Clinton body count

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Clinton body count (letteralmente "la conta dei morti dei Clinton") è una espressione che indicherebbe una teoria del complotto, in parte avanzata dall'editore del sito web Newsmax, Christopher Ruddy, tra gli altri, che afferma che l'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton e sua moglie Hillary abbiano ucciso cinquanta o più dei loro collaboratori[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Queste accuse sono note almeno dagli anni 1990, quando uno pseudo-documentario chiamato The Clinton Chronicles, prodotto da Larry Nichols e promosso dal pastore Jerry Falwell, accusò Bill Clinton di molti crimini incluso l'omicidio[2][3]. Questa teoria del complotto è stata smentita dal Lakeland Ledger, dal Chicago Tribune, Snopes e altri, che hanno indicato documenti dettagliati sulle morti, il grande numero di collaboratori con cui un presidente ha a che fare e il fatto che molte delle persone nella conta non avevano collegamenti con i Clinton, erano state scambiate per altre o erano ancora vive[4][5].

Bill e Hillary Clinton

Presunti collegamenti con omicidi[modifica | modifica wikitesto]

Vincent W. Foster[modifica | modifica wikitesto]

Il vice consigliere della Casa Bianca Vincent Walker Foster venne stato trovato morto con un colpo di pistola alla testa a Fort Marcy Park in Virginia, vicino Washington, D.C., il 20 luglio 1993. Gli investigatori l'hanno dichiarato un suicidio ma secondo i complottisti sarebbe stato ucciso dai Clinton perché sapeva troppo su alcuni scandali che avrebbero riguardato personalmente Bill Clinton.[6]

Seth Rich[modifica | modifica wikitesto]

L'omicidio irrisolto dell'assistente del Comitato Nazionale Democratico Seth Rich, avvenuto nel 2016, ha spinto i teorici del complotto a credere che l'omicidio sia stato ordito da Hillary Clinton. La teoria è basata su un'indagine di Fox News, successivamente ritrattata, per cui Rich era stato il responsabile del furto di dati poi pubblicati da WikiLeaks, riferiti alle email spedite da Hillary Clinton, durante la campagna presidenziale del 2016.[7] Queste accuse sono state smentite più volte nel 2020[8]. Molti elementi di questa teoria sono stati promossi da membri di spicco della destra americana come Alex Jones, Newt Gingrich, e Sean Hannity[9].

Jeffrey Epstein[modifica | modifica wikitesto]

Il molestatore sessuale Jeffrey Epstein, mentre era sotto custodia dell'autorità federale per traffico di minori, è stato trovato impiccato nella sua cella nel centro detentivo ad alta sicurezza di Manhattan il 10 agosto 2019, definito dalle autorità un suicidio[10]. La sua morte ha portato a condividere sui social media diverse teorie del complotto, principalmente collegate a Bill Clinton e Donald Trump. Qualche ora dopo la morte di Epstein, Trump ha condiviso dei tweet che accusavano Bill Clinton della morte di Epstein, con l'hashtag #ClintonBodyCount[11][12]. Queste accuse sono basate sul fatto che Clinton ed Epstein erano amici e, per i complottisti, Epstein forniva ragazze minorenni a Clinton[13][14].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kayleigh Moore, Investigating Rhetoric’s of the ‘Clinton Body Count’, su Medium, 25 ottobre 2018. URL consultato il 28 maggio 2020.
  2. ^ (EN) The Clinton BS Files: "Lock her up" isn't really about emails — the right's been accusing the Clintons of murder for decades, su Salon, 29 agosto 2016. URL consultato il 28 maggio 2020.
  3. ^ (EN) Rich Buhler & Staff, ‘Clinton Body Count’ Rumors, su Truth or Fiction?, 17 marzo 2015. URL consultato il 28 maggio 2020.
  4. ^ Clarence Page, RON BROWN MURDER PLOT HAS TOO MANY HOLES, in Chicago Tribune, 11 gennaio 1998. URL consultato il 5 luglio 2020.
  5. ^ (EN) FACT CHECK: Clinton Body Bags, su Snopes.com. URL consultato il 28 maggio 2020.
  6. ^ (EN) Glenn Kessler, No, Donald Trump, there’s nothing ‘fishy’ about Vince Foster’s suicide, su Washington Post, 25 maggio 2016. URL consultato il 28 maggio 2020.
  7. ^ (EN) Behind Fox News' Baseless Seth Rich Story: The Untold Tale, su NPR.org. URL consultato il 28 maggio 2020.
  8. ^ (EN) FACT CHECK: Did DNC Staffer Seth Rich Send 'Thousands of E-Mails' to WikiLeaks Before He Was Murdered?, su Snopes.com. URL consultato il 28 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Margaret Sullivan, You don’t have to believe everything in that Seth Rich lawsuit. What’s been confirmed is bad enough., in Washington Post, 1º agosto 2017. URL consultato il 28 maggio 2020.
  10. ^ (EN) William K. Rashbaum, Benjamin Weiser e Michael Gold, Jeffrey Epstein Dead in Suicide at Jail, Spurring Inquiries, in The New York Times, 10 agosto 2019. URL consultato il 28 maggio 2020.
  11. ^ (EN) Trump retweets Epstein conspiracy theory, claiming Clinton connection, su NBC News. URL consultato il 28 maggio 2020.
  12. ^ (EN) Kelly Weill, Conspiracy Theories Erupt After Jeffrey Epstein’s Death, in The Daily Beast, 10 agosto 2019. URL consultato il 28 maggio 2020.
  13. ^ Il suicidio del finanziere: “Epstein lasciato in cella senza sorveglianza”. Trump accusa Clinton di complotto, su lastampa.it, 13 agosto 2019. URL consultato il 28 maggio 2020.
  14. ^ Testimone, B.Clinton in villa di Epstein, su Agenzia ANSA, 26 maggio 2020. URL consultato il 28 maggio 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]