriccio
Altre informazioni
Cod. postale87060
Prefisso0983
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT078099
Cod. catastaleG622
TargaCS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Nome abitantipietrapaolesi o pietropaolesi
Patronosan Domenico di Guzmán
Giorno festivo4 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pietrapaola
Pietrapaola
Pietrapaola – Mappa
Posizione del comune di Pietrapaola all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Pietrapaola è un comune italiano di 1 051 abitanti della provincia di Cosenza, in Calabria. L'abitato si sviluppa sulle ultime pendici della Sila Greca, lungo un pendio posto alla destra del fiume Trionto. A 12 km dal nucleo originario, sorge Marina di Pietrapaola, apprezzata località balneare del basso Ionio Cosentino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pietrapaola è un piccolo paese, il cui territorio si estende dal Mar Ionio alla Presila, di probabile origine brettia, etnia italica dedita prevalentemente alla guerra, alla pastorizia e all'agricoltura. Non è chiara l'origine del toponimo: secondo alcuni deriverebbe dai nomi dei santi Pietro e Paolo, secondo altri da pietra (in riferimento alla imponente rupe nota come “Timpa del Castello” che sovrasta il capoluogo) e dal cognomen della famiglia latina Paula, che avrebbe avuto in proprietà la zona.

Il paese di presenta come una struttura fortificata, vera e propria piazzaforte affacciata sullo Ionio ed arroccata attorno ad una rupe detta “Castello”. Nel territorio sono presenti tracce di antichi insediamenti di epoca incerta, tra cui alcune grotte sul monte Orgia, probabili avanzi di una necropoli, e resti di mura di età classica in contrada San Martino. A poca distanza dall'abitato si trova un'importante cinta muraria risalente ai secoli IV – III a.C. detta “Muraglie di Annibale”, che consente di spiegare con precisione quale fosse il modello difensivo che prevedeva l'organizzazione territoriale brettia, la quale controllava l'arco costiero meridionale che dalla località Castiglione di Paludi si estendeva fino alla località Murge del comune di Strongoli. Sono presenti anche ritrovamenti di alcune monete e ceramiche elleniche. Si presume che nel confine tra Pietrapaola e Caloveto ci sia la presenza della Quarta Sybaris, creata forse dai soldati che ritornarono dalla Battaglia di Nika verso Sybaris.

Quasi assenti sono le testimonianze fino al 1269, anno in cui il feudo di Pietrapaola venne concesso prima al milite francese Elia de Gant e successivamente a Elia de Tuello. Nel 1325 il paese esisteva con il nome di Castrum Petrapaule (Κάστρον Πετροπαύλου, Kàstron Petropàulon). A partire dal XIV secolo il territorio di Pietrapaola appare particolarmente florido dal punto di vista economico. Dal 1413, anno in cui la signoria di Pietrapaola passò al cosentino Ruggero Britti, si susseguirono diversi feudatari: ne ebbero possesso i Guindazzo (1471), i Cavaniglia (1480) e i Sanseverino (1484). Il 7 novembre 1500 il Principe di Rossano, Giovan Battista Marzano, nomina il nobile Bernardino de Leonardis Capitaneum Nostrum a Baroniae Nostrae Petrapaule. Tuttavia, a seguito della seconda congiura dei baroni, la baronìa passò a Ferrante D'Aragona, figlio naturale di Ferrante I di Napoli. Nel 1561 ne entra in possesso il Duca di Montalto e successivamente Don Vincenzo Ruffo, Principe di Scilla. Nel 1616 ad acquisire il possesso è Giovanna Ruffo, ed in seguito venne venduta ai Mandatoriccio, la cui ultima erede Vittoria (figlia di Francesco Mandatoriccio) sposò nel 1676 un appartenente della famiglia Sambiase, ultimi intestatari fino all'abolizione della feudalità nel 1806. I Sambiase diedero grande impulso all'economia e all'artigianato con l'allevamento di pregiate mandrie di cavalli, allevati nelle immense distese boschive del territorio, e la confezione di doghe e barili, vendute nel mercato pugliese.

Dal 1928 al 1934 fu aggregata al comune di Mandatoriccio.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Pietrapaola sono stati concessi con decreto del Presidente della Repubblica del 19 ottobre 2011, a seguito della pratica istruita dal consiglio comunale[3]:

«D'azzurro, a tre pietre, d'oro, ordinate in fascia, la pietra centrale più grande; esse pietre accompagnate in capo da due stelle di cinque raggi, d'oro, ordinate in fascia, in punta da due mani appalmate, d'oro, ordinate in fascia, la mano destra posta a destra e in banda, la mano sinistra posta a sinistra e in sbarra; il tutto alla bordatura diminuita, di verde. Ornamenti esteriori da Comune.»

Al suo interno sono presenti tre massi, a simboleggiare la Rupe del Castello, ai quali sono associate due stelle, simbolo religioso posto a significare la luce che guida ed illumina il cammino, e due mani appalmate, aperte e pronte a donare, a lavorare ed aiutare[4].

Il gonfalone municipale è un drappo di giallo con la bordatura di verde.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Pietrapaola è caratterizzato dalla particolare presenza di grotte e di numerosi monumenti rupestri, che rendono unico il paesaggio. Il borgo antico è sovrastato da due rupi: la prima, la "Rupe del Salvatore", conserva una splendida testimonianza di arte rupestre all'interno della Grotta del Principe, accessibile solo su gradini scavati nella viva roccia e da cui si può scorgere una splendida vista del paese; la seconda, detta "Timpa del Castello", era utilizzata probabilmente al suo interno come antica fortezza baronale. Inoltre tra le vie del borgo antico si possono visitare:

  • l'Arco del Colonnello, una delle principali porte d'ingresso del paese;
  • la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, di origine medievale, la quale conserva pregevoli testimonianze degli artigiani dell'epoca nel rosone e nell'Arco del Cimitero, dove sono presenti alcune epigrafi a ricordo dei saccheggi e delle devastazioni turche (una di queste risalente al 1644);
  • le Muraglie di Annibale, circuito difensivo brettio risalente tra il IV e il III secolo a.C., costruito con blocchi di conglomerato locale non squadrati, le quali in alcuni tratti raggiungono un'altezza di tre metri da terra. Si trovano fuori dal paese e sono di notevole interesse archeologico;
  • la fontana Freschia, situata al centro del paese, presenta una struttura in muratura bianca con due mascheroni dai quali fuoriesce l'acqua;
  • la fontana Maio, di poco fuori dal paese, si presenta come una piccola sorgente d'acqua immersa in un ampio spazio verde.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il 90% della popolazione risiede principalmente nella Marina di Pietrapaola, la quale è il fulcro delle attività economiche del paese. Il centro abitato, costruito a partire dagli anni '60, è nato attorno al tratto della Strada statale 106 Jonica e della Ferrovia Jonica che attraversa il territorio comunale di Pietrapaola nella frazione Camigliano, in seguito al progressivo trasferimento della popolazione dal centro storico, che al 1º gennaio 2021 contava circa 110 abitanti.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Pietrapaola ha una superficie vasta che comprende sia il territorio montano (corrispondente al centro storico) sia marino (corrispondente alla popolosa frazione Camigliano). Questa differenza si rispecchia anche in campo economico: nel territorio montano l'attività prevalente è l'agricoltura, con la presenza di aziende agricole che si occupano della produzione di vino, cereali, agrumi e olio e di allevamenti di bestiame. Nella zona marina invece è molto sviluppato il settore turistico (attivo soprattutto nel periodo estivo, durante il quale si raggiungono le 15.000 presenze), caratterizzato dalla presenza di strutture ricettive e di una grande quantità di appartamenti. Da segnalare inoltre le attività artigianali, in particolare quelle legate alla lavorazione del legno e del ferro battuto.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1952 Francesco Passavanti Democrazia Cristiana sindaco
1952 1956 Giovanni Urso Democrazia Cristiana sindaco
1956 1960 Francesco Passavanti Democrazia Cristiana sindaco
1961 1970 Giovanni Urso Democrazia Cristiana sindaco
1970 1972 Francesco Passavanti Democrazia Cristiana sindaco
1972 1982 Francesco Mazziotti Partito Socialista Italiano sindaco
1983 1985 Michele Longo Democrazia Cristiana sindaco
1985 1990 Matteo De Luca Partito Socialista Italiano sindaco
1990 1993 Luciano Pugliese Democrazia Cristiana sindaco
1993 1995 Luciano Pugliese Partito Popolare Italiano sindaco
1996 1997 Carolina Ippolito commissario prefettizio
1997 2002 Matteo De Luca Democratici di Sinistra sindaco
2002 2007 Giandomenico Ventura Lista civica "Insieme per Crescere" sindaco
2007 2012 Giandomenico Ventura Lista civica "Insieme per Crescere" sindaco
2012 2017 Luciano Pugliese Lista civica "L’altra Pietrapaola" sindaco
2017 Alberto Grassia commissario prefettizio
2017 2020 Pietro Nigro Lista civica "Pietrapaola Nuova" sindaco
2020 Umberto Campini commissario prefettizio
2020 2022 Pietro Nigro Lista civica "Pietrapaola Nuova" sindaco
2022 in carica Manuela Labonia Lista civica "Pietrapaola Tradizione e Futuro" sindaco


Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Arte contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2013 è attivo il progetto di residenze artistiche "AbraCalabria", che ha ospitato fino al 2019 circa 35 artisti. Alcuni hanno realizzato delle opere d'arte nello spazio pubblico del centro storico: in piazza S. Demetrio è stata realizzata una scultura di Lego incastonati in un muro dall'artista Jan Vormann, mentre in via Roma troviamo delle poesie scritte dalla filosofa Marion Renauld.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di calcio locale è la Nuova Pietrapaola Calcio. Rifondata nel 2017, ha militato in Terza Categoria per due stagione prima di sciogliersi. I colori sociali erano il giallo e il verde e disputava le partite casalinghe presso lo Stadio Comunale "Nicola Rizzo".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Pietrapaola (Cosenza) D.P.R. 19.10.2011 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  4. ^ Pietrapaola - Araldicacivica, su araldicacivica.it. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313476459
  Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria