Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nacor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il patriarca Nacor nel Promptuarii Iconum Insigniorum

Nacor (in ebraico: נָחֹור, Nāḥōr o Nacor) (...) è un patriarca biblico postdiluviano.

Discendente di Noè e figlio di Serug, Nacor viene ricordato nella Genesi come padre di Terach e nonno di Abramo.

Secondo la Genesi, Nacor ebbe il figlio Terach all'età di 29 anni e visse fino a 148 anni.[1]

Il Libro dei Giubilei tramanda il anche il nome di sua madre, Melka, figlia di Keber,[2] e di sua moglie, Iyask, figlia di Nesteg dei Caldei,[3] e riporta il fatto che fu iniziato dal padre alla conoscenza dell'astrologia.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genesi, XI, 24-25
  2. ^ Libro dei Giubilei, XI, 7
  3. ^ Libro dei Giubilei, XI, 9
  4. ^ Libro dei Giubilei, XI, 6
  5. ^ Sacchi, pag. 176

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Sacchi, Apocrifi dell'Antico Testamento, volume secondo, TEA, 1993, ISBN 88-7819-132-9.