Institut suisse des sciences noétiques

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Institut suisse
des sciences noétiques
Issnoe.png
AbbreviazioneISSNOE — NOÊSIS
Tiponon-profit
Affiliazione internazionaleNoêsis —
Fondation Odier
de psycho-physique
Fondazione1999
ScopoStudi scientifici sugli ASCNDE
ESPOBE
Sede centraleSvizzera Ginevra
PresidenteSylvie Dethiollaz, PhD
Lingue ufficialifrancese, inglese
MembriDr Louis Nahum
Dr Claudia Mazzocato
Dr Claude-Ch. Fourrier
[www.issnoe.ch Sito web]

L'Institut suisse des sciences noétiques (Istituto Svizzero di Scienze Noetiche) o ISSNOE è una fondazione riconosciuta di pubblica utilità dedicata allo studio scientifico e comparativo sugli stati alterati di coscienza non ordinari (ASC), alla decodifica analitica delle esperienze ai confini della mortenear-death-experience (NDE) — in aggiunto alla decifratura contestuale delle percezioni extrasensoriali (ESP) e dei fenomeni di esperienze extracorporee o out-of-body experience (OBE).

Riassunto storico[modifica | modifica wikitesto]

Sylvie Dethiollaz, Dottore in Biologia Molecolare, Presidente dell'Istituto Svizzero di Scienze Noetiche — ISSNOE — Noêsis.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

La struttura originaria è nata dalla fusione tra l'associazione Noêsis[H 1], creata nel 1999 da Sylvie Dethiollaz, e la Fondazione Odier di Psicofisica, fondata nel 1992 da Marcel e Monique Odier. quest'ultima era composta da un gruppo di eminenti specliasti, il quale comprendeva eminenti personalità come il biologo Rémy Chauvin ed il fisico Olivier Costa de Beauregard.[1][2][3][4]

Principi direttivi[modifica | modifica wikitesto]

Le attività della Fondazione ISSNOE sono strutturate intorno ai seguenti punti:

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Il risultato di questo lavoro è riassunto in due libri pubblicati sotto l'egida della Fondazione ISSNOE:

2011:

2018:

Simposi[modifica | modifica wikitesto]

Il dottor Jean-Jacques Charbonier, anestesiologo e medico in terapia intensiva, fondatore della TCH, è ospite presso la sede centrale dell'ISSNOE, dove tiene seminari di formazione e workshop sulla "transcomunicazione ipotonica" (TCH)..
Bernard Werber tiene seminari di scrittura presso l'Istituto Svizzero di Scienze Noetiche — ISSNOE — Noêsis.

Issnoe concentra la sua attività anche su specifiche conferenze e workshop tenuti da ricercatori, filosofi, fisici, psicologi e medici prodromi i cui approcci integrativi affrontano il tema del lutto in un senso olistico che permette di delineare gli inizi di una possibile "sopravvivenza dell'anima"[H 8] o addirittura una possibile forma di perpetuazione della coscienza al di là del solo substrato carnale.[H 8]

Tra gli oratori citati vi erano le seguenti personalità:

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Frédéric Lenoir, filosofo, sociologo e storico della religione, ha scritto una prefazione a uno dei libri che raccontano il lavoro scientifico dell'Institut suisse des sciences noétiques — ISSNOE — Noêsis.
  • (FR) Sylvie Déthiollaz, Claude Charles Fourrier, États modifiés de conscience — NDE, OBE et autres expériences aux frontières de l’esprit : témoignages, recherches, réflexions et perspectives, 4ª ed., Lausanne, Paris, éditions Favre, 2017 [mai 2011, OCLC 755981709 e 718689535], ISBN 2-8289-1123-3, OCLC 993880968, bnf:42468713 . [“Stati di coscienza modificati — NDE, OBE e altre esperienze alle frontiere della mente: testimonianze, ricerche, riflessioni e prospettive”]
  • (FR) Emmanuel Ransford, Olivier Chambon, Tom Atham, L'homme quantique : vers une nouvelle compréhension de nos potentiels de guérison, préface : Sylvie Dethiollaz, Le Grand Livre du mois, éditions Trédaniel, 2017, ISBN 2-8132-1665-8, OCLC 1030614494.
  • (FR) Sylvie Dethiollaz et Claude Charles Fourrier, avec la collaboration de Julie Klotz, Voyage aux confins de la conscience : dix années d’exploration scientifique des sorties hors du corps. Le cas Nicolas Fraisse, préface : Frédéric Lenoir, Paris, éditions Trédaniel & France Loisirs, 2018 [2016, OCLC 1078372759], ISBN 978-2-298-14359-1, OCLC 1078372759, bnf:45608165 . [“Un viaggio ai limiti della coscienza: dieci anni di esplorazione scientifica delle uscite dal corpo. Il caso Nicolas Fraisse”]

Fonte[modifica | modifica wikitesto]

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

25 marzo 2017: il canale televisivo francese C8 trasmette un'intervista tra Thierry Ardisson e Sylvie Dethiollaz di fronte al suo "sperimentatore"[N 1] ISSNOE — Nicolas Fraisse — nell'ambito del programma settimanale Salut les terriens !.[H 6]

Radiofonia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) États modifiés de conscience, in Babylone, Espace 2, Radio télévision suisse, 5 mai 2011. Pour évoquer ce sujet, [...] Sylvie Déthiollaz, scientifique, et Claude Charles Fourrier, thérapeute, fondateurs du Centre Noêsis à Genève [...], Bertrand Méheust, anthropologue et historien de la psychologie, et Charles Genoud, maître de méditation. Un documentaire de Jean-Marc Falcombello.
  • (FR) Comment la scientifique Sylvie Déthiollaz analyse les sorties de corps de Nicolas Fraisse, Nicolas Fraisse, Sylvie Déthiollaz, et Claude-Charles Fourrier témoignent sur BTLV, BTLV Media, 27 juin 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Banks Rhine : pioniere nel campo dei protocolli statistici dedicati allo studio delle percezioni extrasensoriali e della psicocinesi, autore del libro Extra-sensory Perception.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Uno "sperimentatore" — in gergo NDE, ESP o OBE — è una persona che ha sperimentato un'ASC.

Miscellaneo[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Olivier Costa de Beauregard, Wavelike Coherence and CPT Invariance: Sesames of the Paranormal (PDF), in Journal of Scientific Exploration, vol. 16, n. 4, Fondation Louis Dr Broglie, 75012 Paris — fondation Odier de psycho-physique, 1223 Cologny – Genève, 2002, pp. 651-654. Commentary
  2. ^ (FR) Olivier Costa de Beauregard, Bref commentaire sur la réfutation expérimentale de la multisimultanéité, in Bulletin de la fondation Odier de psycho-physique, n. 4, novembre 2002, pp. 79-82. Brief comment on the experimental disproof of multisimultaneity
  3. ^ (FR) Monique Odier, Interview d’Olivier Costa de Beauregard, in Bulletin de la fondation Odier de psycho-physique, n. 4, novembre 2002, pp. 83-98. Interview with Olivier Costa de Beauregard by Monique Odier
  4. ^ (FR) La parapsychologie en deuil, in Bulletin Métapsychique, n. 1, Institut métapsychique international, febbraio 2007.

Note bibliografiche[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]