Pat Robertson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pat Robertson

Marion Gordon Robertson detto Pat Robertson (Lexington, 22 marzo 1930) è un pastore protestante e imprenditore statunitense.

Figlio del senatore Absalom Willis Robertson, si è candidato alle primarie del Partito Repubblicano durante le elezioni presidenziali statunitensi del 1988.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pat Robertson ha studiato alla Washington and Lee University, dove ha conseguito il bachelor of arts in storia nel 1950. Richiamato sotto le armi per la guerra di Corea, al suo ritorno negli Stati Uniti si è iscritto alla Yale Law School, laureandosi in legge nel 1955. Avvicinatosi alla religione in seguito all’incontro con un missionario protestante olandese, si è iscritto al New York Theological Seminary, conseguendo il master of divinity nel 1959. Nello stesso anno ha acquistato la licenza di una stazione televisiva, diventando un telepredicatore. Nel 1961 è stato consacrato pastore battista e nello stesso anno ha fondato la Christian Broadcasting Network, una rete televisiva cristiano-conservatrice.[1] Dopo essersi candidato alle elezioni primarie del partito repubblicano nel 1988, ha abbandonato la candidatura dopo i risultati delle elezioni nel New Hampshire. Ritornato alla sua attività di telepredicatore, ha lasciato il movimento battista, orientandosi verso il movimento carismatico.[2]

Nel 1991 ha pubblicato il libro The New World Order, in cui sostiene teorie del complotto antisemite.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Randall Herbert Balmer, Encyclopedia of Evangelicalism: Revised and expanded edition, Baylor University Press, 2004
  2. ^ Edward E. Hindson, Daniel R. Mitchell, The Popular Encyclopedia of Church History: The People, Places, and Events That Shaped Christianity, Harvest House Publishers, 2013
  3. ^ (EN) Ephraim Radner, New World Order, Old World Anti-Semitism, in The Christian Century, vol. 112, n. 26, 13 settembre 1995.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27864025 · ISNI (EN0000 0001 2125 5238 · LCCN (ENn82108860 · GND (DE118601539 · NDL (ENJA01163701 · WorldCat Identities (ENlccn-n82108860