Oltretomba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Oltretomba (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Aldilà" rimanda qui. Se stai cercando l'album degli Airway, vedi Aldilà (album).
Ascesa nell'Empireo, di Hieronymus Bosch

Nello studio comparato di mitologie e religioni, oltretomba è un termine generico, equivalente ad aldilà, per indicare un luogo o una condizione di continuazione dell'esistenza, spesso solo in forma immateriale come anima o spirito, dopo la morte fisica.

Storia delle religioni[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto di oltretomba, nelle culture in cui questo è rinvenibile, si affianca alla cosmologia o più precisamente al tentativo in cui le diverse culture si sono impegnate di darne un collocazione.

In questo modo, può essere assegnato un luogo specifico all'interno del cosmo alla sede dei morti, distinguendolo perciò dal regno dei viventi. Si può dire però che il concetto dell'Oltretomba non miri tanto a definire l'aldilà, o la condizione dei morti, quanto piuttosto l'aldiquà, ovvero la condizione dei viventi che ad esso si contrappone.

L'oltretomba generalmente non costituisce una nozione comprensibile di per sé, ma acquista valore solo mettendolo in relazione con la realtà vissuta e valutata sulla Terra, ed è ciò che permette il passaggio dal livello cosmologico (ordinatore in senso spaziale) a quello escatologico (ordinatore in senso etico). Rispetto alla vita, l'oltretomba può essere percepito come un ristoro, ma anche come una minaccia.[1].

Il concetto di oltretomba acquista una rilevante importanza sia nello sviluppo di diversi sistemi metafisici come teismo, panteismo, deismo, che nella loro critica come quella esercitata da ateismo o agnosticismo.

Tipologie di oltretomba[modifica | modifica wikitesto]

Paradiso e inferno, illustrazione da una stampa cinquecentesca.

La condizione fisica ed esistenziale dell'oltretomba può essere distinta in due tipologie:

  • L'oltretomba negativo, ovvero un inferno in cui si sperimenta unicamente il male.
  • L'oltretomba positivo, che rappresenta una fonte di potere straordinario, a cui di solito viene specificamente assegnata una collocazione diversa da quella umana. Di conseguenza l'oltretomba positivo rappresenta il paradiso, luogo di benessere in cui si sperimenta unicamente il bene.

Questa classificazione è valida solo al fine orientativo per poter affrontare meglio le formulazioni delle diverse culture.

Etnologia[modifica | modifica wikitesto]

Il tuffatore di Paestum (480-470 a.C.), esempio di spiritualità tardo-antica sul tema della morte nella raffigurazione del ragazzo che, saltando dalle mitiche colonne d'Ercole, limite simbolico della conoscenza umana, si getta nel mare dell'aldilà per un transito verso uno stato di coscienza diverso da quello terreno.

Le credenze relative al mondo ultraterreno sono molto varie tra le popolazioni di interesse etnologico in cui l'oltretomba si presenta come un passaggio dalla vita terrena al regno dei morti.

In genere il mondo ultraterreno ha posizioni ben precise come per esempio sotto terra, in un'isola, oltre le stelle ecc., strettamente collegate con le conoscenze geografiche e cosmologiche del popolo.

Quasi ovunque si ritiene che i due mondi siano strettamente interdipendenti: i vivi hanno bisogno dei morti e a loro si rivolgono per ottenere fortuna, abbondanza e fecondità; e anche i morti necessitano dell'aiuto dei viventi, in primo luogo perché vengano celebrati i riti funebri, poiché si crede che le anime delle persone non sepolte siano infelici, vaghino senza meta e in molti casi (Africa, sulka della Nuova Britannia, ecc.) si ritiene che gli insepolti non riescano ad accedere all'oltretomba.

A ogni modo, al di là delle differenze di culture, le varie localizzazioni dell'oltretomba possono avere più che altro un significato allegorico, con cui si riferisca in forma tangibile ad un diverso stato di coscienza:

«La maggior parte delle descrizioni illustra l'aldilà come un mondo di vibrazioni luminose o sonore, di colori. I chiaroveggenti hanno sempre visto intorno a tutti gli esseri viventi, e quindi anche intorno all'uomo, un alone colorato. Queste irradiazioni sono dette aura. [...] Il nostro corpo psichico, o astrale, è costituito da radiazioni luminose la cui composizione cromatica è in rapporto con i contenuti psichici. Poiché l'aldilà è il piano esistenziale congeniale a questo corpo astrale — tanto che viene definito anche piano astrale — la loro forma di energia dev'essere la stessa. In altri termini, l'aldilà, o piano astrale, è un mondo di vibrazioni. Questo mondo di vibrazioni dev'essere immaginato non diverso in senso spaziale o spazialmente separato dal nostro mondo, ma immanente ad esso e separato unicamente dalla soglia della percettività

(Thorwald Dethlefsen, Vita dopo vita [1978], pp. 128-9, trad. di Stefania Bonarelli, Roma, Mediterranee, 2006)

Oltretomba nella mitologia e nella religione[modifica | modifica wikitesto]

Sovrani e guardiani dell'oltretomba[modifica | modifica wikitesto]

Questo elenco comprende anche le creature poste a guardia o a comando dell'oltretomba.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ «The promise of paradise in the hereafter is likely to provide comfort to individuals suffering economic strain»: Sharan Grewal, Amaney A. Jamal, Tarek Masoud, Elizabeth R. Nugent, Poverty and Divine Rewards: The Electoral Advantage of Islamist Political Parties, American Journal of Political Science, 8 July 2019, p. 3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I. Bruce Long, "Underworld" in Lindsay Jones (ed.), Encyclopedia of Religion. Second Edition, Famington Hills (MI), Thomson Gale, 2005, Vol. 14, pp. 9451-9458 (con bibliografia).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 6144 · GND (DE4062048-7