Mauro Biglino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mauro Biglino (2016)

Mauro Biglino (Torino, 13 settembre 1950) è uno scrittore italiano che sostiene teorie e traduzioni alternative sulla Bibbia, la storia delle religioni e dell'uomo, non riconosciute dalla comunità scientifica[1] e considerate dai più legate[2] all'ufologia e alla cosiddetta teoria degli antichi astronauti[2]. Il fondamento dei suoi libri è l'ipotesi neo-evemerista che la Bibbia non parli mai di un Dio spirituale ma di un gruppo di individui fisici chiamati Elohim, poi divinizzati dai popoli antichi, e dotati di tecnologie molto avanzate con cui hanno prodotto l'Homo sapiens tramite l'ingegneria genetica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mauro Biglino, dopo aver frequentato il liceo salesiano Valsalice di Torino, fece parte del corpo di fanteria speciale degli alpini, ricoprendo il ruolo di infermiere[3]. Biglino ha lavorato in ambito finanziario fino ai primi anni novanta quando venne condannato nell'ambito di uno scandalo finanziario noto giornalisticamente come "crack Bersano". A partire dagli anni 2000 si interessa allo studio dell'ebraico come autodidatta[4] frequentando la comunità ebraica di Torino e prendendo alcune lezioni serali[1]. Lavora presso la casa editrice Edizioni San Paolo per la quale si occupa di diciassette libri del testo masoretico della Bibbia, ovvero i dodici Profeti minori e le cinque Meghilot, traduzioni raccolte nei due volumi I profeti minori e I cinque Meghillôt. Basandosi in parte sulla sua traduzione, che definisce letterale[5][6][7], Biglino sostiene che essa avvalora ipotesi assimilabili alla teoria degli antichi astronauti.

Ha interpretato sé stesso (recitando in inglese e poi ridoppiandosi per la versione italiana[8]) in Creators - The Past (2019), film diretto da Piergiuseppe Zaia che vede la partecipazione di Gérard Depardieu, William Shatner e Bruce Payne[9][10]; nello stesso film è accreditato come consulente storico e biblico.

È coautore di fumetti basati sui suoi libri, mentre il libro-intervista con Giorgio Cattaneo La Bibbia nuda del 2021 è stato inserito in un progetto di beneficenza a favore degli indios dell'Amazzonia in Brasile[11].

Autore del volume Chiesa Romana Cattolica e Massoneria. Realmente così diverse?, ha dichiarato di essere stato membro della massoneria per una decina d'anni con il grado di "Maestro", e di esserne uscito verso metà degli anni duemila, pur avendo ancora rapporti amichevoli con l'associazione[12].

Ipotesi e metodologie di traduzione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera di Biglino consiste in una disamina della Bibbia, partendo dalla traduzione letterale dell'Antico Testamento, di cui dà una interpretazione la più concreta e materiale possibile, spogliando il testo di ogni valore teologico. Fa comparazioni all'interno della Bibbia stessa cercando di darne una lettura coerente analizzando però solo certi passi, e li paragona anche con mitologie di altre tradizioni, come Iliade, Odissea, mitologia sumerica e nordica[13]. Dal 2016 tratta del Nuovo Testamento, occupandosi del personaggio Gesù basandosi sulla sua interpretazione veterotestamentaria. A partire da La caduta degli Dei del 2017 tutti i suoi libri sono realizzati con coautori. Il suo metodo si basa sull'applicazione della frase "facciamo finta che"[7][5], ossia immaginando che ciò che gli Antichi ci hanno trasmesso sia vero e che sia il solo atteggiamento intellettualmente onesto. Nel suo libro del 2019 Gli dei baltici della Bibbia e La Bibbia. Il regno del nord? del 2021 ipotizza che alcune vicende veterotestamentarie possano avere anche, in parte, una coerente collocazione in Nord Europa, ricollegandosi a Felice Vinci, autore di Omero nel Baltico e portate in seguito come leggende dai popoli emigrati al sud, oppure viceversa, in quanto gli Elohim di cui si parla nella Bibbia avrebbero abbandonato la "base" in Medio Oriente per spostarsi nel nord Europa nel 70 d.C. quando i romani guidati da Tito distrussero il Tempio di Gerusalemme; in Finlandia avrebbero ricreato i toponimi dell'Israele biblico[14].

Biglino affronta la Bibbia da un lato attribuendole una natura di cronaca storica, dall'altro avanzando ipotesi inseribili nel filone del neoevemerismo, della paleoastronautica[4], del creazionismo non religioso e assimilabili a quelle di Zecharia Sitchin, altro sostenitore della teoria degli antichi astronauti, e altri autori dello stesso genere di studi (Erich von Däniken, Walter Raymond Drake, Mario Pincherle, Peter Kolosimo, Padre Barry Downing, Padre Enrique Lopez Guerrero, Padre Salvador Freixedo, Billy Meier, Claude Vorilhon detto Raël, Robert Charroux). In particolare la sua teoria è affine particolarmente a quelle di von Däniken e Sitchin[15]; quest'ultimo sosteneva che alieni umanoidi chiamati Anunnaki o Elohim, di aspetto simile ad esseri umani europei (assomiglianti quindi ai cosiddetti alieni nordici di certe teorie ufologiche europee[16] anziché ai classici alieni grigi o rettiliani delle teorie anglosassoni) e difficili da distinguere, avrebbero creato gli uomini moderni modificando gli ominidi con l'ingegneria genetica per ottenere della manodopera che li servisse. A differenza di Biglino, Sitchin si ispirava, più che alla Bibbia, ad antichi testi mesopotamici[17].

Elohim e Yahweh[modifica | modifica wikitesto]

Tesi portante di Biglino è quella che attribuisce determinati significati a determinate parole. Contestando la traduzione comune di certi termini, egli propone una lettura della Bibbia, che dice essere letterale, operando delle sostituzioni: a certe parole sostituisce il termine ebraico traslitterato. Ecco gli esempi principali[18]:

  • Al posto di Dio[19] viene lasciato Elohim.
  • Al posto di Signore o Eterno viene lasciato Yahweh
  • Al posto di Altissimo viene lasciato Elyon[7] (il capo degli Elohim).
  • Al posto di Dio Onnipotente[20] viene lasciato El Shadday.
  • Al posto di spirito viene lasciato ruach.
  • Al posto di gloria viene lasciato kavod.

Biglino afferma inoltre che il nome Yahweh sarebbe stato originariamente assente nei primi capitoli della Genesi – almeno fino alla vicenda del diluvio – e modificato in seguito da teologi ebrei yahwisti in luogo del termine Elohim. Operando queste sostituzioni ne viene fuori una nuova lettura. Gli Elohim sono un gruppo di individui con tecnologie avanzatissime, una grandissima longevità (olam[21][22][23][24], un tempo lunghissimo in ebraico, secondo Biglino circa 30.000 anni) ma mortali, che hanno fabbricato l'uomo mediante ingegneria genetica, ed erano appartenenti ad una specie geneticamente compatibile con quella umana; infatti hanno innestato segmenti del proprio DNA su specie ominidi preesistenti[13] per avere della manodopera per estrarre oro in Africa[15], forse per utilizzarlo per le tecniche genetiche volte all'allungamento della vita per tempo indefinito, riparando i telomeri dei cromosomi[25].

Gli Elohim sono conosciuti da tutti i popoli della Terra con nomi diversi, come Deva in India, Anunnaki dai Sumeri, Theoi da Greci, Dei dai Romani, Asi nella mitologia norrena, Netjeru dagli egizi, Viracocha dai nativi americani e presenti anche nella religione celtica[26][13][15].

Il termine Elohim non designa esclusivamente Yahweh[27], così come riportato in Giosuè 24:15[28][29], esso è parimenti impiegato in riferimento a quelli che la Bibbia chiama falsi idoli adorati dai nemici Amorrei e dai padri di Israele residenti oltre il fiume mesopotamico[27], quali Chemosh, Milkom e numerosi altri[30], benché questi vengano annoverati tra le divinità pagane nella tradizione e nella mitologia. Yahweh – successivamente identificato come "Dio" nella cultura ebraica e cristiana – era in realtà solo uno dei tanti Elohim[7], e uno dei meno importanti, un militare che era a capo del popolo d'Israele (e che potrebbe corrispondere al mesopotamico Ishkur), ossia i membri della famiglia di Giacobbe (non tutti i semiti e gli "ebrei", ossia i discendenti di Eber antenato di Abramo, ma solo gli israeliti, quindi, dopo l'esilio a Babilonia i giudei, i leviti e i beniaminiti, gli ebrei praticanti l'ebraismo ufficiale del giudaismo, oltre ai samaritani e alle tribù perdute); queste dato che a ogni Elohim veniva assegnato un popolo; egli era assolutamente un dittatore sanguinario che veniva costantemente tradito dai suoi che preferivano altri Elohim, come i vari Baal o Astarte. Non tutti gli Elohim erano guerrafondai, molti erano scienziati, coltivatori, legislatori, ingegneri, sapienti o artisti, ad esempio amanti della letteratura, della bellezza o della musica come molte divinità dell'antica Grecia (Apollo, Afrodite, Prometeo, le Muse)[25]. Secondo Biglino e Gian Matteo Corrias, Yahweh era forse venerato ad esempio anche a Creta dai minoici, dai Madianiti e nella civiltà nuragica sarda sotto forma di toro (si veda anche la rappresentazione del vitello d'oro nel Libro dell'Esodo)[31].

Raffigurazione moderna di Ezechiele che vede i cherubini, il ruach e il kavod o carro di Yahweh

Possedeva secondo Biglino mezzi volanti potentissimi come il grande kavod e il ruach (ad eccezione di Genesi 6, dove tale termine indicherebbe la "forza" della longevità umana trasmessa loro dai geni Elohim, che viene ridotta da questi ultimi a centoventi anni, dai precedenti novecento[32]), che ustionano la faccia di Mosè, o altri più piccoli, come i cherubini (keruvim), probabilmente "moto volanti"; nel libro La caduta degli Dei[33] tre ingegneri aerospaziali hanno disegnato il kavod e i cherubini sulla base delle fonti, e i cherubini sono simili ad aerei da guerra o hanno la forma dei moderni droni a quadricottero. Yahweh ordinava costantemente stermini dei popoli nemici del suo e imponeva le sue leggi. Il segno di riconoscimento dell'alleanza con lui era la circoncisione. L'Arca dell'Alleanza sarebbe stata una sorta di generatore elettrico utilizzato come arma di guerra dagli israeliti mentre l'efod un mezzo di comunicazione elettronico a distanza dato ai sacerdoti; Yahweh avrebbe posseduto anche armi chimiche e armi biologiche, lanciafiamme e altre armi, come le tzirah (solitamente tradotto come "calabroni")[34]. Gli Elohim richiedevano sacrifici animali e umani fatti secondo regole rigorose[35] di cui gradivano specialmente inalare il fumo del grasso bruciato[36], dato che per il loro sistema nervoso e metabolismo questo odore (che sarebbe simile a quello dell'ambiente spaziale[15][37]) agiva da calmante generando endorfine ed endocannabinoidi, in particolare tramite lo sprigionamento di pirazina contenuta nel fumo; essi lo univano per rilassarsi all'uso di bevande inebrianti[38]. In base ai propri studi etimologici sostiene che Moloch non fosse una divinità bensì una forma di sacrificio umano del fuoco simile all'olocausto biblico (vittima interamente bruciata) praticato per tutti gli Elohim, poi vietato tra gli israeliti solo sotto il re Giosia, e che dalla stessa parola fenicia (molk, "mandare verso l'alto") deriverebbe il termine latino missa da cui la Messa cristiana come simbolico sacrificio di "energia".

Biglino afferma di non sapere dalle fonti la provenienza degli Elohim[39]:

«[...] Io ho ripetutamente detto e continuo a dire che "non so chi siano gli Elohim perché la Bibbia non lo dice" ma quando mi si pone la domanda precisa io non mi sottraggo e dico sempre che "faccio finta" che gli antichi abbiano detto il vero e i popoli di tutti i continenti della Terra definiscono "quelli là" come "figli delle stelle", per cui io applico il mio metodo e "faccio finta" che sia vero. L'esistenza di "quelli là" è inoltre sicuramente più credibile e statisticamente più probabile che non quella di quel Dio che i teologi hanno inventato partendo da Elohim. Se si scoprirà che "quelli là" erano E.T. io dirò "bene". Se si scoprirà che "quelli là" non erano E.T. io dirò "bene". L'importante è capire l'inganno colossale che si cela dietro l'affermazione "Elohim uguale Dio spirituale".»

(Mauro Biglino, Mauro Biglino chiarisce 2 temi importanti!, su maurobiglino.it)

Tuttavia ne elenca alcune ipotesi, da prendere come tali, che spaziano fra l'ufologica, le antiche civiltà perdute, i viaggiatori del tempo e la pura fantasia[40]:

  1. Potevano essere extraterrestri.
  2. Potevano essere una civiltà terrestre uscita dal pianeta Terra e poi rientrata.
  3. Potevano essere i residui di una civiltà antidiluviana.
  4. Potevano essere degli esseri umani tornati indietro nel tempo dal futuro.
  5. Potevano essere abitanti della terra cava.
  6. Potevano essere dei personaggi immaginari, romanzeschi, creati dalla fantasia degli autori biblici.

Secondo Biglino infatti non è tanto importante sapere chi fossero gli Elohim e quale origine avessero, dato che la vera scoperta fondamentale è comprendere che con Elohim la Bibbia non intende mai parlare di Dio così come viene presentato dalla fuorviante interpretazione teologica.

Le rovine di Göbekli Tepe

Nel libro Non c'è creazione nella Bibbia, scrive che il primo capitolo della Genesi parla della costruzione di una diga e della bonifica di un terreno, con la successiva costruzione di un laboratorio botanico e di ingegneria genetica, il Gan Eden, un impianto di produzione intensiva di cibo tramite organismi geneticamente modificati (situato secondo lui a Göbekli Tepe[41]), come sarebbe stato il giardino di Alcinoo, re dei Feaci a Scheria, nell'Odissea. Il sole e la luna del racconto sarebbero i sistemi di illuminazione per il giorno e per la notte di questa installazione. La frase "Sia la luce" va interpretata come "Facciamo luce sulla situazione". Biglino afferma che il verbo barà[34] non significhi creare e meno che mai creare dal nulla, bensì intervenire su una situazione già esistente[42]:

«Abbiamo esaminato i venti passi in cui viene utilizzata la radice ברא, bara, [qui sopra] e abbiamo rilevato, al di là di ogni ragionevole dubbio, che non vi si riscontra alcun rapporto diretto con il presunto atto creativo narrato secondo la tradizione nel libro della Genesi. Nessuna delle ricorrenze considerate e tradotte ha attinenza con il concetto di creazione, tantomeno nell'accezione di "creare dal nulla."»

(Mauro Biglino, Lorena Forni, La Bibbia non l'ha mai detto, Mondadori)

Tuttavia non fornisce una propria traduzione precisa del primo versetto della Genesi ("In principio Dio creò il cielo e la terra"), ma si limita a dire che "bereshit", in principio, va inteso come "all'inizio di questa storia", non della storia del "mondo". In una partecipazione televisiva ha affermato la seguente frase: "Non c'è nessun filologo al mondo, filologo al mondo che dica che Elohim significa Dio, lo dicono solo i teologi, i tentativi filologici di definire il significato di Elohim portano a tutta una serie di significati su cui non c'è nessuna certezza, ma Dio non c'è". Ha anche affermato che Elohim col verbo al singolare indichi gli Elohim in quanto componenti di un gruppo, mentre col verbo al plurale indicherebbe gli Elohim in quanto individui. Dopo i Sapiens preadamitici creati 250.000 anni fa in Africa, secondo Biglino essi diedero vita ad Adamo, il capostipite degli umani "adamiti" nel 4500 a. C. circa[43], mettendolo a lavorare nel Gan Eden nei pressi della Mesopotamia; Adamo sarebbe stato creato con lo tselèm degli Elohim, ovvero il DNA, perfezionando la precedente versione umana, mentre Eva sarebbe stata clonata da Adamo con del materiale preso vicino alla costola o dalla cresta iliaca.

Michelangelo, Adamo ed Eva assieme al Serpente nell'Eden, particolare dell'affresco Peccato originale e cacciata dal Paradiso terrestre, Cappella Sistina

Entrambi sarebbero stati non due individui ma un gruppo. Il serpente sarebbe stato un altro elohim (identificato con l'anunnaki mesopotamico Enki e col Poseidone greco, che amava di più gli adam rispetto agli altri elohim[44][45], considerato il "creatore" dei Sapiens in Africa del Sud[46] assieme alla genetista Elohim-Anunnaki Ninḫursaĝ, creatrice dell'adamu nella mitologia sumero-accadica), quindi un ingegnere genetico dissenziente rispetto ai guardiani del Gan Eden, e che avrebbe reso fertile e poi sedotto "Eva", con cui avrebbe concepito Caino[34], che diede vita alla linea autonoma dei cainiti di Nod, mentre Abele sarebbe stato figlio di Adamo, creato con la procreazione assistita (entrambi con sorelle gemelle), e Set probabilmente era un clone di Adamo stesso per sostituire Abele dopo la sua uccisione da parte di Caino. Dopo essersi riprodotti in autonomia, furono considerati pericolosi dai padroni dell'Eden, ed espulsi dal "giardino", privati delle tecniche genetiche per una lunga vita (simboleggiate dall'Albero della vita) e obbligati a procurarsi da soli il cibo in mezzo agli altri uomini. L'Elohim da cui Abramo fu chiamato si chiamava El Shadday, e poi egli giurò fedeltà all'Elohim Melchisedec, rappresentante del loro capo Elyon[7]. El Shadday potrebbe essere Yahweh stesso, anche se non c'è certezza[34]; il nome sarebbe da tradurre come un appellativo "El della steppa", "El della montagna", o un'allocuzione rivolta ad Abramo ("io sono El Shadday", significante "io sono un El violento")[47].

Secondo Biglino nella Bibbia non si parla di Dio, né di demoni o angeli (si veda il libro La Bibbia non parla di Dio), né di peccato originale dato che "cogliere il frutto proibito" (eufemismo ebraico per "avere rapporti sessuali", pur non portando prove documentali per dimostrare questo significato dell'espressione, ma facendo riferimento ad un passo del Libro dei Proverbi in cui si parla dell'adulterio[48]) fu un atto non innaturale in quanto gli adamiti, come gli Homo sapiens, in generale erano fabbricati a somiglianza (con le stesse caratteristiche fisiche e psicologiche ma una vita più corta) degli Elohim, i quali praticavano ampiamente la sessualità[34][44][45]. Le proibizioni sessuali nella Torah sarebbero invece da riportare ai desideri del comandante militare Yahweh di possedere un harem e numerosi servitori, per cui secondo lui ci sarebbero state donne dedite alla prostituzione sacra presso la tenda di Yahweh e il Tempio, un divieto apparente della prostituzione per il popolo – in realtà disponibile presso i templi – e la proibizione del sesso non procreativo, in quanto esso non produceva nuovi schiavi per Yahweh, nonché la condanna per l'omosessualità espressa nel Libro del Levitico. Biglino, polemizzando con le parole del papa contro il sesso a pagamento, alla trasmissione radiofonica La Zanzara nel 2018 ha affermato che in ebraico "sacro" e "prostituzione" hanno la stessa radice, come spiegato in alcune conferenze la parola ebraica che significa "mettere a parte, dedicare" (qd-sh, קדש[49]), in quanto trattasi di un servizio accettato come avente funzione sociale[44].

Vi sarebbero inoltre, nel racconto seguente, degli appartenenti alla casta umana più inclini a collaborare, aventi funzione di dirigenti, portavoce e funzionari intermediari: sia uomini resi longevi dalla terapia genetica (patriarchi antidiluviani, Mosè, Elia, Enoch) sia ibridi derivanti da accoppiamento tra Elohim e umani, come Noè[15], il quale secondo il libro di Enoch presentava caratteristiche pseudo-albine, attribuite agli Elohim (ed era prodotto geneticamente per essere "integro", come viene definito[50]), oppure prodotti con la procreazione assistita (Isacco, i gemelli Giacobbe ed Esaù, Sansone, Giovanni Battista); vi erano poi i "giganti": i Nefilim che sono ipotizzati essere una specie o tipologia diversa di individui extraterrestri – ostili agli Elohim e agli uomini – provenienti da Orione[13]; varie creature non umane antropomorfe e zoomorfe (ad eccezione delle divinità egizie che sarebbero stati gli Elohim con l'uso di maschere animali), cioè esperimenti genetici degli Elohim come narrato nei racconti sumero-accadici; i Malachim o Malakim (in sumero Igigi, sottoposti degli Anunnaki), o messaggeri degli Elohim (i "vigilanti" di Daniele), non angeli spirituali ma persone fisiche, forse una specie "aliena" intermedia ma, come gli Elohim stessi (a cui sono simili ma di rango minore), essi erano considerati molto attratti dalle donne umane, in particolare dai loro capelli lunghi[51] e i Gibborim che erano frutto dell'ibridazione diretta di Elohim e donne umane, come probabilmente Gabriele, Gilgamesh e i semidei; il primo era un portavoce di Yahweh o di un altro El/Elohim, in quanto possibile figlio[52]. Il nome deriva dal titolo geber-El[52] e indicherebbe più individui (un nome funzionale, non personale), sia maschi che femmine, stando a significare "colui che parla per conto di un El". Di questi Elohim che si accoppiarono con le "figlie degli adam" e della loro discesa come "vigilanti" al tempo di Iared si parla in Genesi, Enoch e nel Libro dei Giubilei[15][53]. Questo secondo una sua interpretazione del passo della Genesi 6, 1-4[54], come segue:

«Quando gli uomini (adam) cominciarono a moltiplicarsi sulla terra e nacquero loro figlie, i figli di Dio (degli Elohim) videro che le figlie degli uomini erano belle[55] e ne presero per mogli quante ne vollero. [...] C'erano sulla terra i giganti (nefilim) a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi (gibborim).»

Riproduzione dell'iconografia della giara di Kuntillet Ajrud, con tre figure antropomorfiche e l'iscrizione «Yahweh [...] e la sua Asherah»

Come sostenuto in passato da Zecharia Sitchin, ne La caduta degli dei Biglino afferma che Ur in Mesopotamia ma anche Sodoma sarebbero state rase al suolo da bombardamenti atomici che causarono anche pesanti ricadute radioattive. Dopo il diluvio, cioè l'apertura della diga del Gan Eden per eliminare gli individui geneticamente non desiderati, Enlil, ex capo del Gan Eden e fratello di Enki, si pente e promette di non sterminare più gli adam[26][46][56].

Biglino ha anche sostenuto che Allah (El in arabo) è un Elohim assai simile a Yahweh; Allah potrebbe essere l'Elohim di Ismaele. Entrambi vengono descritti come usanti metodi somiglianti, con mezzi tecnologici e comportamenti uguali, e il Corano è dettato a Maometto dal suo inviato Gabriele; il libro attribuisce ad Allah (il quale presenta in particolare l'affinità all'Anunnaki lunare Sin, forse venerato nel sabismo pre-islamico[57], ed è con lui identificato da Zecharia Sitchin[58]) quasi tutte le azioni dell'Elohim biblico, identificandoli, come fecero prima i cristiani, con l'unico Dio monoteista[59].

Riguardo all'effettiva esistenza di Dio, Biglino non ne dichiara né l'esistenza, né l'inesistenza[52]. Secondo lui tutte le grandi religioni organizzate sarebbero quindi spiritualizzazioni di fatti reali mescolando storia e filosofia, "inventate" a partire dal VII-VI secolo a. C. sia come spiegazione data dagli umani sia dagli stessi Elohim o da loro portavoce: facendo leva sui timori innati dell'uomo avrebbero creato le religioni come mezzo di controllo politico considerato più efficace del comando militare diretto, intervenendo direttamente il meno possibile (tramite UFO, direttive politiche, economia o fenomeni religiosi) man mano che la civiltà umana proseguiva tecnologicamente e psicologicamente, e rimanendo lontani o nascosti. Il mondo sarebbe governato secondo le tattiche di guerra e prestito di denaro con usura come descritto in certi passi dell'Antico Testamento.

Gesù secondo Biglino[modifica | modifica wikitesto]

Gesù (Yehoshua), il cui vero nome non grecizzato era Giosuè, sarebbe nato da un rapporto o un atto di procreazione assistita fra Maria e il citato Gabriele[60], inviato degli Elohim (probabilmente non da Yahweh, dato anche che Gesù è chiamato "figlio di Elyon"[61]) che Biglino identifica con lo Spirito Santo in base ad una sua interpretazione di una frase del cardinale gesuita francese Jean Daniélou[52], accademico di Francia, a Gamala (la cittadina principale degli zeloti) e non a Nazareth, nel 7 a.C. circa, e avrebbe iniziato la sua attività di rabbi messianista nel 26 d.C., quando fu battezzato da Giovanni il Battista, che reclutava col battesimo una sollevazione contro i Romani.

Aert de Gelder, Battesimo di Cristo, uno dei dipinti più citati dagli ufologi secondo la cui interpretazione "clipeologica", si vede nella cosiddetta "gloria" (simbolo artistico), un oggetto tecnologico volante discoidale sovrastante la scena, secondo Biglino il ruach.

Durante il battesimo sarebbe apparso nel cielo soprastante lo "spirito santo" che è identificato stavolta col Ruach[18], velivolo degli Elohim, e dopo nel deserto un El avversario lo avrebbe tentato a cambiare alleanza. Nella trasfigurazione incontra con tre discepoli, ovvero Pietro, Giacomo e Giovanni, Mosè ed Elia, entrambi "assunti in cielo" (cioè prelevati dal ruach, che sarebbe anche il "carro di fuoco" di cui si parla nel Secondo Libro dei Re) e mantenuti in vita grazie alle tecniche di longevità degli Elohim. Riunì dodici apostoli fra cui Simone lo Zelota, Simone Barjona detto Pietro, Giacomo e Giovanni detti Figli del Tuono, tutti nomi che rimandano a partigianeria antiromana. Anche numerose e ricche donne lo seguivano e finanziavano, come Maria Maddalena, Susanna, Giovanna, moglie di un ministro di Erode Antipa; con esse probabilmente gli apostoli avevano rapporti sessuali[44]. Essendo la cultura egemone quella greca, Giosuè aveva forse una relazione pederastica[45] con uno dei suoi seguaci, lo testimonierebbe il ragazzo che fugge nudo dal cenacolo (Marco o Giovanni) nel Vangelo di Marco. Giosuè stesso, "Nazareno", era nato per una rivolta che liberasse Israele, non per una redenzione religiosa o salvezza, non esistendo il peccato originale[18].

Dopo una interruzione di diversi anni avrebbe ripreso la sua attività, operando prodigi tecnologici o imposture, come per la fittizia guarigione dell'epilettico, guarigioni di malati e supposti morti con la medicina, e la presunta risurrezione di Lazzaro. Aveva seguaci segreti nel sinedrio quali Giuseppe di Arimatea e Nicodemo. Maria Maddalena, dato che scioglie i capelli davanti a Giosuè, e la donna poteva farlo solo davanti ai familiari, era probabilmente sua moglie, mentre Giuda detto Tommaso o Didimo, ovvero "il gemello", era probabilmente, per l'appunto, suo fratello gemello[33]. Arrestato da una coorte romana nel Getsemani per tramite di Giuda Iscariota e consegnato ai sommi sacerdoti (Giuda lo abbracciò – il famoso "bacio" – per evitare che fosse dai soldati confuso con Tommaso), fu però crocifisso nel 36 d.C. con altri due Zeloti per volere del governatore romano Ponzio Pilato, ma grazie alla spongia soporifera[62][63], ovvero una spugna piena di vino drogato di oppio, mandragora e giusquiamo, rimedio inventato da Ippocrate[64][60] come forte anestetizzante, finì in morte apparente, e grazie alla mancata rottura delle gambe, si salvò, venendo ritenuto morto dai romani; fu fatto quindi togliere dalla croce ancora vivo da Giuseppe di Arimatea (tesi avanzata in passato dal teologo tedesco Karl Friedrich Bahrdt). Giuseppe e Nicodemo lo medicarono con aloe e mirra, sostanze cicatrizzanti, e nella notte due "uomini dal cielo" lo tirarono fuori dal sepolcro; egli era probabilmente incapace di camminare, come afferma il Vangelo di Pietro. Si rifece vedere ai suoi seguaci e se ne andò dopo su uno dei mezzi degli Elohim. Questo è il sunto della figura storica della storia di "Giosuè il Messia, rivoltoso fallito", come lo presenta Biglino nei due libri Antico e Nuovo Testamento Libri senza dio, e Dei e semidei.

In seguito fu Paolo di Tarso (Saulo), ebreo ellenistico, con i suoi seguaci, a creare la narrazione cristiana, spirituale e sessuofoba (a causa della personalità di Saulo stesso[44] il quale secondo Biglino era sessualmente impotente), poi adottata da Costantino come religione di Stato; Paolo fondò quindi la Chiesa cattolica e il cristianesimo come religione (legato secondo lui in maniera diretta alla propagazione del mitraismo), innestate sulla setta zelota di ebrei messianisti guidata da Pietro e dai suoi successori.

Nei sui libri si vede attraverso le note che fra i suoi ispiratori figura David Donnini, studioso indipendente che sostiene che il Gesù dei Vangeli è la sintesi di un predicatore maestro di saggezza e di un rivoltoso antiromano figlio di Giuda il Galileo[65], uniti alle divinità spirituali dei culti iniziatici ellenistici e gnostici, una tesi resa famosa a livello popolare anche da Luigi Cascioli, Emilio Salsi e Giancarlo Tranfo, a loro volta ispiratisi ad Afanasij Ivanovič Bulgakov e Daniel Massé.

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il "crack Bersano" del 1990[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio degli anni novanta, Biglino fu inquisito a piede libero, assieme ad altre ventuno persone, all'interno del processo al finanziere torinese Aldo Bersano (poi arrestato), titolare di Fiduciaria Mercurio, All Leasing Italia, IFC e altre, per fatti risalenti fino al 1988, in base alla chiamata in correità di Bersano. I reati contestati agli indagati erano bancarotta fraudolenta (nel suo caso "bancarotta cosiddetta impropria", cioè il reato attribuito ai dipendenti diretti di un imprenditore che compie bancarotta), truffa[66], appropriazione indebita e violazione delle normative CONSOB[67], attraverso la vendita di strumenti finanziari (soprattutto a pensionati dell'area piemontese) e la realizzazione di una serie di operazioni finanziarie di facciata, volte a svuotare le varie società finanziarie. Biglino, in particolare, è stato accusato di aver ricavato, come broker di Mercurio s.p.a., fra la fine del 1984 e l'inizio del 1988, circa un miliardo e 463 milioni di lire in provvigioni dalla vendita di strumenti finanziari[66], pur risultando nullatenente[68].

Nell'ottobre del 1991, dopo che la Cassazione aveva annullato la decisione del GIP di dichiarare nulla l'inchiesta per insufficienza di prove per configurare un rinvio a giudizio[69], è stato condannato in primo grado a quattro anni e mezzo di reclusione[70] per "bancarotta impropria", e posto agli arresti domiciliari, ridotti in appello a due anni e quattro mesi l'anno successivo[68][71] In alcuni articoli in questione si fa riferimento al nome "Maurizio Biglino" anziché "Mauro". Nel marzo del 1993 in un ulteriore processo è stato condannato a due anni e due mesi dal GIP con rito abbreviato[68]. Invece, il solo Bersano con i soci fu condannato a rifondere 21 miliardi[68].

In seguito alla concessione delle attenuanti generiche[68], e in conseguenza dell'istituto del cumulo giuridico per reato continuato, è stata chiesta l'unificazione della pena dei due processi[72] agli appellanti[73], con condanna a due anni e due mesi, già scontati di fatto in detenzione domiciliare[68].

Secondo quanto da lui dichiarato nel 2019, fu prosciolto dalle accuse di truffa e frode contestate a Bersano e ai suoi soci, disse inoltre di aver sbagliato a fidarsi, commettendo un errore di valutazione, e aver pagato duramente per l'errore giudiziario di cui si proclama vittima[74].

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

A fronte del successo come autore, il suo lavoro è stato analizzato in un saggio di Stefano Bigliardi, pubblicato sulla pagina web del CESNUR, che si concentra sia sul contenuto sia sulla ricezione di tale lavoro. Lo studio riconosce che alcune ipotesi presenti nei suoi libri sembrano apporti originali di Biglino, ma evidenzia anche come la cornice del suo lavoro sia la stessa di altri scrittori del filone paleoastronautico. Il saggio sottolinea inoltre che Biglino tende a presentarsi al grande pubblico come uno studioso, pur evitando di fatto le modalità di comunicazione e costruzione della conoscenza che caratterizzano gli studiosi veri e propri (in primis le pubblicazioni basate su revisione paritaria). Secondo tale studio il fascino di Biglino si spiega con la capacità di mescolare temi e forme argomentative tipiche del complottismo con altri tipici dell'ateismo, risultando così in grado di interessare vari e vasti tipi di pubblico. Viene inoltre riconosciuta a Biglino una notevole capacità affabulatoria e di autopromozione[1].

In un saggio di Manuel Ceccarelli sulla rivista Studi e materiali di storia delle religioni dell'Università La Sapienza, pubblicato dalla casa editrice cattolica Morcelliana, vengono analizzati criticamente alcune delle affermazioni di Biglino (per esempio la traduzione del termine elohîm), mettendo in evidenza come il suo approccio sia caratterizzato dal metodo di analisi pseudo-scientifico tipico della letteratura paleoastronautica. Il saggio si concentra su come viene diffuso e recepito il lavoro di Biglino all'interno degli ambienti della spiritualità alternativa. Secondo l'autore l'adesione alle teorie di Biglino rientra nei processi di "individualizzazione religiosa" e, nelle sue forme più estreme, arriva a configurarsi come una "quasi religione"[75].

In due articoli apparsi su un sito web di informazione cattolica, Giovanni Marcotullio disapprova le tesi di Biglino, ritenendole prive di fondamento, affrontando la questione della pseudo-scientificità della teoria paleoastronautica unitamente alla controversia sul plurale/singolare nella traduzione del termine elohîm[76][77]. A queste contestazioni lo stesso autore risponde spiegando la metodologia che segue nella sua opera di traduzione dei testi sacri; tale metodologia si basa sull'ipotizzare che quanto riportato nei testi sia vero, senza dare interpretazioni personali[78].

Il divulgatore Dario Bressanini ha illustrato in prima persona[79] come Mauro Biglino abbia mal interpretato e riportato il contenuto di un suo articolo pubblicato da Le Scienze[80]; le fusioni e le mutazioni genetiche – benché statisticamente molto rare – avvenute nella famiglia dei frumenti e che portarono alla comparsa del moderno grano non possono considerarsi indizio di un'azione esterna o attestare l'intervento volontario di una razza più evoluta. Anche il sito bufale.net si rifà a Bressanini mettendo in seria discussione l'ipotesi sull'origine del grano menzionata da Biglino, il quale avrebbe studiato il fenomeno insieme a Pietro Buffa, biologo molecolare che millanterebbe collaborazioni con l'università di Catania[81].

Altre critiche riguardo all'ipotesi Elohim[quali sono queste critiche nel dettaglio?] come descritta dalla lettura di Biglino sono venute da Massimo Polidoro del CICAP[82].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazione alla traduzione interlineare[modifica | modifica wikitesto]

  • (HEGRCLAIT) Piergiorgio Beretta (a cura di), Cinque Meghillôt: Rut, Cantico dei cantici, Qohelet, Lamentazioni, Ester, in Bibbia Ebraica Interlineare, traduzione di Mauro Biglino, Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2008, ISBN 978-88-215-6301-0.
  • (HEGRCLAIT) Piergiorgio Beretta (a cura di), I profeti minori: Osea, Gioele, Amos, Abdia, Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia, in Bibbia Ebraica Interlineare, traduzione di Mauro Biglino, Cinisello Balsamo, Edizioni San Paolo, 2009, ISBN 978-88-215-6647-9.

Autore[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Biglino, Chiesa romana cattolica e massoneria. Realmente così diverse?, 1ª ed., Collegno, Infinito Records Edizioni, 2009, ISBN 978-88-903697-3-5.; Orbassano, Uno Editori, 2009, ISBN 978-88-97623-13-7.
  • Mauro Biglino, Resurrezione reincarnazione. Favole consolatorie o realtà?, 1ª ed., Collegno, Infinito Records Edizioni, 2009, ISBN 978-88-903697-4-2.; Orbassano, Uno Editori, 2009, ISBN 978-88-97623-17-5.
  • Mauro Biglino, Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia, Orbassano, Uno Editori, 2010, ISBN 978-88-97623-10-6.
  • Mauro Biglino, Il Dio alieno della Bibbia, Orbassano, Uno Editori, 2011, ISBN 978-88-97623-07-6.
  • Mauro Biglino, Non c'è Creazione nella Bibbia. La Genesi ci racconta un'altra storia, Orbassano, Uno Editori, 2012, ISBN 978-88-97623-55-7.
  • Mauro Biglino, La Bibbia non è un libro sacro, Orbassano, Uno Editori, 2013, ISBN 978-88-97623-75-5.
  • Mauro Biglino, La Bibbia non parla di Dio: uno studio rivoluzionario sull'Antico Testamento, Milano, Mondadori, 2015, ISBN 978-88-04-65529-9.
  • 2015 – Mauro Biglino, L'invenzione di Dio. La Bibbia non è un libro sacro, DVD, Macro Video Gruppo Editoriale Macro, ISBN 9788864121437.
  • Mauro Biglino, Antico e Nuovo Testamento: libri senza Dio. Come le religioni sono state costruite a tavolino per mantenere il potere, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-98829-81-1.
  • Mauro Biglino, Il Falso Testamento. Creazione, miracoli, patto d'alleanza: l'altra verità dietro la Bibbia, Milano, Mondadori, 2016, ISBN 978-88-04-66448-2.
  • Mauro Biglino, La Bibbia è un libro di storia. La Trilogia dei Bestseller (Ed. in unico volume aggiornata e con capitolo inedito), Orbassano, Uno Editori, 2017 [2014], ISBN 978-88-99912-16-1.
  • Mauro Biglino e Enrico Baccarini, La caduta degli Dei. Bibbia e testi induisti: la storia va riscritta, Orbassano, Uno Editori, 2017, ISBN 978-88-99912-26-0.
  • Mauro Biglino, Stefano Bollani, Anne Givaudan e Igor Sibaldi, Dialoghi tra Alieni. Conversazioni su universi vicini e lontani, Arte di Essere e Trigono Edizioni, settembre 2017, ISBN 978-88-99994-01-3.
  • Mauro Biglino e Lorena Forni, La Bibbia non l'ha mai detto. Perché la legge di Dio non deve diventare la legge degli uomini, Milano, Mondadori, ottobre 2017, ISBN 978-88-04-68428-2.
  • Mauro Biglino, Degenesi. Pensavo fosse amore invece era Yahweh, illustrazioni di Don Alemanno, Orbassano, Uno Editori, marzo 2018, ISBN 978-88-99912-65-9.
  • Mauro Biglino e Pietro Buffa, Resi umani. Da organismi scimmieschi all'ominide pensante, una storia ancora da scrivere, Orbassano, Uno Editori, maggio 2018, ISBN 978-88-99912-77-2.
  • Mauro Biglino e Massimo Barbetta, Le porte degli Elohim. Ipotesi bibliche ed extrabibliche da Adamo al Gan Eden, Torino, Uno Editori, dicembre 2018, ISBN 978-88-3380-000-4.
  • Mauro Biglino e Francesco Esposito, Dei e semidei. Il Pantheon dell'Antico e del Nuovo Testamento, Torino, Uno Editori, maggio 2019, ISBN 978-88-3380-022-6.
  • Mauro Biglino e Cinzia Mele, Gli dei baltici della Bibbia. L'Israele che non ti aspetti, Torino, Uno Editori, dicembre 2019, ISBN 978-88-3380-052-3.
  • Mauro Biglino, Mauro Biglino incontra i teologi. Cosa dice davvero la Bibbia?, Torino, Uno Editori, dicembre 2020, ISBN 978-88-3380-174-2.
  • Mauro Biglino e Giorgio Cattaneo, La Bibbia nuda, Milano, Tuthi, marzo 2021, ISBN 9788894611700.
  • Mauro Biglino e Cinzia Mele, La Bibbia. Il regno del nord?, vol. 1, Torino, Uno Editori, novembre 2021, ISBN 978-88-3380-214-5.

Romanzi grafici[modifica | modifica wikitesto]

Serie di romanzi a fumetti scritti da Biglino e disegnati da Riccardo Rontini.

  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Preludio, in Elohim, vol. 1, 1ª ed., Orbassano, Uno Editori, 2014, ISBN 978-88-98829-16-3.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Preludio (a colori), in Elohim, vol. 1, 1ª ed., Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-99917-00-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Preludio, in Elohim, vol. 1, 2ª ed., Bousbach, Lux-Co Éditions, 2019, ISBN 978-2-902114-40-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, In Principio, in Elohim, vol. 2, Orbassano, Uno Editori, 2015, ISBN 978-88-98829-35-4.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, In Principio (a colori), in Elohim, vol. 2, Orbassano, Uno Editori, 2017, ISBN 978-88-99917-03-6.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, In Principio, in Elohim, vol. 2, 2ª ed., Bousbach, Lux-Co Éditions, 2020, ISBN 978-2-902114-37-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Frutto, in Elohim, vol. 3, Orbassano, Uno Editori, 2015, ISBN 978-88-98829-47-7.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, La Sentenza, in Elohim, vol. 4, Orbassano, Uno Editori, 2015, ISBN 978-88-98829-56-9.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Gli Adamiti, in Elohim, vol. 5, Orbassano, Uno Editori, 2015, ISBN 978-88-98829-63-7.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Le Generazioni, in Elohim, vol. 6, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-98829-70-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Le Unioni, in Elohim, vol. 7, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-98829-87-3.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Viaggiatore, in Elohim, vol. 8, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-98829-92-7.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, I Giganti, in Elohim, vol. 9, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-98829-96-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Codice, in Elohim, vol. 10, Orbassano, Uno Editori, 2016, ISBN 978-88-99917-01-2.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, La Torre, in Elohim, vol. 11, Orbassano, Uno Editori, 2017, ISBN 978-88-99912-52-9.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Patriarca, in Elohim, vol. 12, Orbassano, Uno Editori, 2017, ISBN 978-88-99912-50-5.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il Giuramento, in Elohim, vol. 13, Orbassano, Uno Editori, 2018, ISBN 978-88-99912-72-7.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Le alleanze, in Elohim, vol. 14, Orbassano, Uno Editori, 2018, ISBN 978-88-99912-95-6.
  • Mauro Biglino e Riccardo Rontini, Il castigo, in Elohim, vol. 15, Orbassano, Uno Editori, novembre 2018, ISBN 978-88-33800-08-0.

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Stefano Bigliardi, I nuovi antichi alieni di Mauro Biglino. Analisi di un fenomeno editoriale e culturale (PDF), su CESNUR, 26 ottobre 2015. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  2. ^ a b Bigliardi Stefano, Of Polenta and Elohim: Mauro Biglino's ‘Ancient Aliens’ between Anti-Religion and New Religiosity, in Handbook of UFO Religions, Brill Publishers, Brill Handbooks on Contemporary Religion, vol. 20, Leiden and Boston, Zeller Ben, 2021, pp. 270–294, DOI:10.1163/9789004435537_013, ISBN 978-90-04-43437-0, ISSN 1874-6691 (WC · ACNP).
  3. ^ Filmato audio Mauro Biglino e Roberto Pietrucci, Biglino racconta Mauro, su Roberto Pietrucci (a cura di), YouTube, luglio 2017. URL consultato il 12 febbraio 2020.
  4. ^ a b Marco Agostino Amucano, L'alieno nella Bibbia prende il posto di Dio: Biglino alla conquista di Olbia, in Olbia.it – Quotidiano Online, Olbia, Hermaea Lab, 29 luglio 2018, ISSN 2784-9414 (WC · ACNP). URL consultato il 6 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2020).
  5. ^ a b Facciamo finta che la bibbia..., su maurobiglino.it, 22 dicembre 2012. URL consultato il 25 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2020).
  6. ^ Filmato audio Pierfrancesco Arces, Mauro Biglino, Patrizia Borsellino, Lorena Forni e Natascia Marchei, La Bibbia e il diritto. I testi di "ieri" a confronto con i problemi di "oggi" (conferenza), su YouTube, Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, 26 gennaio 2018, a 10 min 36 s. URL consultato il 28 maggio 2018.
  7. ^ a b c d e Alessandro Rugolo, Intervista a Mauro Biglino: la Bibbia non parla di Dio, su difesaonline.it, Roma, Difesa Online, 7 aprile 2017. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  8. ^ Mauro Biglino doppia se stesso, su maurobiglino.it, 27 aprile 2018. URL consultato il 25 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2020).
  9. ^ Creators: The Past – Film Actors: Il Cast, su creatorsmovie.it. URL consultato il 23 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2019).
  10. ^ Creators: The Past – Full Cast & Crew, su Internet Movie Database. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  11. ^ Giorgio Cattaneo (a cura di), Biglino, la Bibbia Nuda aiuta il Brasile dei Figli delle Stelle, su libreidee.org, 17 giugno 2021. URL consultato il 18 giugno 2021.
  12. ^ Stefano Bigliardi, I nuovi antichi alieni di Mauro Biglino. Analisi di un fenomeno editoriale e culturale (PDF), su Centro studi sulle nuove religioni, p. 13. URL consultato il 6 luglio 2019.
    «15 Mauro Biglino ha in realtà dichiarato apertamente, sia sul web sia in una comunicazione privata dopo che gliene ho chiesto conferma (3 ottobre 2015) di essere stato nella Massoneria e di esserne uscito da circa un decennio.»
  13. ^ a b c d Sabrina Pieragostini, Mauro Biglino: "La Bibbia come Omero e i Testi Vedici", su extremamente.it, 7 luglio 2014. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  14. ^ Filmato audio Uno Editori, Mauro Biglino parla dell'abbandono degli Elohim dal Tempio di Gerusalemme, il Gesù salvatore e...!, su YouTube, 27 settembre 2019. URL consultato il 2 maggio 2022.
  15. ^ a b c d e f Biglino, Il libro che cambierà per sempre le nostre idee sulla Bibbia.
  16. ^ Zecharia Sitchin, Quando i Giganti abitavano la terra. Dei, semi-dei e DNA alieno: l'anello mancante dell'evoluzione umana, Macro Edizioni, 2021.
  17. ^ Cfr. Zecharia Sitchin, Il pianeta degli dèi, 1976.
  18. ^ a b c Biglino, Antico e Nuovo Testamento: libri senza Dio.
  19. ^ Anche "Signore Dio" nei primi capitoli della Genesi.
  20. ^ Utilizzato anche Signore/Yahweh durante le vicende di Abramo e Giacobbe.
  21. ^ Giuseppe Giacomo Filippo Re, Æthernitas, in Dizionario di erudizione biblica. Propedeutico, storico, geografico, esegetico ed apologetico, vol. 1, Torino, Stamperia Reale della ditta G. B. Paravia e C. di I. Vigliardi, 1887, p. 422.
    «[...] L'eternità di Dio in quanto senza principio e senza fine fu per certo conosciuta dagli Ebrei. È però dubbio se conoscessero l'eternità propriamente detta non solo senza principio e fine ma tutta presente senza preterito e senza futuro; come… la definì Boezio. —— L'eternità delle pene pei reprobi deceduti senza la grazia santificante fu fede della Chiesa Cattolica di tutti i tempi ed in tutti i luoghi, fatte pochissime eccezioni. Consistono le eccezioni in alcuni che sognarono una futura finale ristorazione o apocatastasi universale per tutti gli uomini o parziale per alcuni [...] Noi ammettiamo che l'ebraico ע ֹולָם = olam, il greco αιώνιος, il latino aeternus per sè non importino un'eternità vera, ma è innegabile che l'importano il « non extinguitur » ed il non « non morietur. » Trattarono dell'eternità delle pene moltissimi [...] Pfaff (1748) tentò di dimostrare che detta eternità non è nè dimostrabile nè confutabile [...]»
  22. ^ Philip Schaff, Eternità, Eterno, in Dizionario biblico contenente biografie, storia naturale, geografia, topografia, archeologia e letteratura, traduzione di Enrico Meille, Firenze, Libreria Claudiana, 1891, p. 143.
    «La parola tradotta per "eternità" è in ebraico 'olam, che significa "segreto;" in greco aiôn, che si riferisce primitivamente ad un periodo considerato come "il corso d'una esistenza." La differenza fra loro consiste in questo che 'olam dinota usualmente il mondo, nel tempo, abbenché l'unico passo in cui sia così tradotto sia Eccles. 3: 11. Ma Sal. 90: 2, dovrebbe essere tradotto: "anzi da mondo a mondo tu sei Dio;" Sal. 145: 13: "regno di tutti i mondi;" Deut. 33: 27, le braccia del mondo. L'idea che sta alla base di questi passi è quella di immensi movimenti di tempo dimostranti la grande opera di Dio. Tanto la parola greca che quella ebraica hanno plurali, il che prova che in sè stesse non dinotavano assoluta eternità. Si applicano del pari a cose finite, Gen. 17: 8; 49 : 26; Es. 12: 14. Quando si applicano a Dio e a cose spirituali, indicano il costante succedersi di età, il che è il concetto popolare e necessario della eternità. L'idea di eternità assoluta si esprime nella Bibbia con linguaggio che implica decisione finale. È questo appunto che rende così impressivo Matt. 25: 46. Questo passo descrive l'ultimo atto che del gran dramma della vita umana, e afferma che le ricompense e le pene saranno conferite in modo irrevocabile. Qui cade la cortina e non ci è dato vedere più in là.»
  23. ^ Gianni Montefameglio, ע ֹולָם (olàm) – Tempo duraturo (PDF), su biblistica.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  24. ^ Olàm, su rabbini.it. URL consultato il 21 marzo 2021.
  25. ^ a b Syusy Blady, Syusy Blady intervista Mauro Biglino. URL consultato il 23 aprile 2022.
  26. ^ a b Sabrina Pieragostini, Mauro Biglino: "Dalla Bibbia ai testi indù, la storia va riscritta", su extremamente.it, 25 settembre 2017. URL consultato il 9 marzo 2018.
  27. ^ a b Filmato audio La Bibbia non è un Libro Sacro - part. 2, su Youtube, Castello di Zena, Spazio Tesla, 5 ottobre 2014 (archiviato l'8 novembre 2019)., dal minuto 5:06
  28. ^ Giosuè 24:15, su laparola.net.
  29. ^ Interlineare ebraico-inglese con concordanze, su biblehub.com.
  30. ^ Mauro Biglino, Yahweh e Kemosh, due elohim biblici senza potere, uguali uguali: avevano mogli, stessi diritti e mire territoriali, su unoeditori.com, 12 gennaio 2018. URL consultato il 9 novembre 2019.
  31. ^ Filmato audio Mauro Biglino e Matteo Corrias, Le corna divine, su YouTube, 27 marzo 2022. URL consultato il 2 maggio 2022.
  32. ^ Mauro Biglino, Genesi: cos'è successo dopo Adamo ed Eva e prima del diluvio? Cosa dice il libro etiopico di enoch?, su unoeditori.com, 7 marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2018.
  33. ^ a b Biglino e Baccarini, La caduta degli Dei.
  34. ^ a b c d e Glossario di Mauro Biglino, su unoeditori.com, Torino, Uno Editori. URL consultato il 6 novembre 2020.
  35. ^ Si possono vedere le regole precise dei sacrifici israelitici nei libri biblici dell'Esodo e del Levitico. Potevano consistere in colombi, pecore, capre o bovini totalmente dissanguati e che venivano arsi sull'altare spesso accompagnati da olio, vino e farina.
  36. ^ Biglino, Il Dio alieno della Bibbia.
  37. ^ Abbiamo scoperto di cosa odora lo Spazio, e non lo indovineresti mai, in Esquire, 2 ottobre 2021. URL consultato il 9 ottobre 2021.
  38. ^ Mauro Biglino: elohim e theoi amavano annusare il fumo di carne bruciata, su ufoalieni.it. URL consultato il 19 marzo 2022.
  39. ^ Mauro Biglino chiarisce 2 temi importanti, su maurobiglino.it, 29 febbraio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  40. ^ Biglino, Il Dio alieno della Bibbia, [ed. 2019], p. 301.
  41. ^ Dov'era e cos'era il Gan Eden? Ci sono ancora delle tracce?, su unoeditori.com, 16 aprile 2021. URL consultato il 16 aprile 2022.
  42. ^ Biglino, La Bibbia non è un libro sacro, pp. 129-130.
  43. ^ Filmato audio Mauro Biglino, I veri discendenti di Adamo ed Eva, su YouTube, 23 febbraio 2022. URL consultato il 27 febbraio 2022.
  44. ^ a b c d e Filmato audio Mauro Biglino, Bibbia, vangeli e discutibili proibizioni, su YouTube, 5 luglio 2020. URL consultato il 4 maggio 2022.
  45. ^ a b c Filmato audio Mauro Biglino, Adamo, Abramo & Co: pensieri in libertà, su YouTube, 12 luglio 2020. URL consultato il 4 maggio 2022.
  46. ^ a b Il "Diluvio Universale" nella memoria di tutti i popoli del pianeta, su fisicaquantistica.it, 2 marzo 2018. URL consultato il 2 marzo 2019.
  47. ^ Filmato audio Mauro Biglino, "Onnipotente, Shadday; il Signore, l'Eterno-Yahweh" - Suggerimento n. 3, su YouTube, 20 febbraio 2021. URL consultato il 4 maggio 2022.
  48. ^ Harmonia Mundi presenta: Mauro Biglino "Elohim, una storia narrata attraverso il fumetto", minuto 1:54:27.
  49. ^ Lexicon results for qĕdeshah (Strong's H2181), in Blue Letter Bible (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2012)., incorporando la Concordanza Strong (1890) e il lessico di Wilhelm Gesenius (1857).
  50. ^
    « Noè era uomo giusto e integro tra i suoi contemporanei e camminava con Dio »   ( Genesi 6,9, su laparola.net.)
  51. ^ Mauro Biglino, Cherubini e angeli: i segreti dell'antico testamento, tra tecnologia e messaggeri degli Elohim, su unoeditori.com, 29 gennaio 2018. URL consultato il 29 gennaio 2019.
  52. ^ a b c d Vincent Russo, Gesù era un alieno? Mauro Biglino risponde, l'intervista che non dovete leggere se siete credenti e non volete rovinarvi il Natale, in il Fatto Quotidiano, 19 dicembre 2017. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  53. ^ Mauro Biglino, Yahweh, il dio della guerra: il libro perduto, le iscrizioni sui ciotoli ostraka e i giganti della terra di Ar, su unoeditori.com, 1º marzo 2018. URL consultato il 9 marzo 2019.
  54. ^ Genesi 6, 1-4, su laparola.net.
  55. ^ In ebraico tovot, cioè "buone" o "adatte" (all'accoppiamento e riproduzione) in questo caso specifico.
  56. ^ Mauro Biglino, Genesi: Ecco cosa racconta il libro etiopico di Enoch su Adamo ed Eva, su universo7p.it, 14 marzo 2018. URL consultato il 14 marzo 2019.
  57. ^ Green, Tamara M. (1992). The city of the moon god: religious traditions of Harran. Leiden New York: E.J. Brill. ISBN 90-04-09513-6. OCLC 24872476.
  58. ^ Zecharia Sitchin, Janet Sitchin, Le cronache degli Anunnaki.
  59. ^ Filmato audio Mauro Biglino, Il Corano e la Bibbia, su YouTube, 20 gennaio 2022. URL consultato il 4 maggio 2022.
  60. ^ a b Biglino e Esposito, Dei e semidei, p. ?.
  61. ^ Mauro Biglino - Il Falso Testamento, minuto 2:17:20.
  62. ^ Chirurgia – Spongia soporifera, su lascuolamedicasalernitana.beniculturali.it. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  63. ^ Spongia somnifera, su cne.unipv.eu. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  64. ^ Flavia Bartoli, Mandragora, la pianta del sabba, in il manifesto, 28 agosto 2013. URL consultato il 16 gennaio 2021.
  65. ^ David Donnini, Gamala: il segreto delle origini di Gesù, Coniglio, 2010
  66. ^ a b Alberto Gaino, Una valle piena di lacrime, La Stampa, 9 ottobre 1991, p. 6. URL consultato il 2 agosto 2019.
  67. ^ Ivano Barbiero, Dal crack esce un castello, La Stampa, 28 maggio 1990, p. 15. URL consultato il 2 agosto 2019.
  68. ^ a b c d e f Crack Bersano. Nuove pene. E ai creditori non una lira, in La Stampa, 9 marzo 1993, p. 36.
  69. ^ «Crack Bersano», secondo atto, in La Stampa, 7 agosto 1991, p. 34.
  70. ^ Al bancarottiere cinque anni, in La Stampa, 26 ottobre 1991, p. 36.
  71. ^ Crack Bersano. I cinque anni confermati in appello, in La Stampa, 14 ottobre 1992, p. 36.
  72. ^ Art. 81 codice penale: Concorso formale. Reato continuato, su laleggepertutti.it, 13 febbraio 2015. URL consultato il 1º maggio 2022.
  73. ^ Crack Bersano, in appello condanne ridotte, in La Stampa, 22 dicembre 1997, p. 22. URL consultato il 2 agosto 2019.
  74. ^ Mauro Biglino chiarisce una volta per tutte, su maurobiglino.it, 2 agosto 2019. URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2019).
    «[...] Una vicenda nella quale purtroppo ho concretamente e pesantemente sperimentato sulla mia pelle la differenza tra la "verità" della vita che vivi e la "verità giudiziaria" che, all'occorrenza, viene costruita nei tribunali e dai giornali. Io ho certamente commesso l'errore di fidarmi di un gruppo che aveva avuto l'avallo formale della Banca d'Italia e di lavorare quindi per loro, ma quando il gruppo è crollato, la "verità giudiziaria" che il tribunale mi ha attribuito (preciso che io non sono stato condannato per truffa) ha stravolto e distrutto la mia vita [...]»
  75. ^ Manuel Ceccarelli, Tra paleoastronautica, secolarizzazione, individualizzazione religiosa e quasi-religione. Il "fenomeno Biglino" (abstract), in Sergio Botta, Marianna Ferrara e Alessandro Saggioro (a cura di), Studi e materiali di storia delle religioni, vol. 82, n. 2, Brescia, Morcelliana, dicembre 2016, pp. 952-975, ISBN 978-88-372-3085-2, ISSN 0393-8417 (WC · ACNP), Religion as a Colonial Concept in Modern History (America, Asia). URL consultato il 25 febbraio 2018.
  76. ^ Giovanni Marcotullio, La tesi del Dio alieno di Mauro Biglino smontata pezzo per pezzo, su it.aleteia.org, 9 maggio 2017. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  77. ^ Giovanni Marcotullio, Mauro Biglino? Gli danno torto sia gli ebrei antichi e credenti sia quelli atei e moderni, su it.aleteia.org, 5 aprile 2018. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  78. ^ Mauro Biglino chiarisce 2 temi importanti, su maurobiglino.it, 29 febbraio 2016. URL consultato il 25 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2021).
  79. ^ Filmato audio Dario Bressanini, Risposta al "frumento alieno". Parliamo di grani "antichi", su YouTube, 5 dicembre 2017. URL consultato il 25 maggio 2019.
  80. ^ Dario Bressanini, Quel mostro genetico chiamato frumento, su bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it, 24 marzo 2016. URL consultato il 25 maggio 2019.
  81. ^ La creazione del grano è frutto di un esperimento alieno, su Bufale, 3 novembre 2019. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  82. ^ Massimo Polidoro, Il mondo sottosopra, Segrate, Piemme, 2019, pp. ?, ISBN 9788855446587.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN305288457 · ISNI (EN0000 0004 1885 6990 · LCCN (ENno2015082002 · GND (DE1117065618 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015082002