Teorie del complotto sul riscaldamento globale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le teorie del complotto sul riscaldamento globale[1][2] sono ipotesi eterogenee più o meno credibili, che ritengono vi siano secondi fini di carattere finanziario o politico dietro il surriscaldamento terrestre. Alcune di queste ipotesi citano altre costanti complottiste come il nuovo ordine mondiale.

Si discute se alla base vi siano altre motivazioni di carattere finanziario per ottenere più fondi e danaro possibile con la scusante di fermare il processo climatico[3][4] oppure l'effettiva inesistenza di questo fenomeno, ovvero un falso montato ad arte con il solo scopo di accumulare finanze per enti governativi e non sull'argomento.[5][6][7]

I presunti complici[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i vari complottisti le organizzazioni complici della cospirazione sarebbero le Nazioni Unite,[3] il Gruppo Bilderberg[4], il Club di Roma,[8] il Green Cross International[9], la General Electric[10][11] e importanti personalità sulla scena politica ed economica mondiale come Kofi Annan[12], Jacques Chirac[13], Maurice Strong,[14] George Soros,[14] Al Gore[9] e Michail Gorbačëv[9].

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Come affermato dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il maggior contributo al riscaldamento globale è l'aumento del biossido di carbonio atmosferico (CO2) dal 1750, in particolare dalla combustione di combustibili fossili, dalla produzione di cemento e dai cambiamenti nell'uso del suolo come la deforestazione[15]. Il quinto rapporto di valutazione (AR5) dell'IPCC afferma:

L'influenza umana è stata rilevata nel riscaldamento dell'atmosfera e dell'oceano, nei cambiamenti nel ciclo globale dell'acqua, nella riduzione di neve e ghiaccio , nell'innalzamento medio globale del livello del mare e nei cambiamenti in alcuni estremi climatici. Questa prova dell'influenza umana è cresciuta dall'AR4. È estremamente probabile (95-100%) che l'influenza umana sia stata la causa principale del riscaldamento osservato dalla metà del XX secolo. IPCC AR5 WG1 Riepilogo per i responsabili politici[15][16]

Le prove del riscaldamento globale dovuto all'influenza umana sono state riconosciute dalle accademie scientifiche nazionali di tutti i principali paesi industrializzati[17]. Nessun organismo scientifico di rilievo nazionale o internazionale mantiene un'opinione formale dissenziente dalle sommarie conclusioni dell'IPCC[18].

Disinformazione e accuse a scienziati e attivisti[modifica | modifica wikitesto]

Teorie del complotto contro il riscaldamento globale[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante questo consenso scientifico sul cambiamento climatico, sono state avanzate accuse secondo cui scienziati e istituzioni coinvolti nella ricerca sul riscaldamento globale fanno parte di una cospirazione scientifica globale o sono coinvolti in una bufala manipolativa[19]. Ci sono state accuse di negligenza, in particolare nella controversia via e-mail dell'unità di ricerca climatica ("ClimateGate"). Otto comitati hanno indagato su queste accuse e pubblicato rapporti, senza trovare prove di frode o cattiva condotta scientifica[20]. Il rapporto Muir Russell affermava che "il rigore e l'onestà degli scienziati non sono in dubbio", che gli investigatori "non hanno trovato alcuna prova di comportamento che potrebbe minare le conclusioni delle valutazioni dell'IPCC", ma che c'era stato "un modello coerente di non riuscire a mostrare il giusto grado di apertura"[21][22]. Il consenso scientifico sul fatto che il riscaldamento globale si sta verificando a causa dell'attività umana è rimasto invariato alla fine delle indagini[23].

In Italia il quotidiano Libero ha negato in più occasioni il problema del riscaldamento globale[24][25] asserendo invece che la temperatura della Terra si stia alzando per cause quasi esclusivamente naturali.[26] Nel 2019 uscì con una prima pagina provocatoria dal titolo “Riscaldamento globale? Ma se fa freddo[27]. Il 18 aprile 2019, in occasione della visita di Greta Thunberg a Papa Francesco, Libero esce con una prima pagina provocatoria dedicata all'attivista contro il cambiamento climatico.[28][29]. In un'intervista al quotidiano, Nicola Scafetta, ricercatore presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, conferma la tesi del giornale sul cambiamento climatico e afferma che Greta Thunberg sia pilotata per interessi economici[30]. Anche Nicola Porro ha sostenuto che essa porti avanti questa battaglia a fini economici[31].

Anche il quotidiano La Verità ha messo in dubbio l'attività umana come causa del cambiamento climatico[32].

Sul web si diffuse la falsa notizia che il premio Nobel Carlo Rubbia avesse negato il cambiamento climatico[33][34][35].

Divenne molto virale sul web una presunta mappa dell'Italia nell'anno 2100 con molte zone sommerse (soprattutto Lombardia e Veneto) a causa del cambiamento climatico[36], tanto da essere ripresa da diverse testate italiane che la descrivevano come veritiera[37][38].

Lo scienziato Michael Shellenberger affermò "Il cambiamento climatico è reale. Solo che non è la fine del mondo. Non è nemmeno il più grave tra i problemi ambientali"[39][40]. In realtà il cambiamento climatico è considerato dalla comunità scientifica il maggiore dei problemi ambientali[41][42][43].

Sul web circolò la teoria che le limitazioni alle attività umane imposte dalla pandemia di COVID-19 potessero rallentare il cambiamento climatico ma fu poi smentita[44][45].

Nel 2010 Donald Trump ha affermato che "Con l'inverno più freddo mai registrato, con la neve che ha stabilito livelli record su e giù per la costa, il Comitato Nobel dovrebbe ritirare il Premio Nobel da Al Gore...vuole che ripuliamo le nostre fabbriche e gli impianti per proteggerci dal riscaldamento globale, quando alla Cina e ad altri paesi non potrebbe importare di meno. Ci renderebbe totalmente non competitivi nel mondo manifatturiero, e Cina, Giappone e India stanno ridendo della stupidità dell'America". Poi, nel 2012, ha fatto un tweet: "Il concetto di riscaldamento globale è stato creato da e per i cinesi al fine di rendere la produzione statunitense non competitiva". Più tardi, nel 2016, durante la sua campagna presidenziale, ha affermato che il suo tweet del 2012 fosse uno scherzo dicendo che "Ovviamente, scherzo. Ma questo viene fatto a beneficio della Cina, perché la Cina non fa nulla per aiutare il cambiamento climatico. Bruciano tutto ciò che potresti bruciare; non gli potrebbe importare di meno (...)[46][47].

Un gruppo di 500 scienziati, imprenditori e lobbisti dell’industria energetica australiana ha inviato una lettera al Segretario dell’ONU, Antonio Guterres, sostenendo che non esista alcuna emergenza climatica, che gli investimenti nelle fonti rinnovabili mettano a rischio l'economia di intere nazioni e che l’aumento di CO2 nell’atmosfera faccia bene all’ambiente[48][49].

Il fisico Frederick Seitz scrisse un articolo sul Wall Street Journal nel 1996 criticando il secondo rapporto di valutazione dell'IPCC. Sospettava la corruzione nel processo di revisione tra pari.[50][51].

Nel 2007 il meteorologo John Coleman ha scritto un post sul blog sostenendo che il riscaldamento globale è la più grande truffa della storia[52][53].

Il senatore James Inhofe ha affermato: "Con tutta l'isteria, tutta la paura, tutta la scienza fasulla, potrebbe essere che il riscaldamento globale provocato dall'uomo sia la più grande bufala mai perpetrata contro il popolo americano?"[54].

Il professore di Scienze Atmosferiche William M. Gray disse che il riscaldamento globale è diventato una causa politica per la mancanza di qualsiasi altro nemico dopo la fine della Guerra Fredda[55][56].

l documentario televisivo The Great Global Warming Swindle è stato realizzato da Martin Durkin, che ha definito il riscaldamento globale "un'industria mondiale da molti miliardi di dollari, creata da ambientalisti fanaticamente antiindustriali". Nel 2007 sul Washington Times disse che il suo film avrebbe cambiato la storia e predisse che "tra cinque anni l'idea che l'effetto serra sia la ragione principale del riscaldamento globale sarà vista come una sciocchezza totale"[57].

Teorie del complotto a favore del riscaldamento globale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, il documentario "Who Killed the Electric Car?" ha affermato che Chevron vieta le tecnologie avanzate delle batterie (come le NiMH di grande formato) da utilizzare nei veicoli elettrici (è stato anche ipotizzato il tentativo di nascondere la tecnologia). La prova principale alla base di questa teoria sarebbero le cause per violazione di brevetto contro le case automobilistiche. Questa affermazione riguarda più i vantaggi finanziari delle compagnie petrolifere rispetto al monopolio dell'industria dei combustibili, ma è indirettamente correlata al suo effetto sul riscaldamento globale[58][59].

Nel 2016 J. Marvin Herndon ha pubblicato un articolo sulla rivista Frontiers in Public Health che è stato successivamente ritirato a causa del mancato rispetto degli standard della rivista. Il documento afferma che c'è un ampio sforzo governativo in tutto il mondo per fare geoingegneria e modifiche meteorologiche che possono eventualmente provocare il riscaldamento globale tra le altre cose. Questo articolo contribuisce alla teoria della cospirazione delle scie chimiche[60][61]. Nel 2017 Herndon ha affermato che una sostanza oleosa-cinerea, che è stata accidentalmente rilasciata da un aereo nel 2016 ed è caduta su sette residenze e veicoli nel Michigan (USA), assomiglia a fori di crioconite osservati sullo scioglimento dei ghiacciai, indicando uno sforzo deliberato di accelerare riscaldamento globale[62].

Motivi[modifica | modifica wikitesto]

Dai complottisti sono stati presentati svariati motivi per cui gli enti potrebbero favorire questo fenomeno climatico, qui se ne riportano alcuni:

  • La volontà di creare una governance globale da parte dell'Organizzazione delle Nazioni Unite motivando ciò con l'unione di tutte le nazioni per debellare l'effetto serra.[63]
  • Supporto finanziario alla comunità scientifica e ambientalista nel prevenire e ricercare soluzioni alla questione.[64]
  • Sviluppo dell'energia nucleare così da rimpiazzare il petrolio e altre fonti inquinanti.[64][65][66]
  • Poiché molte persone hanno investito in società di energia rinnovabile, rischiano di perdere un sacco di soldi se il riscaldamento globale si dimostra infondato. Secondo questa teoria, i gruppi ambientalisti quindi corrompono gli scienziati del clima per modificare i loro dati in modo che siano in grado di garantire il loro investimento finanziario in energia verde[67].
  • La volontà di alcune nazioni di danneggiare l'economia delle nazioni competitor[46][47][48]
  • Soppressione della sovranità locale. Gli estremisti liberali affermano che "il cambiamento climatico è una bufala perpetrata dai radicali di sinistra per minare la sovranità locale"[68].

Effetti negativi[modifica | modifica wikitesto]

La cospirazione del cambiamento climatico ha portato a un'azione scarsa o nessuna azione per mitigare efficacemente i danni causati dal riscaldamento globale. In alcuni paesi come gli Stati Uniti, il 40% degli americani crede che il cambiamento climatico sia una bufala, nonostante la maggior parte degli scienziati del clima concordi sul fatto che non lo sia[69]. Il presidente Donald Trump ha persino ritirato gli Stati Uniti dall'Accordo di Parigi, che era stato istituito nella speranza di ridurre il riscaldamento globale[70]. Potrebbe esserci un'ideologia di negazione del cambiamento climatico in alcune regioni del mondo, che porterebbe a disaccordi su come gestire il cambiamento climatico e cosa dovrebbe essere fatto di fronte ad esso[71].

Finanziamento[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono prove che alcuni di coloro che sostengono tali cospirazioni fanno parte di campagne di disinformazione ben finanziate progettate per creare controversie, minare il consenso scientifico sul cambiamento climatico e minimizzare gli effetti previsti del riscaldamento globale[72][73]. Individui e organizzazioni hanno tenuto vivo il dibattito sul riscaldamento globale molto tempo dopo che la maggior parte degli scienziati aveva raggiunto le proprie conclusioni. Questi dubbi hanno influenzato i responsabili politici sia in Canada che negli Stati Uniti e hanno contribuito a formare politiche governative[74].

Dalla fine degli anni '80 questa campagna, ben coordinata e ben finanziata da scienziati "bastian contrari", think tank del libero mercato e industrie, ha creato una nebbia paralizzante di dubbi sul cambiamento climatico. Attraverso pubblicità, editoriali, pressioni e attenzione dei media, i dubbiosi sull'effetto serra (odiano essere chiamati negazionisti) hanno sostenuto in primo luogo che il mondo non si sta riscaldando; le misurazioni che indicano il contrario sono difettose, a loro dire. Quindi hanno affermato che qualsiasi riscaldamento è naturale, non causato dalle attività umane. Ora sostengono che il riscaldamento incombente sarà minuscolo e innocuo. "Hanno modellato quello che hanno fatto dopo l'industria del tabacco", dice l'ex senatore Tim Wirth, che ha guidato le questioni ambientali come sottosegretario di Stato nell'amministrazione Clinton. "Entrambi pensavano, seminavano parecchi dubbi, definivano la scienza incerta e controversa. Ciò ha avuto un enorme impatto sia sul pubblico che sul Congresso ". Sharon Begley, "The Truth About Denia"[75]

Greenpeace ha presentato le prove che l'industria energetica finanzia la negazione del cambiamento climatico nel suo progetto "Exxon Secrets"[76][77]. Un'analisi condotta da The Carbon Brief nel 2011 ha rilevato che 9 su 10 degli autori più prolifici che hanno messo in dubbio il cambiamento climatico o si sono espressi contro di esso avevano legami con ExxonMobil. Greenpeace ha affermato che le industrie Koch hanno investito più di 50 milioni di dollari negli ultimi 50 anni per diffondere dubbi sul cambiamento climatico[78][79][80]. ExxonMobil ha annunciato nel 2008 che avrebbe tagliato i suoi finanziamenti a molti dei gruppi che "distolgono l'attenzione" dalla necessità di trovare nuove fonti di energia pulita, anche se nel 2008 ha ancora finanziato "due dozzine di altre organizzazioni che mettono in dubbio la scienza del riscaldamento globale o politiche di attacco per risolvere la crisi"[81]. Un sondaggio condotto dalla Royal Society britannica ha rilevato che nel 2005 ExxonMobil ha distribuito 2,9 milioni di dollari a 39 gruppi che "hanno travisato la scienza del cambiamento climatico negando apertamente le prove"[82].

Libri scritti da teorici della cospirazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Inhofe, James. The Greatest Hoax—How the global warming conspiracy threatens your future.
  • Bell, Larry. Climate of Corruption—Politics and power behind the global warming hoax.
  • Andrew Montford. The Hockey Stick Illusion—Climate and the corruption of science.
  • Solomon, Lawrence. The Deniers—The world-renowned scientists who stood up against global warming, political persecution and fraud.
  • Michaels, Pat and Balling, Robert. Climate of Extremes—Global warming science they don’t want you to know.
  • Sussman, Brian. Climategate—A veteran meteorologist exposes the global warming scam.
  • Isaac, Rael Jean. Roosters of the Apocalypse—How the junk science of global warming nearly bankrupted the Western world.

Rappresentazioni di fantasia[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo State of Fear di Michael Crichton, pubblicato nel dicembre 2004, descrive una cospirazione di scienziati per creare panico nel pubblico sul riscaldamento globale. Il romanzo include 20 pagine di note a piè di pagina, descritte da Crichton come una base fattuale[83]. In un discorso al Senato del 4 gennaio 2005, Inhofe ha erroneamente descritto Crichton come uno "scienziato", e ha detto che la rappresentazione fittizia del libro di organizzazioni ambientaliste principalmente "che si concentrava sulla raccolta di denaro, principalmente spaventando i potenziali contributori con false affermazioni scientifiche e previsioni di un'apocalisse globale" era un esempio di "arte che imita la vita"[84].

In un articolo intitolato La teoria della cospirazione di Crichton, Harold Evans ha descritto la teoria di Crichton come "nello stile politico paranoico identificato dal famoso storico Richard Hofstadter" e ha continuato a suggerire che "se vi capita di essere nel mercato per una teoria della cospirazione oggi, ce n'è uno un po' più credibile documentato dal gruppo di pressione Greenpeace ", ovvero il finanziamento da parte della ExxonMobil di gruppi contrari alla teoria del riscaldamento globale[85].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Equinox:Global Warming Conspiracy, su ftvdb.bfi.org.uk. URL consultato il 2 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2008).
  2. ^ The Great Global Warming Swindle, The John Ray Initiative.
  3. ^ a b Joseph A. Klein, Global Deception: The UN's Stealth Assault on America's Freedom, World Ahead Publishing, 17 novembre 2005, ISBN 0-9746701-4-6.
  4. ^ a b Kyoto, su americanfreepress.net.
  5. ^ Revisiting the global warming hoax, su enterstageright.com.
  6. ^ "The global warming fraud", Daily Mail (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2009).
  7. ^ More examples of this claim, and of the use of the terms "conspiracy" and "conspiracy theory" to describe it, are given in the body of the article
  8. ^ Conspiracy Times, What does Conspiracy Times believe?, su conspiracy-times.com. URL consultato il 15 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2008).
  9. ^ a b c The Marxist roots of the global warming scare at www.renewamerica.us
  10. ^ (EN) Chevron and EVs – GM, Chevron and CARB killed the sole NiMH EV once, will do so again, su ev1.org. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  11. ^ (EN) By, NIMH batteries Held Hostage by Chevron-Texaco, su fuel-efficient-vehicles.org. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  12. ^ (EN) Climate change sceptics ‘out of step, out of arguments and out of time,’ Annan tells UN meeting, su UN News, 15 novembre 2006. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  13. ^ James M. Inhofe - U.S. Senator - Oklahoma Archiviato il 28 marzo 2007 in Internet Archive.
  14. ^ a b Revved up Global Warming, collapse of auto industry equal 'The Hijacking of America'
  15. ^ a b IPCC Working Group I, su www.climatechange2013.org. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  16. ^ (EN) National Research Council, Advancing the Science of Climate Change, 19 maggio 2010, ISBN 978-0-309-14588-6. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  17. ^ [Notes-SciAcademy Statement] Joint Science Academies' Statement (PDF), su nationalacademies.org, 2005. URL consultato il 20 aprile 2014.
    «It is likely that most of the warming in recent decades can be attributed to human activities (IPCC 2001). This warming has already led to changes in the Earth's climate.».
  18. ^ Julie Brigham-Grette, Petroleum Geologists' Award to Novelist Crichton Is Inappropriate, in Eos, vol. 87, n. 36, September 2006, p. 364, Bibcode:2006EOSTr..87..364B, DOI:10.1029/2006EO360008.
    «The AAPG stands alone among scientific societies in its denial of human-induced effects on global warming.».
  19. ^ Ted Goertzel, Conspiracy theories in science, in EMBO Reports, vol. 11, n. 7, June 2010, pp. 493–99, DOI:10.1038/embor.2010.84, PMC 2897118, PMID 20539311.
  20. ^ Six of the major investigations covered by secondary sources include: 1233/uk-climategate-inquiry-largely-clears.html House of Commons Science and Technology Committee (UK); Independent Climate Change Review (UK); International Science Assessment Panel Archiviato il 9 maggio 2013 in Internet Archive. (UK); Pennsylvania State University (US); United States Environmental Protection Agency (US); Department of Commerce (US).
  21. ^ Patrik Jonsson, Climate scientists exonerated in 'climategate' but public trust damaged, Christian Science Monitor, 7 luglio 2010, p. 2. URL consultato il 17 Aug 2011.
  22. ^ Sir Muir Russell, The Independent Climate Change E-mails Review (PDF), su cce-review.org, July 2010, p. 11. URL consultato il 17 Aug 2011.
  23. ^ Biello, David (Feb., 2010). "Negating 'Climategate'". Scientific American. (302):2. 16. ISSN 0036-8733 (WC · ACNP). "In fact, nothing in the stolen material undermines the scientific consensus that climate change is happening and that humans are to blame"; See also: Lubchenco, Jane (2 December 2009) House Select Committee on Energy Independence and Global Warming (House Select Committee). "The Administration's View on the State of Climate Science". House Hearing, 111 Congress. U.S. Government Printing Office. "...the e-mails really do nothing to undermine the very strong scientific consensus and the independent scientific analyses of thousands of scientists around the world that tell us that the Earth is warming and that the warming is largely a result of human activities." As quoted in the report published by Office of Inspector General.
  24. ^ "Sul meteo 15 anni di menzogne". Truffa planetaria: chi ora è ricco. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  25. ^ Il riscaldamento globale fa un gran bene alla Terra. Il documento che smonta la scienza catastrofista. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 29 agosto 2018).
  26. ^ Tutte le bufale riciclate ad agosto | nextQuotidiano, in nextQuotidiano, 28 agosto 2018. URL consultato il 29 agosto 2018 (archiviato il 28 agosto 2018).
  27. ^ Libero e Il Tempo, le prime pagine negazioniste, su Blitz quotidiano, 6 maggio 2019. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  28. ^ Gianmichele Laino, Greta in Italia, gli insulti di Libero: «Vieni avanti Gretina», in 18 aprile 2019, 19 aprile 2019. URL consultato il it (archiviato il 19 aprile 2019).
  29. ^ autore, Libero colpisce ancora: insulta Greta Thunberg in prima pagina, come fa con tutte le donne, in 18 aprile 2019, 19 aprile 2019. URL consultato il it (archiviato il 19 aprile 2019).
  30. ^ Riscaldamento globale, Nicola Scafetta: "Dietro la mano dell'alta finanza, mira a far soldi con l'emergenza", su www.liberoquotidiano.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  31. ^ Greta incassa 1 milione e finanzia le Ong - Redazione, su Nicola Porro, 27 luglio 2020. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  32. ^ Il riscaldamento è un ciclo della Terra. La scienza non dice che è colpa dell’uomo, su La Verità, 3 ottobre 2019. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  33. ^ Cambiamento climatico, il premio Nobel Carlo Rubbia svela la più inquietante menzogna, su www.liberoquotidiano.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  34. ^ No, il premio Nobel Rubbia non ha mai negato i cambiamenti climatici, su pagellapolitica.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  35. ^ La bufala del premio Nobel Carlo Rubbia che nega il cambiamento climatico, su Valigia Blu. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  36. ^ (EN) Italy in 2100 by JaySimons on DeviantArt, su www.deviantart.com. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  37. ^ L'Italia sommersa | Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo, su www.butac.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  38. ^ Nel 2100 l'Italia sarà in parte sommersa, pericolo per Napoli e Roma: "E' il clima che cambia" VIDEO, su Voce di Napoli, 19 novembre 2019. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  39. ^ Il caso Shellenberger, l'ambientalista che dice: «Scusate per l'allarmismo», su Tempi, 8 luglio 2020. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  40. ^ Michael Shellenberger, lo scienziato si pente: "Perdonatemi per le bugie sul clima", su www.liberoquotidiano.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  41. ^ Climate Summit: basta un numero per capire la gravità del cambiamento climatico, su Linkiesta.it, 24 settembre 2019. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  42. ^ Campo gravitazionale e cambiamenti climatici, su Focus.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  43. ^ CO2: nel 2021 raggiungerà livelli (quasi) mai visti, su Focus.it. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  44. ^ CO2: nel 2021 raggiungerà livelli (quasi) mai visti, su Focus.it. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  45. ^ Covid, lockdown e (presunti) benefici sul clima, su Focus.it. URL consultato il 24 gennaio 2021.
  46. ^ a b (EN) Jeremy Schulman, Every insane thing Donald Trump has said about global warming, su Mother Jones. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  47. ^ a b (EN) Edward Wong, Trump Has Called Climate Change a Chinese Hoax. Beijing Says It Is Anything But. (Published 2016), in The New York Times, 18 novembre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  48. ^ a b stefania, "La crisi climatica non esiste": la lettera dei negazionisti all'ONU, su Rinnovabili, 27 settembre 2019. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  49. ^ lettera (PDF), su clintel.nl.
  50. ^ Joseph E. Uscinski, Karen Douglas e Stephan Lewandowsky, Climate Change Conspiracy Theories, in Oxford Research Encyclopedia of Climate Science, 27 settembre 2017, DOI:10.1093/acrefore/9780190228620.013.328. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  51. ^ Frederick Seitz, A Major Deception On Global Warming, 12 giugno 1996. URL consultato il 18 gennaio 2021.
  52. ^ (EN) Weather Channel boss calls global warming “the greatest scam in history”, su National Review, 9 novembre 2007. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  53. ^ ICECAP, su icecap.us. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  54. ^ U.S. Senate Committee on Environment and Public Works, su www.epw.senate.gov. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  55. ^ (EN) The Tempest. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  56. ^ (EN) Karen M. Douglas e Robbie M. Sutton, Climate change: Why the conspiracy theories are dangerous, in Bulletin of the Atomic Scientists, vol. 71, n. 2, 1º marzo 2015, pp. 98–106, DOI:10.1177/0096340215571908. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  57. ^ (EN) The Washington Times http://www.washingtontimes.com, Global warming labeled a ‘scam’, su The Washington Times. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  58. ^ (EN) Chevron and EVs – GM, Chevron and CARB killed the sole NiMH EV once, will do so again, su ev1.org. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  59. ^ (EN) By, NIMH batteries Held Hostage by Chevron-Texaco, su fuel-efficient-vehicles.org. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  60. ^ (EN) Frontiers Editorial Office, Retraction: Human and Environmental Dangers Posed by Ongoing Global Tropospheric Aerosolized Particulates for Weather Modification, in Frontiers in Public Health, vol. 4, 2016, DOI:10.3389/fpubh.2016.00156. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  61. ^ link, su doi.org.
  62. ^ link (PDF), su nuclearplanet.com.
  63. ^ Who is Maurice Strong, National Review.
  64. ^ a b Al Webb, "Global warming labeled a 'scam'", Washington Times, 6 marzo 2007.
  65. ^ Steven Milloy, Must-See Global Warming TV, Fox News, 19 marzo 2007. URL consultato il 28 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2007).
  66. ^ Michael Duffy, A cold, hard look at a hot topic, The Sydney Morning Herald, 9 aprile 2005. URL consultato il 28 agosto 2007.
  67. ^ (EN) Karen M. Douglas e Robbie M. Sutton, Climate change: Why the conspiracy theories are dangerous, in Bulletin of the Atomic Scientists, vol. 71, n. 2, 1º marzo 2015, pp. 98–106, DOI:10.1177/0096340215571908. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  68. ^ (EN) Climate Change Denial and the Rocky Road to a Sustainable Future, su The Human Journey. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  69. ^ (EN) Joseph E. Uscinski e Santiago Olivella, The conditional effect of conspiracy thinking on attitudes toward climate change, in Research & Politics, vol. 4, n. 4, October 2017, pp. 205316801774310, DOI:10.1177/2053168017743105, ISSN 2053-1680 (WC · ACNP).
  70. ^ (EN) Lisa Friedman, Trump Serves Notice to Quit Paris Climate Agreement, in The New York Times, 4 novembre 2019, ISSN 0362-4331 (WC · ACNP). URL consultato il 2 gennaio 2020.
  71. ^ (FR) Jean-Daniel Collomb, The Ideology of Climate Change Denial in the United States, in European Journal of American Studies, vol. 9, 9–1, 2 gennaio 2014, DOI:10.4000/ejas.10305, ISSN 1991-9336 (WC · ACNP).
  72. ^ Jenny Griffiths, Mala Rao e Fiona Adshead, The health practitioner's guide to climate change: diagnosis and cure, Earthscan, 2009, p. 228, ISBN 978-1-84407-729-8.
  73. ^ The Denial Machine - synopsis, CBC/Radio-Canada, 24 ottobre 2007. URL consultato il 3 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2011).
  74. ^ The Denial Machine - synopsis, CBC/Radio-Canada, 24 ottobre 2007. URL consultato il 3 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2011).
  75. ^ Sharon Begley, Eve Conant, Sam Stein, Eleanor Clift e Matthew Philips, The Truth About Denial (PDF), Newsweek, 13 agosto 2007, p. 20. URL consultato il 3 settembre 2011.
  76. ^ Exxon Secrets, su exxonsecrets.org. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  77. ^ George Monbiot, The denial industry, in The Guardian, London, 19 settembre 2006. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  78. ^ 9 out of 10 top climate change deniers linked with Exxon Mobil, su zmescience.com, 10 maggio 2011.
  79. ^ Analysing the '900 papers supporting climate scepticism': 9 out of top 10 authors linked to ExxonMobil, su carbonbrief.org.
  80. ^ Exposing the dirty money behind fake climate science, su greenpeace.org.
  81. ^ David Adam, Exxon to cut funding to climate change denial groups, in The Guardian, London, 28 maggio 2008. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  82. ^ David Adam, Exxon to cut funding to climate change denial groups, in The Guardian, London, 28 maggio 2008. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  83. ^ Chris Mooney, Checking Crichton's Footnotes, Boston Globe, 6 febbraio 2005.
  84. ^ James M. Inhofe, Climate Change Update Senate Floor Statement, U.S. Senator James M. Inhofe, 4 gennaio 2005. URL consultato il 7 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2005).. Chris Mooney, Warmed Over, CBS News, 11 gennaio 2005. URL consultato il 7 marzo 2011.. Reprinted from The American Prospect, 10 January 2005.
  85. ^ Harold Evans, Crichton's conspiracy theory, in BBC News, London, 7 ottobre 2005. URL consultato il 16 novembre 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]