Aprigliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aprigliano
comune
Aprigliano – Stemma Aprigliano – Bandiera
Aprigliano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Cosenza-Stemma.png Cosenza
Amministrazione
SindacoAlessandro Leonardo Porco (lista civica Grande Aprigliano) dal 26-5-2019
Territorio
Coordinate39°14′N 16°21′E / 39.233333°N 16.35°E39.233333; 16.35 (Aprigliano)Coordinate: 39°14′N 16°21′E / 39.233333°N 16.35°E39.233333; 16.35 (Aprigliano)
Altitudine718 m s.l.m.
Superficie122,43 km²
Abitanti2 814[2] (30-4-2019)
Densità22,98 ab./km²
FrazioniAgosto, Corte, Grupa, Guarno, Petrone, San Nicola, Santo Stefano, Vico[1]
Comuni confinantiCasali del Manco, Cellara, Cosenza, Figline Vegliaturo, Parenti, Piane Crati, Pietrafitta, Rogliano, San Giovanni in Fiore, Santo Stefano di Rogliano, Cotronei, Taverna
Altre informazioni
Cod. postale87051
Prefisso0984
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT078012
Cod. catastaleA340
TargaCS
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Cl. climaticazona E, 2 227 GG[3]
Nome abitantiapriglianesi
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Aprigliano
Aprigliano
Aprigliano – Mappa
Posizione del comune di Aprigliano all'interno della provincia di Cosenza
Sito istituzionale

Aprigliano è un comune italiano sparso di 2 814 abitanti della provincia di Cosenza in Calabria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Aprigliano è situato a 15 km da Cosenza sulla strada del lago Arvo, Strada Provinciale SP244 ; a 20 km dalla Sila (Quaresima); a 12 km dallo svincolo autostradale di Rogliano e a 17 km da quello di Cosenza, a 50 km dal Mar Tirreno (Falerna-Nocera Terinese) e a 63 km circa dall'aeroporto di Lamezia Terme.

Aprigliano è uno dei comuni più estesi della Sila. La maggior parte del territorio che si estende per circa 12.000 ettari, si estende oltre i 1.000 metri di altitudine, con tre vette più alte: i monti Cardoneto (m 1684), Melillo (m 1600) e Paganella (m 1526).

I corsi d'acqua che interessano il comune di Aprigliano sono il fiume Crati, la sorgente Zumpo e i laghi Ampollino e Arvo; il fiume Crati, 81 km di lunghezza e un bacino di 2440 km², è il principale della regione. Nel territorio comunale di Aprigliano, località Spineto, a 1360 metri di altezza s.l.m., vi è inoltre la sorgente del fiume Savuto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

  1. Raffaele De Rose (sindaco 1884 – 1888)
  2. Domenico Le Pera (sindaco facente funzioni 1889)
  3. Francesco Vigna (sindaco 1891)
  4. Luigi Martini (sindaco 1892 – 1895)
  5. Arturo Vanno (comm. prefettizio 1919)
  6. Domenico Pinnola (comm. prefettizio 1919)
  7. Teodoro Toscano (comm. prefettizio 1920 – 1923)
  8. Francesco Cribari (comm. prefettizio 1923)
  9. Francesco Giordano (comm. prefettizio 1926)
  10. Felice Martini (comm. prefettizio poi podestà 1927 – 1929)
  11. Francesco Cribari (podestà 1929 – 1932)
  12. Vittorio De Rose (podestà 1932 – 1942)
  13. Francesco Porfidia (comm. prefettizio poi potestà 1942)
  14. Luigi Tassone (comm. prefettizio poi podestà 1942 – 1943)
  15. Gennaro De Campora (comm. prefettizio 1943)
  16. Giuseppe Cerzosimo (comm. prefettizio 1943 – 1944)
  17. Alfredo Blasi (comm. prefettizio 1944)
  18. Vittorio De Rose (comm. prefettizio poi sindaco 1944 – 1945)
  19. Giuseppe Rogliano (sindaco 1945-)
  20. Arturo De Vuono (sindaco 1959 – 1960)
  21. Francesco Piro (sindaco 1960 – 1965)
  22. Pasquale De Carlo (comm. prefettizio 1965)
  23. Angelo Cosentini (sindaco 1966 – 1969)
  24. Mariano Romano (sindaco 1969 – 1971)
  25. Rocco De Vuono (sindaco 1971 – 1973)
  26. Guido Ceccherini (comm. prefettizio 1973 – 1974)
  27. Corrado Guarascio (sindaco 1974 – 1980)
  28. Antonio Aramini (sindaco 1980 – 1990)
  29. Francesco Vigna (sindaco 1990 – 1995)
  30. Luigi Femia (sindaco 1995 – 1999)
  31. Carlo De Vuono (sindaco 1999 – 2004)
  32. Francesco Gallucci (sindaco 2004 - 2008)
  33. Giorgio Criscuolo (comm. prefettizio 2009)
  34. Gabriele Perri (sindaco 2009 – 2014)
  35. Pietro Giorgio Le Pera (sindaco 2014 - 2019)
  36. Alessandro Porco Leonardo (sindaco 2019 - 2024)

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Aprigliano 1980 Calcio che milita in Promozione. È nata nel 1980. L'attuale presidente è Franco Piro. Dal maggio 2016 Aprigliano è sede legale dell'A.S.D. BLACK - Black Lions Archery Club Kratos, società sportiva iscritta alla Fitarco dedita alla pratica ed all'insegnamento e diffusione della disciplina di Tiro con l'Arco. L'attuale presidente è Sergio Bonavita mentre il vice presidente e dirigente responsabile è Eugenio Gallucci. I Black si occupano pure di organizzare gare arcieristiche nel corso dell'anno, sia indoor che outdoor, aperte a tutti gli arcieri iscritti alla Federazione Italiana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statuto del comune, su drive.google.com, p. 7.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2019.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Raffaele Tarantino, Aprigliano: raccolta di notizie storiche, economiche, culturali e altre curiosità, Cosenza, Luigi Pellegrini, 2005, ISBN 88-8101-275-8.
  • Giovanni Ragone, Aprigliano tra presente e memoria storica, Cosenza, Erranti, 2014, ISBN 978-88-95073-37-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247823869 · LCCN (ENn2006067215 · GND (DE4499860-0 · WorldCat Identities (ENn2006-067215
Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria