Bambagia silicea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La bambagia silicea o capelli d'angelo (traduzione italiana del termine inglese Angel Hair, detti Fils de la Vierge in francese, Fibralvinas in portoghese, Baba Satánica in spagnolo) è una sostanza appiccicosa e filamentosa di colore bianco che cadrebbe dal cielo sia in concomitanza di avvistamenti UFO sia in presenza di apparizioni della Vergine Maria.[1][2] La sostanza è descritta come simile alle ragnatele dei ragni o alla gelatina.[3][4][5]

In alcuni casi il fatto è stato spiegato scientificamente come un fenomeno naturale in quanto si trattava effettivamente di ragnatele prodotte da alcune specie di ragni per migrare. In altri casi, come quello avvenuto ad Évora in Portogallo, le analisi effettuate sopra i campioni hanno stabilito che questi filamenti sono di natura organica e che al loro interno era presente una creatura microscopica sconosciuta.[6]

Secondo quanto dichiarato dai testimoni, i capelli d'angelo si disintegrerebbero o evaporerebbero poco tempo dopo la loro formazione.[3][7][8][9]

I capelli d'angelo sono un aspetto importante della religione ufologica nota come Movimento raeliano,[4] ed è teoria di molti ufologi che essi sarebbero creati da "aria ionizzata che si stacca da un campo elettromagnetico" che circonda un UFO.[10]

Avvistamenti[modifica | modifica wikitesto]

Esistono molte segnalazioni documentate di cadute di capelli d'angelo in tutto il mondo. La più antica risale al 1561 in concomitanza col fenomeno celeste di Norimberga.[11]

Il fenomeno venne poi segnalato anche in concomitanza col Miracolo del sole a Fatima il 13 settembre e nell'ottobre 1917.[12]

Il 13 ottobre 1917 il fenomeno si verificò a Cova da Iria. Tale fenomeno si verificò nuovamente nella stessa località il 17 ottobre 1957.

Il fenomeno più diffuso di caduta di capelli d'angelo si è verificato ad Oloron, in Francia, nel 1952, quando "grandi fiocchi" caddero da un cielo quasi senza nuvole.[4]

Il 27 ottobre 1954, Gennaro Lucetti e Pietro Lastrucci riportaro di aver visto dal balcone di un albergo in Piazza San Marco a Venezia due oggetti volanti attraversare il cielo lasciando cadere una scia di capelli d'angelo.[3]

Sempre il 27 ottobre 1954 a Firenze furono avvistati sopra la cattedrale di Santa Maria del Fiore e sopra lo stadio Artemio Franchi numerosi oggetti non identificati. In seguito a questi avvistamenti si verificò, per circa mezz'ora, la caduta di filamenti appiccicosi.

In Nuova Zelanda e in Australia i giornali locali hanno riportato numerosi avvistamenti sin dagli anni '50, anche se molti sono stati identificati come ragnatele dopo essere stati analizzati.[13]

Il 2 novembre 1959 la città di Évora in Portogallo è stata quasi interamente ricoperta dai capelli d'angelo, precipitati dal cielo poco dopo l'avvistamento di due UFO.

Il 20 ottobre 2014 il fenomeno è stato segnalato a Polonnaruwa, nello Sri Lanka.[14]

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Bambagia silicea fu coniato dal quotidiano fiorentino La Nazione all'indomani del caso del 1954. (cf. bambagia)

Invece, capelli d'angelo (con poi i vari termini in altre lingue) fu usato dal famoso ufologo Renato Vesco nel 1952, descrivendo il caso francese di avvistamento UFO di Oloron-Sainte-Marie e quello di Gaillac (17 e 27 ottobre). Vesco, infatti, sentì, alla caduta della bambagia, dei bambini gridare:

« Stanno cadendo dei capelli di angelo[15]! »

Il termine transalpino fils de la Vierge (fili della vergine) fa riferimento al reperimento della bambagia silicea in certi casi risalenti ad alcuni secoli fa - e quasi sempre alcuni eventi del XIX secolo sono comunque citati dagli autori che hanno tentato di delineare una storia di questo fenomeno[16].

Possibili spiegazioni[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse possibili spiegazioni sul fenomeno sebbene esse non siano state tutte provate scientificamente e non tutte si possano adattare ai singoli casi di avvistamento.

  • Alcuni tipi di ragni migrano attraverso l'aria, a volte anche in gran numero, su ragnatele volanti.[2] In alcuni casi, i capelli d'angelo si sono scoperti essere in realtà questi fili di ragno ed, in un'occasione, sono stati trovati alcuni piccoli ragni sul materiale.[9][13] I ragni Linyphiidae causano frequentemente piogge di fili sottili in Inghilterra e nell'emisfero settentrionale.[17] In Australia e Nuova Zelanda avvengono casi frequenti causati da diverse specie native di ragni e da alcuni specie Linyphiidae introdotte.[17]
  • Secondo alcuni studiosi della Società italiana di fisica, l'elettricità atmosferica renderebbe le particelle di polvere polarizzate e le farebbe unire a diverse altre di esse fino a formare lunghi filamenti in grado di volare.[18]
  • Alcuni campioni recuperati a Cova da Iria nel 1917 e nel 1957 furono inviati a Lisbona per essere esaminati. L'analisi ha rivelato che si trattava di un prodotto di origine vegetale e non animale.[12]
  • Alcuni campioni dei filamenti bianchi caduti sopra Firenze nel 1954 furono raccolti dall'allora studente universitario Alfredo Iacopozzi ed inviati all'Istituto di Chimica Analitica dell'Università di Firenze. Il professor Giovanni Canneri li analizzò e concluse che si trattava di una sostanza a struttura fibrosa composta prevalentemente da vetro borosilicico. Secondo il Cicap, invece, i filamenti caduti su Firenze sarebbero dovuti alla tecnica del ballooning, usata dai ragni per migrare mentre gli oggetti volanti avvistati sarebbero in realtà stati solamente dei riflessi nel cielo causati dall'uso di chaff nel corso di esercitazioni militari sopra i cieli della città.[19]
  • Secondo gli studiosi di fenomeni UFO si tratterebbero di:
    • Prodotti dell'aria ionizzata presente nel campo elettromagnetico che circonda gli UFO.[10]
    • Scorie di energia o energia in eccesso convertita in materia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephen J. Spignesi, The UFO Book of Lists, Citadel Press, 2000, ISBN 0-8065-2109-0.
    «... Angel hair has likewise been reported at sightings of the Virgin Mary, ...».
  2. ^ a b Mara Faustino, Heaven and Hell, a cura di Atlantic Monthly Press, 2004, pp. 57–58, ISBN 0-87113-696-1.
    «these mysterious "webs" are associated with UFO sightings as well as angel sightings. Those who believe in UFOs believe the white filamentlike threads are related to the source that powers UFOs, while skeptics believe the filaments come from balloon spiders or a related spider family».
  3. ^ a b c d Mysterious angel hair phenomenon often reported after UFO sightings, in Pravda.ru, 2007. URL consultato il 31 dicembre 2008.
    «A cobweb-like and jellylike substance which is also slightly radioactive often falls to the ground shortly after UFO sightings. The substance dubbed “angel’s hair” evaporates without a trace several hours after the sighting. The “hair” was reported to either disintegrate or turn into cottony tufts with an offensive smell when held in the hand. American ufologists refer to the material as “angel’s hair”; Italians call it “siliceous cotton”; and the French use the term “the Madonna’s present” to describe semitransparent threads that fall from heavens.».
  4. ^ a b c Susan Jean Palmer, Aliens Adored: Rael's UFO Religion, Rutgers University Press, November 2004, ISBN 0-8135-3476-3.
    «Angel hair is a rare phenomenon associated with UFO sightings, and the most famous incidence occurred in France in 1952. People of the town of Oloron were ... Suddenly someone cried, "What is that falling from the sky?" Great flakes were falling from a near cloudless sky. They seemed to be made of a cottony ...».
  5. ^ Swap Spacey Tales, in Long Beach Press-Telegram, 8 luglio 1991. URL consultato il 31 dicembre 2008.
    «Chitchat at the 22nd annual gathering of the Mutual UFO Network included discussions of mysterious angel hair left behind by UFOs».
  6. ^ I filamenti di Evora
  7. ^ John Thomas Sladek, The New Apocrypha, 1973.
  8. ^ Edward Uhler Condon and Colorado University, Final Report of the Scientific Study of Unidentified Flying Objects, Bantam Books, 1969, pp. 89.
  9. ^ a b Edward Condon, Condon report. 2. Material Allegedly Deposited by UFOs, National Capital Area Skeptics with permission from University of Colorado, 1968. (part of the Condon Report)
  10. ^ a b Jay Rath, The W-Files, Big Earth Publishing, 1997, ISBN 0-915024-59-4.
    «In ufology, this material is known as "angel hair," and some suspect that it is ionized air sleeting off an electromagnetic field surrounding a UFO. ...».
  11. ^ Stothers, Richard. "Unidentified Flying Objects in Classical Antiquity" The Classical Journal 103.1 (2007) 79-92 (PDF), The Classical Journal. URL consultato il 6 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2011). p. 87
  12. ^ a b Fernandes and d'Armada, Heavenly Lights 2005 p. 83-103
  13. ^ a b Keith Basterfield, A catalogue and analysis of Australasian 'Angel Hair' cases, in www.project1947.com, March 2001.
  14. ^ Gossip Lanka, cobwebs like particles floating in polonnaruwa skies, Oct 2014.
  15. ^ UFO - Rivista d'informazione ufologica n°23
  16. ^ Roberto Malini e Margherita Campaniolo UFO - il dizionario enciclopedico
  17. ^ a b Barbara York Main, Spiders, Sydney, Collins, 1984, p. 181, ISBN 0-00-216576-7.
    «(...) While Lynphiids are the principal gossamer spiders of England and other parts of the Northern hemisphere, they are certainly not responsible for all the notable falls of gossamer in Australia which are caused by a variety of native species in addition to introduced members of the Linyphiidae (...)».
  18. ^ Fisica, Società Italiana di, Il Nuovo cimento della Società italiana di fisica, 1995.
    «In other words, angel air may be the product of an electrostatic precipitation of atmospheric dust. This tangibly supports the view that UFOs are a ...».
  19. ^ Corso CICAP: terzo appuntamento su Cerchi nel grano e scie chimiche, Massimopolidoro.com. URL consultato l'11 settembre 2010.