Esperienze extracorporee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'anima fuoriesce dal corpo (illustrazione del 1808)

L'espressione esperienza extracorporea, nota anche con le sigle OBE e talvolta OOBE (dall'inglese out of body experience), sta a indicare tutte quelle esperienze, la cui interpretazione rimane controversa, nelle quali una persona percepisce di "uscire" dal proprio corpo fisico, cioè di proiettare la propria coscienza oltre i confini corporei.

Più stringatamente, sta a indicare quella sensazione che taluni provano come se stessero fluttuando all'esterno del proprio corpo e, in taluni casi, percependo la presenza del proprio corpo da un punto esterno ad esso (autoscopia).

Circa una persona su dieci ritiene di aver avuto qualche volta nella vita una di queste esperienze[1].

Ipotesi sulla natura delle esperienze extracorporee[modifica | modifica wikitesto]

Medicina e psichiatria[modifica | modifica wikitesto]

In medicina sono descritti alcuni disturbi della coscienza ("disturbi della coscienza dell'Io" chiamati "depersonalizzazione") che potrebbero essere alla base dell'OBE[2]. Tali disturbi possono derivare da affaticamento o alterazioni organiche[2].

La sensazione di trovarsi fuori dal corpo è stata riferita durante:

Secondo l'interpretazione di alcuni, questo potrebbe indicare che ciò che si osserva durante le OBE, appare non essere altro che il frutto della propria mente e la conseguenza di una temporanea iperattività anomala di alcune regioni del cervello[2].

Esperienze ai confini della morte[modifica | modifica wikitesto]

Le esperienze extracorporee (OBE) si manifestano frequentemente nei fenomeni più complessi denominati esperienze ai confini della morte (NDE), attualmente oggetto di studio anche in ambito medico, come nei casi di Pim van Lommel e Sam Parnia.

Viaggio astrale e sogno[modifica | modifica wikitesto]

Un'ipotesi formulata in ambienti mistici è che alcuni sogni lucidi sarebbero presunti viaggi fuori dal corpo, mentre all'inverso talune esperienze che potrebbero sembrare viaggi astrali sarebbero invece soltanto dei sogni o rientrerebbero in quell'altra categoria di fenomeni denominata "onironautica".[senza fonte]

Esperimenti scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio condotto da Bigna Lenggenhager, della Scuola Politecnica Federale di Losanna e da Henrik Ehrsson dell'University College di Londra, primo in assoluto del suo genere, sono descritte in due articoli pubblicati su Science.

Nell'esperimento eseguito i partecipanti hanno indossato speciali occhiali utilizzati in visioni tridimensionali attraverso i quali hanno visto, proiettata a una distanza di due metri, la propria immagine mentre la stessa era simultaneamente ripresa da una telecamera posta dietro di loro. Durante le proiezioni, la loro schiena veniva toccata diverse volte con un bastoncino, così che essi hanno potuto osservare ciò che accadeva "in diretta" sull'immagine virtuale. Quando poi ai partecipanti è stato chiesto in quale punto si trovassero della stanza, quasi tutti hanno indicato la posizione virtuale. Gran parte dei volontari, quindi, ha avvertito una dissociazione dal proprio corpo.

Secondo gli autori, questo studio fornisce una possibile spiegazione scientifica dell'origine del fenomeno delle esperienze fuori dal corpo, alla base del quale "potrebbe esserci una disconnessione fra i circuiti del cervello che elaborano le informazioni sensoriali". Questo esperimento, ha commentato Peter Brugger, dell'University Hospital di Zurigo, dimostra che la coordinazione dei sensi e la prospettiva visuale e visione sono importanti per la sensazione di trovarsi all'interno del proprio corpo.

I ricercatori hanno quindi dedotto che la percezione che una persona ha di se stessa può essere manipolata usando una serie di stimoli multisensoriali in quanto l'unità spaziale e la coscienza del corpo dipendono dai meccanismi del cervello.[5] Tali studi non permettono però di concludere in modo definitivo circa la natura oggettiva o allucinatoria del fenomeno dell'esperienza extracorporea, o di altri fenomeni simili, come quelli di premorte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] ScienceDaily (Aug. 24, 2007) First Out-of-body Experience Induced In Laboratory Setting
  2. ^ a b c Viaggi fuori dal corpo sul sito del CICAP
  3. ^ a b c Smeraldi E Competenze psichiatriche nella formazione medica Editeam ISBN 8886023839
  4. ^ Hofmann A Percezioni di realtà ISBN 887226118X
  5. ^ [2] Quotidiano La Repubblica del 23-8-2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert A. Monroe . I miei viaggi fuori dal corpo.
  • William Buhlman. Avventure fuori dal corpo, Macro Edizioni, 2002 (pag. 264)
  • Gastone De Boni. L'uomo alla conquista dell'anima, Milano, Armenia editore, 1975 (pagg. 203-533)
  • Giorgio di Simone. Esperienze fuori del corpo (O.B.E.), Roma, edizioni Mediterranee, 1984
  • AutoRicerca, No. 5, Anno 2013, OBE (versione e-book ad accesso aperto)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4143245-9