Wu Ming 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Wu Ming 1, pseudonimo di Roberto Bui (Ostellato, 30 aprile 1970), è uno scrittore e traduttore italiano, membro del collettivo Wu Ming e del precedente collettivo Luther Blissett[1].

È, fra l'altro, coautore, all'interno del collettivo Luther Blissett, del romanzo Q, e, nell'ambito del collettivo Wu Ming, dei romanzi 54, Manituana, Altai, L'armata dei sonnambuli, delle raccolte di racconti Anatra all'arancia meccanica e L'invisibile ovunque[1] e dei romanzi per ragazzi Cantalamappa e Il ritorno di Cantalamappa.

È autore dei romanzi New Thing, Point Lenana (assieme a Roberto Santachiara) e Un viaggio che non promettiamo breve, oltreché del reportage narrativo Cent'anni a Nordest. Viaggio tra i fantasmi della «guera granda»[1].

Ha tradotto in italiano opere di Elmore Leonard, Walter Mosley e Stephen King. Dal 2014 dirige la collana Quinto Tipo edita dalle Edizioni Alegre[2]. Scrive per il periodico Internazionale.

Opere soliste[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni e curatele di Wu Ming 1[modifica | modifica wikitesto]

Wu Ming 1 ha anche scritto un breve saggio su come rendere in italiano la prosa di Elmore Leonard, pubblicato nel catalogo del Courmayeur Noir in Festival 2006, durante il quale Leonard ha ricevuto il Raymond Chandler Award[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]