Teoria della melanina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La teoria della melanina è una teoria pseudoscientifica che è alla base di vari studi antropologici e biologici volti ad affermare la superiorità delle persone di etnia nera sugli altri gruppi etnici.

L'idea centrale di questa teoria è che più il livello di melanina è alto più le capacità fisiche aumentino.[1] Studi ulteriori puntano a sostenere che la popolazione nera, dato l'alto livello di melanina, sia effettivamente superiore ai bianchi e a ogni altro gruppo, e che la loro superiorità sarebbe dovuta a sue caratteristiche uniche e peculiari[2], e assenti nel resto della popolazione.

Altri studi - molto più estremi - cercano di provare come la pelle bianca sia un'aberrazione rispetto a quella originaria nera.

Un sostenitore di questa teoria pseudoscientifica, Leonard Jeffries, ha dichiarato che, a suo parere, la melanina e la neuromelanina inciderebbero anche sul comportamento umano. Ha cercato di provare questa idea cercando di argomentare in merito alle differenze che sussisterebbero tra la cultura occidentale e quella dell'Africa nera:[3][4]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

La teoria è molto criticata e contestata nella comunità scientifica. Le prove portate a favore della teoria non sussistono e alcune si sono poi rivelate false.

I biologi la classificano come una teoria pseudoscientifica, assolutamente non credibile né accettabile.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Suzar. "Other Astounding Properties of Melanin ". undated.
  2. ^ "Melanin Archiviato il 10 dicembre 2008 in Internet Archive." in MAD Writer Productions. undated.
  3. ^ "Liberal Prof Who Calls Jews 'A Race of Skunks Archiviato il 26 marzo 2007 in Internet Archive.". Radio Talk, 18 luglio 2005.
  4. ^ Peyser, Andrea. "Spewing Racism on the City Dime Archiviato il 8 settembre 2006 in Internet Archive.". The New York Post.
  5. ^ Skeptinq, Ortiz de Montellano, B. R. 1993. “Afrocentricity, Melanin, and Pseudoscience," Yearbook of Physical Anthropology 36, 33-58

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]