Devachan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il devachan (dal sanscrito = "posto felice") è un termine usato dalle Filosofie Orientali, particolarmente nel Buddhismo, per indicare una dimensione temporanea degli spiriti puri, un piano mentale di soggiorno di beatitudine tra la morte terrena ed un nuovo ciclo di rinascite. Gli studi esoterico-astrali teosofici considerano il Devachan come il luogo dove andrebbero la maggior parte delle anime subito dopo la morte terrena.
A metà fra due vite terrene, il nostro spirito entrerebbe nel Devachan appena l'anima si separa dal Nama-rupa, distruggendo i princìpi inferiori della vita terrena appena cessata.

Il Devachan non è da confondere col Nirvana perché quest'ultimo è lo stato terminale di tutti i cicli di rinascite, mentre il Devachan è uno stato intermedio e temporaneo prima di un'eventuale rinascita dell'anima nel mondo fisico.

In questa ottica, il luogo dove nessun dolore può entrare per disturbare lo stato di serenità e tranquillità del trapassato che vi si trova. Tuttavia, sarebbe una felicità assoluta ma temporanea, che infatti termina con la rinascita in un'altra vita terrena o stato dimensionale diverso; solo il Nirvana è identificato lo stato di felicità assoluta ed eterna.

Antroposofia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Rudolf Steiner il Devachan è diviso in quattro parti:

« Abbiamo poi descritto il rupa-devacian, detto anche mondo celeste, mondo dell'ispirazione o mondo spirituale, e abbiamo veduto che anch'esso è formato di quattro parti, come il mondo fisico; vi abbiamo distinto una parte continentale, intersecata da una specie di regione oceanica o fluviale, paragonabile alla circolazione del sangue nel nostro organismo; quindi, analoga all'atmosfera terrestre, una massa aerea formata da tutte le gioie e i dolori, dalle sofferenze e dai tormenti animici degli esseri esistenti nel mondo fisico (questa regione è assai più vasta e comprende anche altri esseri non incarnati in corpi fisici). Infine nella quarta regione del devacian si trova tutto quanto di originale viene creato, dalle cose più modeste alle più alte attuazioni di scienziati e di artisti; vi si trovano cioè gli impulsi che fanno progredire la Terra. Oltre a queste parti del mondo spirituale vero e proprio, vi troviamo anche quanto unisce la nostra Terra a mondi ancora superiori. »

(Rudolf Steiner[1])

Egli inoltre lo paragona al cosiddetto Regno dei Cieli citato nei Vangeli: «Se non diverrete come fanciulli, non entrerete nel regno dei cieli.» Cio significa che se l’anima non è pura come quella dei bambini non è possibile entrare nel Regno dei cieli.[2] Nel devachan è percepibile anche la cronaca dell’Akasha, che tuttavia non risiede lì ma proviene da altrove, ossia da regioni superiori.

In questo regno, l’assenza di vincoli fisici procura un grande senso di benessere mai percepito prima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ p. 40
  2. ^ p. 37

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]