Snopes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Snopes, o Urban Legends Reference Pages, è un sito web specializzato nel confutare leggende metropolitane, bufale o notizie false che girano via email sotto forma di catene di Sant'Antonio.

Il sito è gestito da Barbara e David Mikkelson, coppia californiana che si è incontrata nel newsgroup alt.folklore.urban. Il marito ci lavora part-time, essendo un programmatore di professione.

Obiettivo[modifica | modifica sorgente]

Il sito nasce nel 1996[1] come database per confermare o confutare le leggende urbane, sia quelle di vecchia data che i rumours di Internet. È diventato tanto autorevole da essere citato da reti televisive come CNN[2], Fox News[3] e MSNBC[4], e l'esperto di folklore Jan Harold Brunvald lo ha indicato come motivo per il quale egli non ha mai creato un sito simile[1]. Alcune catene email addirittura girano con l'indicazione "controllato su snopes.com", per cercare di aggiungere credibilità alla storia.[5]

Nel tentativo di mostrare i pericoli del porre eccessiva fiducia nelle autorità, qualsiasi essa sia, gli stessi Mikkelson hanno creato una sezione all'interno del sito (intitolata "The Repository of Lost Legends", dall'eloquente acronimo troll) con una serie di false leggende metropolitane da loro create, con lo scopo di avvertire i lettori di usare sempre la propria testa:

« Avremmo potuto mettere un banner "Non credere a tutto quello che leggi, non importa quanto affidabile sia la fonte", ma questo non avrebbe trasmesso nemmeno per metà il messaggio di quanto non lo faccia il mostrare quanto sia semplice cadere nell'atteggiamento mentale "L'ho letto da questo e da quello, quindi deve essere vero". È lo stesso atteggiamento che rinforza le leggende urbane[6] »
(Barbara e David Mikkelson, "The Repository of Urban Legends", Snopes.com)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Era stato preparato un pilot televisivo per un programma chiamato Snopes: Urban Legends, ma nessun network ha accettato il progetto.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b National Review Online
  2. ^ CNN.com
  3. ^ FOXNews.com
  4. ^ MSNBC.com
  5. ^ Esempio, preso appunto da Snopes
  6. ^ False Authority
  7. ^ San Francisco Chronicle

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]