QAnon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Due soldati posano con Pence con uno stemma di Q
L'ex-vicepresidente statunitense Mike Pence con i membri della squadra SWAT della contea di Broward, Florida, il 30 novembre 2018; l'uomo a sinistra dell'immagine mostra una "Q" rossa e nera, utilizzata come simbolo dai teorici del complotto di QAnon. La foto è stata twittata, rimossa e quindi sostituita nel feed di Pence.
Uno zoom sull'uniforme di un soldato che ha una toppa con una "Q" nera su uno sfondo rosso e un'altra su sfondo nero con un'ascia e una falce incrociate l'una sull'altra
Dettaglio della foto in alto che mostra la toppa con la Q di QAnon. La toppa in bianco e nero a sinistra è stata segnalata come quella del team SWAT. I regolamenti vietano l'uso di entrambe le toppe e di conseguenza il sergente è stato rimproverato e rimosso dal team SWAT.[1]

QAnon[a] (AFI: /kuaˈnɔn/, inglese /ˌkjuːəˈnɒn/) è una teoria del complotto di estrema destra smentita e priva di fondamento[2] secondo la quale esisterebbe un'ipotetica trama segreta organizzata da un presunto Deep State (identificabile in alcuni poteri occulti) che avrebbe agito contro l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i suoi sostenitori, i quali avrebbero all'opposto assunto il potere con l'obiettivo di scardinare il nuovo ordine mondiale, considerato colluso con reti di pedofilia a livello globale, pratiche ebraiche oscure, cabale occulte, e in generale avente per obiettivo il dominio mondiale.[3] Nessuna delle accuse che sono state diffuse dai QAnon si è dimostrata fondata sui fatti.[4]

Il numero di aderenti a QAnon è sconosciuto, ma oltre agli Stati Uniti la teoria e i suoi convincimenti si sono diffusi in molti paesi europei, tra cui l'Italia, con decine di migliaia di utenti che seguono i canali social legati a QAnon, adattandosi ai contesti locali.[5][6] In Italia, per esempio, gli anon hanno dapprima sostenuto il Governo Conte I considerato di diretta ispirazione trumpiana, per poi schierarsi maggiormente a sostegno di Matteo Salvini o di posizioni apartitiche. Come negli USA, anche in Italia le teorie si modificano a seconda dell'evoluzione delle vicende politiche.[7]

Le teorie del complotto di QAnon sono state amplificate dagli account di troll sostenuti dallo stato russo sui social media,[8][9][10][11][12][13] così come i media tradizionali russi[11][14].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La sua origine è strettamente legata all'attività di un utente anonimo della piattaforma 4chan, noto come Q, che a partire dall'ottobre 2017 ha iniziato a rilasciare presunte informazioni riservate relative a operazioni segrete del governo americano per disarticolare il Deep State.[15] In precedenza, altri utenti di 4chan avevano tentato di spacciarsi per gole profonde dell'amministrazione Trump (per esempio FBIAnon, HLIAnon – dove HLI sta per high level insider, informatore di alto livello, CIAAnon e WH Insider Anon).[16]

Ideologie e teorie[modifica | modifica wikitesto]

QAnon ha vari collegamenti con le teorie complottiste di destra relative al nuovo ordine mondiale (New World Order) come diffusesi negli Stati Uniti. Q si è concentrato inizialmente soprattutto sul presunto, imminente arresto di Hillary Clinton, considerata tra le leader del Deep State, insieme a Barack Obama e a George Soros, analogamente ritenuti prossimi all'arresto e alla detenzione al campo di prigionia di Guantanamo. A loro si sarebbero dovuti unire molti attori liberal di Hollywood, politici democratici e funzionari di alto rango accusati di essere membri della cabala[17]. In seguito, la teoria si è evoluta per adattarsi agli sviluppi politici nazionali e internazionali. In particolare, Q ha affermato che Trump avrebbe simulato una cospirazione con la Russia per arruolare alla propria causa il procuratore Robert Mueller nell'esporre il giro del traffico sessuale e impedire un colpo di stato da Barack Obama, Hillary Clinton e George Soros. Pertanto, il Russiagate non sarebbe un'inchiesta contro Trump, ma un paravento per nascondere la raccolta di prove per l'incriminazione dei Clinton e degli altri leader del Deep State. La pubblicazione del rapporto Mueller, che chiaramente sconfessava questa teoria, è stata accolta criticamente dai sostenitori di QAnon, molti dei quali hanno continuato a credere che il vero rapporto sia tenuto segreto da Trump.[18] In seguito alle dimissioni del primo consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, il tenente generale Michael T. Flynn, per il suo coinvolgimento nel Russiagate, lo stesso Flynn, dichiaratosi vittima di una congiura, ha pubblicato video a sostegno di QAnon e pronunciato un giuramento a sostegno dei patriot. Gli anon adottano spesso nei loro username tre stelle gialle (riferimento ai gradi di Flynn) per indicare il loro sostegno al generale.[19] Gli aderenti di QAnon, pur vedendo Trump come un cristiano imperfetto, lo vedono anche come un messia mandato da Dio.[20][21]

La teoria afferma che l'ultimo presidente leale agli Stati Uniti sia stato John Fitzgerald Kennedy, ucciso da esponenti del Deep State. Da allora, la presidenza americana sarebbe caduta nelle mani della cabala mondiale. Un manipolo di esponenti dell'esercito americano, tra i cui i Navy Seals, sarebbero rimasti leali alla memoria di Kennedy e avrebbero adottato un giuramento a JFK di lealtà ai valori degli Stati Uniti, con l'obiettivo di rovesciare il Deep State. Secondo QAnon, il figlio di JFK, John Fitzgerald Kennedy Jr., non sarebbe veramente morto, ma ne sarebbe stato simulato l'incidente mortale allo scopo di metterlo al sicuro e porlo alla guida della fazione lealista. Secondo i sostenitori di QAnon, Trump guiderà un'ondata mondiale di arresti, nota come The Storm, operata dai reparti militari a lui fedeli, in cui migliaia di persone, membri della setta, verranno arrestati e probabilmente inviati a Guantanamo o sottoposti alla corte marziale. Il risultato di questa operazione sarà l'insediamento di JFK Jr. come nuovo presidente degli Stati Uniti e un grande risveglio globale[22][23]. Diversi sostenitori di QAnon hanno adottato la teoria della cospirazione Kennedy, affermando che un uomo di Pittsburgh di nome Vincent Fusca sia in realtà Kennedy sotto mentite spoglie e che sarà il candidato a vicepresidente della campagna per la rielezione del 2020 di Donald Trump. Alcuni hanno partecipato alle celebrazioni del giorno dell'indipendenza del 2019 a Washington nella convinzione che sarebbe apparso Kennedy[24][25].

Il linguaggio[modifica | modifica wikitesto]

La lettera "Q" si riferisce alla Q clearance, il presunto livello massimo di autorizzazione all'accesso di fonti top secret del governo americano, che in realtà risulta in uso solo al dipartimento dell'energia degli Stati Uniti.[26][27]

I sostenitori di QAnon usano una serie di parole chiave e di meme per riconoscersi. Tra questi, l'hashtag #WWG1WGA è un acronimo del motto in inglese Where We Go One, We Go All, “Tutti per uno, uno per tutti”.[28] I riferimenti al coniglio bianco sono legati alla frase del film Matrix «Vedrai quanto è profonda la tana del Bianconiglio» (citazione del romanzo Alice nel paese delle meraviglie), un richiamo al fatto che nella teoria le reti internazionali di pedofili terrebbero segregati in tunnel sotterranei di tutto il mondo milioni di bambini, mentre l'immagine del coniglio bianco con un orologio suggerirebbe che per il Deep State il tempo sia ormai giunto. A Matrix è anche ispirato il riferimento alla "pillola rossa" (redpill), grazie alla quale nel film il protagonista si risveglia nel vero mondo dove gli esseri umani sono tenuti in schiavitù. Analogamente, QAnon sostiene l'esigenza di "risvegliare" le persone tenute dormienti dal Deep State e rese incapaci di comprendere l'occulta trama di potere che regge il mondo. Le persone "risvegliate" attivamente impegnate nella promozione di QAnon sono definite patriots, "patrioti".[29] Alla teoria QAnon sono associati anche gli slogan The Storm ("la tempesta") e The Great Awakening ("il grande risveglio").

Il termine è usato nello slang di Internet per riferirsi a un utente anonimo che posta su forum online.[30] I sostenitori di QAnon si definiscono anon e si pongono l'obiettivo di "fare ricerche" a partire dagli indizi (drop) rivelati da Q, divulgare informazioni considerate classificate, "risvegliare" altre persone.

False previsioni, affermazioni e credenze[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Abuso rituale satanico.

Previsioni non concretizzate[modifica | modifica wikitesto]

«L'estradizione di HRC è già stata attivata in modo efficace ieri con diversi paesi in caso di fuga transfrontaliera. Passaporto approvato per essere contrassegnato con validità 30 ottobre alle 00:01. Si prevedono massicce rivolte organizzate come ripicca e altri in fuga dagli Stati Uniti. La US M condurrà l'operazione mentre è attiva la NG. Controllo di prova: individua un membro della NG e chiedi se è attivo per il servizio del 30 ottobre nella maggior parte delle città principali.»
— Il primo post di QAnon sulla bacheca /pol/ di 4chan, il 28 ottobre 2017[31]

La prima previsione di QAnon è stata l'annuncio imminente dell'arresto di Hillary Clinton nel primo post del 28 ottobre 2017. Previsione non avveratasi. Altre previsioni non concretizzate sono:[32]

  1. "The Storm" si svolgerà il 3 novembre 2017. Quel giorno non ci furono eventi degni di nota nella politica statunitense.
  2. Un importante evento che avrebbe coinvolto il Dipartimento della Difesa che si sarebbe dovuto tenere il 1º febbraio 2018.
  3. Le persone prese di mira dal presidente si suicideranno "in massa" il 10 febbraio 2018. Nessun personaggio di spicco si è suicidato quel giorno.
  4. Ci sarebbe stata un'autobomba a Londra intorno al 16 febbraio 2018. Non ci furono attentati.
  5. La parata militare di Trump "non sarebbe mai stata dimenticata". La parata è stata cancellata.
  6. La Five Eyes "non sarebbe durata ancora a lungo". Non ha mai avuto fine.
  7. Qualcosa di importante sarebbe accaduto a Chongqing il 10 aprile 2018. Quel giorno a Chongqing non accadde nulla di notevole.
  8. Ci sarebbe stata una rivelazione "bomba" sulla Corea del Nord nel maggio 2018. Non ci sono stati sviluppi degni di nota.
  9. Una "prova schiacciante" video su Hillary Clinton sarebbe uscita nel marzo 2018. Non è apparso alcun video.
  10. Diverse previsioni sfatate secondo cui John McCain si sarebbe dimesso dal Senato degli Stati Uniti. McCain non si è dimesso.
  11. Diverse previsioni errate secondo cui Mark Zuckerberg avrebbe lasciato Facebook e sarebbe fuggito dagli Stati Uniti. Zuckerberg tuttora è CEO di Facebook.Template:As of
  12. Diverse previsioni non avveratesi secondo cui il CEO di Twitter Jack Dorsey, sarebbe stato costretto a dimettersi. Dorsey è ancora CEO di Twitter.
  13. Diverse previsioni non avveratesi secondo cui "qualcosa di grosso" sarebbe successo o la verità sarebbe emersa, "la settimana seguente".

False affermazioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle previsioni non concretizzate, Q ha pubblicato numerose affermazioni false, prive di fondamento e non comprovate, come ad esempio:

  1. La CIA ha installato il leader nordcoreano Kim Jong-un come governatore fantoccio .[33]
  2. Una falsa affermazione del 16 febbraio 2018 secondo cui Debbie Wasserman Schultz, rappresentante degli Stati Uniti ed ex presidente del comitato nazionale democratico, abbia assunto la banda salvadoregna MS-13 per uccidere il membro dello staff del DNC Seth Rich[34][35] .
  3. Il 1º marzo 2018, avrebbe suggerito che la cancelliera tedesca Angela Merkel sia la nipote di Adolf Hitler .[36]
  4. I sostenitori di QAnon sono soliti considerare ogni attentato terroristico o strage di massa un'operazione di false flag, attuata o dal Deep State oppure dai patriot per colpire esponenti del Deep State.[37]
  5. Obama, Hillary Clinton, George Soros e altri stiano pianificando un colpo di Stato contro Trump e siano coinvolti in un giro internazionale di traffico sessuale di minori.
  6. L'indagine su Mueller sia in realtà un contro-colpo di Stato guidato da Trump, che ha finto di cospirare con la Russia assumendo Mueller per indagare segretamente sui Democratici.[38]
  7. Certe star di Hollywood siano pedofili e la famiglia Rothschild guidi una setta satanica .[39] Molti di loro farebbero uso di una sostanza, l'adrenocromo, considerata in grado di estendere la durata della vita, una sorta di elisir di eterna giovinezza .[40] Accuse e voci politiche simili circolano dagli anni '70. Tipicamente le accuse ruotavano attorno agli investigatori che usavano culti satanici esistenti per adescare e ricattare attivisti di sinistra, o nel caso delle accuse di prostituzione minorile del caso Franklin, abusi sessuali satanici perpetrati dall'élite repubblicana. Una differenza significativa tra le narrazioni più vecchie e QAnon di oggi, è che ora gli antagonisti sono i democratici dell'élite anziché i repubblicani.[41]
  8. Tra i principali leader della cabala (e utilizzatori dell'adrenocromo) ci sarebbero Johnny Depp, Tom Hanks, Madonna e Lady Gaga, che farebbero anche uso di sangue umano sottratto ai bambini per perseguire il loro piano di ringiovanimento.[42]

Evoluzione delle affermazioni di Q[modifica | modifica wikitesto]

Di conseguenza, i post di Q sono diventati sempre più criptici e vaghi, permettendo ai follower di crearsi delle proprie convinzioni e a particolari sostenitori della teoria di ottenere crescente popolarità grazie alle loro interpretazioni degli eventi a venire.[43][44] I post di Q sono sempre accompagnati da stringhe di numeri e lettere considerati messaggi in codice, anche se alcune analisi attraverso la generazione di mappe di calore delle tastiere QWERTY hanno dimostrato che in realtà sono solo digitazioni casuali di tasti.[45]

Giustificazioni di Q alle false affermazioni e previsioni irrealizzate[modifica | modifica wikitesto]

In diverse occasioni, Q ha riconosciuto le sue stesse dichiarazioni e previsioni errate come intenzionali, sostenendo che "la disinformazione sia una necessità".[46] Secondo lo psicologo australiano Stephan Lewandowsky, Q farebbe uso della negazione plausibile per rafforzare ulteriormente nei suoi credenti l'autorità delle sue affermazioni.[47][48] Lo scrittore americano Walter Kirn ha descritto Q come un innovatore tra i teorici del complotto, per la sua capacità di affascinare i suoi lettori con "indizi" piuttosto che presentare direttamente le sue teorie: "Il pubblico delle narrazioni su Internet non vuole leggere, vuole scrivere. Non vuole risposte fornite, vuole cercarle".[47] Si tratterebbe, cioè, di un adeguamento delle teorie del complotto classiche alla logica del prosumer. Anche Massimo Polidoro ha osservato che QAnon è "più simile a un gioco di ruolo, dove i partecipanti sono stimolati ad andare alla ricerca di indizi e codici da decifrare".[49]

Miracle Mineral Solution[modifica | modifica wikitesto]

I teorici di QAnon hanno pubblicizzato il consumo di candeggina industriale (nota come MMS o soluzione minerale miracolosa) come "cura miracolosa" per il COVID-19.[50][51][52][53]

Utilizzo dell'hashtag #SaveTheChildren e Freedom for the Children[modifica | modifica wikitesto]

Anche terremoti ed eventi sismici in prossimità dei centri urbani sono considerati effetti di esplosioni sotterranee per distruggere i tunnel usati dalla rete internazionale di pedofili per il traffico di minori. Queste idee risalgono all'influenza della teoria del Pizzagate sui seguaci di QAnon, fondata appunto sulla credenza che Hillary Clinton e il partito democratico fossero a capo di una cabala per rapire bambini nascondendoli in tunnel costruiti sotto le grandi città per abusarne sessualmente. Nel corso del 2020, alcuni follower hanno iniziato a utilizzare l'hashtag di Twitter #SaveTheChildren, usando il nome dell'omonima organizzazione Save the Children per propagandare le loro teorie, fino a portare ad una dichiarazione del 7 agosto sull'uso non autorizzato del suo nome nelle campagne.[54] I dati del National Center for Missing & Exploited Children indicano che la stragrande maggioranza dei bambini scomparsi sono fuggitivi e la seconda causa principale è il rapimento da parte di familiari. Meno dell'1% sono rapimenti da parte di non familiari.[55][56] A settembre, Facebook e Instagram hanno cercato di impedire che l'hashtag #SaveTheChildren fosse associato a QAnon reindirizzando gli utenti che cercavano l'hashtag verso il gruppo di assistenza all'infanzia[57]; ad ottobre Facebook ha rivelato che avrebbe cercato di limitare la portata dell'hashtag[58].

Allo stesso modo, i gruppi "Freedom for the Children" sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito contribuito a organizzare proteste in strada che, secondo la loro opinione, aumentano la consapevolezza sugli abusi sessuali sui minori e sul traffico di esseri umani[59][60]. Queste proteste tendono ad attrarre una folla diversificata e più giovane rispetto ai tipici gruppi QAnon, comprese molte persone che non credono pienamente a tutti gli aspetti della teoria del complotto QAnon[61], e tali gruppi sono stati spesso in grado di evitare le restrizioni imposte dai social media[62].

Dati storici[modifica | modifica wikitesto]

Il caso Pizzagate[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Teoria della cospirazione del Pizzagate.

La teoria della cospirazione del Pizzagate è una teoria del complotto avallata dai sostenitori di QAnon che si sarebbe sviluppata e diffusa durante le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016, che si baserebbe sullo scambio di alcuni messaggi di posta elettronica, che vedrebbe coinvolte personalità politiche USA e diversi ristoranti statunitensi in un presunto traffico di esseri umani e abuso di minori. Una delle imprese presumibilmente coinvolte era la pizzeria Comet Ping Pong di Washington D.C..[63][64][65]

L'utente Q e la sua diffusione[modifica | modifica wikitesto]

QAnon ha avuto origine nella /pol/ board (logo nella foto) di 4chan.
Un comune logo utilizzato dai follower di QAnon.

Il 2 luglio 2016 un utente anonimo noto come "FBIAnon", che si descriveva come "analista e stratega di alto livello" e affermava di avere "una conoscenza intima del funzionamento interno del caso Clinton", ha iniziato a diffondere informazioni errate riguardo alle indagini sulla Clinton Foundation e ha affermato che Hillary Clinton sarebbe stata messa in prigione se Trump fosse diventato presidente. Nello stesso periodo, un'altra figura conosciuta come "HLIAnon", che sta per "High Level Insider Anon", ospitò lunghe sessioni di Q&A (domande e risposte), dispensando varie teorie complottiste, tra cui una che sosteneva che la principessa Diana fosse stata uccisa dopo aver tentato di fermare gli attacchi dell'11 settembre.

Poco dopo le elezioni americane del 2016, due utenti anonimi noti solo come "CIAAnon" e "CIAIntern" dichiararono di essere funzionari di alto rango della CIA, e alla fine di agosto 2017, un account chiamato "WHInsiderAnon" rivelò una presunta previsione su qualcosa che "stava per accadere" a riguardo delle perdite che avrebbero presumibilmente influenzato il partito democratico.[66]

Le discussioni /HTG/ o "Human Trafficking General" sono state descritte come "l'anello mancante" tra Pizzagate e QAnon[67]. Invece di concentrarsi su una fornitura limitata di materiale e-mail da esaminare, la cultura /HTG/ ha consentito agli utenti di partecipare attivamente alle trame immaginate[67]. Un utente chiave /HTG/ era Anonymous 5 (noto anche come "Frank"), che affermava di essere un investigatore sulla prostituzione minorile[67]. Tuttavia, la mancanza di una narrazione coerente è stata un vincolo alla tendenza /HTG/ e non ha mai raggiunto i livelli di popolarità di Pizzagate[67].

I principi primari dell'ideologia QAnon erano già presenti su 4chan prima dell'apparizione di Q, comprese le affermazioni che Hillary Clinton era direttamente coinvolta in un giro di pedofili, che Robert Mueller stava lavorando segretamente con Trump e che tribunali militari su larga scala erano imminenti[67]. I post si rivolgevano specificamente a persone che erano molto odiate in precedenza nella community, vale a dire Clinton, Barack Obama e George Soros[67]. L'idea della "Tempesta", centrale nel canone di QAnon, è stato asserito che è stata copiata da un altro utente chiamato Victory of the Light, che ha predetto "The Event", secondo cui nell'imminente "verranno trasmessi in televisione arresti di massa della Cabala"[67].

I siti dedicati all'aggregazione di questi post dell'utente Q, chiamati anche Qdrops sono diventati essenziali per la loro divulgazione e diffusione. QMap era l'aggregatore più popolare e famoso, gestito da uno sviluppatore sotto pseudonimo e figura chiave di QAnon noto come "QAPPANON".[68][69]

In un Qdrop del 17 settembre 2020, Q ha invitato i follower a "camuffare" le origini del movimento su Twitter. Un'immagine allegata includeva le istruzioni per i follower a nascondere i collegamenti a QAnon sui social media. "Elimina tutti i riferimenti relativi a Q, QAnon ecc. Per evitare ban/sospensione".[70] Tuttavia, QMap è stato chiuso poco dopo che un rapporto del settembre 2020 è stato pubblicato dal sito web di fact-checking "Logically", che teorizzava che QAPPANON fosse un analista della sicurezza con sede nel New Jersey di nome Jason Gelinas.[69][71]

Una persona identificata come Q Clearance Patriot è apparsa per la prima volta sulla bacheca /pol/ di 4chan il 28 ottobre 2017, pubblicando messaggi in un thread intitolato Calm Before the Storm, riferimento a una criptica affermazione di Trump durante un raduno di leader militari americani a cui era intervenuto parlando della "calma prima della tempesta"[72]. "The Storm" è diventato un modo per i sostenitori di QAnon di definire un evento imminente in cui migliaia di presunti sospetti saranno arrestati, imprigionati e giustiziati[73]. L'utente Q si è in seguito trasferito su 8chan, destando preoccupazioni sulla possibilità che la bacheca di 4chan potesse essere stata "infiltrata".[74] Attorno all'interpretazione e all'analisi dei post attribuiti a Q si è sviluppata una community su internet. Tra questi teorici della cospirazione, diversi individui all'interno della community sono diventati celebrità minori.[75][76]

Nel novembre 2017, Paul Furber, Coleman Rogers e Tracy Diaz, rispettivamente due moderatori di 4chan e uno YouTuber, hanno collaborato per diffondere QAnon verso un pubblico più ampio.[77] Alcuni seguaci di QAnon hanno accusato il trio di trarre profitto dal movimento.[74]

I tre hanno quindi creato una subreddit influente su Reddit per diffondere la teoria e forzatamente chiusa nel marzo 2018, che lo stesso Reddit ha spiegato fosse dovuto per incitamento alla violenza e pubblicazione di informazioni private.[74] QAnon si è poi diffuso su altri siti di social media, inclusi Twitter e YouTube.[75] Rogers e sua moglie, Christina Urso, hanno lanciato "Patriots' Soapbox", un live streaming di YouTube dedicato alla teoria, che hanno utilizzato per sollecitare le donazioni. Tra gli ospiti invitati ci sono stati il candidato del congresso Lauren Boebert e un pubblicista della campagna di Trump.[78] I post di Q sono stati successivamente spostati su 8chan, alimentando le preoccupazioni di Q secondoeer cui il consiglio di 4chan fosse stato "infiltrato".[74] 8chan è stato chiuso nell'agosto 2019 dopo essere stato collegato alla strage di El paso e ad altri incidenti violenti, portando i seguaci di QAnon a trasferirsi su Endchan ed 8kun.[79]

QAnon ha ricevuto per la prima volta l'attenzione della stampa mainstream nel dicembre 2017. Nei primi mesi del 2018, la teoria del complotto ha ricevuto popolarità dalla destra mainstream. Il conduttore televisivo Sean Hannity e l'intrattenitrice Roseanne Barr hanno diffuso notizie su QAnon sui social media ai loro follower. Il conduttore radiofonico Alex Jones ha affermato di essere in contatto personale con Q. La presenza "in massa" di aderenti a QAnon ad un raduno di Trump del luglio 2018 per le elezioni di medio termine a Tampa ha segnato l'ingresso della teoria del complotto nel mainstream[74][80].

Tra marzo e giugno 2020, durante la pandemia COVID-19, l'attività di QAnon è quasi triplicata su Facebook e quasi raddoppiata su Instagram e Twitter.[81] A quel punto, QAnon si era diffuso in Europa, dai Paesi Bassi alla Penisola balcanica, ma in particolare in Germania. Attivisti e influencer di estrema destra hanno creato un pubblico tedesco per QAnon su YouTube, Facebook e Telegram che si stima sia di 200 000. Un gruppo tedesco, Reichsbürger, ha adottato QAnon per promuovere la sua convinzione che la Germania moderna non sia una repubblica sovrana, ma piuttosto una corporazione formata dalle nazioni alleate dopo la seconda guerra mondiale, e ha espresso la speranza che Trump potesse guidare un esercito per ripristinare il Reich".[82] Anche molti canadesi sono diventati importanti nella propagazione della teoria del complotto[83][84][85] e secondo l'analisi di HOPE not hate, e si dice che uno su quattro britannici creda nelle teorie QAnon correlate[86]. Charlie Ward e Martin Geddes sono citati da Hope not Hate come influenti promotori britannici di QAnon, con Geddes "che gestisce uno degli account Twitter di QAnon più popolari al mondo"[87].

La portata del movimento si è estesa anche in Spagna e America Latina,[88] con paesi come Costa Rica, Colombia, Argentina, Messico, Paraguay e Brasile che hanno una presenza online.[89] In Costa Rica, secondo un'indagine del più grande quotidiano costaricano La Nación, la sua pagina Facebook diffonde informazioni errate e notizie false, chiede la deposizione del presidente Carlos Alvarado ed esalta figure di destra come il candidato alla presidenza di estrema destra Juan Diego Castro Fernández, e i deputati Dragos Dolanescu ed Erick Rodríguez Steller.[90] In Spagna il partito di estrema destra Vox è stato accusato di avallare le teorie del complotto anti-Biden legate a QAnon nel suo account Twitter ufficiale sostenendo che Joe Biden fosse il candidato "preferito dai pedofili".[91] Un notiziario di RTVE ha scoperto che quasi tutti i seguaci di QAnon spagnoli che sostengono un partito politico, se non tutti, sostengono Vox, tuttavia questa posizione non è unanime e alcuni di loro rifiutano tutti i partiti, Vox incluso.[92]

Un'analisi stilometrica dei messaggi rivela che siano almeno due gli autori dei messaggi dell'utente "Q"[93][94].

Valutazione di terrorismo interno dell'FBI[modifica | modifica wikitesto]

Un promemoria del "bollettino dell'Intelligence" dell'FBI del 30 maggio 2019 identificava gli estremisti di QAnon come una minaccia di terrorismo interno. Il memo citava una serie di arresti relativi a QAnon, alcuni dei quali non erano stati pubblicizzati prima.[95] Secondo il promemoria di maggio, "Questo è il primo progetto dell'FBI che esamina la minaccia degli estremisti interni guidati dalla teoria del complotto e fornisce una base per i futuri progetti di intelligence. ... L'FBI valuta che queste teorie del complotto molto probabilmente emergeranno, si diffonderanno ed evolveranno nel mercato moderno dell'informazione, spingendo occasionalmente sia gruppi che singoli estremisti a compiere atti criminali o violenti..."[95][96].

Secondo una testimonianza al Congresso del vice-direttore dell'antiterrorismo dell'FBI, Michael G. McGarrity, le minacce terroristiche interne sono divise in quattro categorie principali: "Estremismo violento per motivi razziali, estremismo anti-governativo/anti-autorità, estremismo per i diritti degli animali/ambientale ed estremismo per l'aborto", che comprende sia estremisti pro-choice sia anti-aborto. La minaccia di QAnon è strettamente correlata all'area antigovernativa/anti-autorità[97][98].

Nel documento è stato menzionato un caso di cronaca non correlato a QAnon: l'arresto di un cittadino della California il 19 dicembre 2018 con a bordo della sua auto materiale per fabbricare bombe, che intendeva utilizzare per "far saltare in aria un monumento simboleggiante un tempio satanico" a Springfield, la rotonda del Campidoglio, al fine di "sensibilizzare gli americani verso il Pizzagate e il nuovo ordine mondiale, che starebbero portando alla distruzione della società". Secondo la stessa fonte, l'FBI ha affermato che un altro fattore che determina l'intensità di questa minaccia è "la scoperta di cospirazioni reali o insabbiamenti che coinvolgono attività illegali, dannose o incostituzionali da parte di funzionari governativi o figure politiche di spicco"[97].

Le reazioni dei sostenitori di QAnon al promemoria dell'FBI variano dal suggerire che il documento sia un falso, alla richiesta di dimissioni del direttore dell'FBI Christopher A. Wray per aver lavorato contro Trump, all'idea che si tratti in realtà di un modo per attirare l'attenzione su QAnon e indurre i media a fare domande a Trump sulla questione[99]. Ad un comizio per la rielezione di Trump, alcune ore dopo la rivelazione dell'esistenza del promemoria, il fondatore della campagna WalkAway Brandon Straka, un omosessuale che afferma di essere stato un democratico liberale ma ora è un sostenitore di Trump, in un discorso di riscaldamento prima che Trump si rivolga alla folla, ha utilizzato uno dei principali motti di QAnon: "Tutti per uno, uno per tutti" (WWG1WGA). Un videoamatore ha trovato numerosi di QAnon tra la folla, identificati attraverso le loro magliette QAnon che mostravano grandi "Q" o "WWG1WGA".[100]

Ruolo nelle elezioni statunitensi[modifica | modifica wikitesto]

I sostenitori di QAnon hanno iniziato a comparire durante i comizi post-elettorali di Trump nell'estate 2018[101]. Il 24 agosto 2018, uno dei promotori della teoria, Michael "Lionel" Lebron, personaggio televisivo e radiofonico, è stato ricevuto da Trump alla Casa Bianca ed è stato fotografato insieme a lui[102][103]. Nel luglio 2019, Bill Mitchell, un giornalista radiofonico tra i promotori di QAnon, ha partecipato a un vertice della Casa Bianca sui social media[104][105].

Candidati al congresso 2019[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 due candidati repubblicani al congresso hanno espresso interesse verso le teorie di QAnon. Matthew Lusk, un candidato della Florida, ha affermato al Daily Beast che le teorie di QAnon sono "legittime" e costituiscono una ricostruzione molto precisa degli eventi passati e presenti, nonché una vera e propria previsione del futuro politico e geopolitico del mondo[106] . Danielle Stella, candidata repubblicana in Minnesota, indossava una collana a forma di "Q" in una foto che ha twittato[107] e ha utilizzato due volte l'hashtag #WWG1WGA, un riferimento al motto QAnon "tutti per uno, uno per tutti". Il suo account Twitter ha aggiunto "like" alle risposte dei credenti di QAnon che hanno riconosciuto la collana, e l'account segue alcuni dei più importanti di QAnon[108].

Uomo che indossa la maglia "We Are Q" al raduno di Trump nel New Hampshire

Incidenti legati alla campagna 2020 di Trump[modifica | modifica wikitesto]

I sostenitori di QAnon sostengono che è stato chiesto loro di nascondere i propri identificativi "Q" e altri simboli relativi a QAnon durante una manifestazione della campagna pro-Trump del 15 agosto 2019 a Manchester. Sebbene una persona, a cui era stato chiesto di rigirare al contrario la maglietta di "Q" quando fosse entrata nel raduno, avesse identificato la persona che gli aveva chiesto di farlo come un agente dei servizi segreti, l'agenzia ha negato che fosse vero, scrivendo in una e-mail al Washington Post che "il servizio segreto degli Stati Uniti non ha mai richiesto ai partecipanti di cambiare i loro vestiti a un evento nel New Hampshire". I sostenitori di QAnon affermano inoltre che la loro visibilità ai raduni di Trump sia stata soppressa per mesi.[109]

Nel luglio 2020, "Business Insider" ha riferito che "almeno 10 candidati al congresso del GOP hanno segnalato il loro sostegno al movimento QAnon"[110].

Il Washington Post ha riferito all'inizio di agosto 2020 che le pubblicità per la campagna di Trump avevano mostrato immagini di sostenitori con prodotti che sponsorizzavano QAnon. Migliaia tra i commenti su YouTube hanno marcato questi dettagli come segni di vittoria[21].

Ad agosto 2020 si segnalano circa 15 dei candidati repubblicani al congresso che hanno preso posizione a sostegno di QAnon[111].

Il New York Times ha scritto che gli aderenti di QAnon erano stati scossi dalla sconfitta di Trump alle elezioni presidenziali del 2020, dopo anni di rassicurazioni sul fatto che Trump avrebbe vinto con una valanga di voti. Alcuni seguaci hanno ripetuto dichiarazioni infondate per cui ci sarebbero state frodi elettorali diffuse e che Trump sarebbe stato effettivamente rieletto, mentre altri hanno iniziato ad accettare la vittoria di Biden[112].

Altri candidati elettorali 2020[modifica | modifica wikitesto]

Jo Rae Perkins, il candidato al Senato repubblicano del 2020 in Oregon, ha twittato un video nella notte della sua vittoria alle primarie di maggio in cui mostra un adesivo con il motto WWG1WGA affermando: "Io sto con il Presidente Trump. Sono con Q e il team. Grazie anons, e grazie patrioti. E insieme, possiamo salvare la nostra repubblica". Successivamente ha espresso rammarico per aver cancellato il video su consiglio di un consulente politico[113][114].

Marjorie Taylor Greene ha vinto un ballottaggio nell'agosto 2020 per diventare la candidata al distretto congressuale della Georgia, pesantemente repubblicano. Qualche mese dopo l'insediamento della presidenza Trump, aveva dichiarato in un video: "C'è un'opportunità irripetibile di rimuovere questa cabala globale di pedofili satanisti, e penso il presidente sia qui per farlo"[115]. Ha rilasciato dichiarazioni razziste e antisemite, che hanno portato leader repubblicani come Kevin McCarthy e Steve Scalise a condannare le sue osservazioni[116][117]. Il presidente Trump ha approvato la sua candidatura il giorno dopo la sua nomina, caratterizzandola come una "futura star repubblicana" e "una vera VINCITRICE!"[118][119]. In seguito a questo avvenimento, il rappresentante repubblicano dell'Illinois Adam Kinzinger ha denunciato QAnon, definendolo un'"invenzione"[120]. Matt Wolking, membro dello staff della campagna di Trump, ha replicato in modo aggressivo a Kinzinger, suggerendo di condannare piuttosto il dossier Steele (un dossier sui rapporti tra Trump e la Russia) e le teorie del complotto promosse dai Democratici[121].

Il 30 giugno 2020 il rappresentante repubblicano degli Stati Uniti Scott Tipton (3º distretto congressuale del Colorado) ha perso, sorprendentemente, una sfida delle primarie contro Lauren Boebert. In un'intervista Boebert ha espresso il suo appoggio a QAnon, ma dopo aver vinto le primarie, ha tentato di prendere le distanze da quelle affermazioni, asserendo di non esserne un seguace[122][123].

Nel settembre 2020, la nuova arrivata politica Lauren Witzke ha sconfitto un candidato approvato dal partito per diventare il candidato repubblicano per il senato degli Stati Uniti nel Delaware. Witzke aveva promosso QAnon su Twitter ed era stata fotografata con indosso una maglietta di Q, sebbene durante la campagna avesse preso le distanze dal movimento. Si è anche definita una "terrapiattista" e in settembre ha definito il suo avversario democratico Chris Coons un "assassino di bambini che odia i cristiani", aggiungendo: "Sono qui per il tuo posto, satanista"[124][125]. Nelle elezioni generali di novembre, Coons ha sconfitto Witzke con un risultato di 59% a 38%[126].

Angela Stanton-King, una candidata sostenuta da Trump in corsa per il seggio alla Georgia House del defunto membro del Congresso John Lewis, ha postato su Twitter che Black Lives Matter è "una copertura importante per la pedofilia e il traffico di umani" e "la tempesta è qui". Stanton-King ha detto a un giornalista che i suoi post non si riferivano a QAnon, affermando che: "Quel giorno pioveva". Le registrazioni meteorologiche non hanno mostrato precipitazioni nella sua zona il giorno del post[127][128].

Boebert è stato eletto al Congresso il novembre successivo[129].

Marjorie Greene ha vinto il seggio alla Camera dei rappresentanti per il distretto 14 della Georgia nelle elezioni del 3 novembre 2020.[130]

Slogan del partito repubblicano del Texas[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2020 il New York Times ha suggerito che il partito repubblicano del Texas aveva scelto un nuovo slogan estrapolato direttamente da QAnon. I funzionari del partito repubblicano del Texas lo hanno fortemente negato e hanno affermato che lo slogan ("We Are the Storm") è stato ispirato ad un passaggio biblico e non ha alcun collegamento con QAnon.[131][132]

Risoluzione del congresso[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 agosto 2020, due membri del camera dei rappresentanti degli Stati Uniti – il democratico Tom Malinowski e il repubblicano Denver Riggleman – hanno presentato una risoluzione bipartisan alla camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, condannando QAnon e rifiutando le sue teorie del complotto[133][134]. Malinowski ha affermato che lo scopo della risoluzione era di ripudiare formalmente "questo pericoloso culto antisemita e cospiratore che secondo l'FBI sta radicalizzando gli americani alla violenza"[133]. La risoluzione sollecitava anche l'FBI, altre forze dell'ordine e le agenzie per la sicurezza nazionale "a continuare a rafforzare la loro attenzione sulla prevenzione della violenza, minacce, molestie e altre attività criminali da parte di estremisti motivati da teorie di cospirazione politica marginale"; e ha incoraggiato la comunità di intelligence degli Stati Uniti "a scoprire qualsiasi supporto straniero, assistenza o amplificazione online che QAnon riceve, così come qualsiasi affiliazione, coordinamento e contatto di QAnon con organizzazioni o gruppi estremisti stranieri che sposano la violenza"[134].

Alla fine di settembre 2020, Malinowski ha ricevuto minacce di morte dai sostenitori di QAnon dopo essere stato accusato ingiustamente di voler proteggere i predatori sessuali. Le minacce verso il membro del congresso sono state promosse da una pubblicità della campagna del National Republican Congressional Committee (NRCC) che affermava falsamente che Malinowski avesse lavorato contro i piani per aumentare la registrazione degli autori di reati sessuali in una legge sul crimine del 2006, mentre stava lavorando come lobbista per Human Rights Watch[135][136][137].

La risoluzione è passata il 2 ottobre con 371 contro 18 voti[134][135]. diciassette repubblicani (inclusi Steve King, Paul A. Gosar e Daniel Webster) e un indipendente (Justin Amash) hanno votato no; Il repubblicano Andy Harris ha votato "presente"[134][135][138]. La risoluzione non ha forza di legge[138]. Prima del voto, Malinowski ha detto alla rivista "Slate", facendo riferimento all'annuncio del NRCC: "Non voglio vedere nessun repubblicano votare contro il fuoco in aula questa settimana e poi continuare a giocare con il fuoco la prossima settimana pubblicando questo tipo di annunci contro i candidati democratici "[139].

Commenti di Donald Trump e personalità collegate[modifica | modifica wikitesto]

Donald Trump[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 2020, durante una conferenza stampa, a Trump è stato chiesto di QAnon e lui ha risposto: "Non so molto del movimento, a parte il fatto di capire che gli piaccio molto. Cosa che apprezzo. Ma non so molto del movimento". Quando i reporter lo hanno incalzato ulteriormente sul significato di QAnon, Trump ha nuovamente elogiato il movimento.[140][141] Sebbene QAnon fosse stato descritto come una potenziale minaccia di terrorismo interno da un ufficio sul campo dell'FBI a Phoenix, Trump ha descritto i suoi sostenitori come "persone che amano il nostro paese".[142][143] Quando un giornalista ha chiesto a Trump se potesse sostenere un'idea secondo la quale egli "stesse segretamente salvando il mondo da questo culto satanico di pedofili e cannibali", ha risposto: "Beh, non ne ho sentito parlare, ma dovrebbe essere una cosa cattiva o una cosa buona?" Il candidato presidenziale Joe Biden ha risposto dicendo che Trump mirava a "legittimare una teoria del complotto che l'FBI ha identificato come una minaccia del terrorismo interno".[4][144]

Il 9 settembre 2019, Trump ha ritwittato un video dall'account Twitter "The Dirty Truth" che sostiene QAnon. Il video presentava il futuro direttore dell'intelligence nazionale John Ratcliffe mentre criticava l'ex direttore dell'FBI James Comey.[145] Poco dopo Natale 2019, Trump ha ritwittato i post di oltre una dozzina di follower QAnon.[146]

Secondo l'analisi condotta da Media Matters e aggiornata al 18 ottobre 2020, Trump ha amplificato la messaggistica su QAnon anche più volte al giorno, ritwittando almeno 265 volte o menzionando 152 account Twitter affiliati a QAnon[147][148].

Il 15 ottobre 2020, quando gli è stata data l'opportunità di denunciare QAnon, durante la sua campagna elettorale in stile "municipio", Trump si è rifiutato di farlo e ha invece sottolineato che QAnon si oppone alla pedofilia[149]. Ha dichiarato di non sapere nient'altro su QAnon e si è rivolto al suo interlocutore, Savannah Guthrie di NBC News, affermando che nessuno può sapere se la premessa della teoria del complotto di QAnon sia vera. "Credono che sia un culto ebraico gestito dallo stato profondo", ha incalzato Guthrie. "No, non lo so. E nemmeno tu lo sai", ha risposto Trump[150].

Mike Pence[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 agosto 2020 il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence ha dichiarato che "non sa nulla" di QAnon, tranne che si tratta di una teoria del complotto che egli respinge "a priori".[151] Ma quando gli è stato chiesto se avrebbe riconosciuto il ruolo dell'amministrazione nel "dare ossigeno" alla teoria, Pence ha scosso la testa e ha risposto: Give me a break ("Ma fatemi il piacere")[151]. Inoltre nell'agosto 2020 Pence ha detto che il problema con la stampa che chiedeva di QAnon e degli apparenti sforzi di tutti ad incoraggiarlo a rispondere fosse che la stampa stava facendo le domande sbagliate ("inseguendo oggetti luccicanti")[152].

Michael Flynn[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2019 fu annunciata per il mese successivo ad Atlanta la Digital Soldiers Conference, un evento il cui scopo era quello di preparare "combattenti patrioti" alla guerriglia sui social media per una prossima "guerra civile digitale". L'annuncio dell'evento mostrava in modo evidente una Q formata da stelle gialle sullo sfondo blu di una bandiera americana. Tra i relatori previsti per l'evento c'erano ex esponenti dell'amministrazione Trump, quali Michael Flynn e George Papadopoulos, nonché Gina Loudon, amica di Trump e membro del suo comitato consultivo per la campagna mediatica, la cantante Joy Villa, e Bill Mitchell, conduttore radiofonico e ardente sostenitore di Trump[153][154]. L'organizzatore dell'evento, Rich Granville, è CEO di Yippi Inc., una società che commercializza il motore di ricerca Yippy che afferma di essere libera dalla censura delle opinioni conservatrici, aveva definito l'evento una "iniziativa di intelligence" con connessioni di alto livello con la Casa Bianca. In quella circostanza ha detto ad un giornalista, "non sai con chi cazzo hai a che fare" e ha negato che il flag Q fosse un riferimento a QAnon, sebbene avesse numerosi riferimenti a QAnon sul proprio account Twitter[155].

Michael Flynn – ex tenente generale, capo della Defense Intelligence Agency ed ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump – ha pubblicato un video online, nel fine settimana del 4 luglio del 2020, in cui si mostra a capo di un piccolo gruppo di persone impegnate in un giuramento simile a quello usato dai membri del Congresso. Alla fine del giuramento, Flynn e il gruppo recitano lo slogan QAnon "Where We Go One, We Go All!".[156] L'apparente dichiarazione di fedeltà di Flynn a QAnon, secondo un'analisi condotta da Media Matters, lo rende l'ex funzionario di governo di più alto livello a sostegno della teoria del complotto, sebbene Trump abbia ritwittato o menzionato almeno 152 account Twitter affiliati a QAnon almeno 265 volte[157][158].

L'avvocato di Flynn, Sidney Powell, ha negato il giuramento relativo a QAnon, affermando che si trattasse semplicemente di una frase incisa su una campana della barca a vela di John F. Kennedy. Tuttavia, nei giorni precedenti numerosi sostenitori di QAnon avevano tenuto un analogo giuramento su Twitter[159][160].

Altri soci di Trump[modifica | modifica wikitesto]

In tre occasioni durante il 2019 e il 2020, il vice capo dello staff e direttore dei social media di Trump Dan Scavino ha twittato meme con il ticchettio dell'orologio utilizzati dai credenti di QAnon per indicare il conto alla rovescia fino a "The Storm"[161]. Anche l'avvocato personale di Trump, Rudy Giuliani, ha occasionalmente ritwittato post con l'hashtag #QAnon e il numero limitato di account che segue (224 a ottobre 2019) molti sono sostenitori di QAnon[148][162].

Suo figlio, Eric Trump, in un tweet dell'estate 2020 (successivamente cancellato), ha promosso la manifestazione di suo padre a Tulsa con l'immagine di una grande Q e lo slogan WWG1WGA[21].

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Identità di "Q"[modifica | modifica wikitesto]

L'identità pseudonima nota come Q è probabilmente controllata da più persone in collaborazione[78].

Per progettazione, gli imageboard anonimi nascondono l'identità dei loro utenti.[78][163] Ma coloro che desiderano mostrare un'identità coerente tra i post rimanendo anonimi possono scegliere di utilizzare un tripcode, che collega un post ad una firma digitale univoca per qualsiasi utente che conosca la password.[164][165] Sono stati creati migliaia di questi post associati ad un tripcode di Q, noto come "Q drop".[165] Il tripcode associato a Q è cambiato più volte, creando incertezza sull'identità dell'artefice.[165] Quando 8chan è tornato online sotto le spoglie di 8kun nel novembre 2019, dopo diversi mesi di inattività a seguito della sparatoria di El Paso del 2019, il post di Q su 8kun ha pubblicato le foto di una penna e di un taccuino che erano stati raffigurati nei precedenti post di 8chan per mostrare la continuazione dell'identità di Q, e ha continuato ad utilizzare lo stesso tripcode.[165]

Ci sono state molte speculazioni sui motivi e sull'identità di Q. Una serie di teorie attribuisce i drop di Q ad un ufficiale dell'intelligence militare, un insider dell'amministrazione Trump, un gioco di realtà alternativa creato dall'organizzazione di puzzle Cicada 3301 od allo stesso Trump[76][166]. Il collettivo italiano di scrittori Wu Ming ha ipotizzato che QAnon sia stato ispirato dal personaggio di Luther Blissett, pseudonimo collettivo che nel corso degli anni Novanta fu usato da persone di sinistra e anarchici per organizzare scherzi, stratagemmi mediatici e bufale di ispirazione situazionista. Nel 1999 Luther Blissett ha anche pubblicato un romanzo intitolato Q, tradotto anche negli Stati Uniti[167][168].

Dato che il tripcode è verificato dal server di 8chan e non riproducibile su altre imageboard, e Q non disponeva di un altro mezzo di comunicazione, non è stato in grado di pubblicare post quando il sito web è andato in crash in seguito alla strage di El Paso[169]. Questo apparente conflitto di interessi, combinato con le dichiarazioni del fondatore di 8chan Fredrick Brennan, l'utilizzo di una spilla a forma di Q da parte del proprietario di 8chan Jim Watkins e l'interesse finanziario di Watkins in un comitato di finanziamento di QAnon pubblicizzato su 8chan hanno portato a una diffusa speculazione sul fatto che Watkins[170] o suo figlio, l'amministratore di 8chan Ron Watkins, conoscano l'identità di Q o siano essi stessi l'utente in questione[165][171][172][173][174]. Alcuni hanno ipotizzato che lo stesso Jim Watkins sia Q[71]. Sia Jim che Ron Watkins negano di conoscere l'identità di "Q"[165][175]. I seguaci di QAnon sono arrivati a riferirsi a Trump come l'identità "Q+".[165]

Un approccio stilometrico basato su algoritmi della società svizzera OrphAnalytics ha fornito la prova che due persone hanno probabilmente scritto i post criptici di Q in periodi diversi di tempo[93][94].

Cause del successo[modifica | modifica wikitesto]

Parte del fascino di QAnon è il suo essere simile a un gioco, in cui i follower tentano di risolvere gli enigmi presentati nei drops collegandoli ai discorsi e ai tweet di Trump e ad altre fonti. Alcuni follower usano un "Q clock" costituito da una ruota di quadranti concentrici per decodificare gli indizi in base al tempismo dei drops e ai tweet di Trump[165].

Travis View, un ricercatore che studia QAnon, afferma che la teoria è "avvincente come un videogioco" e offre al "giocatore" la possibilità accattivante di essere coinvolto in presunti eventi di portata storica. Secondo View, "Puoi sederti al tuo computer e cercare informazioni e poi pubblicare ciò che trovi, e Q sostanzialmente promette che, attraverso questo processo, cambierai radicalmente il paese, realizzerai questa incredibile rivoluzione pacifica, e quindi farai parte di questo movimento storico di cui si scriverà per generazioni". QAnon, afferma View, non compete nel mercato delle idee, ma nel mercato delle realtà.[176]. Roberto Paura ha evidenziato come il successo di QAnon derivi dal meccanismo di inversione tra fatti e finzione proposto dallo studioso del complottismo americano Michael Barkun, per cui temi provenienti dal mondo della fiction (film, serie televisive ecc.) vengono presi per fatti reali; ciò dimostrerebbe "quanto sia ormai avanzato il grado di 'fusione' del confine tra realtà e finzione"[177].

Movimento messianico[modifica | modifica wikitesto]

QAnon può essere meglio inteso come un esempio di ciò che lo storico Richard Hofstadter ha chiamato "The Paranoid Style of American Politics" titolo del suo saggio del 1964, legato al millenarismo religioso e ai movimenti apocalittici. È stato osservato che l'uso nel lessico di QAnon di concetti quali The Storm e The Great Awakening mostrerebbe un esplicito richiamo all'evangelismo americano, in particolare alla narrazione del Diluvio universale e del giorno del giudizio, e al Grande risveglio religioso tra l'inizio del XVIII secolo e la fine del XX secolo. Secondo un video di QAnon, la battaglia tra Trump e "la cabala" è di "proporzioni bibliche", una "lotta per la terra, del bene contro il male". L'imminente resa dei conti a detta di alcuni di QAnon avrà tratti simili alla credenza evangelica nel Rapimento della Chiesa, ossia non solo la fine del mondo presente, ma anche un nuovo inizio, grazie alla salvezza degli "eletti" e all'instaurazione di un'utopia sulla terra per i sopravvissuti[178].

Gli esperti hanno definito l'appeal verso QAnon comparabile a quello verso i culti religiosi. Secondo l'esperto di complottismo Renee DiResta, il modello di attrazione verso QAnon è simile all'ingresso nei culti dell'era pre-Internet dove, quando la persona interessata che si addentrava sempre più a fondo nei segreti del gruppo, finiva per isolarsi sempre più dagli amici e dalla famiglia, considerati estranei al culto e quindi "non eletti". Si sono sviluppati gruppi di supporto online per coloro i cui cari sono stati coinvolti in QAnon, in particolare il subreddit r/qanoncasualties, che è passato da 3 500 partecipanti nel giugno 2020 a 28 000 in ottobre[179]. Nell'era di internet, le comunità virtuali di QAnon hanno poca connessione "reale" tra gli utenti, ma online possono contare su decine di migliaia di sostenitori. Rachel Bernstein, esperta di culti specializzata nella terapia di recupero, ha affermato che "Ciò che un movimento come QAnon farà, e il motivo per cui divamperà come un incendio, è il fatto di far sentire le persone connesse a qualcosa di importante di cui gli altri sono ancora all'oscuro... Tutti i culti imprimono questa sensazione di essere speciali"[180].

Gli aspetti cultisti di QAnon hanno portato alcuni a caratterizzarlo come un possibile nuovo movimento religioso. Adrienne LaFrance su The Atlantic ha dedicato un lungo reportage nel giugno 2020 a QAnon, con il titolo The Prophecies of Q, sostenendo che la teoria del complotto stia assumendo sempre più i contorni di una religione millenarista di ispirazione evangelica, suggerendo che in futuro possa assumere forme simili a quelle degli Avventisti o dei Mormoni[165]. Il ricercatore Marc-André Argentino, nell'ambito dei suoi studi sull'estremismo religioso e la propaganda politica, ha seguito alcuni gruppi QAnon concludendo che il fenomeno sia prossimo a trasformarsi in un movimento carismatico[181]. Secondo Salvatore Stanizzi, i sostenitori di QAnon avrebbero diversi tratti in comune con le sette millenariste medievali studiate dallo storico Norman Cohn nel suo celebre I fanatici dell'Apocalisse (1957): in entrambi i casi, la diffusione di movimenti estremisti sarebbe connessa a fenomeni di instabilità sociale[182]. Secondo Roberto Paura, "QAnon restituisce ottimismo e speranza, analogamente alle grandi religioni organizzate", e il legame tra complottismo e messianesimo religioso la rende "l'idea più pericolosa del mondo"[183].

La disillusione condivisa da alcuni credenti di QAnon ha molti elementi in comune con la disillusione che si verifica nelle sette religiose. Per alcuni, si tratta di un percorso lento per scrollarsi di dosso le credenze del proprio culto, mentre per altri l'isolamento rafforza i benefici ottenuti dall'appartenenza al culto. Secondo il ricercatore Trevis View,

Le persone nella comunità QAnon parlano spesso di alienazione dai familiari e dagli amici… Sebbene in genere si riferiscano a come Q abbia logorato le loro relazioni su gruppi privati su Facebook. Ma pensano che questi problemi siano temporanei e principalmente attribuiscono la colpa ad altri. Spesso si confortano immaginando che arriverà nel prossimo futuro un momento di rivalsa che dimostrerà le loro giuste convinzioni. Immaginano che dopo di ciò, non solo le loro relazioni saranno restaurate, ma le persone si rivolgeranno a loro come leader in grado di comprendere meglio di chiunque altro quello che sta accadendo[184].

Alcuni sostenitori di Q smettono di seguirlo quando riconoscono che il contenuto delle teorie non è auto-coerente o vedono che parte del contenuto è direttamente mirato a ricevere donazioni da un pubblico specifico, come i cristiani evangelici o conservatori. Altri iniziano a guardare video di debunking.

La disillusione può anche provenire dal fallimento delle previsioni delle teorie. Q aveva predetto il successo repubblicano alle elezioni di medio termine degli Stati Uniti del 2018 e affermò che il procuratore generale Jeff Sessions fosse coinvolto in operazioni segrete per conto di Trump, per cui le evidenti tensioni tra loro non sarebbero state che una copertura. Quando i democratici hanno ottenuto significativi successi alle elezioni del 2018 e Trump ha licenziato Sessions, si è verificata un'ondata di disillusione nella comunità Q[185][186]. Un'ulteriore disillusione si è verificata quando gli arresti di massa e le incarcerazioni a Guantanamo previste per il 5 dicembre 2018 contro i nemici di Trump non si sono realizzate, e quando le accuse contro l'ex consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, Michael Flynn, sono state confermate. Per alcuni, questi fallimenti hanno iniziato il processo di separazione dal culto di QAnon, mentre altri hanno sollecitato un'azione diretta sotto forma di insurrezione contro il governo. Simile reazioni a profezie non avveratesi non sono insolite: culti apocalittici come Heaven's Gate, il tempio del popolo, la famiglia Manson e Aum Shinrikyo ricorsero al suicidio di massa o alla strage quando le loro aspettative riguardo alle rivelazioni o all'adempimento delle loro profezie non si materializzarono. Lo psicologo Robert Lifton lo definisce "forzare la fine". Questo fenomeno si nota in alcuni credenti di QAnon[184].

Una famosa seguace di QAnon, Liz Crokin, che nel 2018 propose la teoria che John F. Kennedy Jr. avesse simulato la sua morte e ora sarebbe Q[187], ha dichiarato nel febbraio 2019 di essere furiosa nei confronti di Trump per la mancata reazione contro i presunti membri coinvolti nell'organizzazione degli abusi sessuali di minori, suggerendo che il poco tempo rimasto spinga verso la ricerca di una "giustizia privata"[188].

Antisemitismo[modifica | modifica wikitesto]

La presenza nella teoria QAnon di argomenti contro importanti figure ebraiche come George Soros e i Rothschild è stata descritta dalla rivista ebraica-americana The Forward e dal Washington Post come contente "impressionanti elementi antisemiti" e "sciocchezze banali con sfumature razziste e antisemite"[189][b]. Un articolo dell'agosto 2018 della Jewish Telegraphic Agency affermava che "sebbene non specificamente, alcuni degli elementi archetipici di QAnon – tra cui élite segrete e bambini rapiti, tra gli altri – riflettono teorie del complotto antisemita, sia storiche che attuali"[190].

La Anti-Defamation League (ADL) ha dichiarato che sebbene "la stragrande maggioranza delle teorie del complotto ispirate a QAnon non abbia nulla a che fare con l'antisemitismo", un'analisi dei tweet di QAnon su Israele, ebrei, sionisti, Rothschild e Soros, "ha rivelato alcuni casi preoccupanti" di antisemitismo[191]. Secondo ADL, diversi aspetti della tradizione di QAnon rispecchiano tropi antisemiti di lunga data[192]; ad esempio, la convinzione che una "cabala" globale sia coinvolta in rituali di sacrificio di bambini ha le sue radici nel tropo antisemita medievale dell'accusa del sangue[193] – la teoria secondo cui gli ebrei uccidono i bambini cristiani per scopi rituali – come anche la continua ossessione di QAnon verso un'élite globale di banchieri ha sfumature antisemite[194].

La bufala zarista, "I protocolli dei Savi di Sion", si è intersecato con le teorie del complotto di QAnon, attraverso Mary Ann Mendoza una fan repubblicana di QAnon che ha ritwittato un thread su Twitter sulla famiglia Rothschild, le alte sacerdotesse sataniche e i presidenti americani dicendo che "I protocolli dei Savi di Sion non sono un'invenzione. E certamente non è antisemita sottolineare questo fatto."[195][196] Mendoza, che fa parte del comitato consultivo di Women for Trump e avrebbe dovuto parlare alla convention repubblicana del 2020 fino al momento in cui si sono avute notizie della sua attività su Twitter,[197] in seguito ha negato di conoscere il contenuto del thread, sebbene i riferimenti antisemiti siano apparsi nei primi tweet.[198] Allo stesso modo Trump ha negato di sapere qualcosa riguardo a QAnon ad eccezione del fatto che i fan di QAnon, come lui, "amano il nostro paese".[199]

A inizio 2020 i sostenitori di QAnon stavano avanzando l'idea che le élite di Hollywood si stessero impegnando nella "raccolta di adrenocromo", un processo in cui l'adrenalina viene estratta dal sangue dei bambini per produrre la droga psicoattiva adrenocromo. La raccolta di adrenocromo è radicata nei miti anti umani di accusa del sangue[40][200][201]. I seguaci di QAnon hanno promosso una idea secolare su una cospirazione bancaria internazionale orchestrata dalla famiglia Rothschild[202].

Lo studioso di genocidi Gregory Stanton ha descritto QAnon come un "gruppo Nazi ribattezzato" e le sue teorie come una versione rinominata dei Protocolli dei Savi di Sion.[203][204]

Il consenso sociale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Travis View, che ha studiato il fenomeno QAnon e ne ha scritto ampiamente su The Washington Post, l'essenza della teoria della cospirazione è basata sulla:

«esistenza di una cabala, una congrega mondiale di pedofili che adora Satana e che, praticamente, governa il mondo e controlla ogni cosa. Controlla i politici e controlla i media. Controlla Hollywood e cela in sostanza la propria esistenza. E avrebbe continuato a imperare nel mondo, se non fosse stato per l'elezione del presidente Donald Trump. Secondo questa teoria della cospirazione, Donald Trump è al corrente delle azioni illecite di questa cabala malvagia. Ma uno dei motivi basilari per cui è stato eletto, è quello di porvi fine. Tuttora saremmo all'oscuro di questa battaglia dietro le quinte condotta da Donald Trump e dall'esercito degli Stati Uniti, se non fosse per "Q". E cos'è "Q" – è fondamentalmente un utente che pubblica su 4chan successivamente trasferitosi su 8chan – che, attraverso questi post, rivela dettagli inerenti a questa battaglia segreta dietro le quinte oltre a segreti su quello che la cabala sta facendo, e anche l'ordine degli eventi riguardo agli imminenti arresti di massa.[205]»

Secondo un sondaggio dell'agosto 2018 per il Washington Post, il 58% dei cittadini della Florida aveva abbastanza familiarità con il movimento QAnon per averne un'opinione a riguardo. Tra questi, la maggior parte si dichiara non favorevole: la media dei consensi era appena sopra il 20%[206].

Un sondaggio del Pew Research Center nel 2020 ha invece concluso che il 76% degli americani non ha mai sentito parlare del movimento QAnon. Il 20% ha dichiarato di aver sentito "qualcosa a riguardo", e il 3% ha affermato di "saperne abbastanza"[207][208]. Un sondaggio Pew del settembre 2020 sul 47% degli intervistati che ha affermato di aver sentito parlare di QAnon, ha rilevato che il 41% dei repubblicani e di coloro che propendono per i repubblicani credessero che QAnon fosse un bene per il paese, mentre per il 7% dei democratici e di coloro che li appoggiano credeva questo.[209]

Un sondaggio YahooYouGov dell'ottobre 2020 ha rilevato che, nonostante non avessero sentito parlare di QAnon, la maggioranza dei repubblicani e dei sostenitori di Trump credeva che i democratici di rilievo fossero coinvolti in organizzazioni di traffico sessuale e che più della metà dei sostenitori di Trump lavorasse per smantellare queste organizzazioni[210].

Coinvolgimento nei casi di cronaca[modifica | modifica wikitesto]

L'incidente alla cementeria di Tucson[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2018 un sostenitore americano di QAnon, Michael Meyer, trasmise in streaming su Facebook un video da un cementificio di Tucson, affermando che si trattasse di un campo di detenzione di minori "di cui nessuno vuole parlare, e per cui nessuno vuole fare nulla". Il video ottenne oltre 650.000 visualizzazioni durante la settimana successiva. La polizia di Tucson ispezionò l'impianto senza trovare prove di attività criminale. Meyer occupò quindi una torre all'interno dell'impianto per nove giorni, raggiungendo infine un accordo con la polizia per andarsene. In seguito tornò sulla torre a luglio, dopo di che fu arrestato per aver violato la proprietà. Meyer ha fatto riferimento a QAnon e all'hashtag #WWG1WGA sulla sua pagina Facebook.[211][212][213]

L'incidente alla diga di Hoover[modifica | modifica wikitesto]

Il veicolo blindato di Matthew Wright è stato utilizzato per bloccare un ponte sulla diga di Hoover in Nevada.

Il 15 giugno 2018 Matthew Phillip Wright di Henderson, Nevada, fu arrestato per terrorismo e altre accuse per aver condotto un furgone blindato,[214] contenente un fucile AR-15 e una pistola, sulla diga di Hoover, bloccando il traffico per un'ora e mezza[215]. Wright affermava di essere in missione per QAnon, con lo scopo di costringere il Dipartimento di Giustizia a rilasciare il rapporto completo sulle indagini dell'FBI relative allo scandalo delle e-mail di Hillary Clinton durante il suo mandato come Segretario di Stato[101][216][217]. Dal giorno prima in cui fu rilasciata una copia del rapporto dell'ufficio dell'ispettore generale, l'uomo era stato motivato da un "drop" di Q in cui si affermava che la versione rilasciata fosse stata pesantemente modificata e che Trump possedesse una versione più incriminante ma si fosse rifiutato di pubblicarla. Nel video registrato all'interno del suo camion blindato, Wright esprimeva delusione per il fatto che Trump non avesse onorato il suo "dovere" di "rinchiudere alcune persone", chiedendogli di "mantenere il suo giuramento".[218]

Gli attacchi contro Michael Avenatti[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 luglio 2018 Q pubblicò un link al sito web dell'avvocato Michael Avenatti, legale dell'attrice Stormy Daniels, implicata in una causa giudiziaria contro Donald Trump, insieme a foto dell'edificio dove si trovano i suoi uffici a Newport Beach e al messaggio "Allacciate le cinture!". L'utente anonimo condivise anche l'immagine di un uomo non ancora identificato, che sembrava tenere un cellulare in una mano e un oggetto lungo e sottile nell'altra, mentre era in piedi sulla strada prospiciente l'ufficio di Avenatti, aggiungendo che "era stato inviato" un messaggio. Ciò fece scaturire un'inchiesta da parte del dipartimento di polizia di Newport Beach. Il 30 luglio, Avenatti chiese ai suoi follower su Twitter di contattare il dipartimento di polizia di Newport Beach per chiedere se "avessero qualche dettaglio o tenessero in osservazione" l'uomo nella foto.[219][220][221]

Le molestie di Jim Acosta[modifica | modifica wikitesto]

In una manifestazione a favore di Trump a Tampa, il 31 luglio 2018, i sostenitori di Trump mostrarono un comportamento ostile nei confronti del corrispondente per la Casa Bianca della CNN, Jim Acosta. Esponenti delle teorie legate a QAnon erano alla manifestazione.[222]

Il giorno successivo David Martosko del Daily Mail chiese al portavoce della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders, se la Casa Bianca avesse incoraggiato il sostegno di "frange di QAnon". Sanders replicò che avrebbe denunciato "qualsiasi gruppo che incitasse alla violenza verso un'altra persona", senza fare nessun riferimento a specifico a QAnon[223]. Sanders aggiunse che il presidente Trump "certamente non supporta gruppi che sostengono quel tipo di comportamento"[224][225].

La raccolta fondi della Grass Valley Charter School[modifica | modifica wikitesto]

Un evento di raccolta fondi, il Blue Marble Jubilee, organizzato annualmente dalla Grass Valley Charter School di Grass Valley, in programma l'11 maggio 2019, fu annullato alcuni giorni prima per precauzione dopo un tweet dell'ex capo dell'FBI James Comey. Il 27 aprile, in risposta a un gioco social che girava in quei giorni, in cui si chiedeva, usando l'hashtag #FiveJobsIveHad, di elencare cinque tipi di lavori svolti in passato dagli utenti, Comey elencò i suoi; ma i sostenitori di QAnon interpretarono le prime lettere di ogni riga (GVCSF) della sua risposta come un riferimento alla Fondazione Grass Valley Charter School, suggerendo che Comey avesse in programma di organizzare un attacco terroristico "false flag" durante l'evento; l'hashtag fu anche interpretato dai sostenitori di QAnon come un anagramma di "five jihad" (cinque jihad) e il timestamp del post fu considerato un riferimento agli attacchi dell'11 settembre. La polizia e l'FBI furono informati di questa teoria, decidendo di non correre il rischio che l'evento diventasse un ritrovo di Anons costringendo a un intervento delle forze dell'ordine[226][227].

L'omicidio di Frank Cali[modifica | modifica wikitesto]

Anthony Comello di Staten Island fu accusato nel marzo 2019 dell'omicidio dell'esponente della famiglia criminale Gambino, Frank Cali. Secondo il suo avvocato difensore, Comello era diventato ossessionato dalle teorie di QAnon, credendo che Cali fosse un membro del Deep State, ed era convinto che "stesse godendo della protezione dello stesso presidente Trump" dall'arresto in flagranza di reato. Confrontandosi con Cali fuori dalla sua casa di Staten Island, Comello gli avrebbe sparato dieci volte. Alla sua prima apparizione in tribunale, Comello mostrò simboli e frasi QAnon e lo slogan "MAGA forever" scarabocchiata sulla sua mano a penna[228][229]. Comello aveva anche pubblicato materiale su Instagram elogiando personalità della Fox News note per le loro posizioni alt-right come Sean Hannity, Tucker Carlson e Jeanine Pirro.[230]

La bandiera di Tintagel[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera QAnon che sventolava presso il castello di Tintagel

Nel gennaio 2020 John Mappin (affiliato all'associazione conservatrice filo-trumpiana Turning Point), issò una bandiera con il simbolo di Q fuori all'hotel Camelot Castle nei pressi del castello di Tintagel in Inghilterra. Il gruppo di supporto Hope not Hate ha dichiarato: "Mappin è una figura eccentrica, considerata stravagante anche dai suoi coetanei della frangia di destra. Questo stratagemma infantile è un debole tentativo di attirare l'attenzione su se stesso e sulla sua organizzazione marginale di Turning Point UK, ed è meglio che venga ignorato"[231].

L'arresto di Jessica Prim[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2020 la cittadina americana Jessica Prim è stata arrestata per detenzione non autorizzata di armi in seguito a un suo video trasmesso in streaming in cui dichiarava di voler "eliminare" il candidato alla presidenza degli Stati Uniti Joe Biden. Prim, in possesso di diversi coltelli, è stata arrestata a New York su un molo da cui sembrava aver cercato di raggiungere la nave ospedale della Marina degli Stati Uniti Comfort. QAnon ha affermato che la nave è stata utilizzata da una cabala di pedofili. Durante il suo arresto, è stato riportato che Prim si sia messa a piangere e abbia chiesto alla polizia: "Ragazzi, avete sentito parlare dei bambini?". Prima del suo arresto, Prim aveva pubblicato su Facebook che Hillary Clinton e Biden "devono essere eliminati", scrivendo inoltre che "Hillary Clinton e il suo assistente, Joe Biden e Tony Podesta devono essere fatti fuori in nome di Babilonia!". "Non sono tranquilla se loro sono ancora vivi. Svegliatevi!!!!!". La pagina Facebook di Prim era piena di riferimenti a QAnon. In un video pubblicato poche ore prima del suo arresto, Prim aveva fatto riferimento un presunto video di Hillary Clinton e un suo assistente impegnati nel massacro di un bambino[232].

Le aggressioni in Texas[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto 2020, Cecelia Celeste Fulbright è stata arrestata e accusata di guida in stato di ebbrezza e assalto aggravato con arma mortale a Waco in Texas. Fulbright ha inseguito e speronato un'altra automobile il cui autista ha affermato "era un pedofilo e aveva rapito una ragazza per traffico di esseri umani". Aveva pubblicato molti post online rilevanti sulla teoria di QAnon e aveva inviato un messaggio di testo a un amico in cui affermava con convinzione che il presidente Trump stesse "letteralmente smantellando la cabala e l'organizzazione di pedofili".[192]

La disinformazione sugli incendi negli USA occidentali nel 2020[modifica | modifica wikitesto]

Poiché a settembre del 2020 si sono diffusi incendi in gran parte degli Stati Uniti occidentali, si sono diffuse false voci sui social media secondo cui gli attivisti antifa stessero deliberatamente appiccando incendi e si stessero preparando a saccheggiare le proprietà che erano state evacuate. Alcuni residenti si sono rifiutati di evacuare in seguito alle voci, scegliendo di difendere le loro case dalla presunta invasione. Le autorità hanno implorato i residenti di ignorarle.[233] Un sindacato dei vigili del fuoco nello stato di Washington ha descritto Facebook come "una fogna assoluta di disinformazione" sull'argomento. I sostenitori di QAnon hanno partecipato alla disinformazione, con una falsa affermazione, amplificata in particolar modo da Q, in base alla quale sei attivisti antifa erano stati arrestati per aver appiccato il fuoco.[234][235] Qualche giorno prima, il presidente Trump e il procuratore generale Bill Barr avevano amplificato le false voci dei mesi precedenti sui social media secondo cui aerei e autobus pieni di attivisti antifa si stavano preparando per invadere le comunità, presumibilmente finanziate da George Soros.[236][237][238][239][240][241]

Elezioni presidenziali 2020[modifica | modifica wikitesto]

Adesivo per auto "Q" raffigurante la bandiera degli Stati Uniti, che rappresenta QAnon.

Vicino al Philadelphia's Convention Center, dove si contano le schede elettorali per corrispondenza, due uomini della Virginia sono stati arrestati sulla base di una minaccia di attacco con AR-15. L'adesivo sul loro furgone faceva riferimento a QAnon[242][243].

In seguito alle accuse infondate di frode elettorale che si sono diffuse all'indomani della sconfitta di Trump alle elezioni, i seguaci di QAnon hanno avanzato una bufala secondo cui le macchine per il voto prodotte da Dominion Voting Systems avessero cancellato milioni di voti di Trump. La bufala è stata riportata anche sul canale di notizie via cavo di estrema destra One America News Network, e Trump ne ha twittato[244][245]. La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency ha annunciato che le elezioni sono state le più sicure in tutta la storia americana, "non si evidenziano prove che i sistemi di voto abbiano cancellato, perso, cambiato voti o che siano stati in qualche modo compromessi"[246].

Assalto al Campidoglio degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Ashli ​​Babbitt che è morta durante le proteste presso il Campidoglio degli Stati Uniti, aveva ritwittato un post di L. Lin Wood il giorno della sua morte[247], è stata descritta come una seguace di QAnon[248].

Gli articoli sui mass media[modifica | modifica wikitesto]

I primi riferimenti nei media risalgono a pochi mesi dopo il primo drop di Q. Il 26 novembre 2017 il presidente Donald Trump ha ritwittato dall'account Twitter @MAGAPILL, una sedicente "lista dei risultati ufficiali del presidente Donald Trump" e uno dei principali della teoria del complotto, più di un mese dopo che QAnon ha iniziato a pubblicare post[249]. Il 28 dicembre 2017, la rete televisiva RT, finanziata dal governo russo, trasmise un servizio che parlava di "rivelazioni di QAnon", sostenendo che l'utente anonimo fosse "un agente dell'intelligence segreta all'interno dell'amministrazione Trump"[250]. Sebbene la Russia non fosse coinvolta nelle origini di QAnon, gli account sui social media sostenuti dalla Russia hanno propagato le prime affermazioni di QAnon già a novembre o dicembre 2017[11]. I media statali russi come RT e Sputnik hanno amplificato le teorie di QAnon dal 2019, citandole come prova che gli Stati Uniti fossero lacerati da conflitti e divisioni interne[8][14].

Il 13 marzo 2018, Cheryl Sullenger, il vice presidente del gruppo anti-aborto Operation Rescue, ha definito QAnon un "piccolo gruppo di addetti ai lavori vicino al presidente Donald J. Trump" e ha definito i suoi post su Internet "il più alto livello di intelligence conosciuto che sia mai stato rilasciato pubblicamente nella nostra storia".[251][252] Il 15 marzo 2018, il Rabochaya Gazeta con sede a Kiev, giornale ufficiale del partito comunista ucraino, ha pubblicato un articolo che definisce QAnon un "gruppo di intelligence militare"[253]. Il 31 marzo 2018, l'attrice statunitense Roseanne Barr ha promosso QAnon, successivamente trattata dalla CNN, dal Washington Post e dal New York Times[254][255][256][257].

Anche se inizialmente gli esponenti alt-right Alex Jones e Jerome Corsi avevano promosso QAnon, nel maggio 2018 il sito Right Wing Watch ha reso noto che ne avrebbero preso le distanze, dichiarando che la fonte in quel momento era stata "completamente compromessa"[258]. Ma nell'agosto 2018, Corsi ha cambiato idea e ha dichiarato che avrebbe commentato e seguito QAnon quando Q avrebbe fornito notizie, aggiungendo che finora Q stesse svolgendo un ottimo servizio[259].

Il 28 giugno 2018, un articolo della rivista Time ha inserito Q nella lista delle 25 persone più influenti su Internet del 2018. Time ha citato l'ampia portata della teoria del complotto e dei suoi follower più importanti, gli oltre 130 000 video di discussione su YouTube e la copertura delle notizie[260].

Il 1º agosto 2018, in seguito alla grande presenza dei QAnon al raduno di Trump del 31 luglio a Tampa,[261] MSNBC news ha dedicato una parte delle trasmissioni televisive alla teoria del complotto[262][263][264]. Il giorno seguente PBS NewsHour mandava in onda un servizio dedicato alla teoria[265].

Il 2 agosto 2018, l'editorialista del Washington Post Molly Roberts ha dichiarato: "La tempesta che i complottisti di QAnon predicono non accadrà mai perché la teoria che li ossessiona non esiste. Ma nell'attesa, cercheranno di sollevare polveroni e noi lotteremo per trovare riparo"[266].

Il 4 agosto 2018, l'ex portavoce della Casa Bianca Sean Spicer è stato invitato a commentare la teoria di QAnon durante una sessione ask me anything su Reddit. In risposta alla domanda "Q esiste?", Spicer ha risposto "no"[267].

La stampa italiana ha iniziato a interessarsi di QAnon nel corso del 2018. La rivista di approfondimento Sette del Corriere della Sera ha dedicato nell'agosto 2018 un servizio di Giuseppe Sarcina dal titolo Questi chi sono? ai di QAnon, definita "l’ultima novità nel sempre ricco assortimento americano di cospiratori, logge, camarille, conventicole, sette e società segrete", ma affermando che "in verità, finora c'è stato più rumore che pericolo"[268]. Nello stesso mese il quotidiano La Repubblica pubblicava sul suo inserto estivo "Fuoricampo", la traduzione di un articolo di Antonia Laborde di El Pais con il titolo Storia di QAnon, il complottismo più inquietante d'America[269]. Anche Panorama ha dedicato nell'agosto 2018 un servizio dal titolo Che cos'è la teoria cospirazionista QAnon[270]. Secondo Il manifesto, QAnon sarebbe il prodotto naturale del trumpismo, "fondato sulla falsità recidiva coltivata da un presidente che ha predicato la sua ascesa politica sulla calunnia del falso certificato di nascita di Obama – e che una volta in carica ha fatto della menzogna (twittata o affidata ai portavoce) il cardine della propria amministrazione"[271].

Nell'ottobre 2018 Wu Ming 1 ha pubblicato un lungo approfondimento in due parti su QAnon e sulle teorie del complotto su Internazionale, suggerendo anche che Q possa essere un riferimento al romanzo di Luther Blissett Q (1999), quindi una sorta di gioco per depistare gli utenti e diffondere notizie false[272].

Reazioni delle piattaforme online[modifica | modifica wikitesto]

Etsy[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 ottobre 2020 è stato annunciato che Etsy avrebbe rimosso tutti i prodotti correlati a QAnon dal proprio sito e-commerce[273].

Facebook[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 luglio 2018, il partito repubblicano della contea di Hillsborough ha condiviso sui suoi account ufficiali Facebook e Twitter un video di YouTube su QAnon, definendolo un "misterioso informatore anonimo delle mosse del Deep State e delle contromosse del presidente Trump". I post sono stati in seguito eliminati[274].

Il 5 maggio 2020, Facebook ha annunciato la rimozione di 5 pagine, 20 account e 6 gruppi collegati a "individui associati alla rete QAnon" secondo un'indagine su "comportamenti coordinati sospetti non corretti" in vista delle elezioni presidenziali di novembre[275][276].

Il 19 agosto, Facebook ha ampliato la sua politica sugli individui e le organizzazioni pericolose per affrontare "i movimenti in crescita che, pur non organizzando direttamente la violenza, hanno celebrato atti violenti, hanno dimostrato di avere armi e suggerire che le useranno o hanno singoli seguaci con schemi comportamentali di violenza." Come risultato di questa maggiore vigilanza, Facebook ha riferito di aver già rimosso da Facebook oltre 790 gruppi, 100 pagine e 1 500 annunci legati a QAnon, bloccato oltre 300 hashtag su Facebook e Instagram, e inoltre imposto restrizioni su oltre 1 950 gruppi e 440 pagine su Facebook e oltre 10 000 account su Instagram[8][277][278][279][280].

Il 6 ottobre Facebook ha vietato tutti i gruppi e le pagine di QAnon. Quel giorno, i seguaci di QAnon hanno ipotizzato che l'azione facesse parte di una complessa strategia dell'amministrazione Trump per iniziare ad arrestare i suoi nemici, o che Facebook stesse tentando di mettere a tacere le notizie di questo evento – nessuna delle due teorie era vera. Alcuni seguaci hanno ipotizzato che l'annuncio del dipartimento di giustizia di una conferenza stampa sulla "sicurezza nazionale" prevista per il giorno successivo si riferisse alle accuse contro i democratici, inclusa Hillary Clinton. Il Dipartimento di Giustizia ha infatti annunciato le indagini e l'arresto di membri dello Stato Islamico[281].

QDrops[modifica | modifica wikitesto]

Un'app chiamata "QDrops" che promuoveva la teoria del complotto è stata pubblicata su App Store di Apple e Google Play. È diventata l'app a pagamento più popolare nella sezione "intrattenimento" del negozio online di Apple ad aprile 2018 e la decima app a pagamento più popolare in assoluto. Il 15 luglio 2018, Apple ha ritirato l'app dopo un'inchiesta da parte di NBC News[282].

Reddit[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo 2018, Reddit ha vietato a una delle sue comunità, /r/CBTS_Stream, di discutere di QAnon, perché avrebbe violato il divieto di "incoraggiamento o incitamento alla violenza e pubblicazione di informazioni personali e riservate" previsto dalla piattaforma[283]. Successivamente, alcuni follower di Reddit si sono trasferiti su Discord[284]. Su Reddit si sono formate diverse altre comunità per discutere di QAnon, portando a ulteriori divieti il 12 settembre 2018 per "incitamento alla violenza, alle molestie e alla diffusione di informazioni personali", cosa che ha spinto migliaia di aderenti a raggrupparsi su Voat[285], un clone di Reddit con sede in Svizzera descritto come un hub per l'alt-right[286][287].

Twitter[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del 2019, Twitter ha rimosso gli account sospettati di essere collegati all'Internet Research Agency russa che aveva diffuso un alto volume di tweet associati a #QAnon e che utilizzavano anche lo slogan #WWG1WGA.[8][288].

Il 9 settembre 2019, Trump ha ritwittato un video dall'account di promozione di QAnon, "The Dirty Truth". Il video mostrava il futuro direttore dell'Intelligence Nazionale John Ratcliffe mentre criticava l'ex direttore dell'FBI James Comey[289]. Nel dicembre 2019, Trump ha ritwittato i post di oltre una dozzina di sostenitori di QAnon[290].

Nel corso della campagna per le elezioni 2020, Trump avrebbe ritwittato o menzionato su Twitter 152 account legati a QAnon per un totale di 265 tweet, dati aggiornati al 18 ottobre 2020[147][148].

Il 21 luglio 2020, Twitter ha annunciato la decisione di cancellare oltre 7000 account correlati a QAnon a causa dell'intensificazione coordinata di fake news e teorie del complotto. In un comunicato stampa, Twitter ha dichiarato: "Siamo stati chiari sul fatto che adotteremo forti misure nei confronti di comportamenti che possono potenzialmente causare danni offline. In linea con questo approccio, questa settimana stiamo intraprendendo ulteriori azioni sulla cosiddetta attività di "QAnon" all'interno del servizio". Twitter ha anche dichiarato che analoghe azioni potrebbero applicarsi a oltre 15.000 profili[291][292].

YouTube[modifica | modifica wikitesto]

In un'intervista del 12 ottobre 2020 alla CNN, il CEO di YouTube Susan Wojcicki ha affermato che gran parte del materiale di QAnon era un "contenuto limite" che non infrangeva esplicitamente le regole esistenti, ma ha dichiarato espressamente che i cambiamenti nella metodologia del sito per i consigli avebbero ridotto la visibilità dei contenuti correlati a QAnon dell'80 percento[293]. Tre giorni dopo, la società ha annunciato in un post sul blog di aver modificato le sue politiche di odio e molestie per bloccare "i contenuti che prendono di mira un individuo o un gruppo con teorie del complotto utilizzate per giustificare la violenza nel mondo reale" come QAnon o Pizzagate[294][295]. L'azienda specifica che consentirebbe comunque il contenuto che discute di QAnon se non si rivolge a individui[296].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Informative
  1. ^ Il termine originariamente si riferiva all'utente anonimo auto-identificato come "Q", ma alcuni media hanno iniziato a utilizzare il termine composto "QAnon" per metonimia come termine collettivo per indicare la teoria della cospirazione o la comunità che la guida e la discute.
  2. ^ Mentre Wikipedia definisce la parola "antisemitismo", alcune fonti e citazioni associate possono definire la parola "anti-semitismo" o "anti-Semitismo".
Riferimenti
  1. ^ (EN) Howard Altman, Double trouble for Broward deputy: One patch for QAnon conspiracy, another for his SWAT team, in Tampa Bay Times, 5 dicembre 2018. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  2. ^
  3. ^ Stefano Dalla Casa, Che cos'è Qanon, la teoria del complotto del momento, in Wired, 4 agosto 2018. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 1º settembre 2020).
  4. ^ a b (EN) Kevin Liptak CNN, Trump embraces QAnon conspiracy because 'they like me', su CNN. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  5. ^ Chine Labbe, Virginia Padovese, Marie Richter, Anna-Sophie Harling, QAnon: le teorie del complotto del Deep State si fanno strada in Europa, in NewsGuard, 21 luglio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 14 agosto 2020).
  6. ^ (EN) Europe’s QAnon followers embrace US election conspiracy theories, su Politico, 6 novembre 2020. URL consultato il 10 novembre 2020.
  7. ^ Michele A.G. Iaccarino, Tommaso Rodano, La delirante teoria pro Trump è in Italia. E flirta con Salvini, in Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  8. ^ a b c d (EN) Joseph Menn, Russian-backed organizations amplifying QAnon conspiracy theories, researchers say, in Reuters, 24 agosto 2020. URL consultato l'8 ottobre 2020 (archiviato il 16 settembre 2020).
  9. ^ (EN) Jamie Ross, Russia-Backed Twitter Accounts Pushed QAnon Theory Right From Its Start, Says Report, su The Daily Beast, 2 novembre 2020. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) Russian troll accounts purged by Twitter pushed Qanon, other conspiracies, su NBC News. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  11. ^ a b c (EN) Joseph Menn, QAnon received earlier boost from Russian accounts on Twitter, archives show, in Reuters, 2 novembre 2020. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  12. ^ (EN) Congressman Krishnamoorthi Requests Information From DNI Ratcliffe On Russian Use QAnon In Disinformation Efforts, su Congressman Raja Krishnamoorthi, 19 ottobre 2020. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  13. ^ (EN) Russian Trolls Spread Baseless Conspiracy Theories Like Pizzagate And QAnon After The Election, su BuzzFeed News. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  14. ^ a b (EN) Julia Davis, Russia Using QAnon Conspiracies to Help Get Trump Re-Elected, in The Daily Beast, 24 agosto 2020. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  15. ^ Paris Martineau, The Storm Is the New Pizzagate – Only Worse, in New York Magazine, 19 dicembre 2017, ISSN 0028-7369 (WC · ACNP). URL consultato il 26 marzo 2018 (archiviato il 25 marzo 2018).
  16. ^ (EN) Who is behind the Qanon conspiracy? We've traced it to three people, su NBC News. URL consultato il 23 luglio 2020 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  17. ^ Salvatore Stanizzi, La genesi di QAnon, in Orwell, 15 giugno 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 20 giugno 2020).
  18. ^ (EN) Brian Feldman, The Mueller Report May Be Done, But We’ll Always Have the Threads, in Intelligencer, 11 marzo 2019. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 16 giugno 2020).
  19. ^ (EN) Ryan Flanagan, Michael Flynn takes QAnon oath in Fourth of July video, in CTV News, 6 luglio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 16 agosto 2020).
  20. ^ (EN) Julia Davis, Russia Using QAnon Conspiracies to Help Get Trump Re-Elected, in The Daily Beast, 24 agosto 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato il 6 ottobre 2020).
  21. ^ a b c (EN) Isaac Stanley-Becker, How the Trump campaign came to court QAnon, the online conspiracy movement identified by the FBI as a violent threat, in Washington Post, 2 agosto 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato l'8 ottobre 2020).
  22. ^ (EN) EJ Dickson, QAnon Followers Think JFK Jr. Is Coming Back on the 4th of July, in Rolling Stone, 3 luglio 2019. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 14 maggio 2020).
  23. ^ Antonio Leonardo Montuoro, QAnon. Non è Trump a tirare le fila. Con la Teo Intelligence si alza il velo sul Piano e sulla Tempesta: “The Plan” e “The Storm”, in MediterraneanNews, 12 maggio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 23 agosto 2020).
  24. ^ (EN) Asawin Suebsaeng, Lachlan Markay e Will Sommer, This July 4th Has Everything: Tanks, Trump—and Scandal, in The Daily Beast, 4 luglio 2019. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 14 maggio 2020).
  25. ^ (EN) E. J. Dickson, QAnon Followers Think JFK Jr. Is Coming Back on the 4th of July, su rollingstone.com, 3 luglio 2019. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 14 maggio 2020).
  26. ^ (EN) There is a bizarre conspiracy theory called QAnon. Here's what it actually is, su The Independent, 29 marzo 2019. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 4 ottobre 2020).
  27. ^ (EN) There is a bizarre conspiracy theory called QAnon. Here's what it actually is, su The Independent, 29 marzo 2019. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  28. ^ (EN) What is the QAnon conspiracy theory?, su www.cbsnews.com. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 2 ottobre 2020).
  29. ^ Roberto Paura, L'idea più pericolosa del mondo, in Futura Network, 8 giugno 2020. URL consultato il 18 agosto 2020.
  30. ^ (EN) What Are Anons? How the Term Has Gone Mainstream, su The Daily Dot, 15 settembre 2019. URL consultato il 4 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2020).
  31. ^ (EN) Jane Coaston, #QAnon, the scarily popular pro-Trump conspiracy theory, explained, su Vox, 2 agosto 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 16 settembre 2018).
  32. ^ (EN) Jason Reed, QAnon: All Times QAnon Predictions Failed to Come Through, su The Daily Dot, 21 aprile 2020. URL consultato il 18 ottobre 2020 (archiviato il 27 settembre 2020).
  33. ^ (EN) A Guide to QAnon, the New King of Right-Wing Conspiracy Theories, su www.vice.com. URL consultato il 28 settembre 2020 (archiviato il 26 settembre 2020).
  34. ^ (EN) Michael Edison Hayden, How "the storm" became the biggest fake news story of 2018 | Analysis, su Newsweek, 1º febbreio 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  35. ^ (EN) The QAnon Conspiracy Is the Oldest Scam Out There, su The Daily Dot, 19 marzo 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 2 ottobre 2020).
  36. ^ (HU) Attyla Király, Trump támogatói között elkezdett terjedni, hogy az elnök az Egyesült Államokat irányító sátánista pedofilok ellen harcol, su 444, 7 agosto 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato l'11 ottobre 2020).
    «Trump supporters have started to spread their belief that the President fights against Satanist pedophiles who govern the United States».
  37. ^ (EN) Will Sommer, What Is QAnon? The Craziest Theory of the Trump Era, Explained, in The Daily Beast, 7 luglio 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 17 settembre 2018).
  38. ^ (EN) Isaac Stanley-Becker, ‘We are Q’: A deranged conspiracy cult leaps from the Internet to the crowd at Trump’s ‘MAGA’ tour, in Washington Post, 1º agosto 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 9 febbraio 2020).
  39. ^ (EN) Avi Selk e Abby Ohlheiser, How QAnon, the conspiracy theory spawned by a Trump quip, got so big and scary, in Washington Post, 1º agosto 2018. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  40. ^ a b (EN) Tarpley Hitt, ‘Adrenochrome’: QAnon’s Imaginary Drug Hollywood Is ‘Harvesting’ From Kids, in The Daily Beast, 14 agosto 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato l'11 ottobre 2020).
  41. ^ (EN) Making sense of QAnon: What lies behind the conspiracy theory that's eating America?, su Salon, 30 agosto 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 10 ottobre 2020).
  42. ^ (EN) Brian Friedberg, The Dark Virality of a Hollywood Blood-Harvesting Conspiracy, in Wired, 31 luglio 2020. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 15 agosto 2020).
  43. ^ (EN) Avi Selk, How QAnon, the conspiracy theory spawned by a Trump quip, got so big and scary, su Washington Post. URL consultato il 7 agosto 2018 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  44. ^ Salvatore Stanizzi, I seguaci di QAnon, su Orwell. URL consultato il 18 agosto 2020 (archiviato il 3 agosto 2020).
  45. ^ (EN) Michael Michael Grothaus, QAnon's "codes" are probably just random typing, says researcher, in Fast Company, 15 agosto 2018. URL consultato il 16 agosto 2018 (archiviato il 14 dicembre 2019).
  46. ^ (EN) Jared Holt, A New Wave Of 'QAnon' Activists Emerge From The Cult Of MAGA, in Right Wing Watch, 9 luglio 2018. URL consultato il 21 settembre 2018 (archiviato il 12 settembre 2018).
  47. ^ a b (EN) Walter Kirn, The Wizard of Q, in Harper's Magazine, Giugno 2018. URL consultato il 27 dicembre 2018 (archiviato il 7 giugno 2019).
  48. ^ (EN) Jane Coaston, #QAnon, the scarily popular pro-Trump conspiracy theory, explained, su Vox, 2 agosto 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 16 settembre 2018).
  49. ^ Massimo Polidoro, Il mondo sottosopra, Milano, Piemme, 2019.
  50. ^ (EN) District of Columbia 1100 Connecticut Ave NW Suite 1300B Washington, Dc 20036, No, drinking bleach will not ward off coronavirus, su politifact.com, 30 gennaio 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 6 ottobre 2020).
  51. ^ (EN) Will Sommer, QAnon-ers’ Magic Cure for Coronavirus: Just Drink Bleach!, in The Daily Beast, 28 gennaio 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 10 febbraio 2020).
  52. ^ (EN) Tom Porter, QAnon conspiracy theorists are telling people to drink bleach as a cure against the deadly Wuhan coronavirus, su Business Insider, 29 gennaio 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 12 ottobre 2020).
  53. ^ (EN) Matt Stieb, QAnon Influencers Are Encouraging Followers to Drink Bleach to Avoid Coronavirus, su Intelligencer, 28 gennaio 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 10 ottobre 2020).
  54. ^ (EN) E. J. Dickson, E. J. Dickson, What Is #SaveTheChildren and Why Did Facebook Block It?, su Rolling Stone, 12 agosto 2020. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 1º settembre 2020).
  55. ^ (EN) Daniel Funke, PolitiFact - QAnon, Pizzagate conspiracy theories co-opt #SaveTheChildren, su PolitiFact, 12 agosto 2020. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato il 15 agosto 2020).
  56. ^ (EN) Missing Children Statistics, su www.missingkids.org, National Center for Missing & Exploited Children. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  57. ^ (EN) QAnon's 'Save the Children' morphs into popular slogan, su AP NEWS, 28 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  58. ^ (EN) Facebook is limiting distribution of ‘save our children’ hashtag over QAnon ties, su TechCrunch. URL consultato il 12 novembre 2020.
  59. ^ (EN) A new phenomenon as QAnon conspiracy spreads: Nationwide #SavetheChildren rallies, su NBC News. URL consultato il 12 novembre 2020.
  60. ^ (EN) Shanti Das, Far-right US cult QAnon finds a ready ear in Britain, in The Sunday Times, 20 settembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2020).
  61. ^ (EN) Tarpley Hitt, Inside QAnon’s Bizarre Hollywood Invasion, in The Daily Beast, 27 agosto 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  62. ^ (EN) Alex Hern, Facebook, QAnon and the world's slackening grip on reality, in The Guardian, 11 novembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  63. ^ (EN) Colleen Shalby, How Seth Rich's death became an Internet conspiracy theory, in Los Angeles Times, 24 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2017).
  64. ^ (EN) Paul Farhi, A conspiratorial tale of murder, with Fox News at the center, in The Washington Post, 17 maggio 2017. URL consultato il 18 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2017).
  65. ^ (EN) Kim LaCapria, Is Comet Ping Pong Pizzeria Home to a Child Abuse Ring Led by Hillary Clinton?, Snopes.com, 2 dicembre 2016.
  66. ^ (EN) Who is behind the Qanon conspiracy? We've traced it to three people, su NBC News. URL consultato il 4 maggio 2020 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  67. ^ a b c d e f g (EN) The Making of QAnon: A Crowdsourced Conspiracy, su bellingcat, 7 gennaio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  68. ^ (EN) QAnon Key Figure Revealed as Financial Information Security Analyst from New Jersey, su www.logically.ai. URL consultato l'11 settembre 2020 (archiviato l'11 settembre 2020).
  69. ^ a b (EN) QAnon Website Shuts Down After N.J. Man Identified as Operator, in Bloomberg.com, 11 settembre 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 12 ottobre 2020).
  70. ^ (EN) As QAnon grows its influence, Q is urging followers to obscure the movement’s origins, su The Millennial Source, 22 settembre 2020. URL consultato il 26 settembre 2020 (archiviato il 5 ottobre 2020).
  71. ^ a b (EN) Did an IP address accidentally reveal QAnon's identity?, su The Daily Dot, 28 agosto 2020. URL consultato il 25 settembre 2020 (archiviato il 29 agosto 2020).
  72. ^ (EN) Michael Edison Hayden, How 'the Storm' Became the Biggest Fake News Story of 2018, in Newsweek, 1º febbraio 2018, ISSN 0028-9604 (WC · ACNP). URL consultato il 5 aprile 2018 (archiviato il 26 gennaio 2020).
  73. ^ (EN) QAnon is the conspiracy theory that won't die, su Salon, 18 agosto 2019. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 12 febbraio 2020).
  74. ^ a b c d e (EN) Brandy Zadrozny e Ben Collin, How three conspiracy theorists took 'Q' and sparked Qanon, in NBC News, 8 agosto 2018. URL consultato l'11 novembre 2019 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  75. ^ a b (EN) One year later, had the QAnon movement finally passed?, su The Daily Dot, 29 ottobre 2018. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 26 settembre 2020).
  76. ^ a b (EN) Philip Bump, Analysis | Why the QAnon conspiracy is the natural culmination of the Trump era, in Washington Post, 1º agosto 2018. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 9 ottobre 2020).
  77. ^ (EN) Qurious About QAnon? Get the Facts About This Dangerous Conspiracy Theory, su Snopes.com. URL consultato il 22 settembre 2020.
  78. ^ a b c (EN) Gwynedd Stuart, Inside QAnon, the Conspiracy Cult that's Devouring America, su Los Angeles Magazine, 17 agosto 2020. URL consultato il 22 agosto 2020 (archiviato il 21 agosto 2020).
  79. ^ (EN) Elise Thomas, Qanon Deploys 'Information Warfare' to Influence the 2020 Election, in Wired, 17 febbraio 2020. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato l'11 settembre 2020).
  80. ^ Margaret Sullivan, As the bizarre QAnon group emerges, Trump rallies go from nasty to dangerous, in Washington Post, 1º agosto 2018. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato l'8 ottobre 2020).
  81. ^ (EN) QAnon conspiracies go global in pandemic 'perfect storm', su France 24, 6 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  82. ^ (EN) Katrin Bennhold, QAnon Is Thriving in Germany. The Extreme Right Is Delighted., in The New York Times, 11 ottobre 2020. URL consultato il 12 ottobre 2020 (archiviato il 12 ottobre 2020).
  83. ^ (EN) Joel Dryden, How conspiracies like QAnon are slowly creeping into some Canadian churches | CBC News, in CBC, 27 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  84. ^ (EN) Emma McIntosh, America’s QAnon problem is infecting Canada. What should we do about it?, su National Observer, 15 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  85. ^ (EN) Adam Kovac, How Canada became one of the world's biggest hubs for QAnon conspiracy theories, su montreal.ctvnews.ca, 3 novembre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  86. ^ (EN) Ben Quinn, One in four Britons believe in QAnon-linked theories – survey, in The Guardian, 21 ottobre 2020. URL consultato il 12 novembre 2020.
  87. ^ (EN) David Lawrence e Gregory Davis, QAnon in the UK – The Growth Of A Movement (PDF), Ottobre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020.
  88. ^ (ES) Arturo Wallace, QAnon en América Latina: cómo y por qué grupos asociados a esta polémica teoría conspirativa se han multiplicado en la región, in BBC News Mundo, 28 agosto 2020. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  89. ^ (ES) Andrés Zimbrón, Por qué se ha propagado más el movimiento QAnon en Latinoamérica, su NotiPress, 31 agosto 2020. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  90. ^ (ES) Sofía Chinchilla Cerdas, QAnon, la teoría conspirativa, recluta seguidores en Costa Rica, su La Nación, Grupo Nación. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  91. ^ (ES) Fernando Labrados, ¿Qué es QAnon?, su www.efe.com, 23 novembre 2020. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  92. ^ (ES) Verifica RTVE, Qanon en España: desinformación sobre política y salud, su RTVE.es, 23 settembre 2019. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  93. ^ a b (EN) David Gilbert, QAnon's Mysterious Leader 'Q' Is Actually Multiple People, su www.vice.com. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  94. ^ a b (EN) Style analysis by machine learning reveals that two authors likely shared the writing of QAnon's messages at two different periods in time. | OrphAnalytics SA, su orphanalytics.com. URL consultato il 16 dicembre 2020.
  95. ^ a b (EN) Exclusive: FBI document warns conspiracy theories are a new domestic terrorism threat, su news.yahoo.com. URL consultato il 17 settembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  96. ^ (EN) Zack Budryk, FBI memo warns QAnon poses potential terror threat: report, su TheHill, 1º agosto 2019. URL consultato il 17 settembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  97. ^ a b (EN) Jana Winter, Exclusive: FBI document warns conspiracy theories are a new domestic terrorism threats, su Yahoo! News, 1º agosto 2019. URL consultato il 7 agosto 2019 (archiviato il 7 agosto 2019).
  98. ^ (EN) Zack Budryk, FBI memo warns QAnon poses potential terror threat: report, The Hill, 1º agosto 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  99. ^ (EN) Kelly Weill, QAnon Says FBI Labeling Them a Terror Threat Just Proves There's a Deep-State Conspiracy Against Them, su The Daily Beast, 2 agosto 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato l'11 giugno 2020).
  100. ^ (EN) Philip Bump, Hours after an FBI warning about QAnon is published, a QAnon slogan turns up at Trump’s rally, in Washington Post, 2 agosto 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 2 gennaio 2020).
  101. ^ a b (EN) Justin Bank, Liam Stack e Daniel Victor, What Is QAnon: Explaining the Internet Conspiracy Theory That Showed Up at a Trump Rally, in The New York Times, 1º agosto 2018. URL consultato il 25 agosto 2018 (archiviato l'11 febbraio 2020).
  102. ^ (EN) Will Sommer e Asawin Suebsaeng, Trump Meets QAnon Kook Who Believes Dems Run Pedophile Cult, in The Daily Beast, 24 agosto 2018. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 30 settembre 2020).
  103. ^ (EN) Kyle Feldscher, QAnon-believing 'conspiracy analyst' meets Trump in the White House, in CNN, 25 agosto 2018. URL consultato il 25 agosto 2018 (archiviato il 19 dicembre 2019).
  104. ^ (EN) Kevin Roose, Trump Rolls Out the Red Carpet for Right-Wing Social Media Trolls, in The New York Times, 10 luglio 2019. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato l'11 febbraio 2020).
  105. ^ (EN) Alison Durkee, Trump’s “Social Media Summit” Is a Far-Right Troll Convention, in Vanity Fair, 8 luglio 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 12 luglio 2019).
  106. ^ Will Sommer, A QAnon Believer Is Running for Congress and Is Currently Unopposed in His Republican Primary, in The Daily Beast, 10 aprile 2019. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 15 giugno 2020). Ospitato su www.thedailybeast.com.
  107. ^ 2020MNCongress, Minnesota District 5, I'm challenging @IlhanMN for this seat, to serve the great men, women and children. I will fight for everyone's voice to be heard. http://stella2020.com #Stella2020 #StandUnited #IlhanMustGo (Tweet), su Twitter, July 22, 2019 (archiviato dall'url originale il July 23, 2019).
  108. ^ Will Sommer, Rep. Ilhan Omar's Republican Challenger Appears to be a QAnon Conspiracy Theorist, in The Daily Beast, 23 luglio 2019. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 12 giugno 2020). Ospitato su www.thedailybeast.com.
  109. ^ (EN) Philip Bump, QAnon supporters claim they were censored at Trump's New Hampshire rally, The Washington Post, 16 agosto 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  110. ^ Tom Porter, The Trump campaign relies on a huge network of QAnon accounts to spread conspiracy theories and disinformation, data shows, su Business Insider, 11 luglio 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  111. ^ Mario Del Pero, Qanon e la politica della cospirazione, su Treccani, 23 luglio 2020. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato l'8 settembre 2020).
  112. ^ (EN) Kevin Roose, Shocked by Trump’s Loss, QAnon Struggles to Keep the Faith, in The New York Times, 10 novembre 2020. URL consultato il 17 novembre 2020.
  113. ^ (EN) Jo Rae Perkins [@PerkinsForUSSen], #WWG1WGA #PerkinsForUSSenate #Oregon (Tweet), su Twitter, 19 maggio 2020. URL consultato il 20 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2020).
  114. ^ (EN) Joan E. Greve, Republican QAnon conspiracy promoter picked to run for US Senate, in The Guardian, 21 maggio 2020. URL consultato il 18 giugno 2020 (archiviato il 14 giugno 2020).
  115. ^ (EN) QAnon Supporter Who Made Bigoted Videos Wins Ga. Primary, Likely Heading To Congress, su NPR.org. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato il 17 agosto 2020).
  116. ^ (EN) House Republican leaders condemn GOP candidate who made racist videos, su POLITICO. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato il 12 agosto 2020).
  117. ^ (EN) Nicholas Reimann, A QAnon Follower May Win This U.S. Congressional Seat, su Forbes. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato il 15 agosto 2020).
  118. ^ (EN) Trump endorses QAnon conspiracy theorist after Republican primary win, su The Independent, 12 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 18 agosto 2020).
  119. ^ (EN) Donald J. Trump [@realDonaldTrump], A tweet of President Trump's (Tweet), su Twitter.
  120. ^ (EN) Jason Lalljee, Republican lawmaker slams far-right conspiracy theory QAnon. Trump's team fires back., su USA TODAY. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato il 15 agosto 2020).
  121. ^ (EN) Andrew Solender, Top Trump Campaign Staffer Slams GOP Congressman After He Calls QAnon A ‘Fabrication’, su Forbes. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato il 17 agosto 2020).
  122. ^ (EN) Grace Panetta, GOP Congressman Scott Tipton was defeated by right-wing primary challenger Lauren Boebert in Colorado's 3rd congressional district, su Business Insider. URL consultato il 1º luglio 2020 (archiviato il 2 luglio 2020).
  123. ^ (EN) Who is Lauren Boebert, the QAnon sympathizer who won a Republican primary?, su the Guardian, 1º luglio 2020. URL consultato il 13 agosto 2020 (archiviato il 13 agosto 2020).
  124. ^ (EN) Randall Chase, Republican nominee for US Senate in Delaware has repeatedly promoted QAnon conspiracy theory, once called self ‘flat earther’, su chicagotribune.com. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 9 ottobre 2020).
  125. ^ (EN) Elizabeth Williamson, In Biden’s Home State, Republican Centrism Gives Way to the Fringe, in The New York Times, 4 ottobre 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 7 ottobre 2020).
  126. ^ (EN) Madison Hall, Aria Bendix, Incumbent Democratic Sen. Chris Coons defeats Republican Lauren Witzke in Delaware Senate race, su Business Insider, 4 novembre 2020. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  127. ^ (EN) Oliver Laughland e Tom Silverstone, Trump ally running for Congress believes in baseless QAnon sex-trafficking conspiracy, in The Guardian, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  128. ^ (EN) Matthew Chapman, ‘We’re done!’ GOP candidate for John Lewis’ seat storms from interview when asked about her conspiracy theories, su rawstory.com. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  129. ^ (EN) Jacob Knutson, Republican and QAnon supporter Lauren Boebert wins House race in Colorado, su axios.com. URL consultato il 14 novembre 2020.
  130. ^ QAnon entra al Congresso con la repubblicana Marjorie Taylor Greene, in Agenzia Giornalistica Italia, 5 novembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2020.
  131. ^ (EN) Matthew Rosenberg e Maggie Haberman, The Republican Embrace of QAnon Goes Far Beyond Trump, in The New York Times, 20 agosto 2020. URL consultato il 25 agosto 2020 (archiviato il 24 agosto 2020).
  132. ^ (EN) Patrick Svitek, The Texas GOP's new slogan echoes a conspiracy group. Its chair says there's no connection., su The Texas Tribune, 21 agosto 2020. URL consultato il 25 agosto 2020 (archiviato il 24 agosto 2020).
  133. ^ a b (EN) Tommy Beer, Bipartisan Lawmakers Introduce House Resolution Condemning QAnon 'Cult', su Forbes. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 14 ottobre 2020).
  134. ^ a b c d Tom Malinowski, Text - H.Res.1154 - 116th Congress (2019-2020): Condemning QAnon and rejecting the conspiracy theories it promotes., su www.congress.gov, 2 ottobre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 3 ottobre 2020).
  135. ^ a b c (EN) Donna Cassata, House votes to condemn baseless QAnon conspiracy theory, in Washington Post. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 3 ottobre 2020).
  136. ^ (EN) Catie Edmondson, False G.O.P. Ad Prompts QAnon Death Threats Against a Democratic Congressman, in The New York Times. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  137. ^ (EN) QAnon Amplified A Republican Attack On This Congressman. Now He’s Facing Death Threats., su BuzzFeed News. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 2 ottobre 2020).
  138. ^ a b (EN) Will Sommer, 17 Republican Members of Congress Vote Against Condemning QAnon, in The Daily Beast, 2 ottobre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 2 ottobre 2020).
  139. ^ (EN) Aaron Mak, QAnon Is Going After Members of Congress Now, su Slate Magazine, 1º ottobre 2020. URL consultato il 3 ottobre 2020 (archiviato il 3 ottobre 2020).
  140. ^ (EN) Zeke Miller, Jill Colvin, Am, a Seitz, Associated Press, Trump praises QAnon conspiracists, appreciates support, su SFGate, 20 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  141. ^ (EN) Facebook, Twitter, Show more sharing options, Facebook, Twitter, LinkedIn, Trump praises QAnon conspiracists, who 'like me very much', su Los Angeles Times, 20 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  142. ^ (EN) Donald Trump Just Praised QAnon, Which The FBI Has Called A Domestic Terror Threat, su BuzzFeed News. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  143. ^ (EN) ‘These Are People Who Love Our Country’: Trump Praises QAnon Conspiracists, su NBC New York. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  144. ^ (EN) Colby Itkowitz, Isaac Stanley-Becker, Lori Rozsa e Rachael Bade, Trump praises baseless QAnon conspiracy theory, says he appreciates support of its followers, su Washington Post. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  145. ^ (EN) Trump launches furious yet confused attack on rival's affair with 'flaming dancer' after promoting QAnon conspiracy theorist, su The Independent, 9 settembre 2019. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 14 giugno 2020).
  146. ^ (EN) Colby Itkowitz, Trump retweets a post naming the alleged whistleblower, in Washington Post. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato l'11 ottobre 2020).
  147. ^ a b (EN) Alex Kaplan, Trump has repeatedly amplified QAnon Twitter accounts. The FBI has linked the conspiracy theory to domestic terror., su Media Matters for America. URL consultato il 18 ottobre 2020.
  148. ^ a b c (EN) Trump isn't secretly winking at QAnon. He's retweeting its followers., su Politico, 12 luglio 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  149. ^ (EN) Maegan Vazquez CNN, Trump again refuses to denounce QAnon, su CNN, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  150. ^ (EN) Philip Bump, Analysis | Rather than condemn the QAnon conspiracy theory, Trump elevates its dangerous central assertion, in Washington Post, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  151. ^ a b (EN) Jack Brewster, Pence Dismisses QAnon—But Avoids Criticizing Trump Or His Role In Pushing Theory, su Forbes. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 24 agosto 2020).
  152. ^ (EN) Matthew Choi, Pence denies hearing Trump embrace QAnon, su POLITICO. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 29 agosto 2020).
  153. ^ (EN) Ali Breland, Michael Flynn and George Papadopoulos are scheduled to speak at a conference organized by a QAnon supporter, su motherjones.com. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  154. ^ (EN) Secret donors and Trump allies: Inside the operation to push noncitizen voting laws in Florida and other states, su Washington Post. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  155. ^ (EN) Dan Friedman, Michael Flynn wants a judge to allow him to travel to a conference held by a QAnon fan., su motherjones.com. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  156. ^ (EN) Former Trump aide Flynn appears to make pledge to QAnon in July 4 video, su The Independent, 5 luglio 2020. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 22 agosto 2020).
  157. ^ (EN) Marshall Cohen, Michael Flynn posts video featuring QAnon slogans, in CNN, 7 luglio 2020. URL consultato il 13 luglio 2020 (archiviato il 13 luglio 2020).
  158. ^ (EN) Alex Kaplan, Trump has repeatedly amplified QAnon Twitter accounts. The FBI has linked the conspiracy theory to domestic terror., su Media Matters for America, 1º agosto 2019. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  159. ^ (EN) Jacob Jarvis, Michael Flynn's Lawyer Denies Ex-Trump Aide Intentionally Used QAnon Slogan, su newsweek.com, 6 luglio 2020. URL consultato il 7 luglio 2020 (archiviato il 7 luglio 2020).
  160. ^ (EN) Matthew Chapman, GOP Senate candidate films herself taking QAnon ‘digital soldier oath’, su rawstory.com, 27 giugno 2020. URL consultato il 7 luglio 2020 (archiviato il 7 luglio 2020).
  161. ^ (EN) Matthew Rosenberg e Maggie Haberman, The Republican Embrace of QAnon Goes Far Beyond Trump, in The New York Times, 22 agosto 2020. URL consultato il 2 ottobre 2020 (archiviato il 1º ottobre 2020).
  162. ^ (EN) Will Sommer, Rudy Giuliani’s Twitter Feed Is a Boomer Conspiracy-Theory Sh*tshow, in The Daily Beast, 17 ottobre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato il 4 ottobre 2020).
  163. ^ (EN) A parent's guide to the secret language of internet extremists, CBS News, 16 marzo 2020. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  164. ^ (EN) Kevin Roose, What Is QAnon, the Viral Pro-Trump Conspiracy Theory?, in The New York Times, 1º settembre 2020. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  165. ^ a b c d e f g h i (EN) Adrienne LaFrance, The Prophecies of Q, in The Atlantic. URL consultato il 23 luglio 2020 (archiviato il 29 agosto 2020).
  166. ^ (EN) Who is Q Anon, the internet's most mysterious poster?, su The Daily Dot, 29 maggio 2018. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 7 maggio 2019).
  167. ^ Wu Ming, Intervista a Telepolis (Germania) su #QAnon, teorie del complotto, disvelamenti e guerriglia, da Luther Blissett alla Wu Ming Foundation, in Giap, 25 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 30 agosto 2020).
  168. ^ (EN) William Turton, QAnon Website Shuts Down After N.J. Man Identified as Operator, in Bloomberg, 11 settembre 2020. URL consultato il 18 settembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  169. ^ (EN) April Glaser, Where 8channers Went After 8chan, in Slate, 11 novembre 2019. URL consultato il 1º gennaio 2020 (archiviato il 13 giugno 2020).
  170. ^ (EN) Kevin Roose, Shocked by Trump’s Loss, QAnon Struggles to Keep the Faith, in The New York Times, 10 novembre 2020. URL consultato l'11 novembre 2020.
  171. ^ (EN) QAnon Now Has Its Very Own Super PAC, su www.vice.com. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  172. ^ (EN) Charles Levinson, With super PAC, QAnon's con chases mainstream — and money, in Protocol, 3 marzo 2020. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato il 24 luglio 2020).
  173. ^ (EN) Free Speech, Hate Speech and the King of the Trolls, su www.playboy.com. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  174. ^ (EN) The men behind QAnon, su ABC News. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  175. ^ Donovan Farley, The True Threat, in Playboy, 17 maggio 2020. URL consultato il 1º giugno 2020 (archiviato il 19 giugno 2020).
  176. ^ (EN) Alyssa Rosenberg, I understand the temptation to dismiss QAnon. Here’s why we can’t, su The Washington Post, 17 aprile 2020. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 18 aprile 2020).
  177. ^ Roberto Paura, Il deserto del reale e l’inversione tra fatti e finzione, in L'Indiscreto, 17 maggio 2019. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 10 luglio 2020).
  178. ^ (EN) Alexander Reid Ross, Apocalypse in America: The Smell of Fascism in the pro-Trump QAnon Conspiracy, in Ha'aretz, 8 gennaio 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato l'11 febbraio 2020).
  179. ^ (EN) Travis M. Andrews, QAnon is tearing families apart, in Washington Post, 12 ottobre 2020. URL consultato il 14 ottobre 2020 (archiviato il 14 ottobre 2020).
  180. ^ (EN) Renee Diresta, Online Conspiracy Groups Are a Lot Like Cults, su Wired, 13 novembre 2018. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 20 aprile 2020).
  181. ^ (EN) Marc-André Argentino, The Church of QAnon: Will conspiracy theories form the basis of a new religious movement?, su The Conversation, 18 maggio 2020. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 21 agosto 2020).
  182. ^ Salvatore Stanizzi, I riferimenti biblici di QAnon, su Orwell, 19 giugno 2020. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  183. ^ Roberto Paura, L'idea più pericolosa del mondo, su Futura Network, 8 giugno 2020. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  184. ^ a b (EN) Kelly Weill, Christmas Is the Loneliest Time for Qanon Fans, su The Daily Beast, 23 dicembre 2018. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 2 giugno 2020).
  185. ^ (EN) Matthew Chapman, QAnon's true believers are devastated as the conspiracy theory goes down in flames, in Salon, 15 novembre 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 7 maggio 2020).
  186. ^ (EN) Mike Rothschild, Jeff Sessions, the 2018 midterms, and the continued grift of QAnon, in The Daily Dot, 9 novembre 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato l'11 dicembre 2019).
  187. ^ (EN) Kyle Mantyla, Liz Crokin: John F. Kennedy Jr. Faked His Death And Is Now QAnon, su Right Wing Watch, 1º agosto 2018. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2020).
  188. ^ (EN) Kyle Mantyla, Liz Crokin Warns of ‘Vigilante Justice’ if QAnon’s Promised Mass Arrests Don’t Happen Soon, su Right Wing Watch, 4 febbraio 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  189. ^ (EN) Aiden Pink, Explained: What's Anti-Semitic About QAnon, The Trump Base's Latest Pet Theory?, in The Forward, 1º agosto 2018. URL consultato il 21 settembre 2018 (archiviato il 21 settembre 2018).
  190. ^ (EN) Charles Dunst, Is QAnon, the Latest pro-Trump Conspiracy Theory, anti-Semitic?, in Haaretz, Jewish Telegraphic Agency, 3 agosto 2018. URL consultato il 21 settembre 2018 (archiviato il 21 settembre 2018).
  191. ^ (EN) Quantifying Hate: A Year of Anti-Semitism on Twitter, Anti-Defamation League. URL consultato il 9 settembre 2018 (archiviato il 21 settembre 2018).
  192. ^ a b (EN) QAnon, su Anti-Defamation League. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  193. ^ (EN) Blood Libel: A False, Incendiary Claim Against Jews, su Anti-Defamation League. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 7 ottobre 2020).
  194. ^ (EN) Jewish "Control" of the Federal Reserve: A Classic Antisemitic Myth, su Anti-Defamation League. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato il 28 settembre 2020).
  195. ^ (EN) Will Sommer, RNC Speaker Cancelled After Boosting QAnon Conspiracy Theory About Jewish Plot to Enslave the World, in The Daily Beast, 25 agosto 2020. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 30 agosto 2020).
  196. ^ (EN) Ian Millhiser, The RNC yanked a speaker who promoted an anti-Semitic conspiracy theory, su Vox, 25 agosto 2020. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 30 agosto 2020).
  197. ^ (EN) A. B. C. News, Mary Ann Mendoza pulled from RNC lineup after retweeting anti-Semitic QAnon conspiracy, su ABC News. URL consultato il 17 settembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  198. ^ (EN) Matthew Choi, Republican convention speaker out of lineup after retweeting anti-Semitic rant, su POLITICO. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 26 agosto 2020).
  199. ^ (EN) Kevin Breuninger, Trump says he appreciates support from followers of unfounded QAnon conspiracy, su CNBC, 19 agosto 2020. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 2 settembre 2020).
  200. ^ (EN) Evangelicals are looking for answers online. They’re finding QAnon instead., su MIT Technology Review. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  201. ^ (EN) The Dark Virality of a Hollywood Blood-Harvesting Conspiracy, in Wired. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 23 agosto 2020).
  202. ^ (EN) Erick Trickey, Fact-checking QAnon conspiracy theories: Did J.P. Morgan sink the Titanic?, in Washington Post. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 15 agosto 2020).
  203. ^ (EN) QAnon is a Nazi Cult, Rebranded, su Just Security, 9 settembre 2020. URL consultato il 17 settembre 2020 (archiviato il 17 settembre 2020).
  204. ^ (EN) QAnon is an old form of anti-Semitism in a new package, experts say, su Jewish Telegraphic Agency, 18 settembre 2020. URL consultato il 20 settembre 2020 (archiviato il 22 settembre 2020).
  205. ^ (EN) Matthew Rozsa, QAnon is the conspiracy theory that won't die, in Salon, 18 agosto 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 12 febbraio 2020).
  206. ^ (EN) Joseph Uscinski e Casey Klofstad, New poll: the QAnon conspiracy movement is very unpopular, in The Washington Post, 30 agosto 2018. URL consultato il 18 settembre 2018 (archiviato il 18 settembre 2018).
  207. ^ (EN) Analysis by Chris Cillizza, CNN Editor-at-large, 76% of Americans have never heard of QAnon, su CNN. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 25 aprile 2020).
  208. ^ (EN) QAnon’s conspiracy theories have seeped into U.S. politics, but most don’t know what it is, su Pew Research Center, 30 marzo 2020. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato l'8 maggio 2020).
  209. ^ (EN) Amy Mitchell, Mark Jurkowitz, J. Baxter Oliphant, Elisa Shearer, Political Divides, Conspiracy Theories and Divergent News Sources Heading Into 2020 Election, su Pew Research Center's Journalism Project, 16 settembre 2020. URL consultato il 22 settembre 2020 (archiviato il 24 settembre 2020).
  210. ^ (EN) Philip Bump, Analysis | Even if they haven’t heard of QAnon, most Trump voters believe its wild allegations, in Washington Post, 20 ottobre 2020. URL consultato il 20 ottobre 2020.
  211. ^ (EN) Richard Ruelas, 2 Arizona arrests have ties to QAnon conspiracy theory movement, Azcentral.com, 7 agosto 2018. URL consultato il 15 agosto 2019 (archiviato il 18 ottobre 2020).
  212. ^ (EN) Curt Prendergast, No evidence to support child sex trafficking claims at Tucson, su Arizona Daily Star. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  213. ^ (EN) Salvador Hernandez, A Man Pushing A "Child Sex Camp" Conspiracy Theory Has Been Arrested For Trespassin, su BuzzFeed News. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  214. ^ Mark A. Mills [MarkAMills1], @KTNV I was there, he let my truck go by... This is the sogn he was holding up (Tweet), su Twitter, 15 giugno 2018.
  215. ^ (EN) Dave Hawkins, Henderson man who parked armored vehicle near Hoover Dam indicted, in Las Vegas Review-Journal, 22 giugno 2018. URL consultato il 6 agosto 2018 (archiviato il 6 agosto 2018).
  216. ^ Henry Brean, Suspect in Hoover Dam standoff writes Trump, cites conspiracy in letters, in Las Vegas Review-Journa, 13 luglio 2018, ISSN 1097-1645 (WC · ACNP). URL consultato il 14 dicembre 2020.
  217. ^ (EN) Bill Morlin, Terrorism suspect makes reference to extremist conspiracies, in Southern Poverty Law Center, 20 luglio 2018. URL consultato il 2 agosto 2018 (archiviato il 2 agosto 2018).
  218. ^ (EN) Will Sommer, QAnon, the Crazy Pro-Trump Conspiracy, Melts Down Over OIG Report, in The Daily Beast, 19 giugno 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 1º maggio 2020).
  219. ^ (EN) Gianluca Mezzofiore e Justin Lear, How a right-wing conspiracy theory is going mainstream, in CNN, 3 agosto 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 19 settembre 2018).
  220. ^ (EN) Will Sommer, Michael Avenatti Targeted in Person by QAnon, the Crazy Pro-Trump Conspiracy Theory, in The Daily Beast, 30 luglio 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 16 settembre 2018).
  221. ^ (EN) Luke Barnes, Stormy Daniels' lawyer targeted by supporters of pro-Trump conspiracy theory, in ThinkProgress, 31 luglio 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato il 19 settembre 2018).
  222. ^ (EN) Tom Embury-Dennis, Trump supporters filmed hurling sustained abuse at journalists following 'Make America Great Again' rally, in The Independent, 1º agosto 2018, ISSN 0951-9467 (WC · ACNP). URL consultato il 1º agosto 2018 (archiviato il 1º maggio 2020).
  223. ^ (EN) Bob Fredericks, Sanders denounces media hecklers at Trump rally – then slams the media, in New York Post, 1º luglio 2018, ISSN 1090-3321 (WC · ACNP). URL consultato il 1º luglio 2018 (archiviato il 24 aprile 2020).
  224. ^ (EN) Chris Cillizza, QAnon is the one conspiracy theory to rule them all, CNN, 1º agosto 2018. URL consultato il 1º agosto 2018 (archiviato il 24 aprile 2020).
  225. ^ (EN) Sarah Huckabee Sanders, Press Briefing by Press Secretary Sarah Sanders (Press release), in James S. Brady Press Briefing Room. The White House, 1º agosto 2018. URL consultato il 2 agosto 2018 (archiviato il 1º agosto 2018).
  226. ^ (EN) QAnon conspiracy theory on James Comey shuts school festival, in BBC News, 10 maggio 2019. URL consultato il 10 maggio 2019 (archiviato il 10 maggio 2019).
  227. ^ (EN) Kimberly Veklerov, Conspiracy theory on James Comey tweet cancels NorCal charter school festival, in San Francisco Chronicle, 9 maggio 2019. URL consultato il 19 maggio 2019 (archiviato il 10 maggio 2019).
  228. ^ (EN) Ali Watkins, He Wasn't Seeking to Kill a Mob Boss. He Was Trying to Help Trump, His Lawyer Says., in The New York Times, 21 luglio 2019. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 22 luglio 2019).
  229. ^ (EN) The Suspected Gambino Mob Boss Killer Had Apparent QAnon Messages Scrawled On His Hands In Court, su BuzzFeed News. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  230. ^ (EN) Alleged QAnon-inspired murderer was obsessed with Fox News, su Media Matters for America, 22 luglio 2019. URL consultato il 9 maggio 2020 (archiviato il 23 luglio 2019).
  231. ^ (EN) Far-right 'QAnon' conspiracy theory flag flown over Cornish castle, su inews.co.uk, 11 gennaio 2020. URL consultato il 18 novembre 2020.
  232. ^ (EN) Will Sommer, A QAnon Devotee Live-Streamed Her Trip to N.Y. to ‘Take Out’ Joe Biden, in The Daily Beast, 30 aprile 2020. URL consultato l'8 maggio 2020 (archiviato il 7 maggio 2020).
  233. ^ (EN) Jack Healy e Mike Baker, In Oregon, a Year of Political Tumult Extends to Devastating Wildfires, in The New York Times, 11 settembre 2020. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 12 settembre 2020).
  234. ^ (EN) West Coast officials are already fighting wildfires. Now they're fighting misinformation, too., su NBC News. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 13 settembre 2020).
  235. ^ (EN) Donie O'Sullivan and Konstantin Toropin CNN, QAnon fans spread fake claims about real fires in Oregon, su CNN. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 12 settembre 2020).
  236. ^ (EN) Trump's 'plane loaded with thugs' conspiracy theory matches months-old rumor, su NBC News. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 12 settembre 2020).
  237. ^ (EN) Trump: 'Weak' Joe Biden Won't Calm Things Down, su Mediaite, 1º settembre 2020. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 14 settembre 2020).
  238. ^ (EN) False antifa rumors about a suburban invasion take over neighborhood social media apps, su NBC News. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 12 settembre 2020).
  239. ^ (EN) Robert Anglen, Richard Ruelas and Lorraine Longhi, Fake social media posts incite fear of suburban marauders, rape and murder across the U.S., su The Arizona Republic. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 14 settembre 2020).
  240. ^ (EN) In Klamath Falls, Oregon, victory declared over antifa, which never showed up, su NBC News. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 12 settembre 2020).
  241. ^ (EN) Jan Wolfe, U.S. Attorney General Barr says antifa 'flying around' U.S. to incite violence, in Reuters, 3 settembre 2020. URL consultato il 14 settembre 2020 (archiviato il 10 settembre 2020).
  242. ^ (EN) Miguel Martinez-Valle, Two Arrested With Guns After Police Get Tip of Convention Center Threat, su NBC10 Philadelphia, 6 novembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2020.
  243. ^ (EN) 2 Heavily Armed Va. Men Found Outside Convention Center Charged As Philly Police Investigate Threat Of Attack, su philadelphia.cbslocal.com, 6 novembre 2020. URL consultato il 7 novembre 2020.
  244. ^ (EN) QAnon’s Dominion voter fraud conspiracy theory reaches the president, su NBC News. URL consultato il 14 novembre 2020.
  245. ^ (EN) Jack Nicas, No, Dominion voting machines did not delete Trump votes., in The New York Times, 11 novembre 2020. URL consultato il 14 novembre 2020.
  246. ^ (EN) Repudiating Trump, officials say election 'most secure', su AP NEWS, 13 novembre 2020. URL consultato il 14 novembre 2020.
  247. ^ (EN) Jeff Mordock, Woman killed at Capitol identified as Air Force veteran, su The Washington Times, 6 gennaio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2021.
  248. ^ (EN) Pro-Trump Woman Shot and Killed at U.S. Capitol Retweeted Attorney Lin Wood's 'Must Be Done' List Before She Died, su Law & Crime, 7 gennaio 2021. URL consultato il 9 gennaio 2021.
    «A Twitter account linked to Babbitt, which was reviewed extensively by Law&Crime Wednesday night, indicates that Babbitt was a staunch QAnon adherent who retweeted dozens of conspiracy-theory-laden missives originally posted by Georgia attorney L. Lin Wood.».
  249. ^ (EN) Travis View, Perspective | How conspiracy theories spread from the Internet’s darkest corners, in Washington Post. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 5 febbraio 2020).
  250. ^ (EN) What is The Storm? Conspiracy theory that mysterious White House official leaks secrets, su International Business Times UK, 15 gennaio 2018. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 7 settembre 2020).
  251. ^ (EN) Mir, a Blue | March 15, 2018 12:44 Pm, Operation Rescue Hypes QAnon ‘Blockbuster Intel Drop’ About Planned Parenthood, su Right Wing Watch. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 9 agosto 2020).
  252. ^ (EN) Operation Rescue, Blockbuster Intel Drop Reveals Trump is Trying to “End” Planned Parenthood – Twitter Attempts Censorship, su Operation Rescue, 13 marzo 2018. URL consultato il 31 agosto 2020 (archiviato il 28 agosto 2020).
  253. ^ (RU) Viktor Gamma, Доживают ли Гавайи свои последние дни?, in Rabochaya Gazeta, 25 maggio 2018. URL consultato il 5 luglio 2018 (archiviato il 5 luglio 2018).
  254. ^ Cole Devan, Roseanne tweets support of Trump conspiracy theory, confuses Twitter, in CNN, 19 dicembre 2017. URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato il 24 aprile 2020).
  255. ^ (EN) David Weigel, The conspiracy theory behind a curious Roseanne Barr tweet, explained, in Washington Post, 31 marzo 2018, ISSN 0190-8286 (WC · ACNP). URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato il 20 aprile 2020).
  256. ^ (EN) Tohn Bowden, Roseanne Barr faces backlash over Trump conspiracy theory tweet, in The Hill, 31 marzo 2018. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato il 1º aprile 2018).
  257. ^ (EN) Michelle Goldberg, The Conspiracy Theory That Says Trump Is a Genius, in The New York Times, 6 aprile 2018, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 6 aprile 2018 (archiviato il 6 aprile 2018).
  258. ^ (EN) Kyle Mantyla, Stick A Fork In QAnon: Alex Jones And Jerome Corsi Claim That QAnon Has Been 'Completely Compromised', in Right Wing Watch, 11 maggio 2018. URL consultato il 5 luglio 2018 (archiviato il 6 luglio 2018).
  259. ^ (EN) Jared Holt, Jerome Corsi Wants To Make Amends With QAnon, in Right Wing Watch, 17 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2018 (archiviato il 18 agosto 2018).
  260. ^ (EN) Melissa Chan, 25 Most Influential People on the Internet, in Time, 28 giugno 2018, ISSN 0040-781X (WC · ACNP). URL consultato il 28 giugno 2018 (archiviato il 26 agosto 2019).
  261. ^ (EN) Tom Porter, QAnon: Conspiracy theorists determined to expose a "deep state" child abuse ring show up to support Trump in Tampa, in Newsweek, 1º agosto 2018. URL consultato il 1º agosto 2018 (archiviato il 24 aprile 2020).
  262. ^ (EN) Hallie Jackson, 'We are Q': Conspiracy cult leaps from the internet to Trump rally, 1º agosto 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  263. ^ (EN) Brian Williams, 11th Hour: What does the conspiracy group QAnon have to do with Trump?, 2 agosto 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  264. ^ (EN) All In: What is QAnon?, 2 agosto 2018. URL consultato il 7 maggio 2020 (archiviato il 7 maggio 2020).
  265. ^ (EN) Judy Woodruff, How the false, fringe 'QAnon' conspiracy theory aims to protect Trump, in PBS NewsHour, 2 agosto 2018. URL consultato il 2 agosto 2018 (archiviato il 2 agosto 2018).
  266. ^ (EN) Molly Roberts, su Washington Post. URL consultato il 31 ottobre 2018 (archiviato il 1º novembre 2018).
  267. ^ (EN) Nathan Francis, Sean Spicer Just Sparked A Civil War Among Reddit's Trump-Loving Corners By Saying That QAnon Is Fake, in The Inquisitr, 4 agosto 2018. URL consultato il 4 agosto 2018 (archiviato il 4 agosto 2018).
  268. ^ Giuseppe Sarcina, Questi chi sono?, in Sette - Corriere della Sera, 27 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2020.
  269. ^ Antonia Laborde, Storia di QAnon, il complottismo più inquietante d'America, in La Repubblica, 16 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 25 giugno 2020).
  270. ^ Simona Santoni, Che cos'è la teoria cospirazionista QAnon, in Panorama, 2 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 10 ottobre 2020).
  271. ^ Luca Celada, QAnon, il movimento del complotto scende in piazza, in Il Manifesto, 8 agosto 2018. URL consultato il 19 agosto 2020.
  272. ^ Wu Ming 1, Come nasce una teoria del complotto e come affrontarla, in Internazionale, 15 ottobre 2018. URL consultato il 19 agosto 2020 (archiviato il 21 agosto 2020).
  273. ^ (EN) Etsy to Remove All QAnon Merchandise, su PCMAG. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato l'8 ottobre 2020).
  274. ^ (EN) William March, Conspiracy theorist QAnon promoted, then deleted, by Hillsborough County GOP, in Tampa Bay Times, 16 luglio 2018, ISSN 2327-9052 (WC · ACNP). URL consultato il 16 luglio 2018 (archiviato il 16 luglio 2018).
  275. ^ (EN) April 2020 Coordinated Inauthentic Behavior Report, su About Facebook, 5 maggio 2020. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato l'11 maggio 2020).
  276. ^ (EN) Facebook removes accounts linked to QAnon conspiracy theory, Associated Press, 5 maggio 2020. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato l'11 maggio 2020).
  277. ^ (EN) An Update to How We Address Movements and Organizations Tied to Violence, su About Facebook, 19 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  278. ^ (EN) Olga Robinson, Alistair Coleman and Flora Carmichael, QAnon: Facebook takes action on conspiracy groups, in BBC News, 20 agosto 2020. URL consultato il 20 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  279. ^ (EN) A. B. C. News, Facebook bans some, but not all, QAnon groups and accounts, su ABC News. URL consultato il 22 agosto 2020 (archiviato il 20 agosto 2020).
  280. ^ (EN) Hannah Murphy e Siddharth Venkataramakrishnan, Facebook to remove all QAnon pages ahead of US election, su ft.com, 6 ootobre 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 10 ottobre 2020).
  281. ^ (EN) Kevin Roose, Tracking Viral Misinformation Ahead of the 2020 Election, in The New York Times, 9 ottobre 2020. URL consultato il 10 ottobre 2020 (archiviato il 9 ottobre 2020).
  282. ^ (EN) Ben Collins e Brandy Zadrozny, Apple, Google cashed in on Pizzagate-offshoot conspiracy app, NBC News, 16 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018 (archiviato il 13 febbraio 2020).
  283. ^ (EN) Andrew Wyrich, Reddit bans popular deep state conspiracy forum for 'inciting violence', 15 marzo 2018. URL consultato il 5 aprile 2018 (archiviato il 21 marzo 2019).
  284. ^ (EN) Julia Alexander, How closely do Discord and Reddit work together?, su Polygon, 15 marzo 2018. URL consultato il 5 aprile 2018 (archiviato il 6 aprile 2018).
  285. ^ (EN) Bijan Stephen, Reddit's QAnon ban points to how it's tracking toxic communities, in The Verge, 12 settembre 2018. URL consultato il 12 settembre 2018 (archiviato il 12 settembre 2018).
  286. ^ (EN) Caroline Sinders, There's an alt-right version of everything, in Quartz, 27 settembre 2017. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2018).
  287. ^ (EN) Kevin Roose, The 'alt-right' created a parallel internet. It's a holy mess, in CNBC, 11 dicembre 2018. URL consultato il 19 settembre 2018 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2018).
  288. ^ (EN) Russian troll accounts purged by Twitter pushed Qanon, other conspiracies, su NBC News. URL consultato il 9 ottobre 2020 (archiviato il 10 ottobre 2020).
  289. ^ (EN) Tom Embury-Dennis, Trump launches furious yet confused attack on rival's affair with 'flaming dancer' after promoting QAnon conspiracy theorist, in The Independent, 9 settembre 2019. URL consultato il 17 aprile 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  290. ^ (EN) Trump retweets a post naming the alleged whistleblower, su Washington Post. URL consultato l'11 maggio 2020 (archiviato il 24 aprile 2020).
  291. ^ (EN) Rishi Iyengar, Twitter takes down 7,000 accounts linked to QAnon, su CNN. URL consultato il 22 luglio 2020 (archiviato il 22 luglio 2020).
  292. ^ (EN) Twitter bans 7,000 QAnon accounts, limits 150,000 others as part of broad crackdown, su NBC News. URL consultato il 23 luglio 2020 (archiviato il 22 luglio 2020).
  293. ^ (EN) Kaya Yurieff, YouTube CEO won't say if company will ban QAnon, su CNN, 12 ottobre 2020. URL consultato il 12 ottobre 2020 (archiviato il 12 ottobre 2020).
  294. ^ (EN) Kevin Roose, YouTube Cracks Down on QAnon Conspiracy Theory, Citing Offline Violence, in The New York Times, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  295. ^ (EN) Managing harmful conspiracy theories on YouTube, su blog.youtube, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020 (archiviato il 15 ottobre 2020).
  296. ^ (EN) Elizabeth Dwoskin e Isaac Stanley-Becker, YouTube joins Silicon Valley peers in preelection QAnon clampdown, in Washington Post, 15 ottobre 2020. URL consultato il 16 ottobre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]