Chemosh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sacrifici umani a Moloch, una delle possibili incarnazioni di Chemosh

Chemosh (in ebraico: כְּמוֹשׁ?, IPA: keˈmoʃ) era il dio dei Moabiti (Numeri 21:29; Geremia 48:7,13,46).[1] L'etimologia di "Chemosh" è sconosciuta; si ipotizza che sia connessa al nome della divinità babilonese Šamaš. Nominato anche nelle tavolette di Ebla come Kamish; nella Bibbia ebraica come Chemosh.[2]

Chemosh era la divinità nazionale dei Moabiti ed il nome probabilmente significava "distruttore", "dominatore", o "dio dei pesci". Mentre viene associato in primo luogo coi Moabiti, secondo Giudici 11:24 sembra essere stato la divinità nazionale anche degli Ammoniti.[1] Come molte altre divinità era onorato con sacrifici umani. Alcuni pensano che il re moabita gli avrebbe offerto suo figlio in sacrificio mentre la sua città, QirHareset era assediata dalle armate congiunte del re d'Israele, Joram, e del re di Giuda, Giosafat.[3]

Nel loro periodo d'enoteismo, gli Ebrei riconobbero numerosi dei, tra cui Chemosh, che progressivamente subordinarono a Yahweh. Chemosh fu in seguito etichettato dagli autori sacri come "abominio di Moab" o "rifiuto di Moab".[1]

Influenzato dalle sue mogli straniere, di cui alcune furono Moabite o Ammonite,[4] il re Salomone consacrò a Chemosh un alto luogo di culto alle porte di Gerusalemme (1 Re 11:7)[5]

« Fu allora che Salomone costruì, sul monte che sta di fronte a Gerusalemme, un alto luogo per Chemos, l'abominevole divinità di Moab »
(Nuova Riveduta)

Tre secoli più tardi, il re Giosia porrà fine a questo culto, in occasione dell'ultima grande riforma religiosa prima della Diaspora (2 Re 23:13). Il tempio di Chemosh venne sconsacrato e cadde in disuso.[1] Sulla Stele di Mesha, Re Mesha (2 Re 3:5) attribuisce le sue vittorie contro il re di Israele a questo dio: "E Chemosh lo cacciò via dalla mia vista."

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'etimologia di "Chemosh" è sconosciuta. Il nome del padre di Mesba, Chemosh-melek ("Chemosh è Malik," o "Chemosh è re"; si veda la riga 1 della Stele di Mesha[6]), indica la possibilità che Chemosh e Malik (o Moloch) siano la stessa persona. Giudici 11:24 viene reputato esserne testimonianza, poiché parla di Chemosh quale dio degli Ammoniti, mentre Moloch altrove appare come loro dio (1 Re 11:7,33). Diversi critici considerano (giustamente) che l'affermazione di Giudici sia un errore; ma tale errore non era innaturale, poiché sia Chemosh che Moloch si svilupparono, in contesti e ambienti differenti, dalla stessa divinità primitiva, e possedettero molti degli stessi epiteti.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni di questa voce si basano principalmente su Jewish Encyclopedia, New York, Funk and Wagnalls, 1901–1906.

  1. ^ a b c d e (EN) "Chemosh", voce della Jewish Encyclopedia, composta da Morris Jastrow Jr. e George A. Barton.
  2. ^ (EN) "Idolatry", su Jewish Virtual Library.
  3. ^ Come dio nazionale degli Ammoniti, Chemosh era noto il sotto il nome di Milkom (Moloch).
  4. ^ Il Talmud cita Rashi che afferma che le mogli di Salomone costruirono i templi e Salomone viene considerato responsabile per non averlo loro impedito. Questa iniziativa di Salomone sipensa comunque sia stata una mossa politica, che ad ogni modo rese il culto di Chemosh parte della vita religiosa di Israele per circa 400 anni - si veda la voce "Chemosh" della Jewish Encyclopedia.
  5. ^ Forse il Monte degli Ulivi, come da 1 Re 11:7,33.
  6. ^ «Come i Moabiti furono oppressi da "Omri re di Israele", come risultato della rabbia del dio Chemosh.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mitologia