Kamaloka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La divinità Kama le cui frecce fecero innescare il desiderio
Estetica piacere dalle arti, la natura

Kamaloka viene dal sanscrito Kama=desiderio e Loka=mondo ed è detto anche piano astrale.

Nella Teosofia è il luogo post-mortem ove si provano desideri, sentimenti (piacevoli o spiacevoli) e passioni, il dipartito prova su di sé tutti gli eventi (positivi e negativi) che ha fatto provare a tutte le persone conosciute nella sua vita terrena. Rudolf Steiner ci dice che questo periodo dipende da quanto ci si è distaccati dalla materialità. Se infatti si è operato un progressivo distacco il periodo si accorcia.

« L'arte sensuale e materialistica rende più difficile il periodo del kamaloca, mentre un'arte spirituale lo facilita. Ogni piacere nobile e spiritualizzato abbrevia il kamaloca. Dobbiamo quindi già ora disabituarci da quei piaceri e da quei desideri che possono venir appagati soltanto per mezzo dell'organismo fisico. Nel periodo del kamaloca ci si deve appunto disabituare ai piaceri e agli istinti dei sensi; questo periodo dura circa un terzo della lunghezza della vita terrena. Le esperienze del kamaloca sono molto singolari: in esso si comincia veramente a risperimentare la propria vita, e mentre il quadro mnemonico apparso subito dopo la morte era puramente oggettivo, ora si rivivono le gioie e i dolori, ma al rovescio, in modo da sentire in sé le gioie e i dolori cagionati ad altri. »

(Rudolf Steiner[1])

La regione intermedia del piano astrale corrisponde al Purgatorio della religione cristiana, mentre la regione più bassa, più grossolana del Kamaloka corrisponde all'Inferno cristiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rudolf Steiner, La saggezza dei Rosacroce, traduzione di Iberto Bavastro, Opera Omnia n. 99, Editrice Antroposofica, Milano, 2013 pp. 36-37 ISBN 978-88-7787-422-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]