Altomonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Altomonte (disambigua).
Altomonte
comune
Altomonte – Stemma
Altomonte – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
SindacoGianpietro Carlo Coppola (lista civica "Il risveglio") dal 26-05-2019
Territorio
Coordinate39°42′N 16°08′E / 39.7°N 16.133333°E39.7; 16.133333 (Altomonte)Coordinate: 39°42′N 16°08′E / 39.7°N 16.133333°E39.7; 16.133333 (Altomonte)
Altitudine455[1] m s.l.m.
Superficie65,72 km²
Abitanti4 355[2] (30-4-2019)
Densità66,27 ab./km²
FrazioniCasello
Comuni confinantiAcquaformosa, Castrovillari, Firmo, Lungro, Roggiano Gravina, San Donato di Ninea, San Lorenzo del Vallo, San Sosti, Saracena
Altre informazioni
Cod. postale87042
Prefisso0981
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT078009
Cod. catastaleA240
TargaCS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona D, 1 727 GG[3]
Nome abitantialtomontesi
Patronosan Francesco di Paola
Giorno festivo2 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Altomonte
Altomonte
Altomonte – Mappa
Posizione del comune di Altomonte all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Altomonte (Artumùnti in dialetto calabrese) è un comune italiano di 4 355 abitanti[2] della provincia di Cosenza in Calabria. Fa parte del club de "I borghi più belli d'Italia".

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Altomonte giace sopra un promontorio a circa 455 m s.l.m.. Il suo fertile territorio è parte in pianura, bagnato dai fiumi Esaro, Grondi e Fiumicello e parte in collina con ampie vedute panoramiche. Dista circa 60 km da Cosenza e 32 da Castrovillari. Confina a settentrione con Lungro, a levante con Firmo, Castrovillari e San Lorenzo del Vallo, a mezzogiorno con Roggiano, Mottafollone e San Sosti, a ponente con San Donato di Ninea e Acquaformosa. La superficie del territorio di Altomonte è di circa 65,29 km² di cui la maggior parte è suscettibile di colture come grano, orzo, legumi e ortaggi, agrumi e frutteti. Vi abbondano uliveti e vigneti autoctoni producenti i vini balbini, tanto decantati da Plinio il Vecchio.[senza fonte]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina si chiamò dapprima Brahall, poi Bragalla, Antifluvius sino al 1343 ed infine Altomonte, per volere della regina Giovanna II di Napoli.

Altomonte fu un feudo dapprima della potente famiglia dei Sangineto e poi del casato Sanseverino.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2015 la popolazione straniera residente era di 161 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano[5]:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività più tradizionali e rinomate vi sono quelle artigianali, che si distinguono per la lavorazione delle terracotte, caratterizzate da elementi popolari[6].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.comuni-italiani.it, Altomonte: Clima e Dati Geografici.
  2. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2019.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Bilancio demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2015 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 3 dicembre 2016.
  6. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 15.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN238756373 · LCCN (ENn86084572 · GND (DE4430135-2 · WorldCat Identities (ENn86-084572