Mongrassano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mongrassano
comune
(IT) Mongrassano
(AAE) Mungrasana
Mongrassano – Stemma
Mongrassano – Veduta
Municipio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
SindacoFerruccio Mariani (Progetto Mongrassano) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate39°32′N 16°07′E / 39.533333°N 16.116667°E39.533333; 16.116667 (Mongrassano)
Altitudine540 m s.l.m.
Superficie35,16 km²
Abitanti1 518[1] (1-1-2021)
Densità43,17 ab./km²
FrazioniCataldo, Cocchiato, Sbrandello, Signorello, Mongrassano Scalo
Comuni confinantiAcquappesa, Bisignano, Cervicati, Cerzeto, Fagnano Castello, Fuscaldo, Guardia Piemontese, San Marco Argentano
Altre informazioni
Cod. postale87040
Prefisso0984
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT078080
Cod. catastaleF370
TargaCS
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Cl. climaticazona D, 1 998 GG[3]
Nome abitantimongrassanesi
Patronosanta Caterina d'Alessandria
Giorno festivo25 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mongrassano
Mongrassano
Mongrassano – Mappa
Posizione del comune di Mongrassano all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Mongrassano (Mungrasana in arbëreshë) è un comune italiano di 1 518 abitanti della provincia di Cosenza in Calabria.

Il paese è situato a 540 m s.l.m. e si estende su un'area di 34,68 km² ricompresa all'interno della Comunità Montana "Unione delle Valli". Confina con i Comuni di Bisignano, Cerzeto, Fuscaldo, Guardia Piemontese, Acquappesa, Fagnano Castello, Cervicati e San Marco Argentano.

Il territorio di Mongrassano è diviso in varie zone: ciascuna di queste rappresenta un nucleo urbano aggiunto agli altri col crescere del paese. Alcune di queste sono nate con l’insediamento di italiani, mentre altre si sono aggiunte con l'arrivo degli albanesi.

Oggi il centro abitato di Mongrassano si considera diviso in cinque zone denominate "Li Romani", "La Costa", "Lo Piano", "La Sciuria" (in lingua arbëreshe: Shurja) e "Serra di Leo" (in lingua arbëreshe: Sardalia). "Li Romani" è l'insediamento più antico e prende il nome dalla presenza di italiani, come italiane erano le zone "La Costa" e "Lo Piano"; mentre "La Sciuria" e "Serra di Leo", erano le zone dove si insediarono gli albanesi.

Anticamente il casale di Serra di Leo era separato dalle altre zone, e solo all'inizio dell'800 si è unita a loro a formare un unico comune.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mongrassano esisteva già nel XII secolo con varie denominazioni "monscrasanus", "Mons Crasanus", "Mocrasani", "Mocrassano", "Moncressano".[4] Nel territorio, intorno alla prima metà del XII secolo, era stato edificato un monastero intitolato a Santa Maria, che, come tutti gli altri monasteri dislocati nelle zone vicine, assolveva la funzione non solo di carattere religioso, ma anche economico e sociale.[5] Oggi, di questo monastero non c’è traccia.[4]

Il monastero di Santa Maria faceva parte della castellanìa di San Marco, quando questa, nel 1214, divenne Contea di Rinaldo del Guasto e nel 1283 di Restaino de Agot. Nel 1334 vi figurano i Sangineto[6] e nel 1421 venne concessa alla famiglia emergente dei Sanseverino con il titolo di barone.[7]

Il 20 luglio del 1459 Luca Sanseverino cedette la giurisdizione civile di Mongrassano a Quintilio de Zenone, Vescovo di San Marco.[4]

Dopo la morte di Luca Sanseverino, avvenuta nel 1469 o nel 1470, il ducato di San Marco passò a suo figlio Girolamo.[8] Sappiamo che questi favorì lo stanziamento degli Albanesi nelle sue terre, ma non ci sono elementi utili che ci permettono di affermare che la venuta degli albanesi a Mongrassano avvenne in quei anni.

Nel 1485, Girolamo Sanseverino aderì ad una congiura contro Ferdinando I d’Aragona, Re di Napoli, in favore dei francesi. La congiura si concluse in modo fallimentare nel 1487, così che Girolamo Sanseverino venne arrestato il 13 agosto del 1486 e incarcerato a Castelnuovo, dove morì dopo il 1488.[9] I suoi beni, compreso il territorio di Mongrassano, vennero confiscati e incamerati nei possedimenti del Regno di Napoli.

Non conosciamo la data esatta dell’arrivo degli albanesi, sappiamo però che, secondo un libro contabile, erano già presenti nel 1488 ed avevano fondato il quartiere denominato de "La Sciuria"[10] per il quale erano stati tassati per 20 ducati.[11] Ma, già quattro anni dopo, gli albanesi non furono più contati.[12] Per avere notizia della popolazione albanese del casale[13] di Mongrassano, bisogna arrivare al 1521 quando nel casale furono contati 14 fuochi tra "schiavoni, greci e albanesi".[14]

Nel 1543 gli abitanti furono oggetto, come negli altri 44 casali albanesi esistenti in Calabria Citeriore, di uno specifico censimento fiscale che diede questi risultati: 63 "fuochi", ossia nuclei familiari, per un totale di 194 abitanti.[15] I cognomi registrati dai numeratori regi furono: Arrigoni, Capparello, Cingaro, Drames, Lo Russo, Migliano, Mosciara, Petta, Rotundo, Smilara, Tabularo (Tavolaro/Tavolari), Yerbes (o Ayerbes). Dei successivi censimenti si conoscono solo i totali: 62 fuochi nel 1561; 55 fuochi nel 1595; 70 fuochi nel 1648; 43 fuochi nel 1669 (periodo difficile, quest'ultimo, in cui era ricomparsa la peste).[16]

Serra di Leo[modifica | modifica wikitesto]

Il confinante "casale" di "Serradileo", oggi rione del comune di Mongrassano, ebbe una storia diversa. Popolato agli inizi del Cinquecento, nella seconda metà di quel secolo appartenne in feudo prima ai Cavalcanti, e quindi, dalla fine del Cinquecento alla fine del Seicento, ai Sersale di Cosenza.

Nel gennaio 1750 Serradileo venne infeudato a Tommaso Miceli, che aveva acquistato il territorio dai Catalano Gonzaga duchi di Majerà, e che ne divenne Barone. I baroni Miceli, suoi discendenti, esercitarono i diritti feudali e la giurisdizione su Serradileo fino al 1806.

L'uso della lingua arbëreshe è tra gli abitanti oggi quasi totalmente scomparsa, con un declino della stessa già da circa un secolo, da qui una campagna che tende a valorizzarne l'uso e la conservazione per il mantenimento dell'identità che i suoi abitanti sono i depositari.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del Comune sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 11 luglio 2006.[17]

«Di rosso, all'aquila d'oro, allumata e linguata di rosso, accompagnata nel canton destro del capo dalla mitria d'argento. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.P.R. 11 luglio 2006)

Il gonfalone è un drappo di bianco con la bordatura di rosso.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[18]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2021.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c Damiano Guagliardi, 2019, p. 2.
  5. ^ Italo Sarro, 2010, p. 169.
  6. ^ San Marco Argentano.
  7. ^ Italo Sarro, 2010, p. 15.
  8. ^ SANSEVERINO - Linee dei Principi di Bisignano e Duchi di San Marco nel Libro d’Oro nella Nobilità Mediterranea
  9. ^ Elisabeth Scarton, 2011, p. 271.
  10. ^ I luoghi, su comune.mongrassano.cs.it. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  11. ^ Italo Sarro, 2010, p. 33.
  12. ^ Italo Sarro, 2010, p. 51.
  13. ^ un villaggio non fortificato inserito nel territorio di un centro abitato più importante
  14. ^ Italo Sarro, 2010, p. 25.
  15. ^ Domenico Zangari, 1941, p. 51.
  16. ^ Domenico Zangari, 1941, p. 64.
  17. ^ Mongrassano (Cosenza) D.P.R. 11.07.2006 concessione di stemma e gonfalone, su Governo italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2006. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  18. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Damiano Guagliardi, L'origine albanese di alcuni cognomi della comunità di Mongrassano, Spezzano Albanese, Edizioni Vatra, 2019.
  • Italo Sarro, Insediamenti albanesi nella valle del Crati, Cosenza, Nuova Santelli, 2010, ISBN 978-88-89013-40-3.
  • Elisabetta Scarton, La congiura dei baroni del 1485-1487 e la sorte dei ribelli, in Francesco Senatore e Francesco Storti, Poteri, relazioni, guerra nel regno di Ferrante d'Aragona, Napoli, ClioPress, 2011, ISBN 978-88-88904-13-9.
  • Domenico Zangari, Le colonie italo albanesi di Calabria: storia e demografia, Napoli, Caselli, 1941.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123308943
  Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria